Freeforumzone mobile

LA CONGREGAZIONE CRISTIANA DEI TESTIMONI DI GEOVA NON E' UN ENTE RELIGIOSO

  • Posts
  • OFFLINE
    ilnonnosa
    Post: 536
    Registered in: 1/14/2008
    Senior User
    00 8/29/2009 9:13 PM

    I testimoni di Geova non sono un ente religioso. Il riconoscimento avuto con D.P.R. 31 ottobre 1986, nr. 783 ha valore di conferimento di personalità giuridica, ma non è idoneo a fare inquadrare questa confessione tra quelle riferibili all’art. 8 della Costituzione.

    Dal quotidiano “Il Tempo” – marzo 1988

    Lettere al Direttore
    Testimoni di Geova: perché quella sentenza.
    “Il giornale da Lei diretto ha pubblicato, il giorno 3 corrente, la notizia secondo la quale il tribunale di Roma ha stabilito che è villipendio offendere i testimoni di Geova, il cui culto sarebbe ammesso dallo stato. La notizia non risponde al vero. Come presidente del Collegio che ha pronunciato la sentenza. Le preciso che la posizione del culto dei Testimoni di Geova rispetto allo Stato Italiano non è stata definita dal Tribunale. L’indagine al riguardo necessaria era infatti preclusa dal provvedimento di generale clemenza del Presidente della repubblica del 16 dicembre 1986.
    La decisione si è quindi limitata alla applicazione della amnistia. Ne consegue che il problema se quello dei testimoni di Geova sia o no culto “ammesso” nello Stato è ancora aperto per quanto attiene a decisioni giudiziali.
    La prego di pubblicare, a norma dell’art. 8 legge 8 febbraio 1947, la presente rettifica”.

    Paolo Renzulli

    Di conseguenza, il problema se quello dei Testimoni di Geova sia o no culto ammesso dallo Stato è ancora da definire.

    Ciao. Ilnonnosa
  • Citocromo c
    00 8/29/2009 9:25 PM
    Caro ilnonnosa, la Congregazione dei tdg non è riconosciuta come ente morale???
    [SM=x570901] [SM=g1543902]
  • OFFLINE
    deep-blue-sea
    Post: 1,284
    Registered in: 12/18/2007
    Veteran User
    00 8/30/2009 10:34 AM
    Very interesting...

    Molto interessante, buono a sapersi. Grazie per la segnalazione...nonno! [SM=g1543902] [SM=x570892]
    ........................
    "Dubitare di tutto o credere a tutto sono due soluzioni altrettanto comode che, l'una come l'altra, ci dispensano dal riflettere"
    Henri Poincaré




    Claudia
  • OFFLINE
    otello44
    Post: 635
    Registered in: 5/3/2008
    Senior User
    00 8/30/2009 3:55 PM
    Interessantissimo e utile a sapersi!!!!
    Grazie Nonno
    Otello44

    [SM=x570901]
  • OFFLINE
    ilnonnosa
    Post: 536
    Registered in: 1/14/2008
    Senior User
    00 8/31/2009 4:55 PM

    PRECISAZIONE

    Il 4 aprile 2007, il Presidente del Consiglio on. Romano Prodi e il vice presidente della Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova Dr. Denni Angeli hanno firmato gli emendamenti dell’Intesa. Questa Intesa, tuttavia, non è mai stata inoltrata al Parlamento in conformità alla procedura di rito che ne richiede la traduzione in un disegno di legge da sottoporre all’approvazione delle due Camere. L’approvazione dell’intesa contribuirà alla Stato Italiano a garantire ai Testimoni di Geova di praticare con pienezza la loro confessione religiosa.
    Per il momento nulla in vista. Perciò riconfermo che per lo Stato Italiano, la Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova ha ottenuto solo il riconoscimento della personalità giuridica.
    Se poi c’è qualche persona più informata, è pregata di informare con documenti.

    Ciao. Ilnonnosa
  • OFFLINE
    EVA70@
    Post: 1,192
    Registered in: 12/5/2008
    Veteran User
    00 8/31/2009 7:07 PM
    Ciao Nonnosa grazie per l'informazione...

