Freeforumzone mobile

1 CORINZI 8:5,6

  • Posts
  • OFFLINE
    opepo
    Post: 17
    Registered in: 8/16/2009
    Junior User
    00 8/25/2009 2:50 PM
    Siccome i "miei" TdG ogni qualvolta che accenno alla divinità di Gesù mi fanno leggere questo passo, chiedo, per piacere, se mi date lumi a riguardo. Grazie

    1Corinzi 8:5

    E in realtà, anche se vi sono cosiddetti dèi sia nel cielo sia sulla terra, e difatti ci sono molti dèi e molti signori,

    1Corinzi 8:6

    per noi c'è un solo Dio, il Padre, dal quale tutto proviene e noi siamo per lui; e un solo Signore Gesù Cristo, in virtù del quale esistono tutte le cose e noi esistiamo per lui.
    [Edited by opepo 8/25/2009 3:07 PM]



    APRI I MIEI OCCHI, O DIO, PERCHÈ SPESSO SIAMO VICINI AL RUSCELLO E NON VEDIAMO L'ACQUA.
  • francocoladarci
    00 8/25/2009 5:17 PM
    Caro Opepo, facendoti leggere 1° Corinzi 8;5, cosa vorrebbero dimostrare in merito a Cristo?, che anche lui fosse considerato uno dei tanti dei?, un signore tra i molti signori?.

    Non dimentichiamo che l’apostolo Paolo conosceva bene ciò che credevano le varie popolazioni, e sapeva benissimo in cosa credevano i greci ed i romani, quali erano i loro dei, e le funzioni di essi, Paolo prese spunto da queste credenze, ove per ogni attività vi era una deità, sia che riguardasse il cielo sia la terra, usò queste credenze per dimostrare in contrapposizione dei molti dei immaginari, che il cristiano vive la sua realtà nel l’unico vero Dio, ed è proprio dal Padre che proviene tutto, potenza, sapienza, giustizia e soprattutto amore, ai molti “signori” Paolo contrappone l’unico signore Gesù Cristo il figlio di Dio, fatto uomo, che con la sua morte, la sua risurrezione a permesso a tutti gli uomini(tdg compresi) di riconciliarsi con Dio, di riceverne in dono la sua Grazia, e di essere in comunione con Cristo.
    Franco
  • OFFLINE
    (Mario70)
    Post: 4,162
    Registered in: 7/17/2005
    Master User
    00 8/25/2009 6:37 PM
    Re:
    opepo, 25/08/2009 14.50:

    Siccome i "miei" TdG ogni qualvolta che accenno alla divinità di Gesù mi fanno leggere questo passo, chiedo, per piacere, se mi date lumi a riguardo. Grazie

    1Corinzi 8:5

    E in realtà, anche se vi sono cosiddetti dèi sia nel cielo sia sulla terra, e difatti ci sono molti dèi e molti signori,

    1Corinzi 8:6

    per noi c'è un solo Dio, il Padre, dal quale tutto proviene e noi siamo per lui; e un solo Signore Gesù Cristo, in virtù del quale esistono tutte le cose e noi esistiamo per lui.



    Al secondo post del mio trattato espongo il punto di vista trinitario al riguardo:

    http://freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd=4596727&p=1

    "Una scrittura che usavo molto quando ero testimone per contraddire la trinità era quella di:

    1 Corinti 8:5-6 "5 Anche se infatti vi sono delle pretese divinità nel cielo e sulla terra, come di fatto vi sono molti dèi e molti signori, 6 per noi c' è un solo Dio, il Padre, dal quale tutto proviene, e noi siamo per lui; e un solo Signore, Gesù Cristo, per mezzo del quale sono tutte le cose e noi siamo per mezzo di lui. "


    Facevo notare alle persone: "lo vedete che qui si dice che solo il padre è Dio? come possono esserlo anche il figlio e lo spirito santo?".
    Quello su cui non avevo ancora riflettuto era la continuazione del versetto, ovvero il fatto che anche Cristo è chiamato "solo Signore" ma sappiamo che anche suo padre è Signore (il VT dice "solo Signore")ed anche lo Spirito Santo è Signore come abbiamo visto sopra.
    Quindi questa scrittura usa fare un "parallelismo paradossale" i titoli sono usati in senso assoluto, ma ogni titolo è applicato altrove anche alle altre persone trinitarie.
    Il credo trinitario recita:
    "il padre è Dio, il figlio è Dio e lo spirito santo è Dio ma non vi sono tre dèi bensì un unico Dio";
    "il padre è Signore, il figlio è Signore e lo Spirito Santo è Signore, eppure non vi sono tre Signori ma un unico Signore".

    Solo questa dottrina non fa contraddire quanto scritto da Paolo, i testimoni di Geova invece, commettono eresia (scelgono) quando interpretano la prima parte (solo il padre è Dio) in senso assoluto, mentre interpretano la seconda parte "solo Cristo è Signore" in senso relativo, vi sembra una cosa onesta?
    Questa scrittura invece di distruggere la trinità non fa altro che rafforzarla, basta esaminarla in base al contesto neotestamentario."


    ciao