New Thread
Reply
 
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

SHORT FRANKENSTEIN di Nicolò Magno

Last Update: 7/1/2015 6:41 PM
6/22/2015 11:09 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 7,171
Registered in: 10/12/2004
Master User
OFFLINE
TITOLO CORTOMETRAGGIO: SHORT FRANKENSTEIN
LOCANDINA DEL CORTOMETRAGGIO



DURATA: 12 minuti
REGIA: Nicolò Magno
ATTORI PRINCIPALI: Elena Palombo, Maurizio Donatelli e Alberto Bogo
SCENEGGIATURA: Alberto Bogo, Andrea Lionetti e Nicolò Magno
MUSICHE: Riccardo Storto
FOTOGRAFIA: Daniele Ciampi
MONTAGGIO: Daniele Ciampi
BREVE SINOSSI: Elena è una studentessa universitaria e ha un fidanzato (Arturo) che è un appassionato di video, infatti riprende la ragazza ogni momenti. I due si lasciano. Dopo qualche mese Elena va a casa di un professore per ottenere crediti, solo che in quella casa si nasconde qualcosa di estremamente misterioso…
BREVE BIOGRAFIA DEL REGISTA: Questo è il primo lavoro di Nicolò Magno (nato a Genova il 11/12/1997) da regista nel mondo del cinema, ha realizzato il corto all’età di 16 anni (tutt’ora ne ha quasi 18). Oltre questo cortometraggio ha fatto parte di alcuni progetti (sotto la guida del suo prod. esecutivo Alberto Bogo), come aiuto regista. Magno tutt’ora studia economia aziendale, ma appena ottiene la maturità si concentrerà esclusivamente al cinema.
Anche pagina Facebook del cortometraggio: [URL= www.facebook.com/pages/Short-Frankenstein/343904569116339... ] www.facebook.com/pages/Short-Frankenstein/343904569116339...


FINESTRA player DOVE VISUALIZZARE IL CORTO O EVENTUALE LINK UTILE DOVE POTER VISIONARE IL CORTO:



TW vs WOWAnkie & Friends - L&#...81 pt.9/18/2019 4:31 PM by Gag Lee Hano
Cosa credono i cattolici ,qual è la loro speranza per il futuro?Testimoni di Geova Online...76 pt.9/18/2019 2:22 PM by barnabino
Justin KluivertSenza Padroni Quindi Roma...44 pt.9/18/2019 11:09 AM by giove(R)
6/23/2015 1:17 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 2,373
Registered in: 1/26/2010
Veteran User
OFFLINE
Short Frankestein di Nicolò Magno è un’opera prima, e in quanto tale devo ammettere piuttosto promettente per il futuro del regista.

Nonostante il corto non abbia esaltato chi vi scrive, è però innegabile che sotto l’aspetto puramente tecnico questo sia un prodotto che denota già una certa sicurezza nei propri mezzi, è ben confezionato, girato bene, molto curato.

Quindi ripeto, nonostante Short Frankestein di per sé mi abbia detto piuttosto poco (darei la sufficienza piena) mi ha fatto comunque comprendere benissimo che il regista la stoffa ce la può avere, e con tutta probabilità un suo secondo lavoro, diverso, potrebbe anche piacermi molto.

Cosa non mi ha esaltato di questo film? Diciamo che in realtà parte piuttosto bene, con questa relazione rovinata a poco a poco, spiegandolo molto bene, dall’eccessivo inserimento nella vita quotidiana di coppia di una videocamera davvero troppo invasiva, ad opera del marito. La cosa però si sviluppa poi un tantino strana dopo la rottura del fidanzamento, diciamo che nella vasta gamma di soluzioni in cui si poteva andare a parare per fare un finale che mi piacesse (una ‘vendetta filmata’ da parte di lui, forse, oppure una situazione vissuta della ragazza in cui l’uso di una videocamera finiva per salvarle la vita e farla pentire? Eccetera, ce n’erano tante) si è andati a fabbricare una soluzione estremamente artefatta, troppo “ricercata”, almeno per i miei gusti.
In un genere che spesso vuole essere “di verità” come il found footage, o comunque di verosimiglianza.

Diciamo che secondo me, sotto l’aspetto narrativo e di sceneggiatura, si era cominciato davvero molto meglio rispetto a dove poi si è andati a parare.

Come tutti i found footage poi, siccome bisogna mettere la telecamera in mano a qualcuno dappertutto, a tratti si creano situazioni estremamente forzate, visto che nella realtà nessuno compirebbe veramente certe azioni con l’impaccio di una videocamera davanti alla faccia. Alcuni spettatori tendono a tralasciare questo aspetto colti dall’immersione nella vicenda, ma io devo dire che ci faccio sempre caso, e sempre mi disturba. Ma questo è un aspetto non solo del corto di Magno, anzi, colpisce qualsiasi produzione di questo genere.

