Freeforumzone mobile

LA LEGGE DEL CRISTO

  • Posts
  • OFFLINE
    Geronimo83
    Post: 77
    Registered in: 3/15/2009
    Junior User
    00 6/24/2009 7:12 PM
    La Legge del Cristo, passato e presente (secondo WTS)

    Nel primo secolo, Dio ispirò l'apostolo Paolo, mettendo per iscritto che i cristiani non erano tenuti ad osservare la legge mosaica.
    Al suo posto, la concgregazione cristiana,  avrebbe osservato la legge del Cristo che è superiore alla legge mosaica.
    Per tutto il primo secolo e per i  XIX secoli successivi, la legge del Cristo rimase immutata, e vincolante per tutti; ma all'orizzonte,del XIX° secolo, sorgeva una  nuova e inaspettata aggiunta alla legge del Cristo:

     "La legge del Cristo include tutti i comandi di Gesù Cristo: predicare e insegnare, mantenere l’occhio puro e semplice, sforzarsi di essere in pace col prossimo, eliminare l’impurità dalla congregazione e via dicendo. (Matteo 5:27-30; 18:15-17; 28:19, 20; Rivelazione [Apocalisse] 2:14-16) Sì, i cristiani hanno l’obbligo di osservare tutti i comandi biblici rivolti ai seguaci di Cristo. E non solo. L’organizzazione di Geova e le singole congregazioni devono stabilire regole e procedure necessarie per lo svolgimento ordinato delle loro attività... (1 Corinti 14:33, 40)  Anche collaborare con le ragionevoli norme stabilite da coloro che hanno autorità nell’organizzazione è un modo per adempiere la legge del Cristo. " [SM=x570872] 

                                                                                                                                                
    w96 1/9 p. 20 par. 3   

    Quindi, dalla torre di guardia sopra citata, " regole e procedure"     è in effetti una aggiunta,   "un modo per adempiere la legge del Cristo. "

    Tutti coloro che, desiderano seguire la legge del Cristo secondo la WTS, devono obbligatoriamente 
      applicare "regole e procedure".


    A COSTO DI: [SM=x570880] 
      1° Esserne vittime dell'ostracismo.
      Perdere la propria vita e quella dei propri figli (campo sanitario)
      Perdere posti di lavoro,e una eventuale carriera.
      Rinunciare agli studi Universitari.
       Perdere l'unità e l'affetto familiare.
       Rinunciare alla libera espressione e a una ricerca obbiettiva e libera dai preconcetti.
      Perdere la propria personalità o individualità e lasciarsi robotizzare dalla stessa.
      Subire passivamente, senza fare ricorso alle autorità secolare.
      Far crescere i propri figli con l'auto imposizione di regole e procedure (predicazione e adunanze obbligatorie)
    10° Insabbiare, far dimenticare, nascondere, e tacere in caso di pedofilia.(pena dissasociazione)

                           
                                                                      [SM=g1537332] 



          

  • santapazienzauno
    00 6/28/2009 11:18 PM

    >>>La Legge del Cristo, passato e presente (secondo WTS)
    Nel primo secolo, Dio ispirò l'apostolo Paolo, mettendo per iscritto che i cristiani non erano tenuti ad osservare la legge mosaica.

    “mettendo per iscritto” e non riportano i versetti, che avrebbero dovuto mettere per la correttezza e la migliore compressione. Dove l’apostolo Paolo scrive una cosa del genere?

    >>>>Al suo posto, la concgregazione cristiana, avrebbe osservato la legge del Cristo che è superiore alla legge mosaica.

    "avrebbe osservato" dove? quando? come? perché?
    In che cosa consiste la “superiorità” della “legge di Cristo”? Questo non è una novità nel mondo cristiano. E non vi lamentate solo dei TDG! La chiesa cattolica e quella protestante aderiscono ugualmente a questa menzogna di tipo “non morirete affatto” .


    >>>Per tutto il primo secolo e per i XIX secoli successivi, la legge del Cristo rimase immutata, e vincolante per tutti; ma all'orizzonte,del XIX° secolo, sorgeva una nuova e inaspettata aggiunta alla legge del Cristo:

    Come ci può essere una aggiunta "all'orizzonte del XIX°" citando qualcosa che è già stato scritto nella stessa Bibbia!?

    "La legge del Cristo include tutti i comandi di Gesù Cristo: predicare e insegnare, mantenere l’occhio puro e semplice, sforzarsi di essere in pace col prossimo, eliminare l’impurità dalla congregazione e via dicendo. (Matteo 5:27-30; 18:15-17; 28:19, 20; Rivelazione [Apocalisse] 2:14-16) Sì, i cristiani hanno l’obbligo di osservare tutti i comandi biblici rivolti ai seguaci di Cristo.

    Se non per sviare la mente e indirizzarla in modo astuto verso qualcosa che non ci entra con l’insegnamento spirituale, ma semplicemente si tratta del fatto esteriore, il comportamento che è guidato non dallo Spirito ma dalle regole e procedure. La loro fede non è vera fede, ma è una fede contraffatta, non può essere quella di cui parla Gesù con Nicodemo, li dove non si può verificare la nuova nascita nello Spirito, un cambiamento che viene da dentro, dal cuore e non solo dall’esercizio della volontà!

