ANIME DI LUCE Paganesimo,Esoterismo,Magia.Un luogo di scambio e di crescita..Benvenute a voi Anime di luce!

Qlifoth

  • Posts
  • OFFLINE
    -Amargantah-
    Post: 312
    Post: 6
    Registered in: 1/8/2006
    Gender: Female
    Senior User
    00 3/29/2007 1:50 AM
    La Qabalah e il lato sinistro

    Le forme di pensiero della mistica ebraica erano state in precedenza denominate Chokmah Perimit (= saggezza interiore).
    Un es. di corrispondenza numerologica è rappresentato dalla parola “Messia”= M.Sh.I.C.= 40+300+10+8=358, che corrisponde al serpente dell’Eden: “Nechesch”= N.Ch.Sh.=50+8+300 =358
    Poteva il Messia corrispondere al Serpente dell’Eden?
    La principale ambizione dello Zohar è di fornire un’interpretazione mistica della legge , la Torah, ovvero i 5 libri di Mosè.

    Esiste un "anti-albero della vita" le cui sfere sono le Qlifoth.
    Alcuni sostengono che non si conoscerà mai approfonditamente la Cabala se non se ne osserva anche il lato oscuro.
    I mondi distrutti

    Secondo alcuni cabalisti, prima della creazione del nostro mondo ne erano stati creati degli altri . Questi mondi erano stati creati unicamente dai principi del lato sinistro e avevano la radice in Binah, permettendo a Geburah di operare senza limiti (=squilibrio).Erano completamente negativi e quindi implosero a causa della loro malvagità e distruttività, Dio creò questi mondi per permettere l’esistenza di uomini giusti , non vi fu nessuno di giusto (concezione che ci deve essere male per vedere il bene). Dio fece tre tentativi : il primo distrutto e riportato a Binah (era regnato da Qamtiel), il secondo ,retto da Belial fu distrutto e il terzo, sotto il regno di Ittiel fu il peggiore dei tre (le forze intendevano porsi al di sopra del divino e tagliare l’Albero della Vita) , fu distrutto e tutti e tre ricondotti verso la radice Binah. Dio creò al loro posto il nostro mondo che contiene sia male che bene, istinti buoni e istinti malvagi, Geburah è finalmente equilibrata da Chesed. Non tutto ritornò a Binah però, certi residui dei tre mondi continuarono a esistere come residui e questi residui sono il male del mondo e sono chiamati Qlifoth.

    I re di Edom

    Ai tre mondi primordiali corrispondono e c’erano i re di Edom, Edom era un regno di severità non mitigata da alcuna pietà. Gli antichi re erano undici (associato al maligno) , essi governavano come demoni sovrani sugli anti-mondi del lato malvagio, sono associati a demoni.
    Samael (=Satana) è menzionato come il sovrano di Edom . Alcuni ebrei usavano il termine “re di Edom “ per indicare il cristianesimo , che essi credevano si fosse sviluppato dal lato oscuro.

  • OFFLINE
    -Amargantah-
    Post: 313
    Post: 7
    Registered in: 1/8/2006
    Gender: Female
    Senior User
    00 3/29/2007 1:52 AM
    e ancora...
    Le scorie associate al male creano un anti-struttura demonica inversa rispetto all’Albero della Vita e alle dieci Sephiroth. Si chiamano Klipot o Kelippot o Qlifoth (=singolare: Klipa, Kelippa , Qualifah) che significa pelle, corteccia, gusci. Sono le rimanenze della creaazione , bandite dall’Albero della Vita attraverso la purificazione e assumono le sembianze delle tentazioni del male, secondo alcune interpretazioni esse sono una forma di esistenza persino più antica di Dio.
    Geburah, il lato giudicante di Dio , è il fattore principale dietro la creazione delle Qlifoth.
    Dopo la caduta Geburah e costretta a ritornare nell’equilibrio delle sephiroth, ma alcune patri del suo potere sfuggono a questo obbligo. Queste parti si ribellano a Dio e danno origine alle proprie emanazioni , che consistono in dieci anti-mondi e la coppia demoniaca primordiale , Samael e Lilith. I cabalisti considerano i mondi qlifotici come illegittimi e corrispondono all’atto sessuale proibito nella sua forma.
    Vengono chiamati “escrementi della creazione”. Alcuni studiosi intendono connettere le Qlifoth con Assiah, i 10 anti-mondi qlifotici corrispondono all’intera struttura sephirotica , con tutto e quattro i mondi in cui è suddivisa.
    Il quarto mondo è quello asiatico ,chiamato anche il mondo dei gusci, il mondo della materia , che è costituito dagli elementi più densi degli altri tre mondi; esso è anche il regno degli spiriti malvagi , chiamati “i gusci”. I diavoli sono anche divisi in dieci classi e hanno le loro corrispondenti dimore. Ogni Qlifah rappresenta un aperto negativo (o opposto malvagio ) di ogni sephirah ed è popolata da demoni invece che da angeli:




