Freeforumzone mobile

"QUESTO E' IL MIO CORPO"

  • Posts
  • OFFLINE
    opepo
    Post: 18
    Registered in: 8/16/2009
    Junior User
    00 8/26/2009 3:33 PM
    Vorrei postare qui questa mia domanda già fatta sul forum di evangelici.net, domanda a cui non ho avuto risposta esauriente
    mi piacerebbe sapere come la pensano gli ex TdG che magari ancora pensano che Gesù dicendo questo volesse dire altro e gli ex TdG che invece hanno cambiato opinione.

    Leggendo che:

    Giona ha vissuto per tre giorni nello stomaco di un pesce dopo essere stato inghiottito senza essere stato masticato ne minimamente morso e che non fu sciolto a contato con i succhi gastrici dello stomaco ….
    Noè riuscì a costruire un’imbarcazione pari ad un nostro transatlantico con l’aiuto di pochissime persone nella quale stivò circa 1700 specie di mammiferi, 10.000 specie d’uccelli, 1000 specie di rettili, e 1.200.000 specie d’insetti che vennero nutriti da sole 8 persone….
    Il sole si fermò e Gabaon senza causare cataclismi nel sistema solare….
    Le mura di Gerico, alte, poderose, all’apparenza impenetrabili, caddero all’urlo degli israeliti…
    Ecc..ecc…ecc…

    Mi chiedo perché dovrei credere ad avvenimenti, per logica, impossibili?

    Gesù fissò lo sguardo su di loro e disse: «Agli uomini questo è impossibile; ma a Dio ogni cosa è possibile».
    Alla luce di questa affermazione allora mi domando:

    perché è impossibile credere che nel pane e nel vino della Santa Cena vi possa essere il corpo e il sangue di Gesù?
    Avremmo bisogno come i farisei di segni? Sentire il gusto della carne e del sangue, o magari vedere uscire sangue da pane spezzato?
    Perché si crede, senza mettere in dubbio la Parola di Dio, (Giona, Noè ecc… ecc…) e non si può credere per fede alle parole dette da Gesù stesso?
    Giovanni 6:50Questo è il pane che discende dal cielo, affinché chi ne mangia non muoia.
    Giovanni 6:54Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha vita eterna; e io lo risusciterò nell'ultimo giorno.
    Giovanni 6:56Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue dimora in me, e io in lui.
    Giovanni 6:57Come il Padre vivente mi ha mandato e io vivo a motivo del Padre, così chi mi mangia vivrà anch'egli a motivo di me.
    Giovanni 6:58Questo è il pane che è disceso dal cielo; non come quello che i padri mangiarono e morirono; chi mangia di questo pane vivrà in eterno».
    Matteo 26:26Mentre mangiavano, Gesù prese del pane e, dopo aver detto la benedizione, lo ruppe e lo diede ai suoi discepoli dicendo: «Prendete, mangiate, questo è il mio corpo»
    Marco 14:22Mentre mangiavano, Gesù prese del pane; detta la benedizione, lo spezzò, lo diede loro e disse: «Prendete, questo è il mio corpo».
    Luca 22:19Poi prese del pane, rese grazie e lo ruppe, e lo diede loro dicendo: «Questo è il mio corpo che è dato per voi; fate questo in memoria di me».
    1Corinzi 11:24e dopo aver reso grazie, lo ruppe e disse: «Questo è il mio corpo che è dato per voi; fate questo in memoria di me».
    27 Poi, preso un calice e rese grazie, lo diede loro, dicendo: «Bevetene tutti, 28 perché questo è il mio sangue, il sangue del patto, il quale è sparso per molti per il perdono dei peccati
    GRAZIE
    [Edited by opepo 8/26/2009 3:44 PM]



    APRI I MIEI OCCHI, O DIO, PERCHÈ SPESSO SIAMO VICINI AL RUSCELLO E NON VEDIAMO L'ACQUA.
  • Citocromo c
    00 8/26/2009 5:15 PM
    Caro Opepo, vedi qui: freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd=4300586
    [SM=x570901] [SM=g1543902]
  • OFFLINE
    opepo
    Post: 18
    Registered in: 8/16/2009
    Junior User
    00 8/26/2009 10:49 PM
    Re:
    Citocromo c, 26/08/2009 17.15:




    GRAZIE A TE
    Avevo cercato l'argomento ma non lo avevo trovato



    APRI I MIEI OCCHI, O DIO, PERCHÈ SPESSO SIAMO VICINI AL RUSCELLO E NON VEDIAMO L'ACQUA.