  • Sonnyp
    00 6/29/2009 6:08 PM
    Ma cosa centra con le presentazioni?
    [SM=p1537331]
  • OFFLINE
    Geronimo83
    Post: 84
    Registered in: 3/15/2009
    Junior User
    00 6/30/2009 3:53 PM
    CHIEDO SCUSA AI FORISTI, E' STATO UN ERRORE MIO, UNA DISTRAZIONE MI HA PORTATO A FARE QUESTO ERRORE.




    GRAZIE DELLA SEGNALAZIONE [SM=x570864]



    AI MOD: GENTILMENTE SE POTETE SPOSTARLA NELLA CARTELLA APPROPRIATA GRZIE [SM=p1537331]
  • OFFLINE
    Geronimo83
    Post: 85
    Registered in: 3/15/2009
    Junior User
    00 6/30/2009 4:25 PM

    CARISSIMO SANTAPAZIENZUNO

     

    NON RIESCO A CAPIRE DA CIO CHE SCRIVI SE SEI UN  TDG  O UN CATTOLICO O ALTRO, CIO NONOSTANTE SONO LIETO DÌ PRENDERE IN CONSIDERAZIONE  LE TUE PERPLESSITA’:

    NON HO CITATO NON PER MANCANZA DI CORRETTEZZA MA CIO CHE HO SCRITTO, ERA DIRETTO AI TDG, CHE SENZA CITARLE, CONOSCONO MOLTO BENE LE SCRITTURE  SOTTOINTESE.

    ORA PER ACCONTENTARTI, CITO QUI TUTTE LE SCRITTURE INERENTE AL SOGGETTO DELLA LEGGE DEL CRISTO.

      

    L’apostolo Paolo scrisse in  Ebrei  7:12 : <<Poiché, cambiato il sacerdozio, avviene necessariamente un cambiamento di legge>>

     

    Infatti, la legge precedente “mosaica” fu abolita non più vincolante; Paolo scrive in Romani 10.4:

    <<Poiché Cristo è il termine della legge>>


     
    e ancora in Romani 7:6<< Ma ora siamo stati sciolti dai legami della legge, essendo morti a quelli che ci teneva soggetti per servire nel nuovo regime dello spirito e non in quello vecchio della lettera>>


    Colossesi 2:14<<Egli ha cancellato il documento a noi ostile, i cui comandamenti ci condannavano, e lo ha tolto di mezzo inchiodandolo alla croce.>>


    Essendo tolto di mezzo la legge mosaica, Paolo in Galati 6:2 scrive che dovremmo:<<Adempiere così la legge del Cristo.>>


    E  spiega in modo chiaro che noi, siamo sotto la legge del Cristo; in 1°Corinti 9:21.

  • santapazienzauno
    00 7/30/2009 5:10 PM
    Caro Geronimo,

    non sono né cattolica, né tdg, sono avventista del settimo giorno. Scusa se rispondo solo ora. Hai aperto una discussione interessantissima e il riconoscerne l'importanza di comprendere questo argomento è fondamentale per crescere nella fede.

    Ho discusso molto con i tdg sulla legge e non ho mai ricevuto le risposte dirette e chiare. con una tdg abbiamo trattato da sempre quest argomento e come al solito afferma che non siamo più sotto la legge e che non siamo tenuti di osservarla perchè incapaci di adempierla. E qui c'è l'abisso delle loro dottrine: il non riconoscimento di tre cose fondmentali: la divinità di Cristo, Spirito Santo e la Legge.

    Se il peccato è la trasgressione della legge ( 1Giovanni 3:4
    Chiunque commette il peccato trasgredisce la legge: il peccato è la violazione della legge) ora il raginamento è questo: se non c'è la legge, non c'è il peccato, se non c'è il peccato, non c'è il male del mondo. sappiamo bene che così non è, ma è quello che sostengono i tdg. "Nessuno è peccatore" è il risultato della loro dottrina. Se non siamo sotto la legge, vuol dire che possiamo fare quello che ci pare e nessuno è colpevole!?

    Poi il discorso che la legge di Cristo e la legge di Mosè sono due leggi distinte tra loro allora vuol dire che il peccato esisteva solo per il popolo di Israele e noi siccome abbiamo il Cristo non abbiamo più possibilità di peccare perché non siamo sottto la legge!?
    Cristo non è morto per tutti? solo per i cristiani e non per il popolo d'Israele?
    Queste domande pongo sempre ai tdg, e cosa posso sperare di sentire ogni volta che si discutte!? Sono solo sforzi inutili a portarli ragionare di testa propria.

    Loro hanno scambiato l'ubbidienza allo Schiavo e alle sue regolette per l'ubbidienza al Signore secondo la sua volontà (legge morale).









    [Edited by santapazienzauno 7/30/2009 5:22 PM]
  • OFFLINE
    Hus.
    Post: 138
    Registered in: 5/10/2009
    Junior User
    00 8/16/2009 9:41 AM
    Concordo pienamente con Geronimo 83,

    la sua trattazione e vera!

