LE ALTRE VOCI Filosofie, Ideologie, Religioni e Culture

L'Apocalisse rivelata

  • Posts
  • Lucifero
    00 3/8/2006 4:21 PM
    Questa rivelazione di Gesù Cristo che Dio gli ha data l'ora per essere rivelata ai suoi servitori. Ciò che in breve tempo deve avvenire,ciò che è stato mostrato per segni e simboli www.cropcircleconnector.com/2004/2004.html , Le comunicazioni dell'angelo Giovanni servitore di Dio Il quale ha testimoniato della parola e del martirio di Gesù e racconta che egli ha veduto e ciò ch'egli ha compreso.
    Felice chi legge e chi comprende le parole di questa profezia e serba nel suo cuore cose che vi si trovano annunziate. Poichè il tempo volge rapidamente e si avvicina.
    Le sette chiese e le sette età

    [4]Giovanni alle sette chiese che sono in Asia,che la grazia e la pace siano con voi in nome di colui che è,che era,che viene

    Il nome Giovanni significa pio,gentile,misericordioso.Il nome che si addice all'apostolo della carità.Le sette chiese d'Asia rappresentano le sette età successive della chiesa Universale ( l'Asia sta a significare l'Oriente,vale a dire l'origine,il mondo delle cause"al pricipio la parola era" così è là dove è il pensiero di Dio e dei giusti;poichè nel principio sono i sette Elhoim le sette forze dei geni della creazione"Lui,gli Dei" che Dio tre volte esso stesso ha creato)

    dai sette spiriti che sono dinanzi al trono.

    I sette spriti sono le intelligenze del settenario,l'essenza divina è fuori di ogni numero e di ogni forma,essa è colui che è,che era,che deve venire.
    Ma noi possiamo rappresentarcela come l'unità direttrice delle forze,il principio dell'equilibrio,ciò che è rappresentato dal triangolo.
    L'equilibrio in se stesso è uguale a se stesso,l'altezza eguaglia la profondità,la larghezza di destra è uguale a quella di sinistra.
    Si rappresentano questi rapporti per mezzo della croce e del quadrato il cui numero è 4, 3 e 4 danno sette, 3 moltiplicato per 4 dà 12 (il Trono di Dio o dell'Innominabile che è tre volte. Egli medesimo è il cubo delle sue leggi immutabili dove troneggia la Santissima Trinità che è Lui medesimo,da dove egli si manifesta ai cuori;poi per tre su quattro per fondare il suo Dogma Universale, in Eterno).
    [5]e da Gesù Cristo, il testimone fedele, il primogenito dei morti e il principe dei re della terra.

    (Poichè egli è entrato per primo nella rinascita eterna per un significato assoluto).

    A Colui che ci ama e ci ha liberati dai nostri peccati con il suo sangue, [6]che ha fatto di noi un regno di sacerdoti per il suo Dio e Padre
    (L'uomo perfetto,l'iniziato alla vera scienza è sacerdote e re sulla terra).
    a lui la gloria e la potenza nei secoli dei secoli. Amen.


    (La potenza divina sarà eternamente equilibrata dalla giustizia e dalla misericordia,dalla forza e dall'amore che si riassumono in un sol motto; la carità.)

    Ecco egli viene dalle nuvole.

    La dottrina velata ancora dalle ombre del simbolismo.

    [7]Ecco, viene sulle nubi e ognuno lo vedrà; ;
    anche quelli che lo trafissero

    Più tardi gli stessi Giudei lo comprenderanno.
    e tutte le nazioni della terra si batteranno per lui il
    petto.
    Sì, Amen

    [8]Io sono l'Alfa e l'Omega, dice il Signore Dio, Colui che è, che era e che viene, l'Onnipotente
    Visione preparatoria
    [9]Io, Giovanni, vostro fratello e vostro compagno nella tribolazione, nel regno e nella costanza in Gesù, mi trovavo nell'isola chiamata Patmos (durante la persecuzione promossa da Domiziano contro Giudei e Cristiani negli ultimi anni del suo impero,Giovanni fu relegato nell'isola di Patmo,ove scrisse l'Apocalisse), a causa della parola di Dio e della testimonianza resa a Gesù. [10]Rapito in estasi, nel giorno del Signore, udii dietro di me una voce potente, come di tromba, che diceva: [11]Quello che vedi, scrivilo in un libro e mandalo alle sette Chiese
    a Efeso: La chiesa della prima età
    a Smirne: La chiesa della seconda età
    a Pergano :La chiesa della terza età
    a Tiatiri: La chiesa della quarta età
    a Sardi: La chiesa della quinta età
    a Filadelfia:La chiesa della sesta età
    a Laodicea: La chiesta della settima età



    (Le sette età corrispondono ai sette Angeli,ai sette Candelieri,alle sette stelle,alle sette Coppe,alle sette Trombe e alle sette Teste della Bestia.
    Ciascuna età comprende tre secoli e mezzo,un tempo, due tempi e la metà di un tempo.
    La manifestazione del Vangelo deve dunque durare ventiquattro secoli e mezzo. Il numero dei ventiquattro vegliardi e una frazione.
    Due giorni e mezzo contando mille anni per un giorno.
    Il terzo giorno sarà quello della resurrezione).

    Ora, come mi voltai per vedere chi fosse colui che mi parlava
    (La parola del simbolismo ha un senso misterioso e ravvolto; bisogna voltarsi per vederlo).

    E vidi sette candelabri d'oro.
    (L'oro è il metallo più perfetto,esso corrisponde in simbolismo alla luce e alla verità. Sette è<>,il numero sacro).

    [13] e in mezzo ai candelabri c'era uno simile a figlio di uomo

    (L'Uomo è la sintesi della creazione: la sua figura è presa qui per la sintesi della luce)..
    con un abito lungo fino ai piedi e cinto al petto con una fascia d'oro
    La veste che lo copre è il simbolismo,la cui esattezza è rappresentata dalla cintura d'oro). 14]I capelli della testa erano candidi, simili a lana candida, come neve.

    (Il bianco è il colore della luce,i capelli sono come i raggi del pensiero).

    Aveva gli occhi fiammeggianti come fuoco.

    (Gli occhi sono sono le direttrici della vita e del calore.)
    [15]i piedi avevano l'aspetto del bronzo splendente purificato nel crogiuolo.
    (Il progresso che purifica la dottrina sulla Terra. )

    La voce era simile al fragore di grandi acque.

    (La parola della verità forma l'opinioni delle moltitudini.Le grandi correnti di opinione riformano le credenze).

    [16]Nella destra teneva sette stelle
    (I sette pianeti del cielo Cabalistico)


    dalla bocca gli usciva una spada affilata a doppio taglio
    (La parola simbolica ha sempre due significati.)

    e il suo volto somigliava al sole quando splende in tutta la sua forza.
    (Il viso è lo specchio della persona e rappresenta qui la sintesi della verità.)


    Seconda Figura


    Il cielo e il libro: I sette sugelli

    II. LE VISIONI PROFETICHE
    1. PRELIMINARI DEL "GRANDE GIORNO" DI DIO
    Dio affida all'Agnello i destini del mondo
    [1]Dopo ciò ebbi una visione: una porta era aperta nel cielo. La voce che prima avevo udito parlarmi come una tromba diceva: Sali quassù, ti mostrerò le cose che devono accadere in seguito. [2]Subito fui rapito in estasi. Ed ecco, c'era un trono nel cielo, e sul trono uno stava seduto. [3]Colui che stava seduto era simile nell'aspetto a diaspro e cornalina.

    (La figura umana è scomparsa dal cielo dopo che il verbo incarnato è venuto sulla Terra.Così che quello che i Giudei prendono per idolatria non è che una trasformazione di simboli).
    Un arcobaleno simile a smeraldo avvolgeva il trono.

    (Il verde domina nell'arcobaleno cristiano perchè è alleanza di due colori).

    [4]Attorno al trono, poi, c'erano ventiquattro seggi e sui seggi stavano seduti ventiquattro vegliardi avvolti in candide vesti con corone d'oro sul
    capo.
    (I dodici Patriarchi e i dodici Apostoli,i ventiquattro punti che compongono il nome cabalistico di Jehova.
    Schéma,hamphoras o l'analisi del nome divino).

    [5]Dal trono uscivano lampi, voci e tuoni; sette lampade accese ardevano davanti al trono, simbolo dei sette spiriti di Dio. [6]Davanti al trono vi era come un mare trasparente simile a cristallo. In mezzo al trono e intorno al trono vi erano quattro esseri viventi pieni d'occhi davanti e di dietro.
    (Tutte le forze sono doppie,esse si riassumono al centro del mondo e raggiano verso i quattro punti cardinali. Gli animali dai molti occhi sono le costellazioni del serpente e dell'aquila,del leone e del toro che dividono lo Zodiaco in quattro regioni).

    [7]Il primo vivente era simile a un leone, il secondo essere vivente aveva l'aspetto di un vitello, il terzo vivente aveva l'aspetto d'uomo, il quarto vivente era simile a un'aquila mentre vola. [8]I quattro esseri viventi hanno ciascuno sei ali, intorno e dentro sono costellati di occhi; giorno e notte non cessano di ripetere:

    Santo, santo, santo
    il Signore Dio, l'Onnipotente,
    Colui che era, che è e che viene!

