Noi.....girovagando per il Mondo Svago & Divertimento

Juventus 09 / 10

  • Posts
  • OFFLINE
    ti61no
    Post: 5,838
    Registered in: 3/2/2006
    Master User
    00 7/17/2009 7:20 PM
    Alex Del Piero rinnova con la Juventus fino al 2011

    Alessandro Del Piero ha rinnovato il suo contratto per un altro anno, il capitano e giocatore simbolo bianconero, vestirà almeno fino al 2011 la maglia della Juventus. L’accordo è stato sottoscritto dalle parti dopo una trattativa “lampo”, durata non più di un paio d’ore e per la quale si è mosso anche John Elkann, arrivato a Pinzolo in giornata per partecipare ad una conferenza stampa congiunta con lo stesso Del Piero e l’amministratore delegato Jean Claude Blanc.

    Del Piero è naturalmente soddisfatto, anche ricordando quanto erano state “complesse” la trattative per il precedente contratto che sarebbe scaduto al termine di questa stagione, una stagione “chiave” per la Juventus che ha voluto mettere nelle migliori condizioni, anche psicologiche, il suo giocatore più rappresentativo.

    Sono felice di restare qui per altri due anni. Orgoglio e contentezza per questo accordo, per me è motivo di grande soddisfazione. Qui ho svolto il mio lavoro ai massimi livelli. È stata una trattativa molto rapida. Conosco bene la voglia di primeggiare di questa società e darò tutto me stesso per ripagare la fiducia. Voglio giocare a calcio finché potrò garantire le mie qualità. Il legame con questi colori va al di là della mia vita professionale.

    Alex è fiducioso per la prossima stagione, soddisfatto anche dal mercato di rafforzamento della Juventus, per la quale scomoda un paragone importante con il Real Madrid di Florentino Perez. Il capitano pensa anche alla possibilità di tornare in nazionale in vista dei Mondiali 2010, ma per farlo sa di dover offrire una stagione di straordinario livello:

    Sono arrivati campioni, spero di trovare subito l’intesa con loro e lavorare alla grande con il nuovo staff. Il gruppo è importante, siamo motivati ed entusiasti. La Juve ha fatto uno sforzo enorme, oggi per investimenti è la seconda società dopo il Real Madrid. Lippi non l’ho sentito. Per me sarebbe bello andare ai Mondiali, significherebbe aver fatto una grande stagione. E poi potrei difendere il titolo conquistato in Germania.

  • OFFLINE
    ti61no
    Post: 5,974
    Registered in: 3/2/2006
    Master User
    00 7/25/2009 2:18 PM
    Peace Cup, Siviglia - Juventus 1-2: i bianconeri stendono gli andalusi con Amauri e Iaquinta


    La Juventus vince 1-2 all’esordio nella Peace Cup contro i padroni di casa del Siviglia. Sono andati a segno Amauri nel primo tempo su azione di calcio d’angolo e Iaquinta nel secondo su suggerimento di Jonathan Zebina che è stato autore di un’ottima prestazione. Ciro Ferrara ha dovuto fare a meno ancora una volta del brasiliano Diego, che sta lavorando per correggere un’asimmetria muscolare dovuta ad un vecchio infortunio, e così ha schierato Alex Del piero e Mauro Camoranesi alle spalle dell’unica punta Amauri.

    A centrocampo la linea a tre era formata da Marchisio, Zanetti e Tiago che si è ben comportata sostenendo il peso del nuovo modulo tattico scelto dall’allenatore. In difesa è stata proposta per la seconda volta consecutiva, dopo l’amichevole con il Vicenza, la coppia della nazionale Chiellini-Cannavaro accompagnata sugli esterni da Zebina a destra e Grygera a sinistra davanti al portiere Manninger. I bianconeri sono passati in vantaggio al 26′ del primo tempo con Amauri che su azione di calcio d’angolo ha insaccato un corner battuto da Del Piero.

