G.S. Bancari Romani Il sito del G.S.B.R.

Niente carbo dopo le 5

  • Posts
  • OFFLINE
    Skappo
    Post: 11
    Registered in: 3/24/2005
    Junior User
    00 3/31/2005 2:24 PM
    Ieri mi è capitato di parlare con una mia amica chimica che svolge ricerche per il CNR (se non sbaglio). Un suo collega che sta analizzando gli effetti dei nutrienti nell'alimentazione ha dichiarato che prove scientifiche SCONSIGLIANO di assumere carboidrati di qualsiasi genere dopo le 17. L'assimilazione sarebbe talmente lenta da favorire il loro accumulo più come grassi che come glicogeno, col risultato di appesantire l'organismo senza aumentare le riserve energetiche. Quindi a cena niente pane, pasta, riso, patate, etc con buona pace degli zonisti, di Albanesi et altri e per la gioia dei maniaci della dissociata che gridano vittoria.
    Molti contestano la dissociata sia perché una sua forma integralista è impossibile (bene o male tutti gli alimenti contengono, seppure con percentuali molto diverse, carboidrati, proteine e lipidi), sia perché non si capirebbe la ratio di dissociare proteine e carboidrati. Ma se si pensa a una delle patologie comune ai podisti, quella relativa al calo di ferro nel sangue che produce l'anemia sideriopenica e che costringe severamente a limitare gli allenamenti lunghi, il motivo forse è spiegato. Per cercare di assimilare ferro sarebbe necessario mangiare una bistecca irrorata di limone visto che la vitamina C consente una assimilazione del ferro pari al 38% di quello a disposizione (cioè il massimo che il nostro organismo riesca a fare con questo minerale). Tra gli inibenti per l'assimilazione del ferro figurano i formaggi e, lupus in fabula, gli zuccheri (pasta, pane, etc)-> ecco forse perché x un podistra sarebbe meglio dissociare prote e carbo.
    Secondo voi è un discorso logico?
    Fatemi sapere.
    Ciao.
    --------------------------------------------

    Ultimamente sto avendo opinioni che non condivido.
    (Woody Allen)
  • OFFLINE
    JoeTheBronxVasapollo
    Post: 29
    Registered in: 3/21/2005
    Junior User
    00 3/31/2005 6:25 PM
    NO CARB AREA
    Da un punto di vista, credo che sicuramente la tua amica abbia ragione, ma a mio parere semplicemente perche' dopo le 5pm inziano a scendere le esigenze di zuccheri per le nostre attivita' ordinarie, lavoro, studio etc...
    Quindi lo zucchero ingerito la sera viene praticamente utilizzato meno con la naturale conseguenza di essere subito trasformato in grasso.
    Da un altro punto di vista, pur confutando tale tesi (della tua amica) penso sia da ritenere che debba come sempre essere presa non al suo estremo, cioe' il consumo di carboidrati dovrebbe essere sempre effettuato per non creare sbalzi di approvigionamento, ma allo stesso tempo limitandolo nelle ore serali. Pasta, pane e pizza dovrebbero essere piu' consumati di giorno che non di sera, magari consumando la sera carboidrati sotto forme diverse come frutta e legumi.
    Altri pareri?
    Football is my business but Baseball is my family. Go Yankees!
  • OFFLINE
    Gorgon
    Post: 19
    Registered in: 6/22/2001
    Junior User
    00 3/31/2005 8:05 PM
    Re:

    Scritto da: Skappo 31/03/2005 14.24
    Per cercare di assimilare ferro sarebbe necessario mangiare una bistecca irrorata di limone visto che la vitamina C consente una assimilazione del ferro pari al 38% di quello a disposizione (cioè il massimo che il nostro organismo riesca a fare con questo minerale). Tra gli inibenti per l'assimilazione del ferro figurano i formaggi e, lupus in fabula, gli zuccheri (pasta, pane, etc)-> ecco forse perché x un podistra sarebbe meglio dissociare prote e carbo.



    tutto ciò che ti posso dire è che effettivamente il limone facilita l'assimilazione del ferro, non soltanto sopra alla bistecca, ma su qualsiasi cosa tu lo metta [es: gli spinaci, anche se - braccio di ferro non me ne voglia - di ferro non ne contengono granché]
    --
    Ciao Ciao ^_^
    Giovanni

    Una volta Superman ha sfidato McGyver: "se con una lattina e dello spago riuscirai a volare più velocemente di me farò quello che vorrai."
    Da allora Superman gira con le mutande sopra ai calzoni.
  • OFFLINE
    giacov
    Post: 8
    Registered in: 3/21/2005
    Junior User
    00 4/1/2005 10:30 AM
    Podisti dottori
    Mi sembra di capire che per correre forte (o comunque un po' più forte!) è necessaria la laurea in medicina con successive specializzazioni in varie scienze (alimentazione, farmaceutica etc.).