    La Qlifah più alta , corrisponde al mondo archetipale superiore “Atziluth”, mentre Chaigidel e Satariel a quello della crezione : Briah, le sei successive sono associate al mondo della formazione: Ytzirah, solo l’ultima , la più bassa, , Nahemo, corrisponde ad Assiah.
    L’oscurità e l’impurità aumentano con il decrescere di ogni grado : i primi due non sono altro che assenza di forma visibile e organizzazione , il terzo è la dimora delle tenebre , seguono poi i sette Inferni abitati da quei demoni che rappresentano i vizi umani incarnati.
    Samael , la meretrice e la bestia costituiscono una trinità malvagia.

  • OFFLINE
    -Amargantah-
    Post: 314
    Post: 8
    Registered in: 1/8/2006
    Gender: Female
    Senior User
    00 3/29/2007 1:56 AM
    Le Qlifoth in analisi
    Lilith

    Lilith, la madre dei demoni, la regina dei vampiri, la sovrana delle meretrici e l’imperatrice del male ha perseguitato l’umanità dai tempi dei sumeri fino ai giorni nostri. E’ temuta come demone delle tempeste, associata con la parola semitica Layil indica la notte.
    Lilith è di leggendaria bellezza e ossessiona le notti sia degli uomini che delle donne,. Lei era la prima moglie di Adamo e fu creata a indipendentemente da lui , si rifiutò però di giacere sotto suo marito , Lilith fuggì quindi nel deserto dove incontrò creature dannate e bandite dalla creazione e fu considerata la madre dei demoni.
    Nella mistica ebraica Lilith era la luna originaria, rifiutando di cedere al sole, fu condannata a riflettere meramente la luce del sole . Lilith è la forza femminile primordiale , bandita in quanto non vi è posto per lei. Lilith è focosa , oscura demonessa forzata all’esilio, attraverso la sua condanna , passa in un’esistenza tetra e diviene un essere qlifotico. L’aspetto lunare di Lilith asppartiene alla Qlifah Gamaliel della quale è regina.
    Lei sia Qlifah che una demonessa. La Qlifah Lilith corrisponde a ciò che è selvaggio e carnale , rappresenta la madre terra nei suoi aspetti più violenti, è quella parte dell’esistenza fisica dell’uomo che non può essere controllata: Lilith non giacerà sotto(=madre terra non permetterà d’essere sfruttata).
    Lilith è la madre dei demoni ed è in lei che il mago deve cercare altre Qlifoth, è verso di lei che il pentagramma magico dell’oscurità punta: esso punta verso il basso verso terra , il suolo verso le ere antiche e primordiali.
    E’ dal suo grembo che il mago evoca i demoni delle qlifoth è esso la tomba in cui l’adepto oscuro entra di sua volontà nel regno della morte .
    Trovare la Qlifah Lilith è la prima difficoltà ; essa esiste in Malkuth , quindi esiste nel mezzo del nostro mondo, ma in aspetti dei quali non è assolutamente cosciente . Il sonno è l’assenza dello stato di veglia ed è anche il grambo della Qlifah Lilith, nei sogni appaiono parti represse della nostra mente e possono assumere figura demoniache in risposta ai desideri e paure.
    La Quiflah Lilith può aprirsi nei modi più inaspettati, in una parola pittoresca pronunciata in particolare contesto.
    Un modo efficacie di contattare la Qlifah di Lilith è andare di notte nella natura e meditare sulle ombre e sulle tenebre, lì dove gli oggetti non sono più visibili e si fondono con la nebbia oscura. Questa oscurità è il suo grembo e questo è lo scopo delle invocazioni del mago. Se si ripete questa formula per 13 volte Lilith potrebbe manifestarsi:

    MARAG AMA LILITH RIMOK NAAMAH

    Nel corso del contatto con la Qulifah Lilith potrebbero essere ricevute grandi emozioni o idee astratte.La Qulifah Lilith è governata da una demonessa chiamata Naamah, filgia o sorella miore di Lilith, ella è alle volte seducente e altre tirannica. Quando il mago vuole canalizzare la forza della Qlifah invoca Naamah, forza ustata principalmente nel corso di rituali legati al controllo e all’influenza sul piano materiale. Lilith è il lato oscuro della Shekinah e corrisponde alla Sophia degli gnostici e Shakti tantrica. La Shekinah , la Sophia e la Sakti sono la saggezza e le forze nascoste sul piano materiale è può portare ad un livello divino. Lei è Leviathan e Tiamat, il caos antico che esisteva prima della creazione del cosmo. Lilith appare nella forma della dea Kali, la forza rossa e selvaggia che danza in estasi e con una mano distrugge e l’altra crea.. Kali corrisonde al vulcano latente che riposa nell’uomo chiamato Kundalini , spesso rappresentato come un serpente o un drago, Nella tantrica Lilith corrisponde al lato opposto o interno del Muladhara Chakra: zona tra l’ano e ai genitali dove riposa il drago dormiente (kundalini)..
    Un modo per contattare Lilith è meditare sul Muladhara Chakra che è rappresentato come un loto rosso, il mago dovrebbe , in questo caso , meditare sulla parte posteriore del loto , qui infatti può essere trovata la caverna in cui il drago riposa prima del suo risveglio.

    Gamaliel

    La posizione di Lilith su Gamaliel è quella della regina del mondo ed è da qui che lei controlla il mondo, essendo la sua forza nascosta. Gamaliel è l’ombra dell’anima mundi , sfera deisigni e il lato oscuro di Yesod, in Gamaliel è possibile imbattersi nei sogni eche l’uomo normalmente non può o non vuole ricordare da sveglio; questi sogni oscuri rivelano ed espongono lati del proprio essre che non si vogliono accettare : Qlifa dei sogni oscuri. E’ anche sfera della sessualità proibita . Il mago Oscuro entra in Gamaliel per diventare pienamente cosciente dei meccanismi della sessualità e quindi per porre fine a schiavitù da istinti nascosti.
    Sia Yesod che Gamaliel appartengono alla sfera astrale . Tutti lasciano il corpo nel sonno, i sogni profondi sono di grande importanza per il mago quando vengono ricordati e controllati.
    Il mago incontrerà Succubi e Incubi , amanti demoniaci rispettivamente di sesso femminile e maschile e deve lottare contro l’orgia per raggiungere livelli di coscienza estatici che permettano il rilascio dell’anima. Yesod =luna, Gamaliel=lato oscuro della luna
    Eva= fase fertile , Lilith=mestruazioni. Vi sono molti elementi pertinenti sia alla sessualità che al sangue: in molti rituali della stregoneria connessi a Gamaliel vi è il sacrificio del sangue e dei fluidi sessuali del mago stesso.
    Gli dei che appartengono a Gamaliel sono: Pan, Dionisio, Frey, Bafoment e il Diavolo medievale, per le dee: Hecate , persefone, Hel..Vi sono anche esseri vampirici = vita, morte , sessualità= eros e Thanatos . Il mago deve avere il pieno controllo sui sogni erotici per trovare nell’oscurità la pietra filosofale , deve esserne cosciente.
    La natura astrale include: viaggi, sogni lucidi . evocazioni di Succubi e Incubi . Un metodo vuono sarebbe quello di star svegli per molto , per alcuni giorni, con auto disciplina in modo tale da richiamare evocazioni oniriche o l’astinenza sessuale per lungo periodo per incrementare l’energia sessuale e quindi permettere un contatto più profondo con Gamaliel. Lo scopo delle meditazioni dovrebbe essere lo Svadhisthana Chakra , sulla zona genitale, paragonato ad un loto arancione il mago dovrebbe concentrarsi soprattutto sul posteriore o interiore del Chakra . Lo stato che si raggiunge attraverso questa operazione è molto indicato per l’evocazione si Succubi e Incubi e soprattutto della imperatrice Lilith attraverso l’incantesimo di prima.