    Lasciali perdere quelli la' parlano perche' brucia... [SM=g1554564]


    Eva [SM=g1660613]
    Contatto Skype: candye11
  • OFFLINE
    bruna454
    Post: 1,855
    Registered in: 8/16/2008
    Veteran User
    00 8/31/2009 8:02 PM
    Re:
    EVA70@, 31/08/2009 19.07:

    Ciao Nonnosa grazie per l'informazione...

    Lasciali perdere quelli la' parlano perche' brucia... [SM=g1554564]


    Eva [SM=g1660613]




    [SM=x570923] e ringrazio Nonnosa [SM=x570890] BRUNA
  • OFFLINE
    Muscoril
    Post: 2,326
    Registered in: 7/8/2004
    Veteran User
    00 8/31/2009 9:01 PM
    Re:
    ilnonnosa, 31/08/2009 16.55]
    PRECISAZIONE

    Il 4 aprile 2007, il Presidente del Consiglio on. Romano Prodi e il vice presidente della Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova Dr. Denni Angeli hanno firmato gli emendamenti dell’Intesa. Questa Intesa, tuttavia, non è mai stata inoltrata al Parlamento in conformità alla procedura di rito che ne richiede la traduzione in un disegno di legge da sottoporre all’approvazione delle due Camere. L’approvazione dell’intesa contribuirà alla Stato Italiano a garantire ai Testimoni di Geova di praticare con pienezza la loro confessione religiosa.
    Per il momento nulla in vista. Perciò riconfermo che per lo Stato Italiano, la Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova ha ottenuto solo il riconoscimento della personalità giuridica.
    Se poi c’è qualche persona più informata, è pregata di informare con documenti.

    Ciao. Ilnonnosa
    ***********************
    Carissimo,

    Mi sembra che Wikipedia confermi quanto tu hai scritto:

    it.wikipedia.org/wiki/Congregazione_Cristiana_dei_Testimoni_di_Geova#I...

    Un caro saluto dal vecchio
    Matisse



    La verita' non danneggia mai una giusta causa. M. K. GANDHI
  • OFFLINE
    axlrose24
    Post: 3,847
    Registered in: 10/22/2007
    Master User
    00 8/31/2009 10:24 PM
    Articolo 1
    (Libertà religiosa)

    1. La Repubblica italiana dà atto dell'autonomia della Congregazione cristiana dei testimoni di Geova, liberamente organizzata secondo i propri ordinamenti e disciplinata dal proprio statuto.

    2. La Repubblica italiana, richiamandosi ai diritti di libertà garantiti dalla Costituzione, riconosce che le nomine dei ministri di culto, l'esercizio del culto, l'organizzazione della confessione e gli atti in materia spirituale e disciplinare, si svolgono senza alcuna ingerenza statale.

    3. E' garantita ai testimoni di Geova e alle loro organizzazioni ed associazioni la piena libertà di riunione e di manifestazione del pensiero con la parola, lo scritto ed ogni altro mezzo di diffusione.

    4. E' riconosciuto ai testimoni di Geova il diritto di professare la loro fede e praticare liberamente la loro religione in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto.

    Tutto il resto non conta, come questo operatore ecologico.





    Carissimo NONNOSA,siccome io penso che tu non sia un OPERATORE ECOLOGICO , volevo chiederti se lo STATO in base a questo documento postato da un forista TDG (cosi' dice di essere) riconosca i Testimoni di Geova come un ENTE RELIGIOSO a tutti gli effetti !

    Come spieghi questo?

    AXL ROSE


    [Edited by axlrose24 8/31/2009 10:32 PM]
  • OFFLINE
    Achille Lorenzi
    Post: 14,122
    Registered in: 7/17/2004
    Gold User
    00 9/1/2009 7:27 AM
    axlrose24, ha scritto:

    Carissimo NONNOSA,siccome io penso che tu non sia un OPERATORE ECOLOGICO , volevo chiederti se lo STATO in base a questo documento postato da un forista TDG (cosi' dice di essere) riconosca i Testimoni di Geova come un ENTE RELIGIOSO a tutti gli effetti !

    Come spieghi questo?

    AXL ROSE

    Hai citato alcuni articoli della Bozza di Intesa con la Repubblica, approvata dal Presidente del Consiglio nel marzo del 2000, ma non ancora ratificata dal Parlamento.