    La stagione di Camoranesi rincomincia sulla falsa riga di quella passata; al 30′ è costretto a lasciare il campo per il solito indolenzimento muscolare e al suo posto entra Iaquinta. La partita si gioca su un buon ritmo considerato il periodo estivo, ma nel primo tempo non ci sono da segnalare altre particolari emozioni. La ripresa vede in campo un Siviglia più spigliato che cerca di sorprendere la Juventus con il consueto gioco sulle fasce, ma sono i bianconeri a rendersi più pericolosa al 54′ minuti con Marchisio, che al limite dell’area carica il tiro e coglie il palo alla destra di Palop che comunque si era tuffato con i tempi giusti.

    La Juventus trova il raddoppio grazie a Vincenzo Iaquinta che riceve palla al limite dell’area dopo una serpentina e un passaggio smarcante di Zebina. Il Siviglia prova a reagire ma senza particolare fortuna anche a causa del portiere Manninger che in paio di occasione impedisce ai pradroni di casa di accorciare le distanze. Il gol della bandiera arriva all’85′ da calcio d’angolo grazie al difensore Squillaci che riapre almeno virtualmente la partita. Adesso la Juventus dopo questo successo dovrà affrontare i coreani del Seongnam a Jerez della Frontera il 28 luglio; le possibilità di incrociare il Real Madrid nelle semifinali ora è più che concreta.


    IL TABELLINO

    SIVIGLIA-JUVENTUS 1-2

    MARCATORI: 26′ Amauri, 65′ Iaquinta, 80′ Squillaci

    SIVIGLIA (4-2-3-1): Palop; Konko, Escude’, Squillaci, Fernando Navarro (67′ Adriano); Duscher (46′ Luis Fabiano), Zokora (67′ Romaric); Jesus Navas (80′ Jose’ Carlos sv), Renato, Perotti (53′ Diego Capel); Kone’ . All. Manolo Jimenez

    JUVENTUS (4-3-3): Manninger, Zebina, Cannavaro, Chiellini, Grygera; Marchisio (65′ Salihamidzic), C. Zanetti, Tiago; Camoranesi (29′ Iaquinta), Amauri (92′ Marrone sv), Del Piero (85′ Molinaro sv). All. Ferrara

    ARBITRO: Johannesson (Swe)

    AMMONITI: Cannavaro, Zebina, Marchisio, Romaric, Cristiano Zanetti


  • OFFLINE
    ti61no
    Post: 5,975
    Registered in: 3/2/2006
    Master User
    00 7/25/2009 2:19 PM
    Video: Siviglia - Juventus 1-2
  • OFFLINE
    lilly54
    Post: 1,011
    Registered in: 10/4/2008
    Veteran User
    00 8/1/2009 12:30 PM
    JUVE 'GALACTICA', BATTE IL REAL NELLA PEACE CUP
    TORINO - La 'galactica' è di nuovo la Juve: ha battuto, dieci mesi dopo, il Real, già superato due volte in Champions League la scorsa stagione. Ma questa volta i madrileni non erano la squadra opaca dello scorso autunno, bensì la squadra piena di star del calcio mondiale, con Cristiano Ronaldo, Kakà (stavolta assente, così come Diego nella Juve) e Benzema in più nel motore.
    La squadra di Ferrara ha retto benissimo il confronto sul piano di gioco e personalità, dominando per lunghi tratti gli uomoni di Pellegrini. I bianchi erano appunto privi di Kakà, ma la Juventus rispondeva con le assenze di Diego e Sissoko, altrettanto fondamentali. Non per questo i bianconeri hanno avuto timore, impostando un gioco corto, rapido e aggressivo che a tratti ha ricordato l'impronta della Juventus lippiana del primo periodo. I bianconeri vincono anche il conto delle palle gol (sei nette contro tre del Real, mentre i pali sono pari, uno per parte. Benissimo, tra i bianconeri, Buffon, Salihamidzic, Cannavaro, Camoranesi, Del Piero e Amauri.
    Da rivedere Melo, dalle enormi potenzialità ma ancora troppo individualista: infatti ha perso parecchi palloni. Anche Chiellini mostra limiti evidenti quando si deconcentra: il rigore su Raul era evitabile e poteva costargli il rosso. Ma la Juve è già tremendamente squadra, se riesce a fare funzionare bene anche Tiago e un giovanissimo come Luca Marrone, che ha vissuto un esordio da sogno. La difesa ha retto bene e l'arrivo di Caceres non può che regalare ottimismo ulteriore a una squadra che ha compiuto un enorme balzo in fatto di consapevolezza dei propri mezzi. Il Real ha una difesa da brividi e Benzema, ancora a corto di condizione, è stato inguardabile, ma anche Cristiano Ronaldo ha passato più tempo a litigare con Salihamidzic che non a giocare. Un minuto e la Juventus è in vantaggio: Del Piero pennella su punizione, Cannavaro si inserisce sulla traiettoria bassa e infila di testa, in posizione regolare, il classico gol dell'ex.
    Il Real reagisce, ma è ancora la Juve, al 9', ad andare vicinissima al gol: assist splendido di Del Piero, Amauri tira dal limite e la palla è fuori di centimetri. Ancora il brasiliano, su svarione della difesa spagnola, si trova a un metro da Dudek ma indugia. Poi il Real guadagna campo e si fa pericoloso, pur senza creare pericoli clamorosi. Al 40' Chiellini, in ritardo, mette giù Raul in area: giusto rigore che Ronaldo trasforma. Ripresa: la Juve gela ancora il Real: corner di Del Piero, dopo un salvataggio miracolo in angolo di Dudek, Salihamidzicv svetta di testa e mette alle spalle di Dudek. Il finale è ancora bianconero: palo di Tiago a Dudek battuto e Buffon si supera salvando in modo rocambolesco un pareggio che il Real non avrebbe meritato. Ora in finale di questa Peace Cup i bianconeri troveranno l'Aston Villa, che ha battuto il Porto per 2-1 con le reti di Heskey e Sidwell.




