Freeforumzone mobile

MATTEO 5:42 E LUCA 6:34-35 - PRESTITI "SENZA INTERESSE"

  • Posts
  • OFFLINE
    ilnonnosa
    Post: 515
    Registered in: 1/14/2008
    Senior User
    00 7/29/2009 9:04 AM


    COSI’ I MANAGER GEOVISTI TOSANO LE ALTRE PECORE

    “Quelli di Gionadab, le “altre pecore” del Signore, si sono decisamente messi dalla parte di Geova e del suo Regno. Hanno dunque il privilegio, e in pari tempo l’obbligo di dare tutto il loro sostegno al Regno di Dio, e questo significa dare il loro tempo, la loro energia, il loro denaro, ogni cosa, per far avanzare gli interessi del Regno”. (Salvezza, 1939, p. 262) (Grassetto mio)

    Una circolare della Società in lingua inglese, dell’1/1/1980, inviata alla congregazione degli Stati Uniti, Alaska e Hawaii, che qui riporto in sintesi dimostra che così i dirigenti tosano le loro “pecore”.

    I manager geovisti devono acquistare delle nuove costose macchine per stampare le loro riviste, libri ecc., e chiedono la “gentile assistenza dei loro fratelli”.

    Da tener presente che già l’anno prima – dice la circolare – i “fratelli” avevano dato un aiuto “con prestiti liberi da interessi, e anche con contributi”. Questa volta con più coraggio i dirigenti chiedono soldi dicendo:

    “Riconosciamo che in molte zone la situazione economica non è delle migliori, e quindi alcuni fratelli potrebbero non essere in grado di fare prestiti a interessi zero. Per questo, desideriamo informarvi che la Società desidera pagare il 5% di interesse su ogni prestito che voi siete ora in grado di fare per conto della Società. Naturalmente, se qualcuno volesse prestare dei fondi senza interesse, sarebbe apprezzabile. …
    … Questo non è un invito per contributi, sebbene i contributi volontari per il lavoro di Geova sono sempre graditi. Stiamo suggerendo che chiunque abbia dei fondi disponibili può dare alla Società l’uso di questi fondi sulla base di prestito per diversi anni. Questi prestiti saranno ripagati a tempo debito dai fondi che la Società riceve anno dopo anno.” (Cfr. La Torre di Guardia, 15/9/80 p. 11).

    Capite? Pur essendo riconosciuta la precarietà della situazione economica, i “fratelli” sono costretti a dare.
    Le “pecore” dovranno prestare alla Società dei fondi, possibilmente a interesse zero, o al massimo con il 5 per cento, che saranno restituiti “a tempo debito”.

    Nella Torre di Guardia, 1/12/1988 p. 31, si legge:

    “Un’altra sorella ha detto: Preferisco che questa piccola somma serva a qualche cosa di teocraticamente utile piuttosto che lasciarla in una banca che tra non molto fallirà”.

    L’ingenua testimone, che oltre dieci anni fa pensava alla fine del mondo, riteneva inutile lasciare i soldi in banca e preferì donarli alla Società, ignorando forse che la stessa Società avrebbe trasferito il suo denaro in un’altra banca.

    Ma l’articolo continua:

    “E’ incoraggiante leggere della fede determinazione di persone anziane che, pur sperando di sopravvivere alla fine di questo sistema, si assicurano tramite appropriato testamento, che in caso di morte i loro beni siano usati a beneficio dell’opera del Regno”.

    E’ soltanto vergognoso quello che i manager geovisti propongono ai loro seguaci.

    La fine imminente del mondo è SOLO UN BUSINESS.
    Queste persone anziane che speravano di non vedere mai la morte perché ormai il “tempo era prossimo”, hanno ascoltato i “suggerimenti” della “Torre di Guardia”, che a pag. 30 indicava quali eccellenti investimenti, si potrebbero fare in vista della fine del mondo e per amore a Geova.

