Freeforumzone mobile

Elia, Giovanni 1:21 e Matteo 17:12 a confronto, Giovanni il battista

  • Posts
  • OFFLINE
    Sal80.
    Post: 85
    Registered in: 4/14/2009
    Junior User
    00 5/16/2009 2:31 PM
    Avrei una domanda:
    perchè Giovanni non si riconobbe come Elia, mentre Gesù più tardi si riferì a Giovanni il Battista come Elia?



    Nuova riveduta:

    Giovanni 1:19 Questa è la testimonianza di Giovanni, quando i Giudei mandarono da Gerusalemme dei sacerdoti e dei Leviti per domandargli: «Tu chi sei?»
    Giovanni 1:20 Egli confessò e non negò; confessò dicendo: «Io non sono il Cristo».
    Giovanni 1:21 Essi gli domandarono: «Chi sei dunque? Sei Elia?» Egli rispose: «Non lo sono». «Sei tu il profeta?» Egli rispose: «No».


    Matteo 17:10 E i discepoli gli domandarono: «Perché dunque gli scribi dicono che prima deve venire Elia?»
    Matteo 17:11 Egli rispose: «Certo, Elia deve venire e ristabilire ogni cosa.
    Matteo 17:12 Ma io vi dico: Elia è già venuto e non l'hanno riconosciuto; anzi, gli hanno fatto tutto quello che hanno voluto; così anche il Figlio dell'uomo deve soffrire da parte loro».
    Matteo 17:13 Allora i discepoli capirono che egli aveva parlato loro di Giovanni il battista.


    Sal




  • nevio63
    00 5/16/2009 5:41 PM
    Caro Sal80, Quando Giovanni chiarisce, senza dare il minimo spazio ad interpretazioni ulteriori, la propria identita' e ruolo, egli e interrogato da chi avrebbe voluto trovarlo bugiardo e magari accusarlo (leviti e sacerdoti). Non c'e' pericolo di capziose accuse, invece, quando Gesu' chiarisce ai discepoli, oramai, divenuti piu' perspicaci, in privato, il ruolo simbolico di "Elia", ricoperto da Giovanni il Battista', onde far "quadrare" la profezia a cui i discepoli stessi si riferiscono. Un abbraccio fraterno, nevio63  
    [Edited by nevio63 5/16/2009 5:42 PM]
  • OFFLINE
    Trianello
    Post: 5,757
    Registered in: 1/23/2006
    Master User
    00 5/16/2009 11:02 PM
    In Gv 1,21, il Battista risponde negativamente alla domanda in quanto vuole negare di essere il Messia atteso. Si attendeva, infatti, che il Messia fosse un secondo Mosé (il profeta per antonomasia) o che fosse Elia redivivo.
    In Matteo 17,12 il contesto è differente e fa riferimento all'idea, anch'essa diffusa in ambiente giudaico in base a quanto asserito dal profeta Malachia, che Elia dovesse tornare in qualità di precursore del Messia.

    -------------------------------------------

    Deus non deserit si non deseratur
    Augustinus Hipponensis (De nat. et gr. 26, 29)

  • OFFLINE
    Sal80.
    Post: 86
    Registered in: 4/14/2009
    Junior User
    00 5/17/2009 8:29 PM
    Giovanni il Battista non si riteneva di essere l'Elia predetto per paura?


    Nevio:
    egli e interrogato da chi avrebbe voluto trovarlo bugiardo e magari accusarlo (leviti e sacerdoti)



    Dai vangeli però mi sembra di capire che Giovanni era un tipo abbastanza temerario, ricordiamo che lui predicava "Pentitevi, poichè il regno dei cieli si è avvicinato!", inoltre ricordiamo perchè finì in carcere e poi decapitato, infatti lui smascherò il comportamento di Erode. Luca 3:19,20

    Sal
  • nevio63
    00 5/17/2009 9:23 PM
    Sal80, Giovanni battista non era Elia, lo sapeva ed ha evitato di usare la similitudine, pur lecita con Elia, in quanto al ruolo svolto nel piano di salvezza di Dio, perche' sapeva che i sacerdoti avrebbero soppesato ogni parola pronunciata, non per capire la succitata similitudine ma per incastrarlo e fermarne l'opera. Anche Gesu' ha raccomandato e ha agito con cautela, quando qualcuno voleva solo incastrarlo. nevio63
    [Edited by nevio63 5/17/2009 9:25 PM]
  • OFFLINE
    Sal80.
    Post: 88
    Registered in: 4/14/2009
    Junior User
    00 5/18/2009 5:18 PM

