Freeforumzone mobile

Anima immortale,andremo in cielo?

  • Posts
  • OFFLINE
    patacca75
    Post: 4
    Registered in: 7/14/2008
    Junior User
    00 7/22/2008 9:57 AM
    Sto sempre cercando di convincere mia sorella ma non ho la cultura che ha lei sulla bibbia e faccio delle gran figuracce perchè mi dice"io te lo so spiegare questo passo perchè tu no?"e io le dico"perchè io non passo la vita a leggere giornalini facci altro"e lei"allora sono contenta perchè ho una padronanza di linguaggio che tu non hai ed io zitta penso"e grazie,vi addestrano bene!"
    Vabbè lasciamo perdere..
    Comunque ho trovato qui sul sito la traduzione del nuovo mondo e testi originali ma lei non è rimasta soddisfatta della spiegazione che le ho letto anche se per me nella mia ignoranza quadra.Mi ha dato un compito che è di dimostrarle con la MIA bibbia(non la tnm)che c'è scritto e dove è scritto che l'anima è immortale,che quando muoriamo il paradiso è in cielo e non sulla terra(quello che penso anch'io)e dove parla della trinità cioè che Dio non è Gesù perciò si deve pregare solo Dio.
    Non posso farmi sfuggire quest'occasione anche se non ci caverò un ragno da un buco per favore datemi qualche dritta.
    Grazie [SM=g1537159] [SM=g1537159] [SM=g1537159]
    Sara
  • OFFLINE
    edinz
    Post: 236
    Registered in: 5/23/2008
    Junior User
    00 7/22/2008 10:10 AM
    Non darti troppa pena per convincere tua sorella. Probabilmente, dopo la morte ci attende il nulla e nessuna delle due avrà l'opportunità di dire all'altra: "Hai visto, te l'avevo detto!"

    Un saluto a tutti, TDG e non.
  • OFFLINE
    patacca75
    Post: 4
    Registered in: 7/14/2008
    Junior User
    00 7/22/2008 10:36 AM
    Ciao Edinz
    Sto cercando di tirare fuori mia sorella perchè le voglio bene e vorrei che vivesse questa di vita perchè è giovane e mi dispiace vederla passare il tempo come una vecchia.A dicembre andrà in Costa D'Avorio che è un paese pericoloso a fare proselitismo ed io sono preoccupata
  • OFFLINE
    al.64
    Post: 204
    Registered in: 3/20/2008
    Junior User
    00 7/22/2008 10:38 AM
    ...tua sorella e' una pioniera speciale? [SM=x570872]
  • OFFLINE
    rocket74
    Post: 302
    Registered in: 6/25/2008
    Senior User
    00 7/22/2008 10:41 AM
    Guarda che se le trovi la risposta appropriata lei ti tirera' fuori un argomento nuovo.
    I TDg sono convinti di essere i soli a sapere
    la verita'.Abbbinato all'arroganza tipica della Wt capisci da solo
    che chi respira quell'aria 3 volte la settimana non puo' che essere simile.

    Se vuoi tentare ti facco [SM=g1400756]
  • OFFLINE
    patacca75
    Post: 5
    Registered in: 7/14/2008
    Junior User
    00 7/22/2008 10:50 AM
    Ciao a tutti
    mia sorella so che andrà a fare un corso di pioniera ad agosto(ma che vuol dire?)ed è gia stata in centro America a costruire una sala ma la situazione là era più tranquilla.
    So che lei tirerà furori sempre argomenti nuovi ma magari se le do risposte che la convincono..vabbè dai ho capito,volete dirmi di lasciar perdere..
  • OFFLINE
    Polymetis
    Post: 6,968
    Registered in: 7/8/2004
    Master User
    00 7/22/2008 12:20 PM
    Sul sito di Achille ci sono diverse pagine sugli argomenti che cerchi.

    Ad maiora
    ---------------------
    Ά όταν έκτιζαν τα τείχη πώς να μην προσέξω.
    Αλλά δεν άκουσα ποτέ κρότον κτιστών ή ήχον.
    Ανεπαισθήτως μ' έκλεισαν απο τον κόσμο έξω
    (Κ. Καβάφης)
  • OFFLINE
    pioniera_regolare
    Post: 54
    Registered in: 6/26/2008
    Junior User
    00 7/22/2008 3:40 PM
    Re: CONSIGLIO IMPORTANTE
    patacca75, 22/07/2008 10.50:

    Ciao a tutti
    mia sorella so che andrà a fare un corso di pioniera ad agosto(ma che vuol dire?)ed è gia stata in centro America a costruire una sala ma la situazione là era più tranquilla.
    So che lei tirerà furori sempre argomenti nuovi ma magari se le do risposte che la convincono..vabbè dai ho capito,volete dirmi di lasciar perdere..




    cara Patacca! Avessi avuto io una sorella come te!
    Mia sorella quando diventai TdG era giovane e dedita ad altro che a farmi cambiare idea...magari ora non avrei patito ciò che ho patito!
    Io sono stata pioniera regolare per 11 anni, ho fatto la scuola dei pioniere per 2 settimane (quella che credo debba fare tua sorella) e sono stata a servire dove c'era più bisogno (come sta facendo lei).
    Quando si è dentro non si vuole ascoltare e si è così convinti di avere in mano la Verità da non ammettere l'evidenza.

    Sicuramente tu se te la senti puoi prepararti bene sugli argomenti DA lei citati, però invece di fossilizzarti sui dogma, cerca di capire in cosa credevano i primi cristiani, quelli che avevano conosciuto Cristo. NOn importano gli intendimenti, le traduzioni, le interpretazione MA: i seguaci di Cristo in cosa credevano?
    Importante: Non avere fretta.
    CONSIGLIO: dILLE CHE le vuoi molto bene, e che rimandi la vostra conversazione dopo le vacanze e che te lo deve promettere(non si sa mai qualcuno vi si mette contro)e darti solo quest'opportunità e che poi non la SCOCCERAI più e che vi rispetterete entrambe volendovi bene per sempre.

    Ciò sicuramente la farà riflettere perchè vedrà non il tuo desiderio di andar contro i suoi ideali ma solo il tuo affetto.
    Intanto hai 2 mesi per prepararti.
    e se vuoi ti aiuto volentieri.

    Scusa la domanda privata, quanti anni avete?
    Io mi sono battezzata a 15, mia sorella ne aveva 14.
    Ora ne ho 34 e mi sono dissociata nel 2001 a 27 anni, quindi come vedi di esperienza nell'Organizzazione ne ho... anche se in questo sito c'è gente più preparata di me!
    Un bacione...e ripeto: avessi avuto una sorella come te!
  • OFFLINE
    (Mario70)
    Post: 1,838
    Registered in: 7/17/2005
    Veteran User
    00 7/22/2008 5:16 PM
    Re:
    patacca75, 22/07/2008 9.57:

    Sto sempre cercando di convincere mia sorella ma non ho la cultura che ha lei sulla bibbia e faccio delle gran figuracce perchè mi dice"io te lo so spiegare questo passo perchè tu no?"e io le dico"perchè io non passo la vita a leggere giornalini facci altro"e lei"allora sono contenta perchè ho una padronanza di linguaggio che tu non hai ed io zitta penso"e grazie,vi addestrano bene!"
    Vabbè lasciamo perdere..
    Comunque ho trovato qui sul sito la traduzione del nuovo mondo e testi originali ma lei non è rimasta soddisfatta della spiegazione che le ho letto anche se per me nella mia ignoranza quadra.Mi ha dato un compito che è di dimostrarle con la MIA bibbia(non la tnm)che c'è scritto e dove è scritto che l'anima è immortale,che quando muoriamo il paradiso è in cielo e non sulla terra(quello che penso anch'io)e dove parla della trinità cioè che Dio non è Gesù perciò si deve pregare solo Dio.
    Non posso farmi sfuggire quest'occasione anche se non ci caverò un ragno da un buco per favore datemi qualche dritta.
    Grazie [SM=g1537159] [SM=g1537159] [SM=g1537159]
    Sara



    Sulla trinità stampati il mio scritto e faglielo leggere:

    http://freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd=4596727&p=1

    Per quanto riguarda l'anima immortale io mi concentrerei di più sul discorso unti che vanno in cielo e gli altri di serie b che rimangono in terra.