    Gigi Buffon consola Cristiano Ronaldo
    Bellissima partita [SM=x1322612] [SM=g1658271] [SM=g1834049]
  • OFFLINE
    ti61no
    Post: 6,047
    Registered in: 3/2/2006
    Master User
    00 8/2/2009 1:17 PM
    Sono conteto per te Lilly [SM=g1658271]
    sfogatevi ora per poi stare tranquilli nel campionato [SM=x1322616] [SM=x1322617]
  • OFFLINE
    lilly54
    Post: 1,015
    Registered in: 10/4/2008
    Veteran User
    00 8/3/2009 2:38 PM
    La Juve perde la Peace Cup ai rigori
    A Siviglia i bianconeri perdono 4-3 contro l'Aston Villa ai penalty
    La finale di Peace Cup a Siviglia vede la Juventus perdere contro l'Aston Villa. La sfida con gli inglesi termina solo ai calci di rigore dopo che i tempi regolamentari e i supplementari avevano visto le due formazioni protagoniste di un pari a reti bianche. La Juventus fin dalle prime battute prende il controllo del rettangolo verde e già al 2' crea problemi agli inglesi con una conclusione dalla distanza di Giovinco, mentre al 5' solo i Villans, con Young, a impegnare Buffon con un tiro centrale. Sono comunque i bianconeri i più attivi e tra 12' e 13' si fanno vedere, prima con un fendente rasoterra di Felipe Melo, poi con un tiro di Giovinco che il portiere degli inglesi controlla agevolmente. Al 30' Iaquinta spreca un'ottima occasione per il vantaggio, vanificando di testa un'ottima sponda di Camoranesi abile a catturare al volo un bel lancio di Felipe Melo. Nonostante la manovra avvolgente bianconera continui a creare più di un grattacapo alla retroguardia avversaria, l'Aston Villa chiude in avanti il primo tempo e se non va negli spogliatoi in vantaggio di una rete è solo perché Buffon è attentissimo in due occasioni negli ultimi minuti. La prima ghiotta occasione degli inglesi arriva al 38' su punizione, con un bolide di Carew che il portierone bianconero controlla in angolo, poco dopo Albrighton penetra in area sulla destra e scarica a botta sicura un colpo sul quale Buffon non può far altro che opporre i due pugni. Intervento che non è reso necessario allo scadere su incornata di Carew, ma solo per via della mira imprecisa del centravanti.
    Nella ripresa la Juventus torna a premere sull'acceleratore, ma la sua manovra finisce per infrangersi contro il muro degli inglesi, bravi a coprire gli spazi e a cercare di colpire con rapidi ripartenze. I reparti della formazione di Ferrara appaiono troppo lontani per imbastire una manovra chiara, così il primo tentativo della ripresa arriva al 56', quando dopo una discesa sulla destra Zebina lancia Trezeguet, la cui spizzata di testa finisce troppo alta per fare male a Guzan. A quel punto ha inizio una vera e propria fiera dei gol sbagliati, con i due centravanti bianconeri come protagonisti assoluti. Iaquinta al 67' si dimostra appannato sprecando una buona palla fabbricata sull'asse Zanetti-Giovinco. A venti minuti dal termine un colossale pasticcio difensivo degli inglesi offre nuovamente a Trezeguet l'occasione del riscatto, ma lui si dimostra nuovamente impacciato e permette alla retroguardia avversaria di chiudersi a riccio e neutralizzare anche la successiva conclusione di Zanetti. Anche Iaquinta ha sui piedi la palla d'oro per riscattare il precedente errore, ma dopo aver controllato al volo a due passi dalla porta si fa beffare al momento di concludere. Nella contesa tra i due attaccanti – l'italiano all'81' sbaglia un pallonetto con Guzan in uscita – si inserisce anche Zebina, che dopo un bell'inserimento sparacchia male perdendo anche lo scarpino. Il forcing bianconero è rotto a un quarto d'ora dal termine solo una volta, quando il neo entrato Bannan cavalca un corridorio centrale sulla trequarti scagliando un potente sinistro a mezza altezza che finisce di poco alla sinistra di Buffon. Nel finale entra anche Del Piero, che a tempo scaduto libera al tiro Zebina in area, venendo però premiato con un tiraccio altissimo che condanna le squadre ai supplementari.
    Ferrara inserisce Amauri al posto di Giovinco, ma le squadre sono stanche così nel primo overtime c'è solo un sussulto da parte bianconera: Grygera crossa al centro, Iaquinta fa da torre per la rovesciata di Trezeguet, che però finisce placidamente tra le braccia di Guzan prima che anche i Villans si facciano vedere dalle parti di Buffon con un colpo di testa alto di Herd su servizio di Albrighton. Il secondo tempo supplementare è solo una formalità: non succede più niente e si va ai calci di rigore. Dal dischetto si rivelano decisivi i brutti errori di Iaquinta, Del Piero e Legrottaglie, che consegnano di fatto la Peace Cup 2009 nelle mani dell'Aston Villa con il punteggio di 4-3.