    Nevio63:
    Sal80, Giovanni battista non era Elia, lo sapeva ed ha evitato di usare la similitudine, pur lecita con Elia, in quanto al ruolo svolto nel piano di salvezza di Dio, perche' sapeva che i sacerdoti avrebbero soppesato ogni parola pronunciata, non per capire la succitata similitudine ma per incastrarlo e fermarne l'opera. Anche Gesu' ha raccomandato e ha agito con cautela, quando qualcuno voleva solo incastrarlo. nevio63


    [SM=x570864]

    Questo mi è chiaro, io non credo alla reincarnazione, "Elia" semplicemente significava un profeta di Dio che doveva spianare la strada al Messia.
    Quindi dicendo che lui non era "Elia", quell' Elia del vecchio testamento, non ha mentito.


    Sal
  • OFFLINE
    Topsy
    Post: 1,875
    Registered in: 6/26/2006
    Veteran User
    00 5/18/2009 5:48 PM
    Re:
    Sal80., 18/05/2009 17.18:



    Questo mi è chiaro, io non credo alla reincarnazione, "Elia" semplicemente significava un profeta di Dio che doveva spianare la strada al Messia.
    Quindi dicendo che lui non era "Elia", quell' Elia del vecchio testamento, non ha mentito.


    Sal




    La questione è un pò più complessa, perchè il profeta Eliahu non morì, fu rapito vivo in cielo in un turbine e farà ritorno negli Ultimi Giorni (annunziato come "giorno grande e terribile", dal profeta Malachia) nel ruolo di precursore del Messia e della redenzione finale. Sulla scia di questa credenza, per la tradizione rabbinica egli ritorna sulla terra anche per offire il suo aiuto al popolo ebraico nel momento del bisogno; è portatore di lieti annunci, e i grandi maestri tramite i loro meriti, hanno la possibilità di poter "dialogare" con questo profeta.


  • OFFLINE
    Sal80.
    Post: 89
    Registered in: 4/14/2009
    Junior User
    00 5/18/2009 7:15 PM

    Topsy:
    La questione è un pò più complessa, perchè il profeta Eliahu non morì, fu rapito vivo in cielo in un turbine e farà ritorno negli Ultimi Giorni (annunziato come "giorno grande e terribile", dal profeta Malachia) nel ruolo di precursore del Messia e della redenzione finale. Sulla scia di questa credenza, per la tradizione rabbinica egli ritorna sulla terra anche per offire il suo aiuto al popolo ebraico nel momento del bisogno; è portatore di lieti annunci, e i grandi maestri tramite i loro meriti, hanno la possibilità di poter "dialogare" con questo profeta.



    Topsy, da questa angolatura hai proprio ragione! Riporto di seguito l'episodio di Elia:

    CEI:

    2Re 2:7 Cinquanta uomini, tra i figli dei profeti, li seguirono e si fermarono a distanza; loro due si fermarono sul Giordano.
    2Re 2:8 Elia prese il mantello, l'avvolse e percosse con esso le acque, che si divisero di qua e di là; i due passarono sull'asciutto.
    2Re 2:9 Mentre passavano, Elia disse a Eliseo: «Domanda che cosa io debba fare per te prima che sia rapito lontano da te». Eliseo rispose: «Due terzi del tuo spirito diventino miei».
    2Re 2:10 Quegli soggiunse: «Sei stato esigente nel domandare. Tuttavia, se mi vedrai quando sarò rapito lontano da te, ciò ti sarà concesso; in caso contrario non ti sarà concesso».
    2Re 2:11 Mentre camminavano conversando, ecco un carro di fuoco e cavalli di fuoco si interposero fra loro due. Elia salì nel turbine verso il cielo.
    2Re 2:12 Eliseo guardava e gridava: «Padre mio, padre mio, cocchio d'Israele e suo cocchiere». E non lo vide più. Allora afferrò le proprie vesti e le lacerò in due pezzi.
    2Re 2:13 Quindi raccolse il mantello, che era caduto a Elia, e tornò indietro, fermandosi sulla riva del Giordano.