    Tempo fa un mio conoscente scrisse quanto segue forse ti potrà essere utile (ho il suo permesso per riportarlo qui [SM=g27830] ):



    Mettendo in chiaro che solo dopo la morte e resurrezione di Cristo e la discesa dello Spirito Santo è stata aperta la speranza celeste, questa scrittura ha un senso:

    luca 7:28 Perché io vi dico che fra i nati di donna, non vi è alcun profeta più grande di Giovanni Battista; tuttavia il minimo nel regno di Dio è più grande di lui".

    Giovanni è l'ultimo profeta prima di Cristo, è l'elia che doveva tornare ed è colui che ha preparato la via al figlio di Dio, ecco perchè è il piu grande dei profeti, ma è morto prima della resurrezione di Cristo, quindi non conosceva ancora la speranza celeste, il passo si puo interpretare in questo modo considerando queste scritture:


    ebrei 11:39-40 39 Eppure tutti costoro, pur avendo avuto buona testimonianza mediante la fede, non ottennero la promessa, 40 perché Dio aveva provveduto per noi qualcosa di meglio, affinché essi non giungessero alla perfezione senza di noi.

    ebrei 7:22 Per questo Gesù è diventato garante di un patto molto migliore.

    ebrei 8:6 Ma ora Cristo ha ottenuto un ministero tanto più eccellente in quanto egli è mediatore di un patto migliore, fondato su migliori promesse,

    ebrei 9:15 E perciò egli è il mediatore del nuovo patto affinché, essendo intervenuta la morte per il riscatto dalle trasgressioni commesse sotto il primo patto, i chiamati ricevano la promessa dell' eterna eredità.

    Da questo punto di vista il minore del regno dei cieli che fa parte del nuovo patto è piu grande di Giovanni battista il quale non prese parte a quel nuovo patto morendo prima.

    Discutiamo ora di chi va in cielo:
    Tutte le scritture dicono unanimamente che chi ha fede in Cristo ha la sperasnza celeste:

    agli ebrei per prima:

    Atti 13:26 Fratelli miei, figli della discendenza d' Abraamo, e tutti voi che avete timor di Dio, a noi è stata mandata la Parola di questa salvezza.

    e ai gentili poi:

    atti 13:46-48 46 Allora Paolo e Barnaba, parlando con franchezza, dissero: "Era necessario che fosse annunziata a voi per primi la parola di Dio; ma poiché la respingete e non vi giudicate degni della vita eterna ecco, noi ci rivolgiamo ai gentili. 47 Poiché così ci ha comandato il Signore: "Io ti ho posto come luce delle genti perché tu porti la salvezza fino all' estremità della terra. 48 I gentili, udendo queste cose, si rallegrarono e glorificavano la parola del Signore; e tutti coloro che erano preordinati alla vita eterna credettero.

    Cosa includeva la salvezza?

    giovanni 13:2 Nella casa del Padre mio ci sono molte dimore; se no, ve lo avrei detto; io vado a prepararvi un posto. 3 E quando sarò andato e vi avrò preparato il posto, ritornerò e vi accoglierò presso di me, affinché dove sono io siate anche voi.

    ebrei 3:1 Perciò, fratelli santi, che siete partecipi della celeste vocazione, considerate l' apostolo e il sommo sacerdote della nostra confessione di fede, Gesù Cristo,

    efesini 4:4 Vi è un unico corpo e un unico Spirito, come pure siete stati chiamati nell' unica speranza della vostra vocazione.
    LND 1 Peter 1:4 per un' eredità incorruttibile, incontaminata e immarcescibile, conservata nei cieli per voi

    filippesi 3:20 La nostra cittadinanza infatti è nei cieli, da dove aspettiamo pure il Salvatore, il Signor Gesù Cristo.

    Queste scritture sono incontrovertibili.
    Ora analizziamo cosa ci insegna Paolo riguardo la resurrezione:

    1 Corinti 15:20-55

    "20 Ma ora Cristo è stato risuscitato dai morti, ed è la primizia di coloro che dormono. 21 Infatti, siccome per mezzo di un uomo è venuta la morte, così anche per mezzo di un uomo è venuta la risurrezione dei morti. "

    Le scritture parlano dello stato dei morti come di sonno, sappiamo che la teologia ebraica primordiale concepiva l'uomo come un insieme di adam, ruah e neshama, l'anima (nephesh) era la persona completa nella sua totalità con tutti questi "soggetti" (per lo più derivati da cose fisiche come l'aria il respiro e il sangue, tutte cose che rendono l'uomo vivo), i morti però non hanno un annientamento totale in quanto qualcosa sopravvive alla morte in uno stato larvale in un "luogo" chiamato sheol, qui "risiedono le ombre dei morti":
    Isaia 14:9-11:
    " 9 Dal basso dello sheol si agitano per te, per farsi incontro al tuo arrivo; per te esso risveglia le ombre, tutti i potenti della terra; ha fatto sorgere dai loro troni tutti i re delle nazioni. 10 Tutti prendono la parola per dirti: "Anche tu sei stato fiaccato come noi, sei diventato simile a noi!". 11 Il tuo fasto è disceso nello sheol, come la musica delle tue arpe. Sotto di te si stendono le larve, i vermi sono la tua coperta. "

    Proverbi 9:18 E lui non sa che là ci sono le ombre, che agli antri dello sheol scendono i suoi invitati.

    1 Samuele 2:6 "L' Eterno fa morire e fa vivere; fa scendere nello Sceol e ne fa risalire."

    salmo 16:10 "perché tu non lascerai l' anima mia nello Sceol e non permetterai che il tuo Santo veda la corruzione."

    Più tardi cominciò a spuntare il concetto di "resurrezione dei corpi" alla venuta del messia, si comincia a parlare dello stato dei morti come di sonno, termine ripreso dalla teologia cristiana successiva, i farisei fecero loro questo concetto della morte e resurrezione, i sadducei invece la negavano completamente.
    Questa fase arcaica venne poi superata e gli ebrei ampliarono il loro concetto di anima:

    L'anima venne vista come composta da tre elementi: nefesh, ru'ah, e neshamah. Essi sono solitamente spiegati in questi termini:

    Nefesh La parte inferiore o "funzioni animali" dell'anima. Si riferisce agli istinti e funzioni vitali. Si trova in tutti gli uomini, ed entra nel corpo fisico al momento della nascita. È all'origine della natura fisica e psicologica.
    Le altre due parti dell'anima non esistono dalla nascita, ma si creano lentamente col passare del tempo. Il loro sviluppo dipende dall'agire e dalle credenze dell'individuo. Di esse si dice che esistano in forma completa negli individui spiritualmente avanzati
    Ruach L'anima mediana, o spirito. Essa consiste nelle virtù morali e nella capacità di distinguere il bene dal male. Nel linguaggio moderno è analoga alla psiche o all'ego.
    Neshamah L'anima superiore, il Sé più elevato. Essa distingue l'uomo da tutte le altre forme di vita. Ha a che fare con l'intelletto, e permette all'uomo di godere e beneficiare della vita dell'aldilà. Questa parte è comune ad ebrei e non ebrei al momento della nascita. È la parte che permette la consapevolezza dell'esistenza e presenza di Dio.

