00 4/8/2006 10:57 AM
Antefatto
poco prima c'era un nano in foresta che era saltato alla presenza di Callisto, che ora gli arriva incontro...ma come si rispetti per un newbie il nano sparisce senza dar tracce...come si deve comportare la povera Callista....ecco la risposta

CRISTALLY un lieve luccichio disturba i suoi occhi, spalancandoli nota ora che questo proviene da qulcosa di metallico, qualcosa sopra un vestito di un ser [macstar], lo stesso ser che tiene ora in mano un'arpa, molto piccola a dire il vero. ricollega>>
CRISTALLY >>così l'arpa a quel luccichio, e le viene in mente che possono essere solo delle spillette, e quali furono più appropriate se non le spille che simboleggiano l'appartenenza a qualche accademia, per esempio la tanto agognata accademia delle arti

CALLISTO sentendo una voce provenire dalla propria sinistra la centaura, giunta ormai al limitare della radura, si volta per poter vedere la creatura che aveva pronunciato quelle parole. con gli zoccoli ben piantati a terra sfrutta la torsione del busto >>
CALLISTO >> umano che sovrasta il possente corpo equino. Essendo gli occhi già abituati all'oscurità non è per lei difficile distinguere fra gli alberi l'inconfondibile figura di un nano alle prese con la propria cavalcatura che sembra non ubbidirgli >>
CALLISTO >> quella buffa immagine le strappa un sorriso, e intenzionata a portare il proprio aiuto per risolver la situazione, si avvia verso il sir in difficoltà

MACSTAR nota forse in lontananza un nano, si gratta la testolina prima di posar le sue mani sulla picola arpa, le dita sfiorando appena le corde creano le prime note e piano mormora ''fandral te lo avevo promesso..'' alza il capo osservando Cristally>>
MACSTAR mentre le prime lievi note lente si affacciano nella radura

CRISTALLY afascinata dal dolce suono di quelle prime note, giunge le mani al petto, e vedendo ora che quel ser che ha destato la sua curiosità la sta osservando, piano si avvicina

fantasmi ha visto la centaura.....fantasmi della foresta luce, nani che appaiono alle centaure, birre che scendono copiose dai rami...questo ora vedono le pupille della centaura, basterebbe stropicciarsi gli occhi per vedere che dinanzi a se>>
non vi è nulla....''allucinazioni serali del fato..'' le mormora una voce dal fitto della foresta...








Gervinho Gervinho figlio dell'amore, parevi na pippa e invece sei un campione, capelli fini di seta pura, su quella fascia viaggi da paura

Gervinho Gervinho tu la dovrai amare, la Roma è er core de n'popolo cantore, abbi coraggio nei momenti bui