    Bè io corro da 25 anni e non ho mai saputo tutto questo! Forse avrei potuto vincere le olimpiadi solo con un po' di informazione in più.
    L'unico rimedio terapeutico fin'ora sono stati i cerotti per le vesciche dopo qualche gara.[SM=g27819]
    Credo che resterò il tapascione di sempre, magari peggio con l'avanzare degli anni, però non mi metterò a studiare adesso.

    Approfitto dell'occasione per chiedere come si può eliminare o ridurre il risentimento ai quadricipiti che provo dopo allenamenti un pò più lunghi o tirati (si fa per dire!).
    Chissà che non ci sia un magico elisir di cui non sono a conoscenza.

    Grazie.

    giacov
    giacov
    Non è il lavoro duro che fà la prestazione, è il riposo successivo.
  • OFFLINE
    @leo64@
    Post: 7
    Registered in: 3/21/2005
    Junior User
    00 4/1/2005 10:42 AM
    Re: Podisti dottori

    Scritto da: giacov 01/04/2005 10.30

    Approfitto dell'occasione per chiedere come si può eliminare o ridurre il risentimento ai quadricipiti che provo dopo allenamenti un pò più lunghi o tirati (si fa per dire!).
    Chissà che non ci sia un magico elisir di cui non sono a conoscenza.




    il magico elisir c'è. Si chiama defaticamento. Permette di smaltire meglio l'accumulo di lattato nei muscoli. Lo fai a fine allenamento?
    Un pò aiuta anche il potassio (= banane)
    ciao
    leo
    -------------------------------
  • OFFLINE
    Skappo
    Post: 14
    Registered in: 3/24/2005
    Junior User
    00 4/1/2005 1:19 PM
    Re: Re: Podisti dottori
    Rammento che l'acido lattico si smaltisce il 45 min massimo. Se il dolore persiste non si tratta di lattato ma di altro (microtraumi, indolensimento muscolare, mancanza di elasticità, etc)
    Ottima l'idea del defaticante di 10 min dopo la corsa, ideale lo stretching (portare a buona trazione la zona per 30-40" e ripetere + volte). La trazione deve essere progressiva.
    Fa anche bene il bagno nel ghiaccio (modello Radcliffe), ma che tortura!
    Prendere potassio e magnesio.
    Ciao
    --------------------------------------------

    Ultimamente sto avendo opinioni che non condivido.
    (Woody Allen)
  • OFFLINE
    @leo64@
    Post: 8
    Registered in: 3/21/2005
    Junior User
    00 4/1/2005 1:45 PM
    Re: Re: Re: Podisti dottori

    Scritto da: Skappo 01/04/2005 13.19
    Rammento che l'acido lattico si smaltisce il 45 min massimo. Se il dolore persiste non si tratta di lattato ma di altro (microtraumi, indolensimento muscolare, mancanza di elasticità, etc)
    Ottima l'idea del defaticante di 10 min dopo la corsa, ideale lo stretching (portare a buona trazione la zona per 30-40" e ripetere + volte). La trazione deve essere progressiva.
    Fa anche bene il bagno nel ghiaccio (modello Radcliffe), ma che tortura!
    Prendere potassio e magnesio.
    Ciao



    quoto tutto tranne il bagno (a meno che non sia con la Radcliffe dentro!) nel ghiaccio[SM=g27820] . Vabbè che siamo masochisti per il solo fatto di fare quello che facciamo, ma c'è un limite a tutto!!
    Visto che, in parte, i microtraumi dipendono anche dall'acido lattico, se ne facilito lo smaltimento nell'immediato dopo allenamento, non miglioro la situazione?
    ciao
    leo
    -------------------------------
  • OFFLINE
    Skappo
    Post: 15
    Registered in: 3/24/2005
    Junior User
    00 4/1/2005 2:11 PM
    Re: Re: Re: Re: Podisti dottori
    Spostiamoci su Medicina
    --------------------------------------------

    Ultimamente sto avendo opinioni che non condivido.
    (Woody Allen)