00 1/28/2010 4:54 PM
Re:
Illinois BDR529, 27/01/2010 17.49:

E all'alba del giorno millecentosettantadue, anche PlayStation 3 cadde. George "Geohot" Hotz ha vinto la sua battaglia: in un post pubblicato oggi sul suo blog, l'hacker divenuto famoso per aver crackato a suo tempo iPhone, conferma di aver violato le protezioni della console Sony, e rende disponibile in Rete il programma utilizzato per controllare l'intero sistema.

Secondo Hotz, l'exploit garantisce pieno accesso alla memoria e al processore, in lettura e in scrittura, permettendo quindi di gestire completamente le risorse interne della console. Il software sarebbe stato testato solo su firmware 2.4.2, ma l'hacker statunitense afferma che, verosimilmente, funzionerà anche con le versioni più recenti. La chiave per vincere la battaglia? Una falla nel sistema che permette di installare su PlayStation 3 una distro Linux, attraverso la quale Hotz è riuscito a violare il codice chiave del processore, il cosiddetto HyperVision, teoricamente accessibile ai soli ingegneri Sony e IBM.

Allo stato attuale, nessuna applicazione amatoriale è stata ancora pubblicata per PlayStation 3. Hotz ha scelto di distribuire il suo software proprio per permettere agli altri sviluppatori amatoriali di mettersi al lavoro sul sistema ma, come sottolineato dagli esperti, non è stata finora mostrata alcuna dimostrazione pratica. Ora il testimone passa agli hacker della comunità underground. La nascita di una generazione di software alternativi per PlayStation 3, così come accaduto con iPhone, potrebbe essere vicina.




Eh certo, le console si hackerano per farci i software alternativi, non per usarci i giochi scaricati legalmente.

Ag0ny infatta la 360 la usa palesemente per sviluppare nuove distro di Linux.


[SM=g27823]