    Cito da wikipedia:
    «La Congregazione cristiana dei testimoni di Geova è stata riconosciuta come ente morale, con personalità giuridica, con decreto del Presidente della Repubblica 31 ottobre 1986, n. 783, su conforme parere del Consiglio di Stato. Tra la Repubblica Italiana e la Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova è stata stipulata un'intesa ai sensi dell'art. 8 della Costituzione. Il testo, datato 18 novembre 1999 e approvato a maggioranza dal Consiglio dei ministri il 21 gennaio 2000, è stato sottoscritto dal Governo il 20 marzo 2000. A questo schema di intesa non è ancora seguita però la legge di approvazione ed esecuzione (di competenza parlamentare), il che implica che non se ne può assumere l'immediata efficacia nel diritto statuale. In data 4 aprile 2007 è stato firmato a Palazzo Chigi un nuovo testo dell'intesa che dovrà essere sottoposto al Consiglio dei Ministri per la successiva trasmissione al Parlamento per la conseguente ratifica». ( it.wikipedia.org/wiki/Testimoni_di_Geova )

    Il testo dell'Intesa, non ancora approvata, è visualizzabile qui:
    www.governo.it/Presidenza/USRI/confessioni/intese2007/Intesa_Congregazione_cristiana_testimoni_g...

    Achille
  • OFFLINE
    ilnonnosa
    Post: 537
    Registered in: 1/14/2008
    Senior User
    00 9/1/2009 9:36 AM
    Re:
    axlrose24, 31/08/2009 22.24:

    Articolo 1
    (Libertà religiosa)

    1. La Repubblica italiana dà atto dell'autonomia della Congregazione cristiana dei testimoni di Geova, liberamente organizzata secondo i propri ordinamenti e disciplinata dal proprio statuto.

    2. La Repubblica italiana, richiamandosi ai diritti di libertà garantiti dalla Costituzione, riconosce che le nomine dei ministri di culto, l'esercizio del culto, l'organizzazione della confessione e gli atti in materia spirituale e disciplinare, si svolgono senza alcuna ingerenza statale.

    3. E' garantita ai testimoni di Geova e alle loro organizzazioni ed associazioni la piena libertà di riunione e di manifestazione del pensiero con la parola, lo scritto ed ogni altro mezzo di diffusione.

    4. E' riconosciuto ai testimoni di Geova il diritto di professare la loro fede e praticare liberamente la loro religione in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto.

    Tutto il resto non conta, come questo operatore ecologico.





    Carissimo NONNOSA,siccome io penso che tu non sia un OPERATORE ECOLOGICO , volevo chiederti se lo STATO in base a questo documento postato da un forista TDG (cosi' dice di essere) riconosca i Testimoni di Geova come un ENTE RELIGIOSO a tutti gli effetti !

    Come spieghi questo?

    AXL ROSE





    Ecco cosa dice l’ultimo articolo nr. 22: Legge di approvazione dell’Intesa

    1. Il Governo della repubblica presenterà al parlamento, ai sensi dell’articolo 8 della Costituzione, apposito disegno di legge di approvazione della presente intesa, al quale sarà allegato il testo dell’intesa stessa.

    Perché quest’articolo non è stato menzionato dal forista TDG?

    Perché è permesso dalla Società di mentirvi negli interessi della loro religione. I testimoni di Geova, naturalmente, non la chiamano menzogna. … i dirigenti della Torre di Guardia hanno inventato un nuovo nome per questa sorta di inganno, che essi definiscono “Strategia della guerra teocratica”

    “Bugiardo non è chi, per sbaglio, dice involontariamente una falsità. Bugiardo è chi dice consapevolmente una menzogna, con lo scopo di ingannare e sviare. Menzogne e verità non vanno d’accordo”. (La Torre di Guardia, 1/1/1972, p. 21)

    “Bugia e bugiardi sono odiati da Geova Dio (Prov. 6:16-19 La Bibbia insegna che la persona retta e onesta teme Geova e che i disonesti bugiardi disprezzano l’Onnipotente Dio”.
    (La Torre di Guardia, 1/10/1967, p. 599)

    Allora, chi ha detto cose non vere, il sottoscritto o quel forista TDG?

