New Thread
Reply
 
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

CORTO TERZO di Stefano Bianchi

Last Update: 5/20/2008 8:15 PM
4/7/2008 12:27 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
>

Il ForumGP degli Utenti - Finito il GP #2 - Vincono Hard is Ono ed EdoardoAnkie & Friends - L&#...70 pt.6/16/2019 10:42 PM by anklelock89
Maria Leitner a TG2 MotoriTELEGIORNALISTE FANS FORU...42 pt.6/16/2019 10:56 PM by CarliniCarlo
...l’ultima ora...” cosa signi-? 1 Giovanni 2:18 “Testimoni di Geova Online...29 pt.6/16/2019 10:29 PM by Angelo Serafino53
4/17/2008 9:48 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 57
Registered in: 7/11/2006
Junior User
OFFLINE
simpatico stò corto, molto fuori di testa! [SM=g27811]
http://www.myspace.com/loboarts
4/20/2008 11:30 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 2,028
Registered in: 12/4/2005
Veteran User
OFFLINE
Corto Terzo è un buon lavoro, interessante e curioso, che tratta temi classici riproponendoli in modo molto personale e, nonostante il ricorso a simboli e luoghi piuttosto scontati, riesce ad aggirare il rischio dello stereotipo, grazie ad un uso mai banale delle immagini.
L'inizio, con la luna piena e il mare in tempesta, e il profilo della casa (splendida, tra l'altro) che si staglia su un cielo cupissimo, è suggestivo ed infonde nello spettatore il senso di minaccia che incombe, ancor prima di averne conferma dalle parole del protagonista.
Una volta entrati nella villa, intrappolati in essa come lo è il guardiamarina Fortunato Stefano Crudeli, ci ritroviamo sospesi in un luogo senza epoca. A parte il telefono, che comunque "non serve a un cazzo" (e che io avrei evitato del tutto di portare in scena), non c'è in effetti nient'altro che ci riconduca con facilità ad una precisa collocazione temporale. E questo contribuisce a rendere la situazione ancora più destabilizzante, a far crescere il senso di smarrimento, impedendoci l'appiglio a un qualsiasi elemento "rassicurante".
C'è l'ignoto, nascosto in cantina, mentre fuori si scatena la furia degli elementi da cui "la creatura" si è materializzata.
Bello, claustrofobico, mi piace. E mi piace anche tutta la parte della prima incursione in cantina, con quegli azzeccati movimenti di camera, l'ottima fotografia, i colori saturi, e l'ambientazione sporca e marcia.
Continua a piacermi, più o meno fino a quel "bastaaa" , urlato male, ma inquadrato splendidamente, così come l'intera scena, sulla tazza del cesso, che prelude alla riscossa del nostro.
Il problema non sta tanto nella riscossa in sè, con quella machissima e un po' patetica preparazione atletica da film horror anni 80, e neanche nel confronto fisico con "la cosa", che sebbene mostri un po' i limiti della produzione amatoriale, risolvendo lo scontro in una serie di frenetiche soggettive del mostro e urla del protagonista, dà ulteriore prova dell'innegabile estro del regista in materia di inquadratura e montaggio.
Quello che in realtà ho gradito di meno, è la svolta, un po' troppo conciliante per i miei gusti, che la storia prende verso la fine, e che raggiunge l'apice con quel "si può vincere" conclusivo, a mio parere un po' estraneo al racconto e ai toni cupi che lo caratterizzano.
Altro elemento non del tutto convincente è l'interpretazione di Bianchi, a tratti un po' "legnosa" e in parte penalizzata dal forte accento. Cosa che sottolineo per "dovere di cronaca", ma che, personalmente, mi ha infastidita molto poco, dal momento che il suo modo particolare di parlare a me garba parecchio, e ritengo abbia contribuito a conferire originalità al personaggio e, di conseguenza, allo stesso racconto.
Ottimo cortometraggio, realizzato con molta cura e originalità da un regista bizzarro e pieno di talento.
5/20/2008 1:25 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 1
Registered in: 3/31/2008
Junior User
OFFLINE
Re:
Grazie, grazie tantissimo della critica! Rispondo adesso perché adesso leggo, mi dispiace. Molto interessante quanto hai scritto, lavorerò sulle tue parole. Spesso certe soluzioni sono frutto di sensazioni, non razionalizzabili da chi opera. Un'analisi come la tua è utile. utilissima, perché mi apre una porta su me stesso nella quale mai sarei potuto entrare se non accompagnato da altri, da esterni. Forse sono un po' troppo metaforico: mi spiego meglio: hai visto errori che io non sarei stato in grado di vedere, come se mi avessi acceso una luce su un angolo di una stanza fin'ora buio, in cui potrei scoprire qualcosa.
Mi piace il tuo modo di analizzare le cose (anche se so poco, e quindi per ora dovrei dire "la" cosa). Ti faccio una domanda, come avresti visto la fine della storia. Come la costruiresti, se dovessi farlo, tagliando dal punto in cui la storia inizia a piacerti meno? Questa è una porta aperta, una lezione: sono tutto orecchi.
Se hai tempo, ti chiedo una critica sul mio ultimo lavoro: www.stebianchi.com, sezione video, fiction, Rebirth (il primo). Dura 40 minuti. Chissà che non si sblocchi qualcosa.