    [9]E ogni volta che questi esseri viventi rendevano gloria, onore e grazie a Colui che è seduto sul trono e che vive nei secoli dei secoli, [10] i ventiquattro vegliardi si prostravano davanti a Colui che siede sul trono e adoravano Colui che vive nei secoli dei secoli e gettavano le loro corone davanti al trono, dicendo:

    [11]«Tu sei degno, o Signore e Dio nostro,
    di ricevere la gloria, l'onore e la potenza,
    perché tu hai creato tutte le cose,
    e per la tua volontà furono create e sussistono».


    [1]E vidi nella mano destra di Colui che era assiso sul trono un libro a forma di rotolo, scritto sul lato interno e su quello esterno.
    (La santa scrittura ha un doppio significato,un significato esoterico e un significato exoterico.un significato interno e uno esterno).

    . [2]Vidi un angelo forte che proclamava a gran voce: «Chi è degno di aprire il libro e scioglierne i sigilli?». [3]Ma nessuno né in cielo, né in terra, né sotto terra era in grado di aprire il libro e di leggerlo.

    (I segreti della Divina Cabala erano perduti e i sensi misteriosi delle scritture erano nascoste al sacerdote e al popolo).

    [4]Io piangevo molto perché non si trovava nessuno degno di aprire il libro e di leggerlo. [5]Uno dei vegliardi mi disse: «Non piangere più; ha vinto il leone della tribù di Giuda, il Germoglio di Davide, e aprirà il libro e i suoi sette sigilli».

    (Il Cristo realizzando la legge diviene il padrone della legge. Egli distrugge i vizi e le ignoranze che chiudono il libro e ne rompe successivamente i sette suggelli).

    [6]Poi vidi ritto in mezzo al trono circondato dai quattro esseri viventi e dai vegliardi un Agnello, come immolato. Egli aveva sette corna e sette occhi, simbolo dei sette spiriti di Dio mandati su tutta la terra. [7]E l'Agnello giunse e prese il libro dalla destra di Colui che era seduto sul trono. [8]E quando l'ebbe preso, i quattro esseri viventi e i ventiquattro vegliardi si prostrarono davanti all'Agnello, avendo ciascuno un'arpa e coppe d'oro colme di profumi, che sono le preghiere dei santi. [9]Cantavano un canto nuovo:

    «Tu sei degno di prendere il libro
    e di aprirne i sigilli,
    perché sei stato immolato
    e hai riscattato per Dio con il tuo sangue
    uomini di ogni tribù, lingua, popolo e nazione
    [10]e li hai costituiti per il nostro Dio
    un regno di sacerdoti
    e regneranno sopra la terra».

    [11]Durante la visione poi intesi voci di molti angeli intorno al trono e agli esseri viventi e ai vegliardi. Il loro numero era miriadi di miriadi e migliaia di migliaia[12] e dicevano a gran voce:

    «L'Agnello che fu immolato
    è degno di ricevere potenza e ricchezza,
    sapienza e forza,
    onore, gloria e benedizione».

    [13]Tutte le creature del cielo e della terra, sotto la terra e nel mare e tutte le cose ivi contenute, udii che dicevano:

    «A Colui che siede sul trono e all'Agnello
    lode, onore, gloria e potenza,
    nei secoli dei secoli».

    [14]E i quattro esseri viventi dicevano: «Amen». E i vegliardi si prostrarono in adorazione.




    Apocalisse - Capitolo 6

    L'Agnello spezza i sette sigilli

    [1]Quando l'Agnello sciolse il primo dei sette sigilli, vidi e udii il primo dei quattro esseri viventi che gridava come con voce di tuono: «Vieni». [2]Ed ecco mi apparve un cavallo bianco e colui che lo cavalcava aveva un arco, gli fu data una corona e poi egli uscì vittorioso per vincere ancora.

    (Egli trae l'umanità dal torpore rivelando le forze della morale ed appare come un re conquistatore).

    [3]Quando l'Agnello aprì il secondo sigillo, udii il secondo essere vivente che gridava: «Vieni». [4]Allora uscì un altro cavallo, rosso fuoco. A colui che lo cavalcava fu dato potere di togliere la pace dalla terra perché si sgozzassero a vicenda e gli fu consegnata una grande spada.
    (La giustizia appare al mondo,l'invidia le fa guerra,si preparano le grandi rivoluzioni).

    Allora uno dei vegliardi mi dice: non piangere!Ecco il leone di Giuda, (Vale a dire ecco la forza della famiglia reale d'Israele).

    Ed io vidi in mezzo al cielo un agnello.

    (La forza divina sotto il regno del Vangelo si manifesta attraverso la mansuetudine e il candore).

    Esso era come sacrificato.

    (Il salvatore si sacrifica per tutti e abolisce i sacrifici sanguinosi con il sangue del suo stesso sacrificio).

    Ed aveva sette corna e sette occhi,che sono i sette spiriti.

    Sette corna vale a dire la forza di tutte le virtù,sette occhi vale a dire lo splendore delle sette luci.

    [5]Quando l'Agnello aprì il terzo sigillo, udii il terzo essere vivente che gridava: «Vieni». Ed ecco, mi apparve un cavallo nero e colui che lo cavalcava aveva una bilancia in mano. [6]E udii gridare una voce in mezzo ai quattro esseri viventi: «Una misura di grano per un danaro e tre misure d'orzo per un danaro! Olio e vino non siano sprecati».

    [7]Quando l'Agnello aprì il quarto sigillo, udii la voce del quarto essere vivente che diceva: «Vieni». [8]Ed ecco, mi apparve un cavallo verdastro. Colui che lo cavalcava si chiamava Morte e gli veniva dietro l'Inferno. Fu dato loro potere sopra la quarta parte della terra per sterminare con la spada, con la fame, con la peste e con le fiere della terra.

    (Le orge del vecchio mondo hanno portato la carestia.
    La moderazione pone rimedio a questo flagello.Il vino e l'olio sono rispettati;vale a dire rimane un rimedio per le ferite nella religione che consola.
    Poi gli eroi cristiani trionfano per la dolcezza della collera e della morte.
    La morte e l'inferno sono gli ultimi terrori degli uomini,sono gli ultimi nemici che sono vinti dalla potenza del Salvatore).

    [9]Quando l'Agnello aprì il quinto sigillo, vidi sotto l'altare le anime di coloro che furono immolati a causa della parola di Dio e della testimonianza che gli avevano resa.

    (Qui si rivela la solidarietà delle anime. I giusti non possono entrare nel loro riposo se non quando la giustizia sarà compiuta. I Santi non saranno consolati se non quando i loro fratelli sulla Terra non saranno felici)

    [10]E gridarono a gran voce:

    «Fino a quando, Sovrano,
    tu che sei santo e verace,
    non farai giustizia
    e non vendicherai il nostro sangue
    sopra gli abitanti della terra?».
    [11]Allora venne data a ciascuno di essi una veste candida e fu detto loro di pazientare ancora un poco, finché fosse completo il numero dei loro compagni di servizio e dei loro fratelli che dovevano essere uccisi come loro.

    (I giusti soffrono con noi,ma essi hanno la prova della loro innocenza e sono assicurati dal trionfo della giustizia.Dopo la lotta della coscienza libera contro la persecuzione,verrà quella della dignità umana contro il dispotismo,dell'ordine contro l'anarchia. Fin tanto che il vero Cristianesimo non sarà compiuto sulla Terra,i martiri attenderanno e non potranno gioire in pace della felicità del cielo).

    [12]Quando l'Agnello aprì il sesto sigillo, vidi che vi fu un violento terremoto. Il sole divenne nero come sacco di crine

    (Il sugello dell'orgoglio è rotto,la fede si rivela,il cielo cambia,le antiche luci si oscurano).

    la luna diventò tutta simile al sangue.

    (Il sangue dei martiri ha disonorato l'antico simbolismo. La religione dell'antico mondo è disonorato dalla crudeltà dei persecutori).

    [13]le stelle del cielo si abbatterono sopra la terra, come quando un fico, sbattuto dalla bufera, lascia cadere i fichi immaturi.

    (Gli Dei se ne vanno,le immagini di cui gli antichi popolavano il cielo se ne distaccano. L'albero delle credenze è agitato e i frutti marci cadono a terra).

    [14]Il cielo si ritirò come un volume che si arrotola e tutti i monti e le isole furono smossi dal loro posto.

    (Il libro della natura si arresta per un momento,i vaghi terrori si diffondono,si crede che il mondo stia per finire).

    [15]Allora i re della terra e i grandi, i capitani, i ricchi e i potenti, e infine ogni uomo, schiavo o libero, si nascosero tutti nelle caverne e fra le rupi dei monti; [16] e dicevano ai monti e alle rupi: Cadete sopra di noi e nascondeteci dalla faccia di Colui che siede sul trono e dall'ira dell'Agnello, [17]perché è venuto il gran giorno della loro ira, e chi vi può resistere?

    (San Giovanni vede poi ai quattro punti cardinali del cielo quattro angeli che incatenano i quattro venti: vale a dire il simbolismo del quaternario che domina le correnti della vita.Poi verso l'Oriente appare un Angelo portante il sugello Divino,è il Thau di Ezechiele e la croce del tempio del labaro;egli ne marca la fronte di tutti gli eletti,rappresentanti delle dodici tribù d'Israele.
    Dodicimila di ciascuna tribù sono marcati con questo segno,che è come il
    battesimo dell'iniziazione e l'unione della verità.
    Quelli lì sono gli apostoli del mondo,dopo di essi viene una innumerevole moltitudine di tutti i popoli;il cielo si apre nell'umanità tutta intera,purificata dalle grandi tribolazioni. La miseria è vinta,la carità è trionfante,la carità universale ha rotto tutte le catene e distrutto tutti i muri,tutti sono vestiti di bianco,il colore dell'unità,della luce e della purezza;la redenzione del mondo è avvenuta.E quando il settimo sugello fu rotto si fece un silenzio nel cielo).