    Queste "scoperte" però erano assenti nel periodo neotestamentario, la dottrina più importante per i cristiani era, ed è, la resurrezione dei corpi in un periodo di tempo chiamato "ultimo giorno" fu Gesù a parlarne in Giovanni 11 che noi conosciamo bene in relazione alla resurrezione di Lazzaro.
    Continuiamo con Paolo:



    "22 Perché, come tutti muoiono in Adamo, così tutti saranno vivificati in Cristo. 23 ma ciascuno nel proprio ordine: Cristo la primizia, poi coloro che sono di Cristo alla sua venuta."

    Quindi il primo a resuscitare in questo stato è Cristo, seguiranno i suoi discepoili ma alla sua venuta...
    ancora:

    35 Ma dirà qualcuno: "Come risuscitano i morti, e con quale corpo verranno?". 36 Stolto! Quello che tu semini non è vivificato, se prima non muore. 37 E quanto a quello che semini, tu non semini il corpo che ha da nascere, ma un granello ignudo, che può essere di frumento o di qualche altro seme. 38 E Dio gli dà un corpo come ha stabilito, e a ciascun seme dà il suo proprio corpo. 39 Non ogni carne è la stessa carne; ma altra è la carne degli uomini, altra la carne delle bestie, altra la carne dei pesci, altra la carne degli uccelli. 40 Vi sono anche dei corpi celesti, e dei corpi terrestri, ma altra è la gloria dei celesti, altra quella dei terrestri. 41 Altro è lo splendore del sole, altro lo splendore della luna ed altro lo splendore delle stelle, perché una stella differisce da un' altra stella in splendore. 42 Così sarà pure la risurrezione dei morti; il corpo è seminato corruttibile e risuscita incorruttibile. 43 È seminato ignobile e risuscita glorioso; è seminato debole e risuscita pieno di forza. 44 È seminato corpo naturale, e risuscita corpo spirituale. Vi è corpo naturale, e vi è corpo spirituale. 45 Così sta anche scritto: "Il primo uomo, Adamo, divenne anima vivente" ma l' ultimo Adamo è Spirito che dà la vita. 46 Ma lo spirituale non è prima bensì prima è il naturale, poi lo spirituale. 47 Il primo uomo, tratto dalla terra, è terrestre; il secondo uomo, che è il Signore, è dal cielo. 48 Qual è il terrestre tali sono anche i terrestri; e qual è il celeste, tali saranno anche i celesti. 49 E come abbiamo portato l' immagine del terrestre, porteremo anche l' immagine del celeste. 50 Or questo dico, fratelli, che la carne e il sangue non possono ereditare il regno di Dio; similmente la corruzione non eredita l' incorruttibilità. 51 Ecco, io vi dico un mistero: non tutti morremo, ma tutti saremo mutati in un momento, 52 in un batter d' occhio, al suono dell' ultima tromba; la tromba infatti suonerà, i morti risusciteranno incorruttibili e noi saremo mutati, 53 poiché bisogna che questo corruttibile rivesta l' incorruttibilità e questo mortale rivesta l' immortalità. 54 Così quando questo corruttibile avrà rivestito l' incorruttibilità e questo mortale avrà rivestito l' immortalità, allora sarà adempiuta la parola che fu scritta: "La morte è stata inghiottita nella vittoria". 55 O morte, dov' è il tuo dardo? O inferno, dov' è la tua vittoria? "

    Quindi le anime che dormono nello sheol saranno ricongiunte ad un nuovo corpo glorioso ed immortale ad immagine di Cristo, invece i suoi seguaci che saranno vivi alla sua venuta verranno mutati in tale stato senza passare per la morte:

    1 Thessalonicesi 4:13
    "13 Non vogliamo lasciarvi nell' ignoranza, o fratelli, riguardo a quelli che dormono, affinché voi non siate afflitti come gli altri che non hanno speranza. 14 Se infatti crediamo che Gesù è morto ed è risuscitato, così Dio riunirà con lui anche quanti si sono addormentati in Gesù. 15 Questo infatti vi diciamo sulla parola del Signore: che noi, i viventi, i superstiti, non precederemo nella venuta del Signore quelli che si sono addormentati. 16 Poiché il Signore stesso, al segnale dato dalla voce dell' arcangelo, dalla tromba di Dio, discenderà dal cielo e i morti che sono in Cristo risorgeranno per primi. 17 Quindi noi, i viventi, i superstiti, insieme con essi saremo rapiti sulle nubi per incontrare il Signore nell' aria. E così saremo sempre col Signore. "

    E i morti precristiani?

    Abbiamo letto che i cristiani avranno la prima resurrezione, questo non esclude che gli altri risorgeranno dopo, da nessuna parte è scritto che i morti risorgeranno in un corpo diverso e che alcuni rimarranno sulla terra e altri andranno in cielo, la speranza celeste dal punto di vista biblico è aperta a tutti indistintamente come mostrato dalle parole di Cristo stesso:

    Giovanni 5:26-29 "26 Come infatti il Padre ha la vita in se stesso, così ha dato anche al Figlio di avere la vita in se stesso; 27 e gli ha dato il potere di fare il giudizio, perché è Figlio dell' uomo. 28 Non stupitevi di ciò: viene un' ora in cui tutti coloro che sono nei sepolcri ascolteranno la sua voce 29 e coloro che hanno fatto il bene ne usciranno per la risurrezione della vita, coloro che hanno praticato il male per la risurrezione del giudizio."

    La dottrina del millennio è fondata dalle parole dell'apocalisse, ma non mi pronuncio sull'attendibilità della stessa, l'apocalisse è scritta in segni e non è facile da capire o interpretare, la divisione tra 144000 e grande folla ha senso se si inquadrano i 144000 come i martiri (i numeri sono evidentemente simbolici), coloro che hanno scelto di morire volontariamente per Cristo, hanno una posizione privilegiata, ma insieme a loro vi è la grande moltitudine in cielo, davanti al trono di Dio e all’Agnello con gli angeli, i vegliardi ed i quattro viventi (Apocalisse 7,9).

    Creare due destini rende Dio parziale, questa dottrina non ha fondamento nella scrittura, chi ci crede prende passi dell'apocalisse interpretabili o figure allegoriche tipo le "altre pecore" le quali possono rappresentare benissimo i gentili e non una categoria di serie b cestinata sulla terra sotto la guida di eletti di serie A; si è creata prima la dottrina (cercando di fondere insieme la teologia veterotestamentaria che vedeva la resurreziione sulla terra in un paradiso edenico con la successiva speranza celeste fornita ai cristiani, ma questo non è necessario, basta seguire gli sviluppi teologici che si sono susseguiti nel corso dei millenni ed accettare quello finale esposto nel NT) e poi si sono cercate scritture che potessero avallare questa dottrina, non è cosi che un serio studioso della scrittura deve fare.
    La speranza è unica:

    Efesini 4:4-5 4 un solo corpo e un solo spirito, così come siete stati chiamati a una sola speranza, quella della vostra vocazione; 5 un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo;

    1 Corinti 12:13 13 Siamo stati infatti battezzati tutti in un solo Spirito per formare un corpo solo, sia Giudei sia Greci, sia schiavi sia liberi; e tutti siamo stati abbeverati nel medesimo Spirito.