    Dal quotidiano Avvenire del 22 marzo 2007:

    Testimoni di Geova L’Udc al governo:
    “Si fermi l’intesa”

    Roma. Il governo ritiri lo schema d’intesa con i Testimoni di Geova, ai quali non può essere concesso il riconoscimento di “confessione religiosa” visto che le loro regole interne configgono con l’ordinamento giuridico del nostro Paese”. E’ la richiesta di Francesco Bosi, Luca Volontè e Maurizio Ronconi dell’ Udc, a commento dello schema d’intesa predisposto dal governo. “Altro che confessione religiosa – sostengono i deputati centristi – Quella dei Testimoni di Geova è una setta che limita la libertà dei propri seguaci e condiziona la persone più deboli”.

    Come mai ci si da tanto da fare per ottenere l’intesa – che dà vita ad uno status speciale della regolamentazione dei rapporti con lo Stato – in considerazione della natura intrinsecamente satanica attribuita dall’ideologia geovista a tutti i governi del mondo?

    I “bestiali” governanti

    “Appropriatamente, la Parola di Dio paragona l’intera disposizione politica sulla terra a una ‘bestia selvaggia’, e spiega perché i governi hanno manifestato qualità bestiali. Ci narra che Satana il Diavolo, ‘il dragone’, ha dato ai governi mondiali la loro potenza e che essi operano sotto il suo controllo”. (La Verità che conduce alla vita eterna, 1968, p. 99)

    Politici “burattini”

    “Satana il Diavolo, manovra politici e militaristi come burattini”. (Svegliatevi! 8/12/91 p. 11)

    I Governi spariranno

    “Il dominio degli uomini nei vari governi umani della terra è… sotto il controllo del Diavolo, anche se i governanti stessi non se ne rendono conto. Perciò, i governi umani devono essere distrutti da Dio”. (La Torre di Guardia, 15/11/73 p. 231)

    Ciao. Ilnonnosa.


  • OFFLINE
    antonio761
    Post: 11
    Registered in: 8/29/2009
    Junior User
    00 9/1/2009 9:46 AM
    Re:
    axlrose24, 31/08/2009 22.24:

    Articolo 1
    (Libertà religiosa)

    1. La Repubblica italiana dà atto dell'autonomia della Congregazione cristiana dei testimoni di Geova, liberamente organizzata secondo i propri ordinamenti e disciplinata dal proprio statuto.

    2. La Repubblica italiana, richiamandosi ai diritti di libertà garantiti dalla Costituzione, riconosce che le nomine dei ministri di culto, l'esercizio del culto, l'organizzazione della confessione e gli atti in materia spirituale e disciplinare, si svolgono senza alcuna ingerenza statale.

    3. E' garantita ai testimoni di Geova e alle loro organizzazioni ed associazioni la piena libertà di riunione e di manifestazione del pensiero con la parola, lo scritto ed ogni altro mezzo di diffusione.

    4. E' riconosciuto ai testimoni di Geova il diritto di professare la loro fede e praticare liberamente la loro religione in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto.

    Tutto il resto non conta, come questo operatore ecologico.





    Carissimo NONNOSA,siccome io penso che tu non sia un OPERATORE ECOLOGICO , volevo chiederti se lo STATO in base a questo documento postato da un forista TDG (cosi' dice di essere) riconosca i Testimoni di Geova come un ENTE RELIGIOSO a tutti gli effetti !

    Come spieghi questo?

    AXL ROSE






    Sei troppo divertente axlrose [SM=x570867]
  • OFFLINE
    blauauge1
    Post: 338
    Registered in: 2/10/2009
    Senior User
    00 9/1/2009 9:59 AM
    Re: Re:
    ilnonnosa, 01/09/2009 9.36:



    Ecco cosa dice l’ultimo articolo nr. 22: Legge di approvazione dell’Intesa

    1. Il Governo della repubblica presenterà al parlamento, ai sensi dell’articolo 8 della Costituzione, apposito disegno di legge di approvazione della presente intesa, al quale sarà allegato il testo dell’intesa stessa.

    Perché quest’articolo non è stato menzionato dal forista TDG?