    Allora da quello che ho capito io, Elia non morì ma fu direttamente "rapito" in cielo.
    Questo significa che il suo corpo fu cambiato per vivere in un altra dimensione, oppure il suo corpo rimase lo stesso e fu portato in un altro luogo inprecisato?
    Prendendo questo episodio da questo punto di vista, come dice Topsy, si legge in Malachia:

    Ooopss, come mai nella C.E.I. non è riportato Malachia 4? [SM=x570872]

    Allora lo leggo nella Nuova Riveduta:

    Malachia 4:5 Ecco, io vi mando il profeta Elia,
    prima che venga il giorno del SIGNORE,
    giorno grande e terribile.
    Malachia 4:6 Egli volgerà il cuore dei padri verso i figli,
    e il cuore dei figli verso i padri,
    perché io non debba venire a colpire il paese di sterminio».


    Mi sembra di capire, che essendo che l'Elia letterale non venne ai tempi di Gesù, dovrebbe ancora venire prima che venga il giorno del Signore. O questo è avvenuto già e non c'è ne siamo accorti??!! [SM=x570888]

    Sal










  • OFFLINE
    Topsy
    Post: 1,876
    Registered in: 6/26/2006
    Veteran User
    00 5/18/2009 8:57 PM
    Re:
    Sal80., 18/05/2009 19.15:



    (...)

    Allora da quello che ho capito io, Elia non morì ma fu direttamente "rapito" in cielo.
    Questo significa che il suo corpo fu cambiato per vivere in un altra dimensione, oppure il suo corpo rimase lo stesso e fu portato in un altro luogo inprecisato?






    La tradizione ebraica, testo biblico incluso, non definisce nel dettaglio una tale questione. La lascia, come tante altre, volutamente irrisolta, sottolineando tuttavia che Elia “scompare”, ascende al Cielo vivo, e allorchè gli abitanti di Gerico si propongono di andare in cerca del profeta ipotizzando che lo spirito del Signore l'avesse soltanto preso e gettato su un monte o in fondo a una valle, fanno ritorno a casa dopo essere rimasti via tre giorni, ma non riescono a trovarlo (2 Re capitolo 2).


    Malachia 3, 23: “Prima che arrivi quel giorno, giorno grande e terribile del Signore, io vi invierò il profeta Elia. Egli riconcilierà i padri con i figli e i figli con i padri. Così io non dovrò più venire a distruggere la vostra terra".

    Nel pensiero ebraico Elia è una figura messianica in quanto tale profeta ha funzioni di salvezza e aiuta a realizzare i piani di Dio sulla terra; il profeta è destinato a tornare sulla terra in un giorno futuro. Egli è certamente un uomo con caratteristiche decisamente singolari, poiché non è morto e vive ancora in qualche parte del cielo (?). Un giorno tornerà per sanare le discordie interne di Israele (“Egli riconcilierà i padri con i figli e i figli con i padri”) , affinchè Dio nella sua ira non abbia a sterminarlo (“Così io non dovrò più venire a distruggere la vostra terra").

    Oltre a Malachia, anche il Siracide (libro non incluso nel canone ebraico) al capitolo 48,9-10, riprende il tema del ritorno di Elia alla Fine dei Tempi (“designato a rimproverare i tempi futuri per placare l`ira prima che divampi”).

    Da qui deriva la credenza ebraica che il profeta non sia morto e che l’avvento della redenzione finale sarà annunciata proprio da Elia; tema ripreso, con le dovute differenze, sia dal cristianesimo che da Qumran.




    [Edited by Topsy 5/18/2009 8:59 PM]
  • OFFLINE
    rus virgil
    Post: 46
    Registered in: 9/24/2007
    Junior User
    00 5/21/2009 10:58 PM
    Re:


    Questo mi è chiaro, io non credo alla reincarnazione, "Elia" semplicemente significava un profeta di Dio che doveva spianare la strada al Messia.
    Quindi dicendo che lui non era "Elia", quell' Elia del vecchio testamento, non ha mentito.


    Sal

    ********************************

    Elia e presente anche oggi

    freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd=6813347

    fedeeverita.freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd...