Freeforumzone mobile

Giro d'Italia 2018 - 14a tappa: San Vito al Tagliamento - Monte Zoncolan

  • Posts
  • OFFLINE
    mauro facoltosi
    Post: 17,496
    Registered in: 12/20/2004
    Gold User
    00 5/19/2018 10:11 AM





    Planimetria arrivo
















    GPM

    Monte di Ragogna: 494 metri, 2,8 Km al 10,2% (max 16%), 3a cat
    Avaglio: 738 metri, 4,6 Km al 7% (max 15%), 3a cat
    Passo Duron: 1069 metri, 4,4 Km al 9,6% (max 18%), 2a cat
    Sella Valcalda - Ravascletto: 958 metri, 7,5 Km al 5,6% (max 12%), 3a cat
    Monte Zoncolan: 1730 metri, 10,1 Km al 11,9% (max 22%), 1a cat

    Previsioni meteo


    San Vito al Tagliamento: poco nuvoloso, 23.6°C, vento debole da ENE (7 Km/h), umidità al 46%
    Monte di Ragogna (GPM - Km 43.3): poco nuvoloso, 23.3°C, vento debole da ESE (4 Km/h), umidità al 45%
    Interneppo (Km 75.6): poco nuvoloso, 23.5°C, vento debole da SE (4-5 Km/h), umidità al 43%
    Villa Santina (Km 111.1) : poco nuvoloso con possibilità di deboli e isolate precipitazioni, 21.5°C, vento debole da SE (6-9 Km/h), umidità al 49%
    Paularo (Traguardo Volante - Km 138.1) : pioggia modesta e schiarite (0,3 mm), 20.9°C, vento debole da SSE (7-9 Km/h), umidità al 57%
    Monte Zoncolan: pioggia modesta e schiarite (0,4 mm), 9.9°C, vento debole da S (6-7 Km/h), umidità al 76%


    Tappa di montagna dura con finale durissimo. Fino a San Daniele si percorrono strade larghe e diritte. Prima di raggiungere la Carnia si scalano il Monte di Ragogna (primi 2.5 km sempre oltre il 10% fino al 16%) e la più dolce salita di Avaglio. In seguito si percorre la strada per Paularo (da segnalare alcune gallerie) dove inizia il Passo Duron salita molto breve e dura con tratti attorno al 18%. Dopo la discesa su Sutrio si scala la Sella Valcalda prima di arrivare a Ovaro dove inizia la salita finale. Il Monte Zoncolan è considerato la salita più dura d’Europa: 10 km al 12% di media con punte del 22%. Da segnalare tre brevi gallerie nell’ultimo chilometro

    Ultimi chilometri

    Tutti in ripida ascesa. Ai 3 km sequenza di due tornanti (sinistra-destra) intervallati da un tratto (l’unico) quasi piatto. A seguire pendenze dal 12 al 18% fino alle tre gallerie (150 m - 60 m - 110 m) che immettono negli ultimi 500 m all’11% di media con pendenze fino al 16% in corrispondenza al tornante ai 250 m dall’arrivo. Fondo in asfalto, carreggiata di 5 m.

    Punto di pendenza massima (22%) a circa 6,5 Km dall'arrivo



    Ultimo chilometro




    Ultimo tornante a circa 100 metri dall'arrivo




    Rettilineo d'arrivo (direzione corsa)



    Rettilineo d'arrivo (vista dal traguardo)


    Mauro

    www.ilciclismo.it/2009

  • OFFLINE
    mauro facoltosi
    Post: 17,496
    Registered in: 12/20/2004
    Gold User
    00 5/19/2018 6:01 PM
    Vittoria di Froome con 6" su Yates e 23" su Pozzovivo. Dumoulin a 37", Aru a 2'23". Commenti?

    Qui gli altri distacchi

    https://www.procyclingstats.com/race/giro-d-italia/2018/stage-14

    Mauro

    www.ilciclismo.it/2009

  • OFFLINE
    Nebe1980
    Post: 3,036
    Registered in: 3/21/2013
    Master User
    00 5/19/2018 8:48 PM
    Re:
    Pancani ha detto che Froome ha attaccato da molto lontano.
    Per favore qualcuno gli spieghi che uno che ha 3 minuti di ritardo in classifica non può attaccare a 800 metri dall'arrivo.

  • OFFLINE
    Nebe1980
    Post: 3,037
    Registered in: 3/21/2013
    Master User
    00 5/19/2018 8:55 PM
    Dumoulin si è difeso molto bene perché per uno come lui prendere solo 37 secondi su quelle pendenze vuol dire questo. Ha staccato Pinot nel finale e ha rosicchiato 4 secondi a Froome negli ultimi 2 Km (probabilmente nelle galleria dove spianava un poco la strada) a questo punto bisogna vedere cosa accadrà domani perché potrebbero esserci trame per imboscate e soprattutto cosa succederà a cronometro martedì perché se Dumoulin sarà al top potrebbe bastonare tutti e prendere la rosa.
    Dalla classifica che verrà fuori martedì si capiranno un po' i progetti della terza settimana.
  • OFFLINE
    Nebe1980
    Post: 3,038
    Registered in: 3/21/2013
    Master User
    00 5/19/2018 8:58 PM
    Aru oltre a non essere in forma non è mai andato bene sulle pendenze dure ricordate il Mortirolo 2015? I quell'anno Aru vinse a Sestriere e a Cervinia, due salite con pendenze pedalabili e comunque il sardo è inferiore agli altri big, potrebbe puntare al bis a Cervinia se la condizione dovesse migliorare