Ma, gusti personali a parte (anche se in fondo è questo che devo fare, mi si chiede un parere) devo dire che Nicolò Magno una certa pasta ce l’ha, per quanto non mi sia innamorato del suo lavoro non sono arrivato alla fine con la sensazione di aver visto qualcosa di “fatto male”, anzi, c’è una grande differenza tra il vedere una cosa brutta oppure che semplicemente non ha incontrato i tuoi gusti, ed è questo il caso.
La regia mi è piaciuta, anche nella scelta di certe trovate, bravo il cast (forse ha solo calcato un tantino la mano il Mad Doctor, “mi piace vedere una ragazza che si idrata” non si può sentire), sicuramente poi non ci si annoia, c’è del dinamismo nella vicenda, si tiene un ritmo alto che non crea situazioni troppo statiche che poi rischierebbero di sfociare nella noia, ed è una cosa importante questa del ritmo, spesso tanti registi non ci riescono.

Per cui, in definitiva, Short Frankestein è un corto ben girato di cui non ho apprezzato la seconda metà e la risoluzione, ma che mi ha fatto però scoprire ed apprezzare Nicolò Magno, che sarei ben lieto di incrociare di nuovo qui al Fest con altre partecipazioni in futuro, fosse egli in grado di mantenere i punti forti di questa opera prima (ritmo, competenza tecnica) regalandoci una sceneggiatura con un soggetto più di spessore.

Una buona prova.
6/28/2015 4:42 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 7,204
Registered in: 10/12/2004
Master User
OFFLINE
SHORT FRANKENSTEIN è uno dei pochi found footage puri presenti all'interno di questa edizione del fest.
Il cortometraggio ha un'ottima resa visva nonchè una scelta delle location molto curata (con una menzione speciale per la villa del dottore, nella parte finale del corto)e, cosa assai sorprendente, è opera prima del giovanissimo Magno.
Sicuramente il talento viene alla luce in modo evidentissimo, nonostante nel complesso l'opera non brilli per originalità nè soluzioni visive eclatanti, ma (malizioso come sono...) penso che forse (e attendo di essere smentito dall'autore stesso) un aiuto da parte di Bogo (qui in veste di attore/produttore) vi sia stato probabilmente a livello tecnico. Mi sto sbagliando?
per il resto SHORT FRANKENSTEIN è un'opera piacevole, forse un pò diluita nei 5 minuti centrali, che però vive di una buona atmosfera e, nonostante una certa forzatura negli accadimenti e nei dialoghi, offre una buona continuità d'azione e tensione giocando egregiamente col trucco del vedo/non vedo tipico di alcuni found footage.
7/1/2015 12:36 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 280
Registered in: 5/23/2011
Junior User
OFFLINE
Andando a leggere il riassunto che si trova sul Fest, e scoprendo che il regista di SHORT era un ragazzo di 16 anni quando ha girato il video, credo sia nomale e legittimo rimanerne stupiti, in quanto la sua opera contiene trovate registiche, tecniche e riguardanti la trama che non vedo usare molto spesso dagli autori amatoriali (magari con il doppio – se non il triplo – dei suoi anni). Pur non essendo un capolavoro (e sarebbe stato forse chiedere troppo), SHORT è infatti un cortometraggio agile, interessante, visivamente accattivante, con una struttura non banale seppure non perfettamente coerente, con un ottimo inizio, con un bel finale, e con alcune trovate davvero riuscite. Roba che in effetti mi aspetterei da un professionista più maturo, ma che invece ho trovato qui… anche se però va detto che la giovane età del regista – elemento che salta subito agli occhi e fa pensare a un “miracolo” – è controbilanciata da un mucchio di altre persone che hanno lavorato al corto, il quale può vantare un produttore, un effettista speciale, un fonico, uno sceneggiatore, una truccatrice, un addetto alla fotografia e al montaggio e un musicista, figure che non molti registi amatoriali possono permettersi (il 90% dei registi che partecipano al Fest i corti se li scrivono, girano e spesso montano da soli), e che di certo – soprattutto se esperte nel loro campo – possono cambiare notevolmente la sorte di un video e la carriera di un artista.

Dico questo, ovviamente, non per denigrare o mettere in dubbio le doti di nessuno, ma per giustificare il fatto che nella recensione cercherò di non farmi prendere troppo dall’idea del “miracolo”, ma giudicherò questo bel corto semplicemente come il frutto del lavoro di un gruppo sicuramente valido e interessante - non fosse altro che per rispetto nei confronti degli altri concorrenti privi di budget e troupe al seguito. Fermo restando, ovviamente, che di giovani registi di talento – magari che come in questo caso portino una visione nuova delle cose e un modo di narrare non scontato – abbiamo un grande bisogno. Il cinema del futuro si fonda proprio sui ragazzi del presente, e avere qualcuno che si impegna per portare avanti il suo sogno, dimostrando anche di averne le doti, è più che benvenuto.

Ma parliamo del corto, che si può paragonare a una versione moderna (ma molto rispettosa della tradizione) di un personaggio classicissimo come Frankenstein, , un’opera che riesce a spiccare sia per l’approccio a una materia tutt’altro che facile sia per una regia – l’ho già detto ma lo ripeto – che è davvero padrona di sé, e che nonostante i difetti imposti dalla camera a mano riesce a portare a termine il suo compito con eleganza.