    Matteo 8:10-11 10 All' udire ciò Gesù ne fu ammirato e disse a quelli che lo seguivano: «In verità vi dico: presso nessuno in Israele ho trovato tanta fede. 11 Vi dico inoltre che molti verranno dall' oriente e dall' occidente e sederanno a mensa con Abramo, Isacco e Giacobbe nel regno dei cieli,

    Ebrei 11:12-16 12 Per questo, da quest' unica coppia, e per di più già morta, nacquero figli numerosi come le stelle del cielo e come l' arena che è sulla riva del mare, che è impossibile numerare. 13 Secondo la fede tutti questi [i fedeli precristiani] morirono, pur non avendo ricevuto le promesse, ma avendole viste e salutate da lontano, e riconoscendosi stranieri e pellegrini sulla terra. 14 Quelli infatti che dicono tali cose mostrano chiaramente che cercano una patria. 15 E se avessero avuto nella memoria quella patria da cui erano usciti, avrebbero avuto occasione di ritornarvi. 16 Ora invece essi aspirano a una patria migliore, e cioè alla celeste. Perciò Dio non ha vergogna di essere chiamato il loro Dio. Infatti egli ha preparato loro una città.

    Alla luce di queste scritture, quale altra prova vogliamo ancora?


    Romani 8:18-39 "18 Penso infatti che le sofferenze del tempo presente non hanno un valore proporzionato alla gloria che si manifesterà in noi. 19 L' attesa spasmodica delle cose create sta infatti in aspettativa della manifestazione dei figli di Dio. 20 Le cose create infatti furono sottoposte alla caducità non di loro volontà, ma a causa di colui che ve le sottopose, nella speranza 21 che la stessa creazione sarà liberata dalla schiavitù della corruzione per ottenere la libertà della gloria dei figli di Dio. 22 Sappiamo infatti che tutta la creazione geme e soffre unitamente le doglie del parto fino al momento presente. 23 Non solo essa, ma anche noi, che abbiamo il primo dono dello Spirito, a nostra volta gemiamo in noi stessi, in attesa dell' adozione a figli, del riscatto del nostro corpo. 24 Fummo infatti salvati nella speranza; ma una speranza che si vede non è più speranza: chi infatti spera ciò che vede? 25 Ma se noi speriamo ciò che non vediamo, stiamo in attesa mediante la costanza. 28 Sappiamo poi che per coloro che amano Dio tutto confluisce in bene, per coloro che secondo il piano di Dio si trovano ad essere chiamati. 29 Poiché coloro che da sempre egli ha fatto oggetto delle sue premure, li ha anche predeterminati ad essere conformi all' immagine del Figlio suo, affinché egli sia il primogenito tra molti fratelli. 30 Coloro che predeterminò, anche chiamò; quelli che chiamò, questi anche giustificò; quelli poi che giustificò, anche glorificò. ... 37 Ma in tutte queste cose noi stravinciamo in grazia di colui che ci amò. 38 Sono infatti persuaso che né morte né vita, né angeli né potestà, né presente né futuro, 39 né altezze né profondità, né qualunque altra cosa creata potrà separarci dall' amore che Dio ha per noi in Cristo Gesù nostro Signore. "

    Nel sito di Achille (non ricordo dove) è detto quanto segue:

    "La dottrina dei due destini ha privato i testimoni di Geova dalla necessità di nascere di nuovo, di partecipare realmente alla Santa Cena (commemorazione) Giovanni 6:53-56; 13:12-17, e di beneficiare di gran parte della Bibbia (quasi tutto il N.T.) che applicano alla classe dei 144.000 di cui solo una residua parte vive ancora sulla terra. "

    Per ulteriori informazioni vedi:

    http://www.infotdgeova.it/dottrine/destini.php

    http://www.infotdgeova.it/dottrine/terra.php

    http://www.infotdgeova.it/dottrine/terra.php

    Ciao
    Mario







    "Il messaggio è chiaro. Il nostro amore per Geova dev’essere più forte del nostro amore per i familiari che gli divengono sleali.
    Oggi Geova non mette immediatamente a morte quelli che violano le sue leggi.
    Amorevolmente dà loro l’opportunità di pentirsi delle loro opere ingiuste. Ma come si sentirebbe Geova se i genitori di un trasgressore impenitente continuassero a metterLo alla prova frequentando senza necessità il loro figlio disassociato?"(La torre di Guardia 15 luglio 2011 pagine 31)
  • OFFLINE
    Topsy
    Post: 1,201
    Registered in: 6/26/2006
    Veteran User
    00 7/22/2008 7:52 PM

    (Mario70), 22/07/2008 17.16:




    Le scritture parlano dello stato dei morti come di sonno, sappiamo che la teologia ebraica primordiale concepiva l'uomo come un insieme di adam, ruah e neshama, l'anima (nephesh) era la persona completa nella sua totalità ... i morti però non hanno un annientamento totale in quanto qualcosa sopravvive alla morte in uno stato larvale in un "luogo" chiamato sheol, qui "risiedono le ombre dei morti"...




    Teologia ebraica primordiale? [SM=x570868]
    Gli ebrei ancora oggi credono che la morte sia un sonno, e ancora oggi, che l'uomo è composto da un elemento spirituale, celeste, che viene dall'alto (neshamà) e uno materiale dal basso (polvere della terra), e che in modo misterioso Dio custodisca l'anima di ogni uomo, sino al momento della risurrezione. Lo Sheol, continua a rappresentare la tomba come il luogo in cui si riflettono le ombre di ciò che gli uomini erano in vita, e che è la Legge Mosaica proibisce di evocare ( dunque sono banditi spiritismo e medium). Metti anche in conto che già in Deut. 29,28 Mosè aveva proibito ogni speculazione sull'Aldilà, perchè "le cose occulte appartengono a Dio", per cui presso l'ebraismo lo Sheol resta il luogo aperto alla domanda.



  • OFFLINE
    Polymetis
    Post: 6,970
    Registered in: 7/8/2004
    Master User
    00 7/22/2008 8:05 PM
    "Teologia ebraica primordiale?"

    Suppongo che Mario volesse suggerire un confronto l'escatologia ebraica attestata nelle fasi più arcaiche della rivelazione e quella che invece, con l'influsso dell'ellenismo, venne delineandosi in alcuni gruppi del giudaismo del II tempio e del giudaismo della diaspora, con un'anima pienamente sensibile, ad esempio come vediamo in Enoch(con la minuzionsa descrizione dei castighi ultraterreni) e nella Sapienza (dove addirittura il termine usato è athanasia, cioè immortalità).
    ---------------------
    Ά όταν έκτιζαν τα τείχη πώς να μην προσέξω.
    Αλλά δεν άκουσα ποτέ κρότον κτιστών ή ήχον.
    Ανεπαισθήτως μ' έκλεισαν απο τον κόσμο έξω
    (Κ. Καβάφης)
  • OFFLINE
    Achille Lorenzi
    Post: 10,197
    Registered in: 7/17/2004
    Gold User
    00 7/22/2008 8:21 PM
    Polymetis, 22/07/2008 12.20:

    Sul sito di Achille ci sono diverse pagine sugli argomenti che cerchi.
    Ad maiora

    Per quanto riguarda l'"anima", vedi:
    www.infotdgeova.it/dottrine/anima.php

    Achille


  • OFFLINE
    patacca75
    Post: 6
    Registered in: 7/14/2008
    Junior User
    00 7/22/2008 8:25 PM
    Ma quanta ne sapete ragazzi!Grazie a tutti,ora leggerò bene la bibbia ed ogni vostro prezioso consiglio.
    Pioniera regolare io ho 33 anni e mia sorella 27 e sono circa 4 anni che è dentro ma prima di conoscere questo sito oramai mi convincevano anche a me!Purtroppo le persone avrebbero bisogno di più risposte dalla religione cattolica e non trovandole vanno dove gliele danno giuste o sbagliate che siano.Seguirò il tuo consiglio e mi prenderò tempo per parlarne.Grazie per avere detto"se avessi una sorella come te!"Io invece mi rimprovero di non essermi documentata prima!
    Mario Dice:
    Per quanto riguarda l'anima immortale io mi concentrerei di più sul discorso unti che vanno in cielo e gli altri di serie b che rimangono in terra.

    Giustissimo,abbiamo parlato anche di questi presunti unti e le ho chiesto come fanno ad essere certi di essere loro i prescelti e se l'associazione ha un occhio di riguardo verso di loro.lei mi ha detto che vengono trattati come gli altri,è vero?
    Scusate la mia grande ignoranza,sto cercando di documentarmi il più possibile però eh!
    Per me la religione giusta è la cattolica perchè sono nata qui ma credo che tutti preghiamo lo stesso Dio [SM=x570892]
  • OFFLINE
    (Mario70)
    Post: 1,841
    Registered in: 7/17/2005
    Veteran User
    00 7/22/2008 8:29 PM
    Re:
    Polymetis, 22/07/2008 20.05:

    "Teologia ebraica primordiale?"

    Suppongo che Mario volesse suggerire un confronto l'escatologia ebraica attestata nelle fasi più arcaiche della rivelazione e quella che invece, con l'influsso dell'ellenismo, venne delineandosi in alcuni gruppi del giudaismo del II tempio e del giudaismo della diaspora, con un'anima pienamente sensibile, ad esempio come vediamo in Enoch(con la minuzionsa descrizione dei castighi ultraterreni) e nella Sapienza (dove addirittura il termine usato è athanasia, cioè immortalità).




    Hai supposto bene caro
    Ciao
  • OFFLINE
    (Mario70)
    Post: 1,842
    Registered in: 7/17/2005
    Veteran User
    00 7/22/2008 8:31 PM
    Re:
    patacca75, 22/07/2008 20.25:

    Ma quanta ne sapete ragazzi!Grazie a tutti,ora leggerò bene la bibbia ed ogni vostro prezioso consiglio.
    Pioniera regolare io ho 33 anni e mia sorella 27 e sono circa 4 anni che è dentro ma prima di conoscere questo sito oramai mi convincevano anche a me!Purtroppo le persone avrebbero bisogno di più risposte dalla religione cattolica e non trovandole vanno dove gliele danno giuste o sbagliate che siano.Seguirò il tuo consiglio e mi prenderò tempo per parlarne.Grazie per avere detto"se avessi una sorella come te!"Io invece mi rimprovero di non essermi documentata prima!
    Mario Dice:
    Per quanto riguarda l'anima immortale io mi concentrerei di più sul discorso unti che vanno in cielo e gli altri di serie b che rimangono in terra.

    Giustissimo,abbiamo parlato anche di questi presunti unti e le ho chiesto come fanno ad essere certi di essere loro i prescelti e se l'associazione ha un occhio di riguardo verso di loro.lei mi ha detto che vengono trattati come gli altri,è vero?
    Scusate la mia grande ignoranza,sto cercando di documentarmi il più possibile però eh!
    Per me la religione giusta è la cattolica perchè sono nata qui ma credo che tutti preghiamo lo stesso Dio [SM=x570892]



    Diciamo che solo gli unti compongono il corpo direttivo dei tdg, è vero comunque che di solito chi si ritiene unto e lo dimostra mangiando il pane e benvendo il vino alla commemorazione viene trattato come gli altri.
    Si dichiara unto chi sente interiormente di appartenere al regno dei cieli.
    Ciao



    "Il messaggio è chiaro. Il nostro amore per Geova dev’essere più forte del nostro amore per i familiari che gli divengono sleali.
    Oggi Geova non mette immediatamente a morte quelli che violano le sue leggi.
    Amorevolmente dà loro l’opportunità di pentirsi delle loro opere ingiuste. Ma come si sentirebbe Geova se i genitori di un trasgressore impenitente continuassero a metterLo alla prova frequentando senza necessità il loro figlio disassociato?"(La torre di Guardia 15 luglio 2011 pagine 31)
  • OFFLINE
    patacca75
    Post: 7
    Registered in: 7/14/2008
    Junior User
    00 7/22/2008 8:32 PM
    Volevo fare una domanda a pioniera regolare,se non ti va di rispondermi no problem:cosa ti ha spinto a dissociarti?
    Grazie anche per l'aiuto che mi hai offerto [SM=g1537336]
  • OFFLINE
    Topsy
    Post: 1,202
    Registered in: 6/26/2006
    Veteran User
    00 7/22/2008 8:41 PM
    Re:
    Polymetis, 22/07/2008 20.05:

    "Teologia ebraica primordiale?"

    Suppongo che Mario volesse suggerire un confronto l'escatologia ebraica attestata nelle fasi più arcaiche della rivelazione e quella che invece, con l'influsso dell'ellenismo, venne delineandosi in alcuni gruppi del giudaismo del II tempio e del giudaismo della diaspora, con un'anima pienamente sensibile, ad esempio come vediamo in Enoch(con la minuzionsa descrizione dei castighi ultraterreni) e nella Sapienza (dove addirittura il termine usato è athanasia, cioè immortalità).




    Il medio giudiasmo è tutto un fiorir di idee e concezioni alternative concernenti la morte, l'immortalità dell'anima e la risurrezione, e riguardo a questi ultimi due, pare proprio che alcuni autori non dovessero avvertire la differenza tra le due concezioni, o non le si dava l'importanza che il nostro razionalismo esige. Accade non di rado che i testi che parlano di tali dottrine non si pongano il problema del rapporto anima-corpo (ad eccezione della Sapienza, se ben ricordo), ed anche quando ritroviamo il tema della vita dopo la morte, ci troviamo di fronte a espressioni che si adattano ugualmente alla risurrezione che alla sopravvivenza dell'anima
    In alcuni testi apocrifi certamente appaiono immagini pittoresche dell'oltretomba, ripresi poi in alcuni brani talmudici, che col tempo tuttavia, hanno finito con il costituire più che una dottrina di fede, altro materiale che è andato ad aggiungersi al folklore ebraico (già assai ricco) assieme alla demonologia, il mal'occhio e superstizioni varie.
    Nonostante l'ebraismo di oggi, si sia portato tutto questo bagaglio di dottrine dietro (come se temesse di perdersi qualcosa), tra tutte, è certamente la credenza nella risurrezione che si è imposta con maggiore forza, anche se non condivisa universalmente da tutte le correnti(ad esempio dall'ebraismo progressivo).



    Per Mario:
    ...nel tuo intervento avevi accennato alla teologia ebraica primordiale in riferimento a "l'uomo come un insieme di adam, ruah e neshama, l'anima (nephesh) era la persona completa nella sua totalità ... i morti però non hanno un annientamento totale in quanto qualcosa sopravvive...".
    Il mio post intedeva semplicemente informare che questa credenza appartiene anche all'ebraismo odierno.

    [Edited by Topsy 7/22/2008 9:57 PM]
  • OFFLINE
    patacca75
    Post: 8
    Registered in: 7/14/2008
    Junior User
    00 7/22/2008 8:45 PM

    Diciamo che solo gli unti compongono il corpo direttivo dei tdg, è vero comunque che di solito chi si ritiene unto e lo dimostra mangiando il pane e benvendo il vino alla commemorazione viene trattato come gli altri.
    Si dichiara unto chi sente interiormente di appartenere al regno dei cieli.