    Melo ammonito per questo fallo su Young.

    Zebina perde la scarpa al momento del tiro. Lapresse

    Marc Albrighton contro Mauro German Camoranesi
    [SM=g27996]
  • OFFLINE
    ti61no
    Post: 6,058
    Registered in: 3/2/2006
    Master User
    00 8/3/2009 4:02 PM
    [SM=g1717263] [SM=g1717263] [SM=g1717263] [SM=g1717263] [SM=g1717263]
  • OFFLINE
    ti61no
    Post: 6,071
    Registered in: 3/2/2006
    Master User
    00 8/9/2009 11:17 AM
    Juventus - Villareal 1-4
    Gli highlights della pesantissima sconfitta subita ieri sera all’Arechi di Salerno dalla Juventus contro gli spagnoli del Villareal. Per gli uomini di Ferrara, solo la consolazione del gol della bandiera con Amauri, in un incontro dominato in lungo e in largo dagli avversari, in particolare nella prima frazione, nonostante i gol arrivino quasi tutti nella ripresa.


    7/8/2009: Juventus - Villareal 1-4 (primo tempo)

  • OFFLINE
    ti61no
    Post: 6,113
    Registered in: 3/2/2006
    Master User
    00 8/12/2009 1:30 PM
    John Elkann: "Il gap con l'Inter? Parlatene con la Lazio..."
    VILLAR PEROSA (Torino), 11 agosto 2009 - La Juve torna a casa, tra i monti di Villar Perosa. I bianconeri onorano il consueto appuntamento estivo sfidando la Primavera sotto gli occhi di migliaia di tifosi entusiasti. E' l'occasione di vedere all'opera Del Piero, Trezeguet, Amauri (che ha dato l'annuncio: "Dal prossimo mese sarò italiano"), e pazienza se mancano i Nazionali e gli infortunati (Diego per primo ma anche Giovinco, Zebina e Sissoko).