    Un opuscolo, stampato dalla Società nel 2000 intitolato “Contribuzioni programmate a beneficio del servizio mondiale del Regno”, (solo in inglese) causa grande inquietudine tra i testimoni di Geova.
    La Società “Torre di Guardia” tenta di arrivare ai soldi dei suoi membri, offrendo loro diversi modelli, come una donazione possa avere dei vantaggi anche al donator, soprattutto con risparmi fiscali. Questo opuscolo spiega come inviare offerte volontarie in denaro direttamente alla Watch Tower, così come si possono donare proprietà, beni immobili o preziosi di vario genere. Si può donare denaro in prestito, o anche si possono affidare libretti di risparmio in amministrazione fiduciaria alla Società. Con atto notarile si possono donare anche titoli, obbligazioni e beni, questi ultimi possono essere lasciati alla Società anche mediante testamento legalmente valido.

    Il Corpo Direttivo dei testimoni di Geova, ha corrotto la Bibbia in Matteo 5:42; Luca 6:34, 35.

    Nella Torre di Guardia del 15/12/1978, p. 7 si legge:

    “… anche i peccatori prestano senza interesse ai peccatori per ricevere altrettanto”. Luca 6:32-34)

    Richiesta di aiuto materiale – Successivamente Gesù consigliò d’essere generosi nel dare aiuto materiale: “Dà a chi ti chiede, e non voltar le spalle a chi desidera da te un prestito senza interesse”. Matteo 5:42 (La Torre di Guardia 1/12/1978 p. 7)

    “Luca 6:33, 35 “… Al contrario, continuate ad amare i vostri nemici e a fare del bene e a prestare senza interesse, senza sperare nulla in cambio”.
    (Accertatevi di ogni cosa attenetevi a ciò che è eccellente, 1974 p. 197)

    Avete notato la differenza? Ci sono due paroline in più: “senza interesse”, che lo schiavo fedele e discreto ha aggiunto nella Torre di Guardia; e ancora, cosa più grave le ha inserite nel testo della sua ”Traduzione del Nuovo Mondo delle Scritture Greche Cristiane” del 1950 ma non distinguibili dalle parole sacre. E’ solo nel 1963 che queste due parole sono racchiuse fra parentesi quadre.

    “Da “Ragioniamo facendo uso delle Scritture” ed. 1999 p. 402:

    “Sono lieto di usare qualsiasi traduzione lei preferisca. Ma forse le interesserà sapere perché apprezzo in particolare la Traduzione del Nuovo Mondo. Mi piace per il suo linguaggio moderno, comprensibile, e anche perché i traduttori si sono attenuti fedelmente al contenuto delle lingue bibliche originali”.

    Varie Bibbie a confronto con la Traduzione del Nuovo Mondo

    Giovanni Diodati -1867

    Matteo 5:42 – “ Dà a chi ti chiede, e non rifiutar la domanda di chi vuol prendere alcuna”.

    Luca 6:34-35 – “E, se prestate a coloro da’ quali sperate riaverlo, che grazia ne avrete? Conciossiaché i peccatori prestino a’ peccatori per riceverne altrettanto. Ma voi, amate i vostri nemici, e fate bene, e prestate, non isperandone nulla”.

    Giovanni Ricciotti -1955

    Matteo 5:42 – “Dà a chi ti domanda, e non voltar le spalle a chi ti chiede un prestito”

    Luca 6:34-35 – “E se prestate denaro a coloro, dai quali sperate di ricavarne, quale merito ne avete? Anche i peccatori prestano ai peccatori, per ricevere altrettanto. Ma voi amate i vostri nemici; fate del bene e date in prestito senza speranza di ricambio”.

    Edizioni Paoline -1987

    Matteo 5:42 – “Se fate dei prestiti a coloro da cui sperate di ricevere, che merito ne avete? Anche i peccatori concedono prestiti ai peccatori per riceverne altrettanto. Amate invece i vostri nemici, fate del bene e prestate senza sperare alcunché”.

    Luca 6:34-34 - “Anche i peccatori concedono prestiti ai peccatori per riceverne altrettanto”.