    Ma come fanno ad esserne sicuri?Tu cosa ne pensi Mario?
  • OFFLINE
    Epifanio di Salamina
    Post: 305
    Registered in: 7/25/2004
    Senior User
    00 8/1/2008 3:55 PM
    Re:
    patacca75, 22/07/2008 9.57:

    Sto sempre cercando di convincere mia sorella ma non ho la cultura che ha lei sulla bibbia




    Dove vivi?



    Cari saluti
    Andrea


  • OFFLINE
    (Mario70)
    Post: 1,856
    Registered in: 7/17/2005
    Veteran User
    00 8/1/2008 5:33 PM
    Re:
    patacca75, 22/07/2008 20.45:


    Diciamo che solo gli unti compongono il corpo direttivo dei tdg, è vero comunque che di solito chi si ritiene unto e lo dimostra mangiando il pane e benvendo il vino alla commemorazione viene trattato come gli altri.
    Si dichiara unto chi sente interiormente di appartenere al regno dei cieli.

    Ma come fanno ad esserne sicuri?Tu cosa ne pensi Mario?




    Dovresti chiederlo a loro!
    Io di cose emotive e irrazionali non mi sono mai fidato è un campo pericoloso e ogni religione fa leva su queste cose, personalmente preferisco avvicinarmi alla religione dal punto di vista intellettuale ed empirico, quindi non sono proprio la persona adatta per aiutarti.
    Ciao cara.

    "Il messaggio è chiaro. Il nostro amore per Geova dev’essere più forte del nostro amore per i familiari che gli divengono sleali.
    Oggi Geova non mette immediatamente a morte quelli che violano le sue leggi.
    Amorevolmente dà loro l’opportunità di pentirsi delle loro opere ingiuste. Ma come si sentirebbe Geova se i genitori di un trasgressore impenitente continuassero a metterLo alla prova frequentando senza necessità il loro figlio disassociato?"(La torre di Guardia 15 luglio 2011 pagine 31)
  • mauro.68
    00 8/1/2008 6:12 PM
    LA BIBBIA E L'IMMORTALITA' DELL'ANIMA



    Sebbene il Vecchio Testamento enfatizzi più volte, in modo provocatorio, l'indebolimento delle potenzialità umane dopo la morte (Ecclesiaste 9,10 e Salmo 6,5) e, per un certo gusto del paradosso, metta talora addirittura in dubbio le possibilità di resurrezione (Giobbe 14,14), la fede nell'immortalità dell'uomo trova solidi fondamenti in tutta la Bibbia. Si vedano, ad esempio:

    1. 1 Samuele 28 (lo spirito di Samuele salì dal soggiorno dei morti e rimproverò Saul che lo aveva evocato);

    2. Siracide 46,20 (dopo la sua morte Samuele profetizzò, predicendo al re Saul la sua fine; anche dal sepolcro levò ancora la voce per allontanare con una profezia l’iniquità dal popolo);

    3. Giobbe 19,26 (Giobbe ebbe fede che, dopo la distruzione del corpo, senza la sua carne, avrebbe visto Dio);

    4. Giobbe 26,4 (le ombre tremano nel soggiorno dei morti);

    5. Salmo 16,10 (Davide intravide la resurrezione del giusto);

    6. Salmo 22,30 (A Dio solo si prostreranno quanti dormono sotto terra, davanti a Lui si curveranno quanti discendono nella polvere);

    7. Isaia 14,9-17 (nel soggiorno dei morti, le ombre dei principi della terra si svegliarono, presero la parola, guardarono ed interrogarono il re di Babilonia);

    8. Ezechiele 32,21 (i principi barbari caduti in battaglia accolsero il faraone nel soggiorno dei morti);

    9. Ezechiele 37 (una visione di ossa aride annunciò la restaurazione di Israele dopo la cattività babilonese e, in modo simbolico, la resurrezione alla fine dei tempi);

    10. Daniele 12,2 (parla della resurrezione alla fine dei tempi);

    11. 2 Maccabei 7 (sette fratelli torturati e martirizzati dalla persecuzione dei seleucidi annunciarono la resurrezione);

    12. 2 Maccabei 12,38-45 (Giuda Maccabeo offrì un sacrificio per i morti, nella speranza della resurrezione);

    13. 2 Maccabei 15,12-13 (il profeta Geremia defunto e il sommo sacerdote Onia assassinato pregarono per il popolo ebraico);

    14. Sapienza 3-4-5 (parla del giorno del giudizio finale);

    15. Matteo 17,3 (apparvero Mosé ed Elia: mentre di Elia era atteso il ritorno, Mosé era sicuramente morto da secoli);

    16. Matteo 22,23-33 (Cristo affermò la resurrezione dei morti di fronte ai sadducei);

    17. Matteo 25,31-46 (Cristo annunciò la resurrezione e il giudizio finale);

    18. Luca 16,19-31 (Abramo, il ricco e Lazzaro dialogarono tra loro, sebbene morti);

    19. Luca 23,43 (Gesù promise "oggi" il paradiso al buon ladrone);

    20. Giovanni 11 (parla della resurrezione finale e della resurrezione miracolosa di Lazzaro);

    21. 1 Corinzi 15 (Paolo approfondì il tema della resurrezione);

    22. 2 Corinzi 5,1-5 (parla della tenda del corpo e del desiderio di non essere spogliati ma sopravvestiti);

    23. 2 Corinzi 5,8-10 (parla della partenza dal corpo, del giudizio sulle opere compiute finché si era nel corpo e della vita presso il Signore dopo la morte);

    24. Filippesi 1,23 (parla della partenza dal corpo e della vita presso il Signore, dopo la morte);

    25. 1 Pietro 3,19-20 (Cristo morto andò a predicare ai morti);

    26. 1 Pietro 4,6 (Cristo morto andò a predicare ai morti);

    27. 2 Pietro 1,12-15 (parla della partenza dalla tenda del corpo);

    28. Ebrei 9,27 (dice che dopo la morte viene il giudizio);

    29. Ebrei 12,22-24 (parla della Gerusalemme celeste, città del Dio vivente, patria di Gesù Cristo, adunanza festosa delle miriadi di angeli e degli spiriti dei giusti portati alla perfezione);

    30. Apocalisse 6,11 (narra come ai tempi delle persecuzioni romane le anime dei martiri sotto l'altare pregassero, gridassero vendetta, chiedessero giustizia a Dio, ricevessero una veste bianca, dialogassero con il Signore ed attendessero con pazienza la fine della prova dei loro fratelli);

    31. Apocalisse 14,1-7 (davanti al trono di Dio, i 144.000 compagni dell'Agnello redenti dalla terra, cantano un canto nuovo);

    32. Apocalisse 20 (parla della prima e della seconda resurrezione alla fine dei tempi).



    Davanti a queste prove schiaccianti, come si può ancora sostenere, come i sadducei, che non esiste né resurrezione, né angeli, né spirito (Atti 23,89)?