    parla elkann — Prima della partita John Elkann fa il punto della situazione. "La Juve si è rinforzata molto con i nuovi arrivi brasiliani, ora dovrò dimostrare tutto il suo valore in campo. Il distacco con l'Inter? Parlatene con la Lazio. Oltre ai nuovi acquisti sono stati fondamentali i campioni che hanno deciso di rimanere: uno tra tutti Trezeguet, spero che possa fare tantissimi gol quest'anno. Diego è un campione, lo ha dimostrato negli ultimi anni e dovrà valorizzare le sue qualità". Le aspettative sono alte per la prossima stagione. "Vogliamo dare il meglio di noi, vogliamo vincere e soprattutto divertirci e divertire. Il mercato della Juventus è chiuso, in Italia siamo la squadra che ha investito di più".

    il test finisce 3-1 — Inizia la partita e Ferrara sceglie il tridente. In porta c'è Chimenti, in difesa Caceres, Legrottaglie, De Paola, Molinaro. A centrocampo Salihamidzic, Almiron, Marrone. In attacco Amauri, Trezeguet, Del Piero. Dall'altra parte c'è la Primavera con Pinsoglio tra i pali, Romano, Ferrero, Silvestri, Crivello in difesa, Belcastro e Giandonato mediani, poi Esposito, Giovinco e Boniperti a sostegno di Libertazzi. La Juve inizia arrancando e subisce le verticalizzazioni dei ragazzi di Bruni. Dopo due minuti segna Esposito, la Primavera è più fresca e più lucida. Dopo 13 minuti Ferrara sostituisce uno spento Almiron con Pirrotta, poi la Juve alza la testa e pareggia grazie all'asse Del Piero - Salihamidzic; Trezeguet si ritrova la palla sulla testa a porta vuota e sigla l'1 - 1. Poche occasioni da una parte e dall'altra, gli attaccanti bianconeri faticano a trovare spazio e a centrocampo i due mediani della Primavera dettano il ritmo del gioco. Nel secondo tempo dopo 6 minuti passa di nuovo la Juve con un gol di Amauri su assist di Marrone, il 3-1 finale è opera di De Paola di testa su corner di Del Piero. Poco prima del 90' i tifosi bianconeri decidono che la partita è durata abbastanza e si riversando sul terreno di gioco prendendo d'assalto i loro campioni. L'arbitro è costretto a fischiare la fine prima del 90', Molinaro rimane in mutande, Del Piero rientra negli spogliatoi a petto nudo. La Juve è ancora lontano dalla condizione migliore, si salvano Legrottaglie, Molinaro e Amauri. Ci mette voglia ma delude Caceres, non pervenuto Almiron, Trezeguet fa lo stretto indispensabile mentre Del Piero va a sprazzi ed è pericoloso quasi solo da calci da fermo. Per la Primavera migliori in campo Esposito e Giandonato.

    Alberto Mauro
  • OFFLINE
    ti61no
    Post: 6,114
    Registered in: 3/2/2006
    Master User
    00 8/12/2009 1:34 PM
    Post Partita di John Elkann dopo Juventus A-Juventus B 3-1 (11/08/2009)
    Intervista a John Elkann Dopo l'amichevole Tradizionale di Villar Perosa Juventus-Juventus Primavera 3-1 Gol di Esposito, Trezeguet, Amauri, De Paola. (11 Agosto 2009)


  • OFFLINE
    ti61no
    Post: 6,164
    Registered in: 3/2/2006
    Master User
    00 8/31/2009 1:10 AM
    Juve - Chievo 1-0: Iaquinta-gol, ma i bianconeri vincono col fiatone
    C’era da aspettarselo: sì, non è stata una sorpresa la sofferenza patita dalla Juve all’esordio contro il Chievo. Perché i clivensi si sono presentati all’Olimpico con la stessa squadra dell’anno scorso, identico undici che poco più di quattro mesi fa aveva bloccato sul 3-3 la Vecchia Signora. Così i veneti sono scesi in campo come sanno: ordinati, compatti, aggressivi, col solito Sergio Pellissier a fare da spauracchio. Ma questa volta i bianconeri hanno vinto: merito dei due nuovi acquisti Diego e Cannavaro, merito soprattutto di Iaquinta, match-winner con la sua incornata a metà del primo tempo.