    Samael

    Samael è il marito di Lilith, il suo è uno dei nomi del diavolo , loro danno vita a una stirpe di demoni seducenti che popolano Gamaliel. Samael è il grande tentatore e la tentazione che esso offre è la conoscenza.Nella Qlifah Samalel c’è la vera iniziazione al sentiero della mano sinistra. Qui tutte le concezioni e le prospettive sul mondo vengono messe in discussione e si diventa capaci di vedere oltre le leggi e le regole, acquistando una comprensione personale delle funzioni dell’esistenza , decidendo da soli cosa è giusto e cosa è sbagliato, cosa è il bene e cosa è il male.
    Samael è blasfemo , è colui che distrugge l’illusione con il suo intelletto . L’arte psichedelica e surrealistica e dadaista può dare l’idea del lavoro da fare su Samael.
    Hod è il lato luminoso , rappresenta l’intelletto e appartiene ai livelli superiori, Samael è l’intelletto oscuro che può essere percepito come pazzia , è l’originalità, il genio attivo al di fuori delle strutturae della ragione e dalle convenzioni della civiltà (E.A.Poe= se la pazzia sia o no la più elevata forma di intelligenza.
    In Samael il mago fa un patto con le forze oscure , la pazzia diventa saggezza, la morte vita è il” veleno di Dio” dove le illusioni vengono avvelenate e tutte le categorie decostruiti.
    Può esserci il paragone e un calice pieno di veleno : Gamaliel è il calice, Samael è il veleno, A’arab Zaraq l’effetto. Il consumo del vino è un rito di passaggio decisivo che designa lo stato di transizione da uno stadio ad un’altro. Il suo veleno causa la morte iniziatica e porge la volontà vera corrispondente alla Bastia e a Thagirion. Samael è anche la figura mitologica del trickster che trasmette sia la saggezza che la follia. L’iniziazione ai misteri del fuoco appartiene all’iniziazione sul sentiero della mano sinistra e quindi anche alla Qulifah Samael, il mago fa giuramento e acquisisce il controllo della Kundalini, l’energia della vita , il fuoco interno.
    E’ un processo che può essere doloroso e il mago oscuro sviluppa la sua identità magica su Samael guardando il mondo con occhi nuovi. Samael avvelena le barriere mortali che frenano l’auto – creazione artistica del mago.