    Fonte: digilander.libero.it/domingo7/Anima.htm
  • cavdna
    00 8/2/2008 7:12 PM
    mi scuso con il fratello in CRISTO Achille se approfitto di una sua immagine


    vi saluto in CRISTO SIGNORE

    mia cara sorella "patacca.." che scrivi :

    patacca75, 22/07/2008 9.57 :


    Sto sempre cercando di convincere mia sorella ma non ho la cultura che ha lei sulla bibbia e faccio delle gran figuracce perchè mi dice"io te lo so spiegare questo passo perchè tu no?"e io le dico"perchè io non passo la vita a leggere giornalini facci altro"e lei"allora sono contenta perchè ho una padronanza di linguaggio che tu non hai ed io zitta penso"e grazie,vi addestrano bene!"
    Vabbè lasciamo perdere..



    R I S P O S T A

    mia cara sorella,
    [SM=x570890]
    quello che tu stai conducendo è lodevole, ma permettimi di dire

    mi auguro che la tua affermazione "convincere" sia nelle giusti limiti

    noi possiamo solo cercare di far comprendere le ragioni del nostro credo, ma quando passiamo a voler convincere....
    (non so se mi spiego)

    inoltre

    sull'immortalità dell'anima


    ti invito a rileggere dal Vangelo di Matteo 17, 1 – 7 :
    Capitolo 17

    La trasfigurazione

    “1 Sei giorni dopo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte. 2 E fu trasfigurato davanti a loro; il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce. 3 Ed ecco apparvero loro Mosè ed Elia, che conversavano con lui. 4 Pietro prese allora la parola e disse a Gesù: “Signore, è bello per noi restare qui; se vuoi, farò qui tre tende, una per te, una per Mosè e una per Elia”. 5 Egli stava ancora parlando quando una nuvola luminosa li avvolse con la sua ombra. Ed ecco una voce che diceva: “Questi è il Figlio mio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto. Ascoltatelo”. 6 All’udire ciò, i discepoli caddero con la faccia a terra e furono presi da grande timore. 7 Ma Gesù si avvicinò e, toccatili, disse: “Alzatevi e non temete”. 8 Sollevando gli occhi non videro più nessuno, se non Gesù solo.”


    oppure sempre per lo stesso racconto nel Vangelo di Luca 9, 28 36

    (mi scuso con Achille se riprendo da altro 3d una sua immagine, ma solo per cercare di rendere più chiaro quandto sto per esporre)


    Achille Lorenzi, 02/08/2008 17.53:







    e cerca di comprendere prima di tutto tu casa significhi questa apparizione
    (se poi vorrai continuare con il confronto con la sorella)

    cosa significhi la presenza di Mosè e del Profeta Elia?
    ma sopratutto in che "forma" questi apparvero
    (fantasmi-carne o cos'altro?)

    infatti Pietro afferma :
    "4 Pietro prese allora la parola e disse a Gesù: “Signore, è bello per noi restare qui; se vuoi, farò qui tre tende, una per te, una per Mosè e una per Elia”.”"
    tre tende di cui due per persone morte?
    ma dopo la morte non vi è più nulla?
    Pietro vaneggia?

    e il momento in cui EGLI verrà per giudicarci non era e non è ancora giunto - quindi con chi parlava il CRISTO?

    ed infine

    la voce che diceva :
    "Ed ecco una voce che diceva: “Questi è il Figlio mio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto. Ascoltatelo”. "


    quell'Ascoltatelo è riferito solo ai tre Apostoli presenti sul monte oppure è riferito a tutti compreso il mondo delle anime?
    (Mosè ed Elia)

    ///////////////////

    Paradiso in cielo o sulla terra?

    non credo che il Paradiso sia un luogo

    noi sin da questa nostra vita possiamo sperimentare il Paradiso o l'inferno
    proprio attraverso le nostre esperienze :
    "che giornata d'inferno che ho passato-è successo di tutto....."

    "che meravigliosa giornata - mi sono sentito al settimo cielo nelle grazie di DIO....."

    il Paradiso e l'inferno non credo che siano un luogo circoscritto ...., ma se vorrai possiamo approfondire.


    grazie [SM=x570890] [SM=x570864] [SM=x570890]

    vi saluto in CRISTO RISORTO





    .



    [Edited by cavdna 8/2/2008 7:13 PM]
  • mauro.68
    00 8/3/2008 11:39 AM
    Sinceramente io sono molto confuso su questo argomento, non ho mai capito precisamente cosa ci succederà dopo la morte, certo che se è come dicono gli ebrei, sarebbe molto inquietante, comunque sempre meglio di quello che dicono i tdg.
  • cavdna
    00 8/3/2008 11:52 AM
    vi saluto in CRISTO SIGNORE

    mio caro fratello "mauro..." che scrivi :

    mauro.68, 03/08/2008 11.39:

    Sinceramente io sono molto confuso su questo argomento, non ho mai capito precisamente cosa ci succederà dopo la morte, certo che se è come dicono gli ebrei, sarebbe molto inquietante, comunque sempre meglio di quello che dicono i tdg.





    R I S P O S T A

    mio caro fratello

    il tuo precedente post era quasi un riepilogo Scritturale offerto alla cara sorella "patacca.." sull'immortalità delle'anima

    ora invece parli di confusione nel tal merito.

    forse potresti iniziare a parlare dei tuoi stessi inciampi al fine di cercare di portare chiarezza là dove tu vedi confusione?

    RIFLETTO, prima della morte e di questa nostra vita

    un neonato non ipotizzerebbe neanche minimamente quello che sarà la sua vita dopo quel "TUNNEL"
    cambio da liquido amniotico - ossigeno
    alimentazione diretta dalla gestante - dovrà procurarselo
    ovattato e protetto dalla gestante - dovrà gestirsi da solo....
    etc. etc.

    eppure

    dopo il parto

    "DOLORE/PIANTO"

    ma poi le GIOIE della VITA?

    volendo possiamo continuare.


    grazie [SM=x570864]

    vi saluto in CRISTO RISORTO



    .



  • mauro.68
    00 8/4/2008 10:11 AM
    Re:
    cavdna, 03/08/2008 11.52:

    vi saluto in CRISTO SIGNORE

    mio caro fratello "mauro..." che scrivi :





    R I S P O S T A

    mio caro fratello

    il tuo precedente post era quasi un riepilogo Scritturale offerto alla cara sorella "patacca.." sull'immortalità delle'anima

    ora invece parli di confusione nel tal merito.

    forse potresti iniziare a parlare dei tuoi stessi inciampi al fine di cercare di portare chiarezza là dove tu vedi confusione?

    RIFLETTO, prima della morte e di questa nostra vita

    un neonato non ipotizzerebbe neanche minimamente quello che sarà la sua vita dopo quel "TUNNEL"
    cambio da liquido amniotico - ossigeno
    alimentazione diretta dalla gestante - dovrà procurarselo
    ovattato e protetto dalla gestante - dovrà gestirsi da solo....
    etc. etc.

    eppure

    dopo il parto

    "DOLORE/PIANTO"

    ma poi le GIOIE della VITA?

    volendo possiamo continuare.


    grazie [SM=x570864]

    vi saluto in CRISTO RISORTO



    .