La parte che sicuramente mi è piaciuta di più? Sicuramente l’inizio, con il racconto della storia d’amore tra una bella ragazza (e attrice piacevole) e un fanatico della telecamera, fanatico al punto da divenirne ossessionato. Con scene brevi, sintetiche ma molto espressive, assolutamente prive di “spiegoni” o di momenti didascalici, viene raccontata la nascita, il culmine e la crisi del loro amore, fino a un desolante finale. Davvero un’ottima prova.
Inizia poi la parte horror vera e propria, con la ragazza in balia di uno strano professore. Qui la narrazione si fa più macchinosa. Principalmente per lo scoglio dato dal fatto che il video è girato come se fosse “vero”, e quindi sono i personaggi stessi a dover portare sempre con loro una telecamera, anche quando non avrebbe senso. Ma si sa, quando si girano corti del genere bisogna sempre scendere a compromessi, rinunciando in parte alla verosimiglianza per riuscire a portare avanti la storia senza fare troppi salti mortali. E devo dire che tutto sommato qui si è sempre cercato di giustificare in qualche modo la presenza di una telecamera accesa, cosa che non tutti fanno, limitandosi a piazzarla in mano a uno dei protagonisti e lasciargliela fino alla fine ( o facendola passare nelle mani di un altro quando il protagonista muore).

A livello di storia, però, c’è qualcosa che non sono riuscito assolutamente a spiegarmi, e a che a mio parere avrebbe necessitato di un minimo di spiegazione (o sono io che non l’ho colta?): come mai il professore si trova in possesso del corpo di Arturo morto? Come mai conosce la sua triste storia d’amore, come mai pensa che sia necessario “rettificarla” dando la ragazza in sacrificio al mostro, e come mai rischia di compromettere tutto il suo lavoro di scienziato lasciando che il suo “Victor” commetta molto probabilmente un omicidio?
Le cose, a mio parere, non quadrano.
Posso immaginare che Arturo conoscesse il professore, e che magari egli si sia tolto la vita per colpa della fine della sua storia, e che il suo amico professore abbia cercato in qualche modo di “risarcire” – riportandolo intanto alla vita – il suo conoscente; ma durante il corto mi pare che niente ci aiuti a capire le vere motivazioni che stanno dietro a quel gesto. Indubbiamente esse CI DEVONO ESSERE, ma io non sono riuscito proprio a scovarle nei gesti e nelle parole dei protagonisti.

Comunque, la morale della favola pare proprio esser questa: il professore è un pazzo, la ragazza verrà sacrificata al mostro… ma poi? Ricordiamoci anche che nel momento in cui la tizia sta appare in casa del professore sta parlando al cellulare con qualcuno, e a quel qualcuno sta dicendo che è appena arrivata a casa del professore viscido, perché deve farsi dare dei crediti aiutandolo.
Il professore di questa telefonata è al corrente, perché sta riprendendo la ragazza. Quindi come mai gli salta in testa di seviziarla e (forse, ma cambia poco) farla uccidere dal mostro? Non si rende conto che il primo e unico indirizzo al quale la polizia busserà una volta che la ragazza non farà ritorno a casa sarà proprio il suo?

Comunque, sia quel che sia, il corto si chiude con un finale inquietante, bello, ben girato, le cui conseguenze sono lasciate in maniera molto elegante (grazie alla fine della batteria della telecamera) allo spettatore stesso. Innegabilmente ben fatto.

E il corto si chiude qui.

Che dire, dunque? Che il risultato è sicuramente interessante, che a parte quei buchi di logica il film visivamente è piacevole, che sono state fatte delle scelte non banali o approssimative, che ci sono dei momenti azzeccati e alcune trovate ottime. Un giovane regista, lasciando da parte i difetti, non poteva iniziare in modo migliore, per quel che mi riguarda, coadiuvato perfettamente da validi collaboratori, che sicuramente ne avranno messo in risalto le doti.
Bravi anche gli attori, sebbene io abbia trovato spesso troppo “impostate” le voci dei due protagonisti maschili, a volte intenti a recitare come attori di teatro su un palcoscenico. E per non parlare di “è bellissimo guardare una ragazza che si idrata”, battuta di dialogo totalmente assurda.

In definitiva buona opera, bravi tutti. Rimango molto curioso di vedere qualcos’altro.
7/1/2015 6:41 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 17,136
Registered in: 10/21/2005
Gold User
OFFLINE
Girato con telecamera a spalla, il corto si avvale di una fotografia ottima e di un comparto tecnico solido. La recitazionbe della protagonista in primis non mi ha convinto per niente, mi è sembrata troppo piatta, così come quella degli altri attori. La storia è poco interessante ricalcando quella di Frankenstein e omaggiandolo, purtroppo la scelta di far resuscitare il fidanzato della protagonista non mi è piaciuta . Anche il finale appena accennato non mi ha convinto. Peccato perché a livello tecnico è molto valido.



Io Sono Leggenda







Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 6:42 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com