    A’arab Zaraq

    A’arab Zaraq è l’ultimo livello astrale , Netzach è la sua controparte. A’arab Zaraq rappresenta la battaglia e i suoi poteri vengono invocati dal mago oscuro per vincere le battaglie della vita. Dei della Querra come Odino e Baal sono associati a questa sfera(Baal è il sovrano). Il simbolo di Netzach è la colomba , quello di A’arab Zaraq è il corvo , rappresntante guerra e tempeste , ma anche passione, peccato e saggezza proibita , porta anche messaggi e profezie e rappresenta la coscienza del mago.
    Il corvo corrisponde all’anima del mago quando vola in estasi , verso l’unione tra la vita e la morte , passando attraverso una morte simbolica , il mago non la teme più e nello stesso istante impara a vivere. Questa “iniziazione della morte” comincia su questa Qlifah. I corvi volano attraverso il nero mare degli incubi che è Paroketh (il velo che separa il piano astrale da quello mentale), l’ultimo avamposto astrale.
    Questa è la sfera dei sentimenti oscuri delle emozioni proibite e di istinti oscuri qui il mago incontra espressioni cretive esplosive (=Sturm und Drang)
    Su A’arab Zaraq il mago passa attraverso un battesimo nero e vi è un inondazione che spazza via il velo che separa il vecchio mondo e ne crea uno nuovo.. il mago lascia indietro ciò che non è necessario al cammino magico.
    La Venere bianca è pura e appartiene a Netzach e quella nera ( Venus Illegittima) a A’arab Zaraq, il suo amore è sterile sul piano terreno , ma fertile nel mago a livelli superiori nei quali può rinascere come figlio di se stesso e diventa tutt’uno col suo Sè superiore . L avenere Illegittima è la amdre del Daemon , la progenie demoniaca nasce da l’unione degli abitanti della terra e del reame degli spiriti: i Nefilim della Bibbia.

    Thagirin

    Thagirin significa “disputa” o processo guridico” dove Stana è ‘accusatore per conto di Dio o il luogo dove è ubicata l’amministrazione della giustizia di Dio e il suo giudizio. Questa Qlifah è il lato oscuro di Tipharet= figlio o colui che è generato Tiphareth = cristo ,Messia; Thagirin= anti-cristo, Bestia 666. Si sostiene che l’uomo può salvarsi da sè. Sia Tipharet che Thagirin appartengono alla sfera del sole a livello mentale ed entra in contatto col sè superiore ed entra in contatto con Daemon che sul lato luce assume la forma dell’Angelo custode. (lato oscuro = Bestia o totem animale). Il lato luce= illuminazione intelletuale, lato oscuri= illuminazione istintuale.
    Ul dio gnostico Abraxas è associato a questo livello. In alchimia a questo livello corrisponde lo stato del diamante giallo “citrinitas “ e anche il topazio e l’oro. L’adepto fa esperienza del completamento del proprio essere o sè. L’arrivo a questo livello porta a una sensazione di potere totale e per i maghi bianchi l’esperienza è di beatitudine totale. La fera del sole e il livello mentale rappresentano solo metà del cammino del sentiero inisiatico. Qui l’adepto diventa più se stesso . Tiphareth corrisponde al sole nella sua forma luminosa , mentre Thaigirrion corrisponde al sole Nero. Il sole comune è quello che splende del mondo di tutti i giorni, il sole nero invece corrisponde al dio Set della mitologia egizia (nota Seth ,anche Sutekh, Setesh, Set, etc, dio del male nella mitologia egizia secondo la teogonia menphita sviluppata nel periodo tardo.
    Fratello di Osiride ,Iside e Nefti).
    Il sole è simbolo del sè completo o del sè che può raggiungere l’illuminazione e la consapevolezza solo nel mondo infero. Affrontando la propria morte e entrando sul sentiero oscuro l’uomo può raggiungere l’uomo può raggiungere l’illuminazione e la conoscenza completa di se stesso , incarna il principio dell’asistenza e del divenire = Kehpera , il dio egiziano (nota : Khepera o Khepri - Dio che simboleggia il sole del mattino, la rinascita quotidiana di Rê. Il suo nome significa "diventare". Originario di Héliopolis è rappresentato sotto forma di uno scarabeo. È assimilato ad Osiride nel quadro centrale della cappella nel sepolcro di PétOsiride.) porta il sole nel mondo dei morti dove si auto crea)Il sole nero possiede una forza di relazione indipendente verso il Sè, che genera illuminazione e la forza divina dell’uomo . Il sole nero è il generatore che, nei libri occulti è chiamata Vril, Od o Kundalini del mondo e la forza del Drago .
    L’energia solare che emana da Thagirion e il demone solare Sorath ha la sua origine in Thagirion e ha lo stesso valore numerico della Bestia 666. Il numero 666 è quello del Sole Nero e porta in sè la formula “Shemamforash” e il numero 72 entrambi numerti che corrispondono ai numeri segreti di Dio e ai 72 demoni della goetica.