    Beh a te qualche volta non ti vengono alcuni dubbi? Ad esempio, dopo morti si va in cielo come da tradizione cristiana, allora che senso ha il giudizio finale? Voglio dire la persona è già stata giudicata in cielo.
    [Edited by mauro.68 8/4/2008 10:18 AM]
  • OFFLINE
    robi1943
    Post: 43
    Registered in: 9/6/2006
    Junior User
    00 8/4/2008 11:31 AM
    Carissimi
    Nella speranza di portare un contributo, con le eventuali correzioni di qualcuno che abbia una visione più ampia del problema, vorrei riprendere alcuni concetti già postati in "ancora sull’anima" nella sezione libri.
    Io continuo a rilevare, ultimamente in una pubblicazione di don Franco Manzi una nuova visione sull’immortalità che a me sembra sempre più allontanarsi dal pensiero tomistico che ancora permea il nostro catechismo e il comune sentire del popolo cristiano.
    Leggo e rileggo passi dell’ ”introduzione al cristianesimo” dell’allora card Ratzinger e ne avverto conferma.
    L’anima non avrebbe un’ ”immortalità” intrinseca ma “dialogica”
    Quanto segue riporta, parafrasando per brevità alcuni passaggi

    Partendo dalla “risurrezione” come l’essere-più-forte dell’amore sulla morte.
    Essa è al contempo la dimostrazione di ciò che solo può creare immortalità: l’essere nell’altro, che continua ad esistere anche quando io non ci sono più……..Per l’uomo, che non ha in sé un principio di sussistenza, umanamente parlano, il sopravvivere risulterà possibile soltanto continuando a vivere in un altro.

    Naturalmente l’argomento viene ripreso in più sezioni del libro, a me pare sempre con il medesimo risultato.
    Qual è il problema?
    Innanzitutto invoco i più esperti a verificare se il problema sussiste
    Dopodichè, se confermato, nello spirito del forum approfondire per offrire strumenti adeguati a far fronte alle obiezioni di chi ha già colto e utilizza le “nuove impostazioni”.

    ciao

    Roberto
    cercoilvero
  • OFFLINE
    misterx78
    Post: 1,389
    Registered in: 3/22/2008
    Veteran User
    00 8/4/2008 11:43 AM
    COnvincere ad arrendersi al 'dubbio'? Non credo che un'aspirante pionera cadrà nella trappola di 'Satana'...

    Io sono riuscito a mandare in crisi pastori evangelici, gente di yoga, tai chi, scientologisti e altro...


    Ma un tdg... MAI!!!



    [SM=g27830]

    Se riesci a demotivare tua sorella, futura pioniera, dobbiamo premiarti con una super pizza o qualcosa del genre, giuro(e non su Geova!)!!! [SM=x570864] [SM=g27824]
  • OFFLINE
    Bicchiere mezzo pieno
    Post: 3,596
    Registered in: 8/25/2005
    Master User
    00 8/4/2008 12:00 PM
    Mauro.68 ha scritto:


    Beh a te qualche volta non ti vengono alcuni dubbi? Ad esempio, dopo morti si va in cielo come da tradizione cristiana, allora che senso ha il giudizio finale? Voglio dire la persona è già stata giudicata in cielo.



    Infatti i morti sono già stati giudicati ma nel giudizio finale viene rattificata la loro sentenza. Non dimentichiamo che al contrario degli angeli gli uomini sono fatti sia di spirito che di carne. La loro carne verrà destata incorruttibile e atta ad ereditare il Regno dei Cieli non essendo più contaminata dal peccato originale. Anima e copro, incorruttibile stavolta, saranno ricongiunti e la persone potra beneficiare in maniera più completa del giudizio che Dio aveva già emesso.
    Per quanto riguarda coloro che ancora saranno in vita sulla terra, nel Giorno del Giudizio non verrà rattificato nulla ma saranno giudicati esclusivamente in quel tempo. Non dovranno però attendere come i morti prima del Giorno del Giudizio, che i loro corpi vengano risorti perché i loro corpi saranno automaticamente trasformati mentre loro saranno ancora in vita e l’individuo stesso trasportato nel Regno dei Cieli.

    Questo è quello che insegna Paolo quando dice:


    “1Corinzi 15:51 Ecco io vi annunzio un mistero: non tutti, certo, moriremo, ma tutti saremo trasformati,
    1Corinzi 15:52 in un istante, in un batter d'occhio, al suono dell'ultima tromba; suonerà infatti la tromba e i morti risorgeranno incorrotti e noi saremo trasformati.”


    La verità non è qualcosa di statico ma è basata su una conoscenza progressiva, in grado di mettere in discussione anche i precedenti concetti raggiunti usando il modello del metodo scientifico
  • cavdna
    00 8/4/2008 12:54 PM
    inizialmente....



    vi saluto in CRISTO SIGNORE

    mio caro fratello "mauro.." che scrivi :

    mauro.68, 04/08/2008 10.11:




    Beh a te qualche volta non ti vengono alcuni dubbi? Ad esempio, dopo morti si va in cielo come da tradizione cristiana, allora che senso ha il giudizio finale? Voglio dire la persona è già stata giudicata in cielo.




    R I S P O S T A

    mio caro fratello


    i dubbi?
    certamente, anch’io vivo di dubbi

    e non credo che sia vere fede quella che ha colui che da credente non ha dubbi, colui che ha solo certezze nelle sue tasche

    la fede E’ fatta di dubbi (per esempio? - vedi Maria : …………come è possibile ciò che tu mi dici? - io non conosco uomo….. – non Temere Maria l’ombra dell’…..)

    motivo per cui trovo pieno accoglimento Scritturale per esempio…
    dal Vangelo di Luca 3, 4 – 6 :

    4 com’è scritto nel libro degli oracoli del profeta Isaia:

    Voce di uno che grida nel deserto:
    Preparate la via del Signore,
    raddrizzate i suoi sentieri!
    5 Ogni burrone sia riempito,
    ogni monte e ogni colle sia abbassato;
    i passi tortuosi siano diritti;
    i luoghi impervi spianati.
    6 Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!


    cosa sono queste cose da smussare, da appianare, da equilibrare?

    se non proprio i nostri dubbi …….
    – il nostro “IO”
    - i nostri limiti
    – le nostre imperfezioni
    – il nostro orgoglio
    – la nostra scienza
    - le nostre miserie?

    e poiché noi vedremo la Salvezza
    dobbiamo riconoscere davanti l’immensità del nostro DIO i nostri limiti e le nostre pochezze, e riconoscere che il nostro DIO si mostra a noi in maniera graduale e mai definitiva (vedi Mosè), ma….
    sappiamo anche che CRISTO ci ha detto tra le altre cose…., dal Vangelo di Giovanni 16, 22 :
    “Vi vedrò di nuovo e il vostro cuore si rallegrerà e nessuno vi potrà togliere la vostra gioia”


    ecco questa deve essere la nostra SPERANZA = CRISTO SPERANZA del mondo

    proprio come affermato nell’Enciclica :
    LETTERA ENCICLICA
    SPE SALVI
    DEL SOMMO PONTEFICE
    BENEDETTO XVI
    AI VESCOVI
    AI PRESBITERI E AI DIACONI
    ALLE PERSONE CONSACRATE
    E A TUTTI I FEDELI LAICI
    SULLA SPERANZA CRISTIANA

    al seguente link :

    www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/encyclicals/documents/hf_ben-xvi_enc_20071130_spe-salvi_it.html#...

    ti consiglio una attenta lettura :

    - Il concetto di speranza basata sulla fede nel Nuovo Testamento e nella Chiesa primitiva
    - La vita eterna – che cos'è?

    grazie [SM=x570864]


    Ti saluto in CRISTO RISORTO




    .
    [Edited by cavdna 8/4/2008 12:58 PM]
  • mauro.68
    00 8/4/2008 8:40 PM
    Ringrazio chi mi ha risposto, i miei dubbi forse sono anche accentuati dal fatto che sono cresciuto in una famiglia tdg, non la mia però, questo avrà influito molto sul cammino della mia fede, che è molto ma molto lunga ancora.
    Dimenticavo a differenza di molti, io sto aspettando senza paura la fine, vorrei essere vivo per assistere a questa grande cosa.
    [Edited by mauro.68 8/4/2008 8:44 PM]
  • 153.00340