    Perché è permesso dalla Società di mentirvi negli interessi della loro religione. I testimoni di Geova, naturalmente, non la chiamano menzogna. … i dirigenti della Torre di Guardia hanno inventato un nuovo nome per questa sorta di inganno, che essi definiscono “Strategia della guerra teocratica”

    “Bugiardo non è chi, per sbaglio, dice involontariamente una falsità. Bugiardo è chi dice consapevolmente una menzogna, con lo scopo di ingannare e sviare. Menzogne e verità non vanno d’accordo”. (La Torre di Guardia, 1/1/1972, p. 21)

    “Bugia e bugiardi sono odiati da Geova Dio (Prov. 6:16-19 La Bibbia insegna che la persona retta e onesta teme Geova e che i disonesti bugiardi disprezzano l’Onnipotente Dio”.
    (La Torre di Guardia, 1/10/1967, p. 599)

    Allora, chi ha detto cose non vere, il sottoscritto o quel forista TDG?

    Dal quotidiano Avvenire del 22 marzo 2007:

    Testimoni di Geova L’Udc al governo:
    “Si fermi l’intesa”

    Roma. Il governo ritiri lo schema d’intesa con i Testimoni di Geova, ai quali non può essere concesso il riconoscimento di “confessione religiosa” visto che le loro regole interne configgono con l’ordinamento giuridico del nostro Paese”. E’ la richiesta di Francesco Bosi, Luca Volontè e Maurizio Ronconi dell’ Udc, a commento dello schema d’intesa predisposto dal governo. “Altro che confessione religiosa – sostengono i deputati centristi – Quella dei Testimoni di Geova è una setta che limita la libertà dei propri seguaci e condiziona la persone più deboli”.

    Come mai ci si da tanto da fare per ottenere l’intesa – che dà vita ad uno status speciale della regolamentazione dei rapporti con lo Stato – in considerazione della natura intrinsecamente satanica attribuita dall’ideologia geovista a tutti i governi del mondo?

    I “bestiali” governanti

    “Appropriatamente, la Parola di Dio paragona l’intera disposizione politica sulla terra a una ‘bestia selvaggia’, e spiega perché i governi hanno manifestato qualità bestiali. Ci narra che Satana il Diavolo, ‘il dragone’, ha dato ai governi mondiali la loro potenza e che essi operano sotto il suo controllo”. (La Verità che conduce alla vita eterna, 1968, p. 99)

    Politici “burattini”

    “Satana il Diavolo, manovra politici e militaristi come burattini”. (Svegliatevi! 8/12/91 p. 11)

    I Governi spariranno

    “Il dominio degli uomini nei vari governi umani della terra è… sotto il controllo del Diavolo, anche se i governanti stessi non se ne rendono conto. Perciò, i governi umani devono essere distrutti da Dio”. (La Torre di Guardia, 15/11/73 p. 231)

    Ciao. Ilnonnosa.





    Caro ilnonnosa,
    come anziano di congregazione, ti confesso che sapevo che c' era l' intesa e che eravamo riconosciuti come religione, o almeno così avevo sentito!( o sono io disinformato totalmente,o ......sono disinformato proprio !)
    Avevo letto lo statuto che ci identifica come ente giuridico ed ero convinto che avevamo il riconoscimento!
    Quante cose non so ancora ?


  • francocoladarci
    00 9/1/2009 10:07 AM
    Tratto da " Governo.it"



    Servizio per i rapporti con le confessioni religiose e per le relazioni istituzionali

    Le intese con le confessioni religiose

    * Procedura per la stipula di un'intesa
    * Intese approvate con legge
    * Intese firmate e non approvate con legge
    * Intese siglate in attesa di firma
    * Le Intese avviate
    * Otto per mille

    Procedura per la stipula di un'intesa con lo Stato italiano

    L'articolo 8 della Costituzione, dopo aver affermato che tutte le Confessioni religiose sono ugualmente libere davanti alla legge e che hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, purché non contrastino con l'ordinamento giuridico italiano, stabilisce che i loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intese con le relative rappresentanze.

    Le richieste di intesa vengono preventivamente sottoposte al parere del Ministero dell'Interno, Direzione Generale Affari dei Culti.