    Il settimo sigillo
    [1]Quando l'Agnello aprì il settimo sigillo, si fece silenzio in cielo per circa mezz'ora. (E quando il settimo sugello fu rotto si fece un silenzio nel cielo)[2]Vidi che ai sette angeli ritti davanti a Dio .

    Vale a dire le sette potenze intelligenti che rappresentano i numeri sacri tre e quattro di cui si compone il divino settenario.
    le sette trombe



    furono date sette trombe

    Vale a dire che ciascuna potenza deve avere la sua manifestazione sonora e lampante.

    Le preghiere dei santi affrettano la venuta del grande giorno
    [3]Poi venne un altro angelo e si fermò all'altare, reggendo un incensiere d'oro. Gli furono dati molti profumi perché li offrisse insieme con le preghiere di tutti i santi bruciandoli sull'altare d'oro, posto davanti al trono. [4]E dalla mano dell'angelo il fumo degli aromi salì davanti a Dio, insieme con le preghiere dei santi. [5]Poi l'angelo prese l'incensiere, lo riempì del fuoco preso dall'altare e lo gettò sulla terra: ne seguirono scoppi di tuono, clamori, fulmini e scosse di terremoto.

    Le prime quattro trombe
    [6]I sette angeli che avevano le sette trombe si accinsero a suonarle.

    [7]Appena il primo(Michele l'Angelo della verità) suonò la tromba,(Manifestò la parola evangelica) grandine e fuoco mescolati a sangue scrosciarono sulla terra.
    Scoppiano i temporali; il freddo e il caldo si uniscono per combattere l'armonia e cadono vinti per i loro sforzi

    Un terzo della terra fu arso, .

    Quando una forma è distrutta due sussistono sempre

    un terzo degli alberi andò bruciato.
    Quelli che non sanno resistere al caldo e al freddo

    e ogni erba verde si seccò.
    Ciò che perisce interamente non è che l'erba che però si rinnova sempre.

    [8]Il secondo angelo(Gabriele principe dei misteri) suonò la tromba(annunziando il dogma nuovo): come una gran montagna di fuoco fu scagliata nel mare.

    Il dogma è allo stesso tempo per i popoli uno scoglio e un faro.

    La terza parte del mare divenne sangue.

    Il fanatismo è eccitato,il sangue scorre quello dei martiri e quello dei grandi sacrifici.

    [9]un terzo delle creature che vivono nel mare morì
    Il mare rappresenta le opinioni tempestose e cangiante dei popoli,i pesci del mare sono le idee e gli istituti che si formano e che vivono delle opinioni. Idee e Istituti periscono

    e un terzo delle navi andò distrutto.

    (Le navi rappresentano le civiltà e i popoli;quando i due sono in conflitto uno di essi deve perire,ma l'equilibrio si ristabilisce per la legge universale del ternario,ne restano sempre due per equilibrarsi di nuovo).

    [10]Il terzo angelo (Raffaele principe delle scienze,è colui al quale il libro cabalistico di Tobia dà l'Attributo di Ermete www.societa-ermetica.it/old_societa_ermetica/hermes%20sto... )suonò la tromba( cioè manifestò i misteri )e cadde dal cielo una grande stella, ardente come una torcia, e colpì un terzo dei fiumi e le sorgenti delle acque.

    (La stella fiammeggiante cade sopra le sorgenti delle idee,ma i misteri non si manifestano senza prove amare).

    [11]La stella si chiama Assenzio( cioè amarezza); un terzo delle acque si mutò in assenzio e molti uomini morirono per quelle acque, perché erano divenute amare.

    (L'iniziazione è necessaria e la verità deve essere insegnata con un ordine gerarchico; ciò che può dare vita ai forti può anche dare la morte ai deboli e tutti non possono indistintamente essere nutriti dallo stesso pane e abbeverati al medesimo vino.
    Ogni rivelazione ha dunque il suo lato funesto,è la salute degli uni e la rovina degli altri).

    [12]Il quarto angelo(Sachiel Melek,re dei sacerdoti e degli imperi) suonò la tromba(cioè proclamò la legge nuova) e un terzo del sole, un terzo della luna e un terzo degli astri fu colpito e si oscurò
    (Le luci del mondo cambiano.Le potestà vinte sono eclissate)


    il giorno perse un terzo della sua luce e la notte ugualmente.

    [13]Vidi poi e udii un'aquila che volava nell'alto del cielo

    (Il simbolo del dispotismo che trionfa attraverso le rivoluzioni e che annunzia nuove disgrazie al mondo).

    e gridava a gran voce: «Guai, guai, guai agli abitanti della terra al suono degli ultimi squilli di tromba che i tre angeli stanno per suonare!».

    (Le ultime prove sono le più terribili perchè devono essere efficaci e decisive)

    Apocalisse - Capitolo 9

    La quinta tromba
    [1]Il quinto angelo (L'Angelo Anael che governa il pianeta Giove e che governa i reami e i re della Terra) suonò la tromba(proclamò la verità politica del Vangelo,vale a dire il regno della giustizia e della fraternità)

    e vidi un astro caduto dal cielo sulla terra. (l'intelligenza umana degradata dall'orgoglio)Gli fu data la chiave del pozzo dell'Abisso; (Vale a dire la capacità di suscitare il materialismo con parole capziose)[2]egli aprì il pozzo dell'Abisso e salì dal pozzo un fumo come il fumo di una grande fornace, che oscurò il sole e l'atmosfera.(il dubbio allora dilaga sulla Terra)
    [3]Dal fumo uscirono cavallette (Vale a dire le voluttà che divorano e che il materialismo rende le regine del mondo. Gli uomini sentono il giogo in nome della giustizia,ma sono i loro vizi innanzitutto ch'essi pretendono di emancipare)che si sparsero sulla terra e fu dato loro un potere pari a quello degli scorpioni della terra. [4]E fu detto loro di non danneggiare né erba né arbusti né alberi, ma soltanto gli uomini che non avessero il sigillo di Dio sulla fronte. [5]Però non fu concesso loro di ucciderli, ma di tormentarli per cinque mesi, e il tormento è come il tormento dello scorpione quando punge un uomo. [6]In quei giorni gli uomini cercheranno la morte, ma non la troveranno; brameranno morire, ma la morte li fuggirà. (...Non trovo le parole appropriate per descrivere questa parte del versetto,forse solo chi lo ha vissuto sulla propria pelle riuscirebbe a comprenderla)

    [7]Queste cavallette avevano l'aspetto di cavalli pronti per la guerra. Sulla testa avevano corone che sembravano d'oro e il loro aspetto era come quello degli uomini. [8]Avevano capelli, come capelli di donne, ma i loro denti erano come quelli dei leoni.(Orgoglio,lusso e mollezza) [9]Avevano il ventre simile a corazze di ferro e il rombo delle loro ali come rombo di carri trainati da molti cavalli lanciati all'assalto. [10]Avevano code come gli scorpioni, e aculei. Nelle loro code il potere di far soffrire gli uomini per cinque mesi. [11]Il loro re era l'angelo dell'Abisso, che in ebraico si chiama Perdizione, in greco Sterminatore.

    [12]Il primo «guaio» è passato. Rimangono ancora due «guai» dopo queste cose.

    La sesta tromba
    [13]Il sesto angelo(Cassiel,l'Angelo di Saturrno,delle solitudini e delle lacrime)suonò la tromba(dà il segnale delle rivoluzioni). Allora udii una voce dai lati dell'altare d'oro che si trova dinanzi a Dio. [14]E diceva al sesto angelo che aveva la tromba: «Sciogli i quattro angeli incatenati sul gran fiume Eufràte». [15]Furono sciolti i quattro angeli(i quattro flagelli distruttori) pronti per l'ora, il giorno, il mese e l'anno(perchè in natura nulla succede a caso) per sterminare un terzo dell'umanità(cioè i più deboli nell'ordine gerarchico del ternario). [16]Il numero delle truppe di cavalleria era duecento milioni; ne intesi il numero. [17]Così mi apparvero i cavalli e i cavalieri: questi avevano corazze di fuoco, di giacinto, di zolfo(il fuoco rosso,lo zolfo era giallo o bianco,il giacinto violetto o blù,i tre colori). Le teste dei cavalli erano come le teste dei leoni(La collera e la forza che trascina fatalmente i rivoluzionari) e dalla loro bocca usciva fuoco, fumo e zolfo(Tutti i princi confusi:le tenebre,la luce e il calore)[18]Da questo triplice flagello, dal fuoco, dal fumo e dallo zolfo che usciva dalla loro bocca, fu ucciso un terzo dell'umanità. [19]La potenza dei cavalli infatti sta nella loro bocca e nelle loro code; le loro code sono simili a serpenti, hanno teste e con esse nuociono.(Le conseguenze delle rivoluzioni sono fatali e mortali)

    Apocalisse - Capitolo 10

    Imminenza del castigo finale
    [1]Vidi poi un altro angelo, possente, discendere dal cielo (Dopo la grande rivoluzione viene la grande rivelazione)avvolto in una nube, ( le ombre del simbolismo)la fronte cinta di un arcobaleno(l'analisi universale della luce)aveva la faccia come il sole(La sintesi e l'unità al centro dello splendore) e le gambe come colonne di fuoco.(le forze della natura fondamento della rivoluzione) [2]Nella mano teneva un piccolo libro aperto.Avendo posto il piede destro sul mare e il sinistro sulla terra, (Raffigura la forza stabile e la forza mobile) [3] gridò a gran voce come leone che ruggisce. E quando ebbe gridato, i sette tuoni fecero udire la loro voce.( Al verbo d'unità proclamato dalla potenza vittoriosa delle tenebre,rispondono le sette voci della natura,Vale a dire tutte le verità disperse nell'analisi e richiamate all'unità della sintesi).

