Freeforumzone mobile

ATLANTIDI, il Nuovo LIBRO del Gruppo PANGEA!

  • Poll:: ATLANTIDI, il Nuovo LIBRO del Gruppo PANGEA!
  • Poll Data
  • Total Votes: 0
    Total Votes by Registered Users: 0
    Total Votes by Anonymous Users: 0
  • Posts
  • OFFLINE
    isidrago
    Post: 11
    Location: MUSSOLENTE
    Age: 36
    Gender: Male
    00 1/6/2011 3:31 PM
    La cosa poco chiara è che 15.000 anni fa, quando Antartide, Siberia Orientale e Alaska erano prive di ghiacci... in Europa il Ghiaccio scendeva fino a Berlino... quindi non c'era affatto una temperatura uniforme. Sembra piuttosto che il polo nord fosse stato spostato più a sud, verso l'Europa...Poi, dopo il 13.000 a.C. il polo si è spostato nella posizione attuale e l'Europa è stata liberata... (fine dell'Era Glaciale Europea)
  • OFFLINE
    sgittario
    Post: 113
    Location: TARQUINIA
    Age: 59
    Gender: Male
    00 1/7/2011 4:28 PM
    Provo a far diventare più chiara la cosa attraverso queste due considerazioni:

    1- Tu dici che l'asse di rotazione (polo) era spostato più verso l'Europa, di conseguenza se ne deduce che la sua inclinazione sia stata molto maggiore degli attuali 23 gradi.
    Tu sai benissimo che cosa determina oggi le stagioni, cioè prpoprio l'inclinazione dell'asse terrestre. Tale inclinazione fa ricevere una maggiore energia durante la stagione calda ed il contrario durante la stagione fredda. Per questo noi oggi abbiamo l'inverno mentre nell'emisfero australe è caldo.
    Pertanto, prendendo in considerazione la tua obiezione l'unica differenza rispetto all'attuale è che a Berlino per 6 mesi si scoppiava e per sei mesi si andava -100°! Dunque, intervalli di temperature lunghi (2.000 anni come da te proposto), conservando l'atmosfera attuale sono praticamente impossibili. Questo è il motivo per cui precedentemente ti dicevo di effettuare una simulazione geografica della rivoluzione terrestre sopstando l'asse di rotazione in qualsivoglia posizione.

    2- Io non avevo parlato di date fino ad ora, ma di come era la Terra diverso tempo fa prima del diluvio/diluvi per intenderci. Per quello che so io le ere glaciali sono molto recenti, la vita era gia molto ben sviluppata sulla Terra. Non sono in grado di drti una data precisa, del resto non è il mio mestiere, però dal mio punto di vista, dopo aver fatto diversi approfondimenti in materia di scala cronologiche, sono diventato pittosto scettico sulle date ufficiali.Comunque secondo me tra le trenta e le quarantamila anni fa sono iniziati i cicli glaciali come li conosciamo oggi.

  • OFFLINE
    ManuelaZan
    Post: 165
    Location: TREVISO
    Age: 58
    Gender: Female
    00 1/7/2011 4:49 PM
    Riguardo al punto 1)
    non è detto che l'asse terrestre fosse più inclinato: pur mantenendo l'asse terrestre la stessa posizione di oggi, si potrebbe ipotizzare uno scivolamento della crosta (solida) sul mantello (fluido). Quindi non ci sarebbe una variazione dell'asse ma una dislocazione dei punti della crosta in altre posizioni. E perciò nessuna differenza di stagioni.
    In pratica perciò si potrebbe dire che non sarebbe il Polo Nord ad essersi spostato, ma piuttosto sarebbe la superficie terrestre ad essere scivolata attorno alla sfera fluida di magma del mantello superiore.
    In effetti il sia pur minimo (in scala geologica) rigonfiamento delle piattaforme continentali rispetto ai fondali oceanici sicuramente crea delle tensioni nella crosta a causa del movimento di rotazione. Potrebbe essere plausibile che come in un giroscopio la crosta solida tenda a posizionarsi in modo da ridurre al minimo queste tensioni, date le posizioni al momento delle placche continentali. Anche attraverso uno scivolamento massivo, se ve ne fossero le condizioni.

    Questo potrebbe essere avvenuto, ad esempio, su Marte: i due emisferi del pianeta hanno altezze medie ben diverse, ed hanno trovato un equilibrio ottimale scivolando l'uno tutto a sud e l'altro tutto a nord. Situazione che un tempo era diversa, come testimoniano i due poli fossili presenti attualmente circa all'equatore. Eppure l'asse di rotazione di Marte non è particolarmente inclinato, questo potrebbe significare secondo me che non è stato l'asse di rotazione a spostarsi ma la crosta solida a "scivolare" in una posizione di miglior equilibrio.

    punto 2) comunque condivido il tuo scetticismo sull'affidabilità delle datazioni geologiche ufficiali, pur non arrivando al punto di essere come i creazionisti che riducono tutta la storia della Terra ai 5000 anni della Bibbia (sic), trilobiti e dinosauri compresi [SM=g8888]
  • OFFLINE
    isidrago
    Post: 11
    Location: MUSSOLENTE
    Age: 36
    Gender: Male
    00 1/7/2011 5:43 PM
    Infatti l'asse non si sarebbe spostato... Semplicemente sarebbe "entrato" e "uscito" in due punti diversi dai poli attuali... Vedi le immagini... In qualche modo, o la crosta o tutto il pianeta in blocco avrebbe "rotolato" sul suo centro, senza modificare l'inclinazione dell'asse...
  • OFFLINE
    sgittario
    Post: 113
    Location: TARQUINIA
    Age: 59
    Gender: Male
    00 1/7/2011 8:52 PM
    Secondo me per affrontare questo argomento in maniera completa bisognerebbe parlarne a quattr'occhi. Comunque a mio modesto parere mi sembra di notare alcune incongruenze nei vostri ragionamenti ma, probabilmente, è solo una mia errata interpretazione del vostro pensiero.
    Grazie comunque per il bellissimo scambio di informazioni. Sicuramente ci siamo arricchiti di nuove interpretazioni sul fenomeno.

    Saluti
    Sandro

2 / 2