Cappadocia (AQ), tradizioni e natura Natura e tradizioni popolari locali

La tradizionale braciolata di pecora in montagna che chiude l'estate

  • Posts
  • OFFLINE
    ale3000
    Post: 574
    Registered in: 3/29/2005
    Senior User
    00 8/27/2010 11:08 PM
    22 agosto 2010, braciolata a Campolungo, presso la fonte deji frati...Fausto separa legna e tizzoni ardenti dalla pecora che cuoce lentamente alla brace.
  • OFFLINE
    ale3000
    Post: 574
    Registered in: 3/29/2005
    Senior User
    00 8/27/2010 11:09 PM
    La cottura della pasta...a jo callaro
  • OFFLINE
    ale3000
    Post: 575
    Registered in: 3/29/2005
    Senior User
    00 8/27/2010 11:09 PM
    Gerardo Rosci, di Petrella Liri, e Alessandro Fiorillo
  • OFFLINE
    ale3000
    Post: 576
    Registered in: 3/29/2005
    Senior User
    00 8/27/2010 11:10 PM
    Dopo l'epica mangiata (pasta all'amatriciana, pomodori freschi, pecora alla brace, formaggio fresco preparato dal pastore un paio d'ore prima, bruschette, vino, liquore di genziana, ecc.)...Sesto schiantato al suolo, satollo oltre ogni limite. Ma non sarà il solo...qualcuno ne seguirà l'esempio, ma lontano da occhi (e scatti) indiscreti.
  • OFFLINE
    ale3000
    Post: 577
    Registered in: 3/29/2005
    Senior User
    00 8/27/2010 11:11 PM
    Cavalli al pascolo brado si avvicinano alla fonte deji frati, per abbeverarsi
  • OFFLINE
    ale3000
    Post: 578
    Registered in: 3/29/2005
    Senior User
    00 8/27/2010 11:11 PM
    L'allegra brigata è interrotta dalla bucolica scena dei cavalli che, incuranti del chiasso e del vocio circostante, si abbeverano come nulla fosse alle gelide acque della fonte deji frati
  • OFFLINE
    ale3000
    Post: 579
    Registered in: 3/29/2005
    Senior User
    00 8/27/2010 11:12 PM
    Si rimonta sul camion, per riprendere la via del ritorno, verso Cappadocia. Prima dell'arrivo in paese, un temporale forte e improvviso riporterà gli astanti al pieno possesso del senno e della ragione, diradando i fumi dell'alcol sotto i colpi incessanti dell'acqua fredda che impetuosa (e "impietosa") cadeva dal cielo..., accelerando la laboriosa digestione degli sprocedati compagni di braciolate. Resterà il ricordo dell'ennesima ricca abbuffata di cibo e di allegria della combriccola che ogni anno rinnova il rito sulle alte valli del versante abruzzese dei Monti Simbruini.