    4]Dopochè i sette tuoni ebbero fatto udire la loro voce, io ero pronto a scrivere quando udii una voce dal cielo che mi disse: «Metti sotto sigillo quello che hanno detto i sette tuoni e non scriverlo».

    [5]Allora l'angelo che avevo visto con un piede sul mare e un piede sulla terra, alzò la destra verso il cielo [6]e giurò per Colui che vive nei secoli dei secoli; che ha creato cielo, terra, mare, e quanto è in essi: «Non vi sarà più indugio! [7]Nei giorni in cui il settimo angelo farà udire la sua voce e suonerà la tromba, allora si compirà il mistero di Dio come egli ha annunziato ai suoi servi, i profeti».

    Il libro ingoiato
    [8]Poi la voce che avevo udito dal cielo mi parlò di nuovo: «Và, prendi il libro aperto dalla mano dell'angelo che sta ritto sul mare e sulla terra». [9]Allora mi avvicinai all'angelo e lo pregai di darmi il piccolo libro. Ed egli mi disse: «Prendilo e divoralo; ti riempirà di amarezza le viscere, ma in bocca ti sarà dolce come il miele». [10]Presi quel piccolo libro dalla mano dell'angelo e lo divorai; in bocca lo sentii dolce come il miele, ma come l'ebbi inghiottito ne sentii nelle viscere tutta l'amarezza. [11]Allora mi fu detto: «Devi profetizzare ancora su molti popoli, nazioni e re».

    Apocalisse - Capitolo 11

    I due testimoni
    [1]Poi mi fu data una canna simile a una verga e mi fu detto: «Alzati e misura il santuario di Dio e l'altare e il numero di quelli che vi stanno adorando. [2]Ma l'atrio che è fuori del santuario, lascialo da parte e non lo misurare, perché è stato dato in balìa dei pagani, i quali calpesteranno la città santa per quarantadue mesi.(L'atrio è la lettera esteriore,è la forma volgare del culto).
    [3]Ma farò in modo che i miei due Testimoni, vestiti di sacco, compiano la loro missione di profeti per milleduecentosessanta giorni». [4]Questi sono i due olivi e le due lampade che stanno davanti al Signore della terra. [5]Se qualcuno pensasse di far loro del male, uscirà dalla loro bocca un fuoco che divorerà i loro nemici. Così deve perire chiunque pensi di far loro del male. [6]Essi hanno il potere di chiudere il cielo, perché non cada pioggia nei giorni del loro ministero profetico. Essi hanno anche potere di cambiar l'acqua in sangue e di colpire la terra con ogni sorta di flagelli tutte le volte che lo vorranno. [7]E quando poi avranno compiuto la loro testimonianza, la bestia che sale dall'Abisso farà guerra contro di loro, li vincerà e li ucciderà. [8]I loro cadaveri rimarranno esposti sulla piazza della grande città, che simbolicamente si chiama Sòdoma ed Egitto, dove appunto il loro Signore fu crocifisso. [9]Uomini di ogni popolo, tribù, lingua e nazione vedranno i loro cadaveri per tre giorni e mezzo e non permetteranno che i loro cadaveri vengano deposti in un sepolcro. [10]Gli abitanti della terra faranno festa su di loro, si rallegreranno e si scambieranno doni, perché questi due profeti erano il tormento degli abitanti della terra.(Elia il martire dello Zelo,Enoch il Martire della scienza. Elia è il genio della protesta leggittima che resiste al dispotismo dei cattivi preti e dei cattivi re,è il genio di San Bernardo e di Savanarola. Enoch rappresenta la scienza Cabalistica. Infatti le chiavi primitive dell'occultismo
    ,le lettere sacre e i numeri ieratici sono attribuiti a questo patriarca)

    [19]Allora si aprì il santuario di Dio nel cielo e apparve nel santuario l'arca dell'alleanza. Ne seguirono folgori, voci, scoppi di tuono, terremoto e una tempesta di grandine. (L'intelligenza dei simboli fu data al profeta)

    Apocalisse - Capitolo 12

    Visione della donna e del drago
    [1]Nel cielo apparve poi un segno grandioso: una donna vestita di sole,(La religione ,o la chiesa aspetto della sagezza increata)con la luna sotto i suoi piedi (Essa era al di sopra di ciò che cambia)e sul suo capo una corona di dodici stelle. (Il suo pensiero era al centro del movimento celeste,in mezzo ai segni dello Zodiaco)Era incinta e gridava per le doglie e il travaglio del parto. (Ogni religione partorisce una nuova scienza e un nuovo mondo.E' la ragione del sacrificio della penitenza e dei suoi rigori,della predicazione e dei suoi clamori eloquenti).

    [3]Allora apparve un altro segno(Cioè un simbolo) nel cielo (quello della forza istintiva e brutale)un enorme drago rosso, con sette teste e dieci corna e sulle teste sette diademi(Le sette teste sono i sette peccati capitali,le dieci corna sono le disobbedienze ai dieci comandamenti di Dio,i sette diademi sono i trionfi del peccato nella iniziazioni umane).

    [4] la sua coda trascinava giù un terzo delle stelle del cielo e le precipitava sulla terra. Il drago si pose davanti alla donna che stava per partorire per divorare il bambino appena nato. ( Il male attacca la donna a causa della sua debolezza e pertanto essa è santa perchè essa deve divenire madre).

    [5]Essa partorì un figlio maschio, destinato a governare tutte le nazioni con scettro di ferro(La donna è la madre di Dio nell'Umanità.E' la regina del mondo.Ciò che si dice di essa può dirsi della società e della Chiesa di cui essa è l'originale vivente)e il figlio fu subito rapito verso Dio e verso il suo trono. [6]La donna invece fuggì nel deserto, ove Dio le aveva preparato un rifugio perché vi fosse nutrita per milleduecentosessanta giorni.

    [7]Scoppiò quindi una guerra nel cielo (Le credenze del nuovo mondo lottano contro quelle del mondo antico).

    Michele e i suoi angeli combattevano contro il drago. Il drago combatteva insieme con i suoi angeli, [8]ma non prevalsero e non ci fu più posto per essi in cielo. [9]Il grande drago, il serpente antico, colui che chiamiamo il diavolo e satana e che seduce tutta la terra, fu precipitato sulla terra e con lui furono precipitati anche i suoi angeli.(gli idoli del vecchio mondo rappresentano le forze fatali della natura. Il fuoco elettromagnetico rappresentato in tutte le teogonie dal serpente alato o dragone,Questa forza cessò di essere considerata come primo principio e ricadde nel dominio della materia)

    [17]Allora il drago si infuriò contro la donna (La quale resta soggetta alle influenze magnetiche)Ma furono dati alla donna le ali di una grande aquila(E' dato alla donna di pregare e di elevarsi col pensiero al di sopra delle fatalità magnetiche del suo organismo impressionabile e nervoso)

    [5]ed esso se ne andò a far guerra contro il resto della sua discendenza, contro quelli che osservano i comandamenti di Dio e sono in possesso della testimonianza di Gesù. (Esso aprì la gola e vomitò un fiume per uccidere i figli della donna,(Le false dottrine dovute all'immaginazione senza una regola e che tendono a tutto assorbire nel misticismo e nella fatalità).Ma la terra si aprì ed assorbì il fiume(Ciò che viene dalla terra ritorna alla terra e le dottrine morte sono presto o tardi represse dalla morte che ha dato loro un'esistenza effimera).[18]E si fermò sulla spiaggia del mare. (Le dottrine materialiste e fataliste così come tutte le potenze del male si arrestano dinanzi alla profonda immensità).

    Apocalisse - Capitolo 13

    Il drago trasmette il suo potere alla bestia
    [1]Vidi salire dal mare una bestia che aveva dieci corna e sette teste, sulle corna dieci diademi e su ciascuna testa un titolo blasfemo.( Ecco che dall'abisso dei tempi sorge l'ultimo impero universale,il regno anticristiano che deve precedere la venuta del Messia).
    [2]La bestia che io vidi era simile a una pantera(Essa rassomigliava all'Inghilterra)con le zampe come quelle di un orso (Essa camminava come la Russia).e la bocca come quella di un leone(Vale a dire che essa aveva per unica legge gli appetiti insaziabili della forza. E' qui la sintesi dei e la riunione dei quattro animali simbolici di Daniele)[3]Una delle sue teste sembrò colpita a morte, ma la sua piaga mortale fu guarita.

    Allora la terra intera presa d'ammirazione, andò dietro alla bestia [4]e gli uomini adorarono il drago perché aveva dato il potere alla bestia e adorarono la bestia dicendo: «Chi è simile alla bestia e chi può combattere con essa?». (Uno dei grandi imperi anticristiani deve risollevarsi dopo essere stato indebolito e il mondo ammirerà le risorse della forza materiale).