    Golachab

    Golachab è il più brutale dei poteri Qlifotici(= i fiammeggianti, il vulcano, coloro che bruciano nel fuoco). Secondo alcune teorie questa è la qulifah ti tutte le Qlifoth e riflesso di Geburah, autoritaria e punitiva che nei miti è paragonata ai fuochi dell’inferno, è l’ira di Dio che incutr paura ai devoti, c’è chi sostiene che le qlifoth sono una punizione di Dio. L’ira di Dio creò una spaccatura nella crezione e l’ira che traspirò attraverso di essa creò le Qlifoth..
    La teoria più comune è che l’Albero della Vita consiste in un equilibrio tra misericordia (chesed ) e la sua severità, l’ombra delle sephiroth possiede le stesse funzioni in forma squilibrata: l’opposto squilibrato di Chesed corrisponde alla mancanza di autocontrollo o di pietà. Golachab appartiene al piano mentale ed è uno dei 2 poli attraverso cui opera Thagirion.
    Le controparti qlifothiche della lussuria e della sofferenza non esistono all’interno di queste strutture (sepiroth bilanciate), ma operano nel caos, dove sono intercambibili : la lussuria si trasforma e sofferenza , l’attrazione e repulsione il sesso e la morte. Le Qlifoth si trasformano così in un complesso sadomasochista .Asmodeus è il reggente di Golachab ed è chiamato “Samael il figlio” o un aspetto di Samael). Golachab e Asmodeus sono fuoco violento, rivoluzione e ribellione la qlifah corrisponde a Marte e a due forse estremamente violente e pericolose nei rituali di maledizione. (condurre anche cerimonie col fuoco= camminare sui carboni ardenti o mangiarli)

    Gha’agsheblah

    Gha’ agsheblah è la più alta delle Qlifoth che sono sotto la triade supriore ed è la forza che regna su tutte le sfere qlifothiche.
    Sia Gha’ agsheblah che la sua controparte luminosa sono associate al Demiurgo , il dio cretore che da forma al mondo . I sette mondi sotto la triade superna= 7 gg in cui Dio creò il mondo che nasce come inpulso in Cokmah e riceve forma negativa in Binah . Chesed rende dunque concreto l’impulso di Cokmah( nei sette livelli inferiri infatti il mondo diventa reale).
    Quando l’adepro incontra Gha’ agsheblah , iniziano i preparativi per lasciare i livelli concreti e viaggiare nel cuore assoluto dell’universo, Gha’ agsheblah rappresenta le forze che mettono alla prova l’adepto prima che inizi i il viaggio attraverso l’abisso , questa Qlifah spoglia completamente l’adeptro di fronte all’abisso e alla triade qlifotihca superiore. Sono 7 gli attributi che l’adepto deve lasciare dietro sè per giungere faccia a faccia con la morte, le sette Qlifoth sotto l’abisso rappresentano i sette cancelli verso il mondo infero. Gamaliel rimuove gli attibuti si Yesod, Samael, Hod..ecc.., le qlifoth distruggono i vestiti gli attributi , le illusioni che ostaclano l’incontro con la tenebra e la saggezza più profonda . Il misticismo erotico superiore è rappresentato da Gha’ agsheblah, la lussuria e la sofferenza vengono trascese e si trasformano l’uno nell’altro. L’adepto va oltre la differenza tra piacere e sofferenza e l’energia della morte si trasforma nell’energia della vita il vuoto dell’abisso viene riempito di energia permettendo la rinascita metafisica nel mezzo della morte. Il demone Astaroth (dea della fertilità e della guerra = isthar per i babilonesi) regna su Gha’agshedlah. Nei testi goetici Astaroth viene chiamato la “venere impura dei siriani”. Astarorh è il 29° demone e possiede un’enormi saggezza, può dare informazioni sul passato, presente e futuro e rivelare segreti di ogni tipo.