    La competenza ad avviare le trattative, in vista della stipula di una intesa, spetta al Governo.

    Le Confessioni interessate si devono rivolgere quindi, tramite istanza, al Presidente del Consiglio dei Ministri, il quale affida l'incarico di condurre le trattative con le rappresentanze delle Confessioni religiose al Sottosegretario-Segretario del Consiglio dei Ministri.

    Le trattative vengono avviate solo con le Confessioni che abbiano ottenuto il riconoscimento della personalità giuridica ai sensi della legge n. 1159 del 24 giugno 1929, su parere favorevole del Consiglio di Stato.

    Il Sottosegretario si avvale della Commissione interministeriale per le intese con le Confessioni religiose affinché essa predisponga la bozza di intesa unitamente alle delegazioni delle Confessioni religiose richiedenti. Su tale bozza di intesa esprime il proprio preliminare parere la Commissione consultiva per la libertà religiosa.

    Dopo la conclusione delle trattative, le intese, siglate dal Sottosegretario e dal rappresentante della confessione religiosa, sono sottoposte all'esame del Consiglio dei Ministri ai fini dell'autorizzazione alla firma da parte del Presidente del Consiglio.

    Dopo la firma del Presidente del Consiglio e del Presidente della Confessione religiosa le intese sono trasmesse al Parlamento per la loro approvazione con legge.
    Intese approvate con legge ai sensi dell'art.8 della Costituzione Confessione religiosa Data firma intesa Legge di approvazione
    Tavola valdese 21 febbraio 1984 Legge 449/1984
    25 gennaio 1993 (modificata) Legge 409/1993
    4 aprile 2007 Legge 68/2009
    Assemblee di Dio in Italia (ADI) 29 dicembre 1986 Legge 517/1988
    Unione delle Chiese Cristiane Avventiste del 7° giorno 29 dicembre 1986 Legge 516/1988
    6 novembre 1996 (modificata) Legge 637/1996
    4 aprile 2007 Legge 67/2009
    Unione Comunità Ebraiche in Italia (UCEI) 27 febbraio 1987 Legge 101/1989
    6 novembre 1996 (modifica) Legge 638/1996
    Unione Cristiana Evangelica Battista d'Italia (UCEBI) 29 marzo 1993 Legge 116/1995
    Chiesa Evangelica Luterana in Italia (CELI) 20 aprile 1993 Legge 520/1995


    Intese firmate e non approvate con legge Confessione religiosa Data firma intesa
    Chiesa Apostolica in Italia 4 aprile 2007
    Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli ultimi giorni 4 aprile 2007
    Congregazione cristiana dei testimoni di Geova 4 aprile 2007
    Sacra Arcidiocesi d'Italia ed Esarcato per l'Europa meridionale 4 aprile 2007
    Unione Buddista italiana (UBI) 4 aprile 2007
    Unione Induista Italiana 4 aprile 2007




    Intese avviate in vista della conclusione dell'intesa ai sensi dell'art. 8 della Costituzione Confessione religiosa
    Istituto buddista italiano Soka Gakkai Confessione riconosciuta come ente di culto con DPR del 20/11/2000.
    18 aprile 2001:Inizio trattative.



    Otto per mille

    Partecipano alla ripartizione della quota dell'otto per mille del gettito IRPEF le seguenti Confessioni Religiose:

    * Chiesa Cattolica
    * Tavola Valdese
    * Unione Italiana delle Chiese Avventiste del 7° giorno
    * Assemblee di Dio in Italia
    * Unione delle Comunità Ebraiche Italiane
    * Chiesa Evangelica Luterana in Italia.

    Si possono dedurre ai fini fiscali liberalità fino € 1.032,91 a favore delle seguenti Confessioni Religiose:

    * Chiesa Cattolica
    * Tavola Valdese
    * Unione Italiana delle Chiese Avventiste del 7° giorno
    * Assemblee di Dio in Italia
    * Unione delle Comunità Ebraiche Italiane
    * Chiesa Evangelica Luterana in Italia
    * Unione Cristiana Evangelica Battista d'Italia

    I dati relativi alla ripartizione del gettito derivante dall'otto per mille dell'IRPEF



    www.governo.it/Presidenza/USRI/confessioni/intese_indice.html

    Franco