    Traduzione del Nuovo Mondo delle Scritture Greche Cristiane 1950 (Inglese)(Non erano “sacre”. Non c’è scritto, manca la parola)

    Matteo 5:42- “Dà a chi ti chiede, e non voltar le spalle a chi desidera da te un prestito senza interesse”.

    Luca 6:34-35 – “E se prestate senza interesse a coloro dai quali sperate di ricevere, quale merito ne avete? Anche i peccatori prestano senza interesse ai peccatori per ricevere altrettanto. Al contrario, continuate ad amare i vostri nemici e a fare il bene e a prestare senza interesse, senza sperare nulla in cambio”.

    Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture, ed. 2004

    Matteo 5:42 – “Dà a chi ti chiede, e non voltare le spalle a chi desidera da te un prestito [senza interesse]”.

    Luca 6:34-35 – “E se prestate [senza interesse] a coloro dai quali sperate di ricevere, quale merito ne avete? Anche i peccatori prestano [senza interesse] ai peccatori per ricevere altrettanto. Al contrario, continuate ad amare i vostri nemici e a fare il bene e a prestare [senza interesse], senza sperare nulla in cambio”.

    Il Corpo Direttivo adopera “doppio peso e doppia misura”, cosa che Dio detesta (Prov. 20:10): quando nella Torre di Guardia, 1/12/1985 a pagina 6 condanna Lutero perché “nella sua traduzione in tedesco di Romani 3:28 dopo la parola “fede” aggiunse la parola “sola” e sapeva che stava di imitarlo aggiungendo “senza interesse”. E, infine, lo schiavo fedele e discreto, spinge il testimone di Geova alla schizofrenia, quando dice a tutti di “accertarsi” ma se qualcuno lo fa davvero, è tacciato di avere cuore insincero, non ben disposto etc…

    A questo punto è inevitabile che mi pongo la domanda: che significato hanno per i testimoni di Geova le parole dell’apostolo Giovanni nell’Apocalisse 22:18: “A chi vi aggiungerà(al testo biblico) qualche cosa, Dio gli farà cadere addosso i flagelli descritti in questo libro; e chi toglierà qualche parola…” Dio lo priverà dell’albero della vita”. Si rende conto il Corpo Direttivo, della condanna che egli stesso ha posto sul suo capo?

    I testimoni di Geova sono i traduttori o i traditori della Bibbia?

    Ciao Ilnonnosa


  • Sonnyp
    00 7/29/2009 9:22 AM
    Io direi TRADITORI nonno!
    Eccellente davvero questa tua segnalazione nonno!

    Questo dimostra ancora una ennesima volta, come i dirigenti geovisti siano scaltri e astuti nel tosare le loro pecore tentando di non farsene accorgere!

    Un pizzico di zucchero di qua... un cucchiaino di miele di la e... il gioco è fatto! Ecco che il "donatore allegro" farà il suo dovere donando "SPONTANEAMENTE" il frutto del suo lavoro e i suoi sacrifici di tutta una vita! E loro criticano il piattino passato ai fedeli nelle chiese! Ma andassero a nascondersi piuttosto! Sono dei veri lupi rapaci travestiti da pastori, ecco cosa in realtà sono costoro!
    Bravo nonno che ancora una volta li hai smascherati nella loro veste reale! Complimenti... continua così.... Shalom.
  • OFFLINE
    lovelove84
    Post: 1,342
    Registered in: 4/21/2008
    Veteran User
    00 7/29/2009 9:46 AM
    bel lavoro nonno [SM=g1537154] , ma sono veramente senza parole! [SM=x570888]
    --------------------------------------------------
    AVER PAURA DEL DIAVOLO E' UNO DEI MODI DI DUBITARE DI DIO ...
  • Citocromo c
    00 7/29/2009 11:12 AM
    Ottimo. [SM=g1537154] Segnalo anche questa discussione in cui metto in evidenza le astuzie utilizzate per fare molti quattrini:
    freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd=8464931
    [SM=x570901] [SM=g1543902]