I Cavalier, l'Arme e l'Amore Gruppo di discussione improntato al rispetto reciproco, al piacere del dialogo, con libertà di spaziare dove ci porta il pensiero, in maniera leggera e in un'atmosfera gioviale

Il pesce: un grande alleato per il nostro organismo!

  • Posts
  • OFFLINE
    Nina§
    Post: 5,056
    Post: 1,514
    Registered in: 3/12/2004
    Location: ROMA
    Age: 52
    Gender: Female
    Moderatore
    Condottiero/Dama
    00 2/24/2008 12:27 PM
    Proprietà
    Le proteine del pesce sono ad alto valore biologico e sono ricche soprattutto in metionina e lisina; la variabilità del loro contenuto è dovuta, oltre che alla presenza di acqua, soprattutto alla componente lipidica. Proprio quest'ultima consente una ulteriore distinzione dei pesci in tre classi:

    * magri (acciuga, luccio, merluzzo, orata, palombo, rombo, sogliola, spigola), tenore in grassi inferiore al 3%;
    * semigrassi (carpa, cefalo, dentice, sardina, triglia, trota), tenore in grassi compreso fra il 3 e l' 8%;
    * grassi (anguilla, salmone, sgombro, tonno), tenore in grassi superiore all'8%.

    Pesce, alleato della dietaI grassi del pesce sono caratterizzati dalla presenza di una maggiore quantità di acidi grassi polinsaturi; fra questi spiccano l'acido eicosapentaenoico e docosaesaenoico, appartenenti alla serie omega 3.
    Tale categoria di lipidi esplica degli effetti benefici sulla salute umana; numerosi studi hanno dimostrato, infatti, che gli omega 3 hanno la capacità di abbassare il livello di colesterolo nel sangue e di migliorare la fluidità del sangue, contribuendo così alla prevenzione delle malattie cardiovascolari.
    Uno studio condotto su pazienti che avevano già avuto un infarto, ha dimostrato inoltre che l'assunzione regolare di olio di pesce riduce notevolmente il rischio di nuovi problemi cardiovascolari e, in particolare, i casi di morte improvvisa. Inoltre gli ω-3 agiscono sulle membrane neuronali favorendo il normale sviluppo cerebrale dei bambini e ridurrebbe il rischio di depressione.

    Il pesce ha, generalmente, un contenuto in colesterolo basso (50-70 mg / 100 g), a differenza di alcuni crostacei, come scampi e gamberi, che sono caratterizzati da livelli notevolmente più elevati: 95-180 mg / 100 g.


    Notevole è anche l'apporto di sali minerali, fra i quali spiccano selenio, iodio, fosforo, zinco e ferro. Il patrimonio vitaminico, infine, è costituito da vitamine del gruppo B (B1, B2 e B12), ma anche A ed E; la presenza di tali vitamine liposolubili è riscontrabile nel tessuto muscolare dei pesci grassi e nel fegato dei pesci magri.
    Il contenuto calorico, di solito modesto, varia a seconda del tipo di pesce.
    Il pesce è più digeribile della carne, la presenza di tessuto connettivo facilita la masticazione e il lavoro dei succhi gastrici, è quindi adatto all'alimentazione di tutte le età.




    Il MIO PHOTOBLOG

    PAINTING LIFE

    CLICCA QUI' PER ENTRARE


    ">Fedele Dama de...





  • OFFLINE
    Nina§
    Post: 5,056
    Post: 1,514
    Registered in: 3/12/2004
    Location: ROMA
    Age: 52
    Gender: Female
    Moderatore
    Condottiero/Dama
    00 2/24/2008 12:30 PM
    Come conservarlo. le etichette...queste sconosciute!

    Il pesce è un alimento altamente deperibile per essere sicuri di consumare il prodotto senza rischi seguire queste 3 regole:

    1. Al momento dell'acquisto: porre il pesce in apposite borse termiche e recarsi a casa in breve tempo, comunque non far passare più di 60 minuti.
    2. A casa eviscerare il pesce acquistato immediatamente, lavarlo accuratamente e conservalo in frigorifero dentro un contenitore chiuso.
    3. Consumarlo entro 24 ore.

    L'etichetta del pesce, sia esso fresco che surgelato deve riportare le seguenti indicazioni:

    * la denominazione commerciale della specie;
    * il metodo di produzione (pescato o allevato);
    * la zona di cattura per il pescato ed il Paese di provenienza per l'allevato;
    * il prezzo di vendita per unità di misura (Kg) riferito al peso netto; nel caso di pesce congelato, coperto da glassatura, la percentuale della glassatura è considerata tara.

    Per il pesce pescato la zona di cattura viene indicata come "zona FAO" seguita da un numero corrispondente alla località in cui il pesce è stato pescato, come riassunto nell'elenco:

    * Zone FAO n° 21 Atlantico nord-occidentale
    * Zone FAO n° 27 Atlantico nord-orientale
    * Zone FAO n° 27 IIId Mar Baltico
    * Zone FAO n° 31 Atlantico centro-occidentale
    * Zone FAO n° 34 Atlantico centro-orientale
    * Zone FAO n° 41 Atlantico sud-occidentale
    * Zone FAO n° 47 Atlantico sud-orientale
    * Zone FAO n° 37.1, 37.2 e 37.3 Mar Mediterraneo
    * Zone FAO n° 37.4 Mar Nero
    * Zone FAO n° 51 e 57 Oceano Indiano
    * Zone FAO n° 61, 67, 71, 77, 81 e 87 Oceano Pacifico
    * Zone FAO n° 48, 58 e 88 Antartico



    Il MIO PHOTOBLOG

    PAINTING LIFE

    CLICCA QUI' PER ENTRARE


    ">Fedele Dama de...





  • diavoletta21
    00 2/24/2008 3:15 PM
    Bel post c'erano diverse cose che nn sapevo...inoltre è ormai scientificamente certo che le vitamine presenti nel pesce stimolano ed aiutano la memoria e si pensa inoltre che abbiano effetti benefici sulla vista...
    A me purtroppo il pesce nn piace...sarà per questo che sono una smemorata cronica e che sono pure miope????
  • Telumendil
    00 2/25/2008 10:13 AM
    Quando abitavo in Liguria andavo quasi tutti i giorni a pesca (non avevo molto da fare...) devo dire che non mi stacherei mai di magiare pesce.