Grazie davvero.
Sei stata un tesoro.

Stefano
5/20/2008 1:30 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 2
Registered in: 3/31/2008
Junior User
OFFLINE
!!!
dr. satana, 4/17/2008 9:48 AM:

simpatico stò corto, molto fuori di testa! [SM=g27811]




Grazie! Ho messo in bookmark la tua pagina myspace, appena ho tempo vengo a vederti, poi ti faccio sapere! ;)
5/20/2008 8:15 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 2,056
Registered in: 12/4/2005
Veteran User
OFFLINE
Re: Re:
stebianchi, 20/05/2008 13.25:

Grazie, grazie tantissimo della critica! Rispondo adesso perché adesso leggo, mi dispiace. Molto interessante quanto hai scritto, lavorerò sulle tue parole. Spesso certe soluzioni sono frutto di sensazioni, non razionalizzabili da chi opera. Un'analisi come la tua è utile. utilissima, perché mi apre una porta su me stesso nella quale mai sarei potuto entrare se non accompagnato da altri, da esterni. Forse sono un po' troppo metaforico: mi spiego meglio: hai visto errori che io non sarei stato in grado di vedere, come se mi avessi acceso una luce su un angolo di una stanza fin'ora buio, in cui potrei scoprire qualcosa.
Mi piace il tuo modo di analizzare le cose (anche se so poco, e quindi per ora dovrei dire "la" cosa). Ti faccio una domanda, come avresti visto la fine della storia. Come la costruiresti, se dovessi farlo, tagliando dal punto in cui la storia inizia a piacerti meno? Questa è una porta aperta, una lezione: sono tutto orecchi.
Se hai tempo, ti chiedo una critica sul mio ultimo lavoro: www.stebianchi.com, sezione video, fiction, Rebirth (il primo). Dura 40 minuti. Chissà che non si sblocchi qualcosa.

Grazie davvero.
Sei stata un tesoro.

Stefano

Ciao Stefano, sono molto felice che la mia critica ti sia piaciuta e che ti sia stata in qualche modo utile, ma ti prego, no, non farmi quella domanda. Come avrei fatto finire la storia...Non sono brava a inventare storie, a me piace ascoltarle e poi dire quello che mi è piaciuto e quello che no. E tra l'altro, il fatto che a me non piaccia il finale non significa affatto che non andasse bene così. Non amo gli happy ending, perchè sono fondamentalmente cupa e pessimista. Capisci che il concetto "le paure si possono vincere!", per quanto vero e sacrosanto possa essere, stona un po' con il mio ideale di horror. E stona un po', forse, anche con l'atmosfera di cui è intrisa il tuo corto. Forse, lo ribadisco. Non sono in grado di dare nessuna lezione, perdonami, ma vedrò quanto prima, con estremo piacere, il tuo Rebirth e ti scriverò (magari stavolta in privato) tutto quello che penso.
Baci.


Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 7:42 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com