    La squadra allenata da Ciro Ferrara è scesa in campo con grande determinazione, spronata anche dal mezzo passo falso dell’Inter nel pomeriggio; così sin dall’avvio grande ritmo, con Diego ispirato più che mai e la difesa solida e arcigna. Naturale quasi il gol: punizione guadagnata da Diego in posizione mediana, cross del brasiliano al bacio e imperiosa incornata di Vincenzo Iaquinta. Niente da fare per il povero Sorrentino. Poco dopo ancora Iaquinta sfiora il raddoppio con un colpo di testa ravvicinato, pericoloso più volte anche Chiellini nelle sue sortite offensive.

    Nella ripresa però è tutt’altra storia: Mimmo Di Carlo predica aggressività, i suoi rispondo bene, Poulsen non contiene più, cala anche Tiago e col centrocampo anche il reparto avanzato. Arretra pericolosamente il baricentro la Juve, che rischia sulle scorribande di Luciano e Pellissier, soffre la tenacia di Pinzi e trova in Yepes e Mantovani muri invalicabili. Dalla panchina dei veneti qualche protesta per un paio di rigori, ma l’occasione più ghiotta della seconda frazione capita ancora ai padroni di casa con Amauri che colpisce il palo. Finisce coi gialloblu in attacco, ma alla fine i tre punti sono bianconeri. Col sudore, ma anche con il cuore. Bravo Chievo.

    JUVENTUS-CHIEVO 1-0

    MARCATORE: Iaquinta all’11′p.t.

    JUVENTUS (4-3-1-2): Buffon; Grygera, Cannavaro, Chiellini, Salihamidzic (1′ s.t. De Ceglie); Tiago (29′ s.t. Marrone), Poulsen, Marchisio; Diego (42′ s.t. Camoranesi); Amauri, Iaquinta. (Manninger, Legrottaglie, Molinaro, Trezeguet). All. Ferrara.

    CHIEVO (4-4-2): Sorrentino; Frey, Morero, Yepes, Mantovani; Luciano, Rigoni, Marcolini (21′ s.t. Bentivoglio); Pinzi (39′ s.t. De Paula); Bogdani (26′ s.t. Granoche), Pellissier. (Squizzi, Malagò, Mandelli, Ariatti). All. Di Carlo.

    ARBITRO: Gava.

    NOTE: spettatori 23 mila circa. Ammoniti: Rigoni, Poulsen, Pinzi, Cannavaro, Marrone. Recuperi: 2′ p.t.; 3′ s.t.

  • OFFLINE
    ti61no
    Post: 6,165
    Registered in: 3/2/2006
    Master User
    00 8/31/2009 1:11 AM
    Video: Juventus - Chievo 1-0
  • OFFLINE
    ti61no
    Post: 6,166
    Registered in: 3/2/2006
    Master User
    00 8/31/2009 1:15 AM
    Roma - Juve 1-3: sambodromo bianconero, Diego e Felipe Melo sugli scudi
    Si, Diego Ribas da Cunha può fregiarsi l’appellativo di fenomeno: due partite ufficiali con la maglia della Juve, due gol e un assist. I sei punti della Vecchia Signora in due partite di campionato sono roba sua, o quasi. Oggi contro la Roma il brasiliano ha mostrato tutto il suo repertorio: fosforo puro in testa, baricentro basso per resistere alle spallate degli avversari, piedi parlanti, precisione da cecchino sotto porta. Un gol, il primo, con un misto di potenza e fantasia; l’altro con un preciso tiro dopo una serie di finte ubriacanti ai danni di Mexes. Roma al tappeto, generosa ma, di fatto, inferiore a questa Juve. Che pure qualche difetto lo ha messo in mostra .