    [5]Alla bestia fu data una bocca per proferire parole d'orgoglio e bestemmie, con il potere di agire per quarantadue mesi. [6]Essa aprì la bocca per proferire bestemmie contro Dio, per bestemmiare il suo nome e la sua dimora, contro tutti quelli che abitano in cielo. [7]Le fu permesso di far guerra contro i santi e di vincerli; le fu dato potere sopra ogni stirpe, popolo, lingua e nazione. [8]L'adorarono tutti gli abitanti della terra, il cui nome non è scritto fin dalla fondazione del mondo nel libro della vita dell'Agnello immolato.(La caratteristica caratteristica dell'ultimo tempo sarà il disprezzo per ogni peccato e di ogni spirituale religione.Gli spiriti elevati saranno esposti a tutte le derisioni e a tutte le rinunzie,non si adorerà che il valore materiale)

    [9]Chi ha orecchi, ascolti: Colui che avrà fatto schiavi sarà schiavo.Colui che di ferro ha ucciso di ferro sarà ucciso(l'eterna legge del Karma)In questo sta la costanza e la fede dei santi. (Secondo la legge immutabile dell'equilibrio tutti gli eccessi provocano gli eccessi contrari,il male è punito col male,la violenza provoca violenza. Il delitto si porta dietro il castigo e colui che opprime presto o tardi sarà oppresso)

    Chi ha intelligenza calcoli il numero della bestia: essa rappresenta un nome d'uomo.(perchè è il numero dell'uomo) E tal cifra è (che rappresenta sette,ma che non possono formare alcuna figura regolare se non si può dare loro il sette per centro
    seicentosessantasei(Sei come il numero dei giorni della settimana, è il numero del tempo,come il sette è il numero dell'Eternità. Sei rappresenta l'equilibrio nel finito,tre bilanciato per tre,vale a dire l'anima in lotta contro la materia.
    Gli antichi cabalisti ammettevano tre elementi spirituali nell'anima umana. Psiche, Nefesh, Neshamah,vale a dire l'anima sensitiva,l'anima ragionevole,lo spirito puro.Le tre forme dell'anima corrispondono ai tre mondi;il materiale,lo spirituale e il divino ed hanno per corrispondenza nella materia tre forme elementari primitive chiamate; sale , solfo e mercurio.

    Il numero sei è rappresentato in Cabala da due triangoli che formano il sugello di Salomone quando si riuniscono e si dà loro un centro comune Si sa che la scala di progressione dei numeri è dieci,così il numero 666 rappresenta il numero sei,quello dell'antagonismo dello spirito e della carne,cioè quello della creatura o dell'uomo,poichè secondo il racconto simbolico della genesi è al sesto giorno che l'uomo è stato creato;rappresenta (dicono i Cabalisti) quel numero con una doppia potenza progressiva,ascendente per dieci e vuol dire materialismo ragionato,materialismo eretto a fede e religione.
    Questo numero scritto in lettere ebraiche dà Samaon:il cattivo; Samael: Il genio delle tenebre.
    Ed io ho veduto nella luce dell'intuizione.

    La messe e la vendemmia delle nazioni
    [14]Io guardai ancora ed ecco una nube bianca e sulla nube uno stava seduto, simile a un Figlio d'uomo;(La figura umana serve da modello geroglifico alla concezione di Dio) aveva sul capo una corona d'oro e in mano una falce affilata. [15]Un altro angelo uscì dal tempio, gridando a gran voce a colui che era seduto sulla nube: «Getta la tua falce e mieti; è giunta l'ora di mietere, perché la messe della terra è matura». [16]Allora colui che era seduto sulla nuvola gettò la sua falce sulla terra e la terra fu mietuta. (Le grandi manifestazioni religiose sono il segnale delle grandi guerre e delle grandi rivoluzioni).

    [17]Allora un altro angelo uscì dal tempio che è nel cielo, anch'egli tenendo una falce affilata.(Il tempio che è in cielo è la dottrina esatta rappresentata dal piano geroglifico del Tempio.Questa dottrina deve falciare tutte le false credenze)[18]Un altro angelo, che ha potere sul fuoco,(La scienza del fuoco è il lato pratico dell'occultismo religioso) uscì dall'altare e gridò a gran voce a quello che aveva la falce affilata: «Getta la tua falce affilata e vendemmia i grappoli della vigna della terra, perché le sue uve sono mature».( Il dogma sviluppandosi segna l'ora della rovina) [19]L'angelo gettò la sua falce sulla terra, vendemmiò la vigna della terra e gettò l'uva nel grande tino dell'ira di Dio. [20]Il tino fu pigiato fuori della città e dal tino uscì sangue fino al morso dei cavalli, per una distanza di duecento miglia. (Ma le rovine sono feconde. Il profeta le paragona alla mietitura e alla vendemmia. Il sangue dell'umanità come quello del Cristo diventerà vino della comunione per i popoli dell'avvenire)


    Apocalisse - Capitolo 16

    [1]Udii poi una gran voce dal tempio che diceva ai sette angeli: «Andate e versate sulla terra le sette coppe dell'ira di Dio». ( Le coppe di sangue che precedono il calice del vino,ogni nuova rivelazione della verità annuncia lo sterminio degli errori. Non si può arrivare alla pace se non attrverso la guerra)

    [2]Partì il primo e versò la sua coppa sopra la terra; e scoppiò una piaga dolorosa e maligna sugli uomini che recavano il marchio della bestia e si prostravano davanti alla sua statua. ( Le trombe sono gli organi rigeneratori del verbo attivo. Le coppe sono i recipienti del verbo passivo. La tromba come il bastone di Hermes e come lo scettro,corrisponde alla lettera Jod,la prima del nome di Jehova,la seconda corrisponde alla lettera Hé,la seconda del nome divino; i sette angeli sono sempre gli stessi in funzioni differenti)

    [3]Il secondo versò la sua coppa nel mare che diventò sangue come quello di un morto e perì ogni essere vivente che si trovava nel mare. (La terra e il mare sono qui posti in opposizione equilibrata;abbiamo visto che il grande angelo sintetico,il simbolo della scienza universale ha un piede sulla terra e l'altro sull'acqua,come l'antica Iside,come la regina Berta dal lungo piede o la regina piedoca dell'età di mezzo,di cui una gamba termina in una zampa d'oca, ad indicare che essa deve riposare sull'acqua in quanto è palmata come quella dell'anatra e del cigno).

    L'acqua secondo la Fisica degli antichi è il veicolo universale della vita,essa diviene simile al sangue di un cadavere per mostrare la decomposizione delle idee che precede le trasmutazioni sociali e che cambia in sintomi di morte gli elementi stessi della vita).

    [4]Il terzo versò la sua coppa nei fiumi e nelle sorgenti delle acque, e diventarono sangue. ( I fiumi e le sorgenti rappresentano le opinioni e le idee correnti. Il progresso questa legge provvidenziale,sembra all'epoca della rivoluzione divenire una fatalità infernale. Tutto si dissolve nelle epoche di dissoluzione)[5]Allora udii l'angelo delle acque che diceva:

    «Sei giusto, tu che sei e che eri,
    tu, il Santo,
    poiché così hai giudicato.
    [6]Essi hanno versato il sangue di santi e di profeti,
    tu hai dato loro sangue da bere:
    ne sono ben degni!».

    [7]Udii una voce che veniva dall'altare e diceva:

    «Sì, Signore, Dio onnipotente;
    veri e giusti sono i tuoi giudizi!». ( I partiti si diffamano e si giustificano di volta in volta con le violenze. I figli dei martiri divengono a loro volta dei persecutori e subiscono delle rappresaglie sanguinose,così l'universalità degli errori e dei delitti prepara l'universalità della penitenza e dell'errore. I Giudei hanno versato il sangue di Gesù Cristo;i cristiani a loro volta hanno versato il sangue d'Israele. Il martirio dell'uomo di Dio è espiato dal martirio del popolo di Dio. Poichè è precisamente di Israele che è stato detto: Quello è il mio figlio prediletto).


    [8]Il quarto versò la sua coppa sul sole e gli fu concesso di bruciare gli uomini con il fuoco. ( Il verbo negativo è sparso sulla luce e il dubbio invade il mondo; questo dubbio non viene dall'inferno ma proviene dallo stesso angelo del sole) [9]E gli uomini bruciarono per il terribile calore( La verità brucia allorquando non rischiara; gli uomini non possono soffrire il tormento del dubbio,l'assenza della fede per essi è l'inferno) e bestemmiarono il nome di Dio che ha in suo potere tali flagelli, invece di ravvedersi per rendergli omaggio.( gli uomini bestemmiarono perchè soffrono;non si oltraggia Dio quando si ha il sentimento consolante della sua esistenza; l'ateismo è una febbre passeggera.L'umanità spezza gli idoli ma non può fare a meno di Dio. Non è tuttavia sotto il peso della calamità che l'uomo si converte,il dolore purifica ma non consola,esso distrugge il male senza che uno si senta divenir migliore. Esso prepara solamente il bene,come quei violenti temporali che vengono a purificare l'atmosfera.Quando Dio si manifesterà agli uomini nella sua infinita carità gli uomini non bestemmieranno più).


