Laboratorio di Poesia scrivere e discutere di poesia

intervista: a ApricotBrandy, a Maeba Sciutti

  • Posts
  • OFFLINE
    ormedelcaos
    Post: 101
    7/14/2007 4:42 PM





    Intervista a ApricotBrandy, a Maeba Sciutti



    Dai tuoi occhi, ho presente l’immagine di te che cingi le tue gambe, traspare femminilità, seduzione e paura.
    Quale l’ordine in te di questi tre sentimenti
    ?

    Non so quando si incomincia ad avere paura. Quando sei piccola non la riconosci o non la sai nominare poi te la ritrovi posata su una spalla, come un'efelide o una cellula, diventa una parte di te.
    Così è una parte di me e tende a voler dominare su tutto il resto.
    La femminilità è una delle componenti più eleganti dell'essere una donna, comprende una serie di stereotipi che, pur essendo tali, amo ed indosso.
    La seduttività è una conseguenza di queste due caratteristiche. In me nasce, probabilmente, come protezione dal terrore ed è diventata un gesto di difesa automatico: l'ho adottata inconsciamente per sopravvivere.


    La seduzione del corpo e la seduzione della scrittura vanno di pari passo in te? e nel caso dovresti amputarne una delle due, quale lasceresti a te?



    Io non ho mai trovato la mia scrittura seduttiva quindi direi di no visto che non è una caratteristica che mi riconosco. Ma se è, come penso, un habitus mentale è possibile che altri trovino la mia scrittura seducente visto che è uno specchio e, in parte, un flusso di pensiero non controllato ma lasciato andare liberamente.
    Visto che è una difesa non potrei eliminare consciamente la seduzione a meno che non sparisca anche la paura. Magari.


    Dei sensi percettivi dovendone selezionare uno solo, sceglieresti il tatto o la vista?


    La vista senza alcun dubbio! Probabilmente per la consapevolezza di poter solo percepire senza mai possedere una verità, con il senso di nulla e di disgregazione, anche corpoea, che ne deriva e che ha bisogno di aggrapparsi ad un evento "tangibile" per essere annullato.
    L'eccesso di relativismo può arrivare a far considerare relativa anche la propria fisicità in un moto psichico molto destabilizzante che torna spesso in ciò che scrivo:

    "..Era candido coprirsi le spalle di uno scialle viola ed immaginare le costole come sporgenze di fiore incantandosi ad inseguire col mignolo la curva morbida del ginocchio e quella sinuosa di un petalo, marmorizzato, su un grappolo di quiete. Allora toccava lingue di linfa e di ossa le parlava solo il respiro.." (estratto da "Lingue di piume", Arpanet Edizioni")


    Ecco il lite motive di questa intervista: Il rapportarsi all’altro, crea in te abissi o voli, o solo colline?

    Mi sento spesso inadeguata e mi avvicino con circospezione. E' un abisso immaginativo da cui mi aspetto (per un vizio mentale antipatico) il peggio. La realtà è più clemente e spesso trasforma l'abisso in un momento di condivisione, qualche volta di empatia: quando ci si ritrova in un'unione mentale che è l'unico vero antidoto alla solitudine.




    Appuntamento al centro del pensiero


    Plastificami questo quarto di rosso
    disossato
    come un naso di pezza
    appiccicato al costato
    che gioca a rimpiattino
    fra quattro pareti di ossa
    rincorrendo un angolo che non conosce
    - abbraccio in un pensiero unito -
    come se, guardando la distesa di trifoglio,
    non ti distraessi
    parlando di caffè ed impugnature
    da tenere decise
    e ci ritrovassimo
    piccole e precise
    coccinelle
    imporporate sulla curva di un tulipano.


    Da "Lingue di Piume" Arpanet edizioni




    Grazie assai, Maeba.






  • filodiseta
    7/14/2007 5:13 PM
    "Lingue di Piume", con inserti in tessuto?!
    Un leggere, un vedere, un toccare: mi complimento e ti auguro repliche infinite, a successi come questo.


    Grazie a Te e a Walter, per avere inaugurato in maniera egregia, la sezione delle interviste.



    Un abbraccio a Voi!
    Modificato da filodiseta 14/07/2007 17.16
  • OFFLINE
    ApricotBrandy
    Post: 12
    7/15/2007 1:03 AM
    Grazie a voi. Siete stati davvero gentili e Walter molto paziente... [SM=g27995]

    io spero di poterti mostrare una copertina che ti piacerà tanto prima delle tue vacanze... [SM=g27988]
  • filodiseta
    7/15/2007 9:40 PM
    Sono sempre impaziente, ma le altre belle cose tue (e nostre), rendono piacevole l'attesa. Circa la partenza, deciderò la data definitiva domani, perché sono subentrate delle novità e "potrei" rimandare di una settimana. Boh [SM=g27993]


    Spero non mancherai di pubblicare nel tuo spazio del "libro delle firme", la foto della copertina che mi piacerà tanto [SM=g27988] e pubblicizzare il suo prezioso contenuto [SM=g27998]




    un abbraccio [SM=g28003]