    I terzini, ad esempio. Con lo schema adottato da Ferrara l’ideale sarebbero due fluidificanti coi controfiocchi, non gli incerti Grygera e De Ceglie, spauriti quando si tratta di attaccare, incerti in fase difensiva. E poi la gestione della palla nei minuti finali, quando la Juve ha rischiato più del previsto senza riuscire ad addormentare il match. Ma l’ossatura centrale, beh, quella è di prim’ordine. Già, perché Felipe Melo ha giocato da Felipe Melo, cuore e grinta e due piedi brasiliani, e poi ha anche chiuso la gara col gol dell’1-3. Difesa ballerina ma tutto sommato quadrata, attacco con Iaquinta e Amauri che sa farsi valere. E la Roma? Spalletti non deve mollare.

    Gli uomini, benché contati, in fondo ci sono: Menez ritrovato ma forse poco lucido, Totti spauracchio come sempre, De Rossi che gioca con le lacrime agli occhi, Burdisso colmo di fiducia e per questo validissimo, Julio Sergio (il portiere brasiliano all’esordio) sicuramente migliore di Artur. E allora? Manca quel quid, la molla, la cattiveria (quella positiva, non quella espressa con fallacci): le fasce sono sfruttare poco e male, Taddei e Perrotta paiono cotti, due pilastri come Mexes e Pizarro a volte si deconcentrano. Come Cassetti, sciagurato durante il primo gol bianconero. Ma in ogni modo il materiale su cui ripartire c’è: lo splendido gol del momentaneo 1-1 di De Rossi ad esempio, o i guizzi di Menez, o la pericolosità di Totti (vicinissimo al gol due volte).

    Bella partita, comunque, all’Olimpico di Roma. Finisce 1-3 per la Juve e il risultato finale è meritato. I 50 milioni spesi per Diego e Felipe Melo hanno fatto la differenza: la Roma, in fondo, ha comprato solo Guberti.

    Tabellino e pagelle

    ROMA-JUVENTUS 1-3 (1-1)
    MARCATORI: Diego (J) al 25′, De Rossi (R) al 35′ p.t.; Diego (J) al 23′, Felipe Melo (J) al 48′ s.t.

    ROMA: Julio Sergio 6.5; Cassetti 5, Mexes 5.5, Burdisso 6.5, Riise 5 (26′ s.t. Vucinic 6); De Rossi 6.5; Taddei 5 (1′ s.t. Tonetto 5.5), Pizarro 5.5, Perrotta 5 (36′ s.t. Cerci 6), Menez 6.5; Totti 6. (Artur, Motta, Juan, Guberti). All. Spalletti
    JUVENTUS: Buffon 6.5; Grygera 5, Cannavaro 6.5, Chiellini 6, De Ceglie 5.5 (29′ s.t. Legrottaglie 6); Tiago 6, Felipe Melo 7, Marchisio 5.5 (17′ s.t. Camoranesi 5.5); Diego 8 (40′ s.t. Poulsen sv); Amauri 6.5, Iaquinta 6. (Manninger, Molinaro, Del Piero, Trezeguet). All. Ferrara

    ARBITRO: Rocchi.
    NOTE: pomeriggio caldo, terreno in discrete condizioni. Spettatori 70.000 circa. Ammoniti: Tiago, De Rossi, Taddei, Diego, Perrotta, Marchisio, Grygera. Recupero: 1′ p.t.; 5′ s.t.

  • OFFLINE
    ti61no
    Post: 6,315
    Registered in: 3/2/2006
    Master User
    00 9/14/2009 12:30 AM
    Lazio - Juve 0-2: Caceres-Trezeguet, e la Juve va...
    Filotto: doppia trasferta romana e sei punti per la Juve di Ciro Ferrara che ha iniziato come meglio non poteva, 9 punti su 9 in questo avvio di campionato. Il tecnico napoletano non conosce altro risultato se non la vittoria, anche stasera contro una tignosa Lazio messa in campo superbamente da Davide Ballardini. Alla fine poteva finire in qualunque modo, nei fatti i bianconeri hanno di nuovo espugnato l’Olimpico di Roma con uno 0-2 da grandissima squadra, un risultato maturato nella ripresa grazie alla realizzazioni di Martin Caceres e David Trezeguet.
  • OFFLINE
    ti61no
    Post: 6,316
    Registered in: 3/2/2006
    Master User
    00 9/14/2009 12:31 AM
    Video: Lazio - Juventus 0-2
1