    [10]Il quinto versò la sua coppa sul trono della bestia e il suo regno fu avvolto dalle tenebre. ( L'angelo di Giove Sachiel-Melech versa la sua condanna sopra i troni del gretto egoismo e pronuncia il giudizio del re) Gli uomini si mordevano la lingua per il dolore e [11]bestemmiarono il Dio del cielo a causa dei dolori e delle piaghe, invece di pentirsi delle loro azioni.( Le angosce e gli spergiuri della politica al tempo delle lotte tra i popoli e i re,le menzogne del giornalismo venale e della tribuna interessata,ecco cosa stanno a significare gli uomini che si mangiano la lingua,secondo l'energica espressione dell'apostolo.
    Essi sono allora ben disgraziati e bestemmiarono il proprio e l'altrui Dio, e lo vogliono far servire come strumento per le loro malvage passioni. Non è in mezzo a queste agitazioni e a questi furori che bisogna preparare la riforma che segue il salutare pentimento. La collera non corregge il male che con altro male. E' per questo che solo il sacrificio,solo il sacrificio dell'agnello,il sacrificio volontario,il sacrificio rassegnato può vincere il furore degli uomini e calmare la collera di Dio)

    [12]Il sesto versò la sua coppa sopra il gran fiume Eufràte e le sue acque furono prosciugate per preparare il passaggio ai re dell'oriente. (Rammentiamo i quattro fiumi dell'Eden che rappresentano i quattro punti cardinali e le quattro sostanze elementari. L'Eufrate è il nome dato al fiume della cattività; le acque rappresentano le dottrine e i popoli: un fiume che si prosciuga è una forza che sparisce.)[13]Poi dalla bocca del drago e dalla bocca della bestia e dalla bocca del falso profeta vidi uscire tre spiriti immondi, simili a rane: [14]sono infatti spiriti di demòni che operano prodigi e vanno a radunare tutti i re di tutta la terra per la guerra del gran giorno di Dio onnipotente. ( La Bestia,la sovranità cioè degli uomini egoisti e materialisti. Il dragone,vale a dire la forza fatale che produce le passioni malvage, e il falso agnello cioè il sacerdote materialista,avido dei vantaggi temporali, fanno sentire gli ultimi loro clamori. Non è più la voce dell'uomo,è il gracidare fastidioso della ranocchia che si lamenta dell'aridità del letto del fiume prosciugato.Non è che rumore di falsi meriti e di prodigi imposti per ingannare e sollevare la moltitudine,ma la moltitudine li abbandona e li lascia predicare nel deserto)

    [15]Ecco, io vengo come un ladro. Beato chi è vigilante e conserva le sue vesti per non andar nudo e lasciar vedere le sue vergogne.

    [16]E radunarono i re nel luogo che in ebraico si chiama Armaghedòn.

    [17]Il settimo versò la sua coppa nell'aria e uscì dal tempio, dalla parte del trono, una voce potente che diceva: «E' fatto!».( Tavolta si dice "Le idee sono nell'aria" ; arriva in effetti un dato momento in cui le si sentono,in cui si respirano. Non si può credere che in esse e per esse,allora. Ciò è fatto,il progresso è compiuto perchè l'opinione è formata e l'opinione è la regina del mondo). [18]Ne seguirono folgori, clamori e tuoni, accompagnati da un grande terremoto, di cui non vi era mai stato l'uguale da quando gli uomini vivono sopra la terra. ( Le folgori dell'intelligenza,le voci della moltitudine,i tuoni dell'eloquenza fanno tremare la terra)[19]La grande città si squarciò in tre parti e crollarono le città delle nazioni. ( I tre gradi della gerarchia cessano di essere uniti, lo stendardo dell'unità,lo stendardo dell'unità prende tre colori,le classi si isolano e si costituiscono in antagonismo sociale) Dio si ricordò di Babilonia la grande, per darle da bere la coppa di vino della sua ira ardente. [20]Ogni isola scomparve e i monti si dileguarono. [21] E grandine enorme del peso di mezzo quintale scrosciò dal cielo sopra gli uomini, e gli uomini bestemmiarono Dio a causa del flagello della grandine, poiché era davvero un grande flagello. (L'anarchia sconfigge allora il mondo,ma Dio interviene e castiga gli uomini ledendoli nei loro interessi; la grandine somiglia a un talento d'argento. E' la questione del denaro in effetti che abbatte tutti gli entusiasmi e che soggioga i partiti)

    Apocalisse - Capitolo 17

  • Lucifero
    00 3/8/2006 4:22 PM
    2. IL CASTIGO DI BABILONIA
    La prostituta famosa
    [1]Allora uno dei sette angeli che hanno le sette coppe mi si avvicinò e parlò con me: «Vieni, ti farò vedere la condanna della grande prostituta che siede presso le grandi acque. [2]Con lei si sono prostituiti i re della terra e gli abitanti della terra si sono inebriati del vino della sua prostituzione».( Questa meretrice nella quale i protestanti hanno voluto individuare la chiesa romana rappresenta invece la lussuria dell'antico mondo.E' quella figlia impura di cui si parla nel salmo 136 e di cui il profeta vorrebbe schiacciare i piccoli figli,vale a dire gli amori immondi,contro la pietra del decalogo. E' la Venere- Astarte dei Cesari e quella dei Borgia. Ma dal punto di vista morale solamente e non teologico). [3]L'angelo mi trasportò in spirito nel deserto. ( E' nel deserto,cioè nel dominio dell'astrazione e al di fuori di tutte le intuizioni sia divine sia umane che si manifesta questa visione.Là vidi una donna( non un papa oppure un re) seduta sopra una bestia scarlatta, coperta di nomi blasfemi, ( La bestia scarlatta è la sovranità prostituta)con sette teste e dieci corna. ( I sette peccati e le dieci bestemmie)[4]La donna era ammantata di porpora e di scarlatto, adorna d'oro, di pietre preziose e di perle, ( Il lusso alimenta la dissolutezza e la ricchezza immorale non è che la serva dell'impurità; dal canto suo l'imputità conduce facilmente all'idolatria delle ricchezze) teneva in mano una coppa d'oro, colma degli abomini e delle immondezze della sua prostituzione. (Il vaso o la coppa simbolizza il Cteis,l'organo femminile,lo strumento passivo della dissolutezza)[5] Sulla fronte aveva scritto un nome misterioso: ( La dissolutezza è nemica della saggezza e amica della follia che dubita di tutto e per la quale tutto è un mistero)«Babilonia la grande, la madre delle prostitute e degli abomini della terra». ( E' dunque qualcosa di universale e non di particolare)

    [6]E vidi che quella donna era ebbra del sangue dei santi e del sangue dei martiri di Gesù. ( Essa sfrutta l'abnegazione di coloro che muoiono).Al vederla, fui preso da grande stupore. ( Essa meraviglia sia per la sua potenza che per la sua infamia)[7]Ma l'angelo mi disse: «Perché ti meravigli? Io ti spiegherò il mistero della donna e della bestia che la porta, con sette teste e dieci corna.

    Simbolismo della bestia e della prostituta
    [8]La bestia che hai visto era ma non è più, salirà dall'Abisso, ma per andare in perdizione. E gli abitanti della terra, il cui nome non è scritto nel libro della vita fin dalla fondazione del mondo, stupiranno al vedere che la bestia era e non è più, ma riapparirà. [9]Qui ci vuole una mente che abbia saggezza. Le sette teste sono i sette colli sui quali è seduta la donna; e sono anche sette re. [10]I primi cinque sono caduti, ne resta uno ancora in vita, l'altro non è ancora venuto e quando sarà venuto, dovrà rimanere per poco. [11]Quanto alla bestia che era e non è più, è ad un tempo l'ottavo re e uno dei sette, ma va in perdizione. [12]Le dieci corna che hai viste sono dieci re, i quali non hanno ancora ricevuto un regno, ma riceveranno potere regale, per un'ora soltanto insieme con la bestia. [13]Questi hanno un unico intento: consegnare la loro forza e il loro potere alla bestia. (Poi l'angelo applica alla stessa Roma questa allegoria dell'impurità universale, ma qui s'intende la Roma del tempo di San Giovanni. Vale a dire la roma dei Cesari e di Domiziano; egli predice che sarà dilaniata e divorata dai re che essa ha corrotto,ch'essa discenderà dal trono e sarà ridotta alla desolazione e alla miseria. Che questa profezia si diretta anche alla Roma dei Borgia non esiste dubbio,ma è alla corte romana dei cardinali apostati e non al seggio universale di San Pietro che le minacce possono indirizzarsi)[14]Essi combatteranno contro l'Agnello, ma l'Agnello li vincerà, perché è il Signore dei signori e il Re dei re e quelli con lui sono i chiamati, gli eletti e i fedeli».

    [15]Poi l'angelo mi disse: «Le acque che hai viste, presso le quali siede la prostituta, simboleggiano popoli, moltitudini, gen
    Poi l'angelo mi disse: «Le acque che hai viste, presso le quali siede la prostituta, simboleggiano popoli, moltitudini, gen
    Poi l'angelo mi disse: «Le acque che hai viste, presso le quali siede la prostituta, simboleggiano popoli, moltitudini, gen
    Poi l'angelo mi disse: «Le acque che hai viste, presso le quali siede la prostituta, simboleggiano popoli, moltitudini, gen
    Poi l'angelo mi disse: «Le acque che hai viste, preP]
    ]]
    ]
    ]
    ]]
    vidi un altro angelo discendere dal cielo con grande potere e la terra fu illuminata dal suo splendore. ( Un altro Angelo,un'altra cioè manifestazione dello spirito di verità discende dal cielo,cioè dai luoghi eccelsi dell'intelligenza)

    [2]Gridò a gran voce:

    «E' caduta, è caduta
    Babilonia la grande ( Gli spiriti illumiati dalla verità comprendono che il regno dell'errore è divenuto impossibile. Il trionfo dell'ingistizia è sempre quello dell'errore e quando i popoli si illuminano essi abiurano ben presto la schiavitù e la tirannide. Non si cambia il mondo con degli incendi bensì con luci nuove)
    ed è diventata covo di demòni,
    carcere di ogni spirito immondo,
    carcere d'ogni uccello impuro e aborrito
    e carcere di ogni bestia immonda e aborrita.
    [3]Perché tutte le nazioni hanno bevuto del vino
    della sua sfrenata prostituzione,
    i re della terra si sono prostituiti con essa
    e i mercanti della terra si sono arricchiti
    del suo lusso sfrenato».