    La WTS ha aggiunto regole su regole per portare i suoi adepti a fare cio che essa vuole, le regole della WTS vanno oltre cio che e scritto nella Bibbia, mostrando che DIO HA DIMENTICATO DI FAR SCRIVERE NELLA BIBBIA QUELLE REGOLE CHE LA wts HA PUBBLICATO, Dio era distratto ? niente paura la WTS( piu vigile di DIO ci ha pensato lei, quindi dormiamo tranquilli le regole abbondato per tutti!!!
    Hus.
    .....................................
    Accertatevi di ogni cosa
    Miei cari, se uno dice di avere lo spirito, non credetegli subito: prima, esaminatelo bene, per vedere se davvero ha lo spirito che viene da Dio. Perché molti predicatori bugiardi sono andati a predicare nel mondo. (1Tess. 5:21 NM) (1Giovanni 4:1; Parola del Signore)
  • OFFLINE
    moscarossa
    Post: 303
    Registered in: 8/7/2005
    Senior User
    00 8/17/2009 8:00 PM
    La legge di Cristo

    Con questo mio intervento, intento solamente chiarificare quanto posso, per prima quanto dice in questo thread , sia Geronimo nel suo post 85, che Santapazienzauno.

    Sì, Geronimo, proprio come hai riportato dalla Torre di guardia, nessuna opposizione, anzi vi è ancora di più, contro la legge (di Mosè) che va a favore del seguace di Cristo sotto la Grazia. Infatti, la legge viene da Paolo soprannominata: “Il ministerio della morte scolpito in lettere su pietre” (2Cor.3:7) e seguendo la lettura fino al verso 9, leggiamo: “Se, infatti, il ministerio (codice) della condanna fu con gloria, molto di più abbonda in gloria il ministerio della giustizia”. Ciò sarebbe la Grazia che ci rende Giusti; contraria alla legge della morte. È manifesto dunque che nessuno sarà giustificato dinanzi a Dio per la legge di Mosè, perché il giusto vivrà per fede. (Gal.3:11). La legge è stata persino nostro pedagogo (tutore) per condurci a Cristo, per essere giustificati per fede.

    Io vedo dunque che la Torre di guardia ha scritto bene che Dio ha cancellato il documento a noi ostile, (a noi della Chiesa) ma razzola malissimo, poiché se Dio fa grazia e non condanna i grandi adulteri e ladri e micidiali, e delinquenti che divengono seguaci di Cristo ai quali Gesù promette di non cacciarli fuori (Gv.6:37). Il CD invece, contrario alla promessa di Cristo, li caccia subito fuori. Vero? Vediamo così che per il CD il beneficio di non essere sotto la legge della morte, sono solo parole morte, perché agisce o meglio, mette i suoi adepti sotto la legge mosaica nel momento che li caccia fuori. E questo fa crollare il suo falso insegnamento, che non conosce la Grazia di Dio.

    Per Santapazienza
    Certo,che proprio come tu dici e che sta scritto, il peccato è, la trasgressione della legge (detta) di Mosè, e perché tutti l’hanno trasgredita tutti eravamo morti nei peccati, ma una volta che Cristo ci netta di peccato, togliendolo via dal nostro vero essere spirituale, noi credenti in Cristo torniamo in vita, per la vera vita, e siamo cosi per la fede in Cristo risuscitati dalla morte nei peccati. (Ef.2:1, 5-6). Cristo Gesú non ha tolto via la legge di Mosé, anzi rimane tuttora in vigore per tutti quelli che non hanno dato se stessi a Cristo, cominciando dai Giudei e tutti i Gentili fuori della grazia.
    Gesú infatti, adempì la legge di Mosé e Dio fu cosi soddisfatto, tanto da toglierle il giudizio su coloro che sono della Sposa di Gesú. Ciò è cosa giusta, poiché come Gesú cui è lo Sposo, entra liberamente nell`ereditá del Padre; cosi anche la sua Sposa con Lui.
    Stiamo a dire che la legge di Mosé non ha il diritto o potere di condannare la Sposa del Figlio di Dio, poiché a condannarla dovrebbe essere Gesú, ma Lui è morto per salvarla.
    Cristo è morto per tutti e vuole che tutti siano salvati, ma si salvano solo quelli che rinnegando Satana si danno al favore di Cristo per formare la sua Sposa liberata….
    Voi che volete essere sotto la legge, non ascoltate la legge? Abramo ebbe due figli, uno secondo la carne, con la schiava, donna che genera alla schiavitù, quale rappresenta il monte Sinai e la legge di Mosé
    E l'altro fu Isacco figlio della libera; che è la figura della Gerusalemme celeste che è madre di tutti noi, non generato secondo la carne come il figlio della schiava, ma per la virtù della promessa di Dio.
    Noi credenti che formiamo il corpo di Cristo, non siamo figli della schiava, ma della Libera che è madre di tutti noi, perciò la Scrittura dice: Caccia fuori la Schiava col suo figlio, perché il figlio della libera non sarà erede col figlio della schiava.
    Si legga questo in Galati 4 dal verso 21, al 31.
    Moscarossa