    L’abisso

    Tra il livello divino superiore e quello inferire vi è un abisso.Sul lato luminoso può essere paragonato ad un enorme pendio, nell’altro lato non esiste nella stessa maniera. L’adepto nell’abisso può diventare vittima delle forze del caos. L’abisso viene chiamato Masak Mavdil e nel suo fiume giacciono annegati tutti gli adepti che non sono riusciti a superarlo.
    Nel passarlo, tutti i vecchi aspetti limitati del mago muoiono e egli viene trasmutato , dopo l’abisso l’anima diviene un diamante nero che porta con sè tutti i colori della vita e dello spettro.
    Fisicamnete l’abisso corrisponde alla gola ,al collo e alla parte della schiena che si congiunge al cervello il Vishuddi Chakra , che è paragonato a un loto blu con sedici petali. Nell’abisso vi sono entità come Abbadon “l’angelo dell’abisso” e Chorozon che consumano le parti del corpo del vecchio sè limitato.

    Satariel
    E’ la prima Qlifah dopo il fiume dell’abisso, adepto che entra in Satariel è rinato e battezzato .
    Satariel è il lato oscuro di Binah e queste due sfere sono fortemente legate tra di loro in quanto Binah è già per se stessa una forza oscura . La differenza è che Satariel non fa parte dell’ordine luminoso dell’Albero della vita.
    Sia Binah che Satariel = buio e mistero , principio che porta a sé tutte le risposte , ma velate nella tenebra. Satariel è colei che cela, colei che mantiene il segreto.L’oscurità nasce in Binah . Binah e Satarile rappresentano il tempo e il destino e sono associate a dee del fato come le Moire greche , le Norne nordiche , le tre Moire sono Cloto , Lachesi, Atropo.
    Lilith ha la sua dimora originaria in Satariel. Binah e Satariel corrispondono anche agli dei del tempo Cronos e Saturno, coloro che stabiliscono i ritmi del destino attraverso i movimenti della luna a livelli inferiori, Kali regna sul tempo e corrisponde anche a Binah e Satariel. Satariel compie il passo finale nel livello divino, del mondo infero, dove si trova il suo sovrano , qui l’adepto incontra Ereshkigal , Hel, Ade , Lucifero, Satana ecc..., inizialmente vaga nel buio più totale poi Lucifuge conduce l’adepto attraverso labirinti oscuri , qui si possono udire (nel tunnel) eco di strani suoni provenienti dai livelli oltre i limiti dell’universo. Giunti al punto più oscuro l’oscurità prende fuoco e si trsforma in luce , ora si fa l’esperienza dell’apertura dell’occhio del grande drago, che tutto vede. Acquista la vista pura e il terzo occhio inizia a vedere (occhio di Lucufero o Shiva o Odino). Negli antichi misteri greci questa esperienza era chiamata Drakon(=vedere).

    Ghagiel

    E’ l’ultima qlifah prima di Thaumieled è la forza attiva del lato oscuro.Associata a dei fallici o entità come il Diavolo(in forma mascolina) o l’antico Priapo e al suo fallo rosso gigante. Ghagiel corrisponde a Shiva nel suo aspetto fallico=Ligam, apre il terzo occhio in modo da distruggere e ri-creare l’universo nello stesso istante . Se Satariel è il trono della dea oscura Ghagiel lo è del dio: Belzebub(=signore delle mosche ,in origine dio fenicio “re dei re”)
    Quando si raggiunge Ghagiel di diventa maghi nel significato più profondo, la magia è l’arte della volontà e questo il centro della volontà, un livello attivo(bacchetta magica= asse del mondo). L’asse del mondo è il fallo del dio ,Ghagiel , su cui regna Belzebub, che rapresenta le forse dell’apocalisse che spezzano e fanno crollare la bacchetta. Dalle ceneri del vecchio mondo il mago ricrea l’universo alzando la bacchetta e facendola diventare l’asse del mondo attorno al quale ruota un nuovo universo.