    [21]Un angelo possente prese allora una pietra grande come una mola, e la gettò nel mare esclamando:

    «Con la stessa violenza sarà precipitata
    Babilonia, la grande città
    e più non riapparirà. (Qui si riproduce lo stupendo e fosco quadro della distruzione del vecchio mondo,già descritta da Ezechiele a proposito della rovina di Tiro. L'immensità dei mari riflette i rossori dell'incendio il cui sale nel cielo come la terribile giustizia ne risale attraverso i tempi; la città dei malvagi è precipitata negli abissi della vergogna e del disprezzo. I re spaventati si levano dal loro trono per riguardare le vampe di questo immenso braciere,i vascelli spaventati si arrestano sul mare,sembra che tutta la natura taccia per ascoltare gli ultimi schianti di questo grande impero che cade.


    [22]La voce degli arpisti e dei musici,
    dei flautisti e dei suonatori di tromba,
    non si udrà più in te; ( Babilonia non esiste più. E' finita per essa; ancora ieri era piena di tumulto e gioia,le sue luci splendevano nella notte,le sue strade erano illuminate, vi si intendeva ridere nell'orgia,i fidanzati vi passavano coronati al suono di arpe e trombe).
    ed ogni artigiano di qualsiasi mestiere
    non si troverà più in te;
    e la voce della mola
    non si udrà più in te;
    [23]e la luce della lampada
    non brillerà più in te;
    e voce di sposo e di sposa
    non si udrà più in te.
    Perché i tuoi mercanti erano i grandi della terra;
    perché tutte le nazioni dalle tue malìe furon sedotte.
    [24]In essa fu trovato il sangue dei profeti e dei santi
    e di tutti coloro che furono uccisi sulla terra».. ( Ohimè !! Esclama il profeta,quasi esso stesso commosso per l'improvvisa rovina,come ha potuto questa grande città perire così in un istante!)

    Apocalisse - Capitolo 19

    Canti di trionfo in cielo
    [1]Dopo ciò, udii come una voce potente di una folla immensa nel cielo che diceva: (Allora il cielo che San Giovanni ha descritto al principio della sua profezia appare ancora una volta; le trombe degli angeli,i maremoti,i tuoni dei mondi che rotolano rendendo gloria a Dio,fanno erompere il canto trionfale della verità vittoriosa e della giustizia coronata)
    «Alleluia!
    Salvezza, gloria e potenza
    sono del nostro Dio;
    [2]perché veri e giusti sono i suoi giudizi,
    egli ha condannato la grande meretrice
    che corrompeva la terra con la sua prostituzione,
    vendicando su di lei
    il sangue dei suoi servi!».

    [3]E per la seconda volta dissero:

    «Alleluia!
    Il suo fumo sale nei secoli dei secoli!».

    [4]Allora i ventiquattro vegliardi e i quattro esseri viventi si prostrarono e adorarono Dio, seduto sul trono, dicendo:

    «Amen, alleluia».

    [5]Partì dal trono una voce che diceva:

    «Lodate il nostro Dio,
    voi tutti, suoi servi,
    voi che lo temete,
    piccoli e grandi!».

    [6]Udii poi come una voce di una immensa folla simile a fragore di grandi acque e a rombo di tuoni possenti, che gridavano:

    «Alleluia.
    Ha preso possesso del suo regno il Signore,
    il nostro Dio, l'Onnipotente.
    [7]Rallegriamoci ed esultiamo,
    rendiamo a lui gloria,
    perché son giunte le nozze dell'Agnello;
    la sua sposa è pronta,
    [8]le hanno dato una veste
    di lino puro splendente».
    ( Il verbo di verità che è stato raffigurato al principio sotto la figura spendente dell'agnello solare ,appare sotto le magnifiche vesti di un novello sposo. Il pensiero che finalmente sta per realizzarsi nella forma)

    La veste di lino sono le opere giuste dei santi.

    [9]Allora l'angelo mi disse: «Scrivi: Beati gli invitati al banchetto delle nozze dell'Agnello!». ( Il cielo sta per celebrare le sue nozze con la terra. Il regno del Messia sta per apparire finalmente sulla terra. Il Salvatore non è più uno scapolo crocifisso,ma un giovane sposo trionfante; dopo la redenzione dell'uomo è venuta quella della donna. Il genio sposa infine la bontà. Felici, esclama l'angelo,coloro che sono invitati a questo matrimonio celeste) Poi aggiunse: «Queste sono parole veraci di Dio».("Scrivi" aggiunge egli,poichè la parola di Dio si manifesta ora in tutta la sua verità) [10] Allora mi prostrai ai suoi piedi per adorarlo, ( San Giovanni allora si prosterna e vuole adorare il rivelatore)ma egli mi disse: «Non farlo! Io sono servo come te e i tuoi fratelli, che custodiscono la testimonianza di Gesù. E' Dio che devi adorare». La testimonianza di Gesù è lo spirito di profezia.( Ma l'angelo lo trattiene e gli dice di non fare nulla"Io sono conservo tuo,gli dice ancora il servitore della verità e della giustizia,adora Dio solo.Dio cui rendeva testimonianza nella bocca del Cristo,lo spirito dei Santi e dei Profeti. Così l'apostolo inaugura il regno definitivo dello Spirito Santo e l'ultima rivelazione di questo Dio che non si adorerà più nel Tempio di Gerusalemme o sugli alti luoghi di Samaria,ma secondo l'oracolo del Maestro: nello Spirito di verità,nell'intelligenza e nella giustizia.)


    3. LO STERMINIO DELLE NAZIONI PAGANE
    Il primo combattimento escatologico
    [11]Poi vidi il cielo aperto, ( Come al principio)ed ecco un cavallo bianco; (una forma pura della parola)colui che lo cavalcava si chiamava «Fedele» e «Verace»: ( Cioè l'uomo della verità e della giustizia)egli giudica e combatte con giustizia. ( La forza e l'impero appartengono alla giustizia)

    [12]I suoi occhi sono come una fiamma di fuoco, (Come nella prima visione del leone)ha sul suo capo molti diademi; ( Tutti i poteri si riuniscono nella mano del giusto)porta scritto un nome che nessuno conosce all'infuori di lui. (Quello di Dio cui egli è il verbo vivente)[13]E' avvolto in un mantello intriso di sangue . (Egli è passato attraverso la guerra e il sacrificio)e il suo nome è Verbo di Dio[14]Gli eserciti del cielo lo seguono su cavalli bianchi, vestiti di lino bianco e puro. (Tutto obbedisce alla ragione suprema e alla parola vivente)[15]Dalla bocca gli esce una spada affilata per colpire con essa le genti.( Come nella prima visione) Egli le governerà con scettro di ferro e pigerà nel tino il vino dell'ira furiosa del Dio onnipotente.( La giustizia è inflessibile come la verità perchè il vero e il bene sono immutabili) [16]Un nome porta scritto sul mantello e sul femore: Re dei re e Signore dei signori.

    [17]Vidi poi un angelo, ritto sul sole, che gridava a gran voce a tutti gli uccelli che volano in mezzo al cielo: [18]«Venite, radunatevi al grande banchetto di Dio. Mangiate le carni dei re, le carni dei capitani, le carni degli eroi, le carni dei cavalli e dei cavalieri e le carni di tutti gli uomini, liberi e schiavi, piccoli e grandi». ( Quest'immagine grande e terribile ricorda le parole di Gesù Cristo nel Vangelo"Ovunque sarà il cadavere le aquile si riuniranno)

    [19]Vidi allora la bestia e i re della terra con i loro eserciti radunati per muover guerra contro colui che era seduto sul cavallo e contro il suo esercito. [20]Ma la bestia fu catturata e con essa il falso profeta che alla sua presenza aveva operato quei portenti con i quali aveva sedotto quanti avevan ricevuto il marchio della bestia e ne avevano adorato la statua. Ambedue furono gettati vivi nello stagno di fuoco, ardente di zolfo. [21]Tutti gli altri furono uccisi dalla spada che usciva di bocca al Cavaliere; e tutti gli uccelli si saziarono delle loro carni.