    Thaumiel

    Lo scopo del sentiero della mano sx , secondo la via qlifotico-alchemica, è di raggiungere la più lontana sfera oscura .Thaumiel(= gemelli) indica i due principi- diavoli Satana e Moloch . opposti e contrari che guardano in due direzioni diverse, uno verso ciò che è stato e l’altro ciò che avverrà.
    Moloch (=Re, signore) è colui che crea nuovi mondi e li comanda . Su Thaumiel vengono uniti due principi del “re ribelle”. Satana distrugge l’universo A, nel quale il mago è creazione , e Moloch apre l’universo B , dove il mago è creatore.
    La divisione di Thaumiel è la ragione per cui il numero di Qlifoth è 11 e ha la sua forma in AA- Adam Ater, “il diamante nero”, i numeri da 1a 10 e da 10 a1 rappresentano l’unità tra dio e l’uomo , la fine e l’inizio, il serpente che si morde la coda. Quando il mago progredisce e arriva a Thaumiel si apre un altro livello, l’undicesimo, un buco nero che diventa il cancello per un altro universo: l’adepto oscuro si libera completamente di Dio e della vecchia creazione. Invece di diventare tutt’uno con Dio , diventa lui stesso un dio.Il lato sx fa un passo oltre Dio e il suo scopo eè arrivare ad un inizio.
    Un altro aspetto importante è la dea Lillith e Kali sono le madri bere e i loro uteri sono la fonte stessa attraverso cui il mago nero lotta per rinascere come suo stesso figlio e come suo stesso creatore. Per il lato dx Kether è la Corona =unione con Dio, il livello più alto è il Sahasrara Chakra, dove l’adepto raggiunge il Samadhi.
    Il diamante nero rappresenta la libertà ultima a cui può condurre il sentiero della mano sx , offrendo un passo più in la del sentiero della mano dx.
    Quando l’adepto della via sx compie il passo oltre Sahasrara raggiunge uno stato oltre il Samandhi, chiamato Kaivalya= diamante neroin uno stato di individualità e divinità assoluti. E’ uno stato di trance totale e assoluta presenza di sè. E’ possibile aprire il Chakra nero solo quando il mago ha risvegliato completamente L’Ajna Chakra e il terzo occhio. Shunya è il terzo occhio , in forma superiore , riservato agli adepti della mano sx.
    L’adepto della mano sx fa un passo indietro ,dentro se stesso nell’Ajna Chakra e cerca i tre Chakra nascosti all’interno della testa: Golata , Lalata e Lalana. Si può fare questa esperienza solo quando la kundalini è completamente risvegliata e ha accesso l’Ajna con la sua forza, solo quando l’Ajna brucia della forza della kundalini.
    Vi sono quindi 3x3 chakra, 3 dei quali cono segreti e possono essere aperti solo da adepti molto avanzati.Il passo successivo è raggiungere il Sahasrara Chakra raggiungendo poi l’undicesimo livello. L’unità equivale all’estinzione , mentre il dualismo, nella sua accezione più estrema porta vita ed energia.Quando il mago ragginge Thamiel , si trova nel centroassoluto . Thaumiel è l’occhio del Dargo e il trono di lucifero.
    Il mago può entrare nel Nirvana , diventare tutt’uno con l’oscurità e il grembo di Kali o è possibile invertire Thaumiel e diventare tutt’uno con Dio e il lato della luce. Il mago può tornare ai livelli inferiori o fare l’ultimo passo al di fuori di questo universo.


  • OFFLINE
    Elendur.
    Post: 462
    Post: 143
    Registered in: 8/1/2006
    Location: FIRENZE
    Age: 42
    Gender: Male
    Job/occupation: Artista
    Senior User
    00 4/1/2007 8:48 PM
    [SM=x1284665]


    Ottimo intervento Amargantah!!

    Contributo gradito e interessantissimo!! [SM=x1284668]

    ....è un argomento che mi ha sempre interessato molto e di cui in effetti pochi autori parlano...



    Alcuni sostengono che non si conoscerà mai approfonditamente la Cabala se non se ne osserva anche il lato oscuro.




    Secondo me non c'è nulla di più vero...E aggiungo anche,estendendo il discorso, che non si conoscerà mai il bene,se non si conosce anche il male....