    Apocalisse - Capitolo 20

    Il regno dei mille anni
    [1]Vidi poi un angelo che scendeva dal cielo con la chiave dell'Abisso e una gran catena in mano. ( La chiave della scienza e la catena dei numeri)[2]Afferrò il dragone, il serpente antico - cioè il diavolo, satana -( La luce astrale e vitale,forza fatale per i giusti,il fuoco segreto dei magi,il dragone di Giasone e di Cadmo) e lo incatenò per mille anni; [3]lo gettò nell'Abisso, ( Egli è legato dalla scienza e i mille anni sono una moltiplicazione del dinario)ve lo rinchiuse e ne sigillò la porta sopra di lui, (Il sugello di Raffaele, Salomone e di Ermete )perché non seducesse più le nazioni, fino al compimento dei mille anni. (L'equilibrio essendo legge eterna della vita,ogni azione fa prevedere una reazione ad ogni conpressione una espansione; è per questo che gli iniziati cristiani dei primi secoli,hanno annunziato la venuta dell'anticristo)Dopo questi dovrà essere sciolto per un pò di tempo.( E la stessa cosa si ripeterà nell'epoca messianica. Il trionfo definitivo del bene non sarebbe compiuto senza un movimento che rendesse necessario un movimento contrario in un'epoca determinata,ma il movimento di rivolta sarà debole,perchè il ritorno sarà stato calmo) [4]Poi vidi alcuni troni e a quelli che vi si sedettero fu dato il potere di giudicare. (I saggi e i giusti sono i re il cui regno non è di questo mondo,ma nel mondo avvenire)Vidi anche le anime dei decapitati a causa della testimonanza di Gesù e della parola di Dio, e quanti non avevano adorato la bestia e la sua statua(Il delitto pertanto è d'adorare la bestia,di prendere cioè per fine ultimo della vita la soddisfazione degli istinti). e non ne avevano ricevuto il marchio sulla fronte e sulla mano. ( Vale a dire che non hanno pensato né operato secondo le vedute del mondo,schiavo del denaro e della menzogna)ripresero vita e regnarono con Cristo per mille anni; ( Il profeta è così sicuro che ciò avverrà,che egli lo afferma come se fosse già avvenuto)[5]gli altri morti invece non tornarono in vita fino al compimento dei mille anni. ( Tutti ritorneranno a vivere ma ciascuno secondo la regola che s'è scelta; coloro che non hanno amato la giustizia non possono prendere parte al regno dei giusti.)Questa è la prima risurrezione. [6]Beati e santi coloro che prendon parte alla prima risurrezione. ( La prima resurrezzione è quella dell'anima divenuta immortale per la sua unione con la verità e la giustizia)Su di loro non ha potere la seconda morte,( Morire moralmente vale esporsi e morire eternamente nell'ordine fisico) ma saranno sacerdoti di Dio e del Cristo e regneranno con lui per mille anni. ( I giusti sono sacerdoti e re ed essi devono regnare con Gesù Cristo. I mille anni sono simbolici e non devono intendersi secondo l'eresia dei millenari)

    Secondo combattimento escatologico
    [7]Quando i mille anni saranno compiuti, satana verrà liberato
    dal suo carcere [8]e uscirà per sedurre le nazioni ai quattro punti della terra, ( La reazione si produrrà per mezzo delle forze materiali rappresentati dagli angeli del quadrato iscritto nel circolo)Gog e Magòg, ( Vale a dire le potenze dell'anarchia e della morte,6.666 più 13 il numero della morte e alpha e omega,il principio e la fine; vi è qui il numero delle lettere ebraiche e il simbolismo delle lettere greche),per adunarli per la guerra: il loro numero sarà come la sabbia del mare. [9] Marciarono su tutta la superficie della terra ( Il mondo intero si solleverà contro la verità e la giustizia in nome degli istinti brutali e degli istinti egoistici)e cinsero d'assedio l'accampamento dei santi e la città diletta.( Questa rivolta avvenire è già come passata.
    L'armata di Sennacherib spazzata dal soffio di un angelo). Ma un fuoco scese dal cielo e li divorò. ( Io sono passato,essi non esistono più,ha detto in modo magnifico un'altro profeta)[10]E il diavolo, che li aveva sedotti, fu gettato nello stagno di fuoco e zolfo,( Il ristagno della vita,l'inazione,l'immobilità,tale è il supplizio del diavolo che è stato il primo grande impostore dei primi cristiani; il preteso Dio del male è ridotto all'impotenza) dove sono anche la bestia e il falso profeta: saranno tormentati giorno e notte per i secoli dei secoli. ( Questa impotenza sarà il supplizio degli istinti egoistici e dell'ipocrisia fintanto che durerà il trionfo del bene,ma per il supplizio stesso del peccato Dio salverà i peccatori,facendo del male un insopportabile tormento; egli convertirà i cattivi e li costringerà a ritornare al bene)

    Il giudizio delle nazioni
    [11]Vidi poi un grande trono bianco .( Il segno della sintesi e dell'unità)e Colui che sedeva su di esso. Dalla sua presenza erano scomparsi la terra e il cielo senza lasciar traccia di sé.( Così come nel bianco si assorbe il blu e il rosso,questi due estremi contrari della scala cromatica) [12]Poi vidi i morti, grandi e piccoli, ritti davanti al trono. Furono aperti dei libri. ( Il bene trionfa e sta per giudicare le anime che il suo trionfo definitivo fissa nell'immortalità).Fu aperto anche un altro libro, quello della vita. ( Vi sono due libri come vi sono due alberi, quello della scienza"conoscenza" e quello della vita,come vi è in Dio saggezza stabile e libertà attiva)I morti vennero giudicati in base a ciò che era scritto in quei libri, ciascuno secondo le sue opere. ( Gli uomini hanno due principi d'azione,la legge e la loro libertà; è in loro potere la libertà di scelta,la quale si manifesta per mezzo degli atti.E' per questa ragione che saranno giudicati secondo le loro opere).[13]Il mare restituì i morti che esso custodiva e la morte e gli inferi resero i morti da loro custoditi e ciascuno venne giudicato secondo le sue opere. [14]Poi la morte e gli inferi furono gettati nello stagno di fuoco. (L'inferno e la morte sono rifiutati dal nuovo mondo come cose inutili;essi sono stati gettati nell'inattività,nel ristagno della vita).Questa è la seconda morte, (E' la morte della morte stessa e del diavolo) [15]E chi non era scritto nel libro della vita fu gettato nello stagno di fuoco. ( Tutto ciò che apparteneva al diavolo e alla morte,tutte le credenze oscure,tutte le crudeltà superstiziose,tutte le astuzie del fanatismo,tutto ciò che non è verità né giustizia,tutto ciò che non sta scritto nel libro della vita eterna,tutto ciò che ricade nello stagno di fuoco e di solfo,nel fuoco che cova,nella vita morta,nel lago di asfalto dell'eternità)

    Apocalisse - Capitolo 21

    4. LA GERUSALEMME FUTURA
    La Gerusalemme celeste
    [1]Vidi poi un nuovo cielo e una nuova terra, (L'intelligenza si è rivelata e la faccia del mondo è cambiata) perché il cielo e la terra di prima erano scomparsi e il mare non c'era più. ( La terra dell'iniquità non esiste più e il mare non divide i popoli,ora riuniti nella paternità universale) [2]Vidi anche la città santa, , ( La giustizia e la verità esistono; prima che se ne prevede il regno si vede la città avvenire degli spiriti sinceri e delle volontà giuste)la nuova Gerusalemme scendere dal cielo sulla terra, ( Il tipo della perfezione sociale che dal cielo,vale a dire dal dominio delle astrazioni,passa in quello della realtà) preparata da Dio medesimo( Il regno di Dio che si invoca tutti i santi giorni è quello della verità e della giustizia. Ora questo regno deve venire perche la forza appartiene alla giustizia) pronta come una sposa adorna per il suo sposo. ( La forma simile al pensiero,la materia sottomessa allo spirito,la parola e l'azione conforme alla verità,la città degli uomini retta dalla legge di Dio; Tutto ciò è analogo a un matrimonio in cui la sposa è convenientemente scelta e disposta verso lo sposo).[3]Udii allora una voce potente che usciva dal trono:

    «Ecco la dimora di Dio con gli uomini!
    Egli dimorerà tra di loro
    ed essi saranno suo popolo
    ed egli sarà il "Dio-con-loro".
    [4]E tergerà ogni lacrima dai loro occhi;
    non ci sarà più la morte,
    né lutto, né lamento, né affanno,
    perché le cose di prima sono passate».

    [5]E Colui che sedeva sul trono disse: «Ecco, io faccio nuove tutte le cose»; e soggiunse: «Scrivi, perché queste parole sono certe e veraci.

    [6]Ecco sono compiute!
    Io sono l'Alfa e l'Omega,
    il Principio e la Fine. (Il principio e la fine,in latino A e Z e in tal modo che gli i iziati alle scienze occulte hanno formato il motto AZOTH che significa Dio ma che è anche una sostanza universale)
    A colui che ha sete darò gratuitamente
    acqua della fonte della vita. ( Felici,disse il Cristo coloro che hanno fame e sete della giustizia poichè essi saranno saziati)
    [7]Chi sarà vittorioso erediterà questi beni;
    io sarò il suo Dio ed egli sarà mio figlio. ( solo ha un Dio colui che ha conquistato l'immortalità con le sole sue forze,che ha saputo voluto e osato e che si è ucciso)

    [8]Ma per i vili e gl'increduli, gli abietti e gli omicidi, gl'immorali, i fattucchieri, gli idolàtri e per tutti i mentitori è riservato lo stagno ardente di fuoco e di zolfo. E' questa la seconda morte».

    La Gerusalemme messianica
    [9]Poi venne uno dei sette angeli che hanno le sette coppe piene degli ultimi sette flagelli e mi parlò: «Vieni, ti mostrerò la fidanzata, la sposa dell'Agnello». [10]L'angelo mi trasportò in spirito su di un monte grande e alto, e mi mostrò la città santa, Gerusalemme, che scendeva dal cielo, da Dio, risplendente della gloria di Dio. (L'alta montagna è la regione elevata dell'iniziazione superiore e la nuova Gerusalemme è un pentacolo simile a quello di Ezechiele,a quello di Tebe e al piano misterioso del giardino dell'Eden. E' la quadratura del circolo,il problema di cui gli sciocchi cercano la soluzione ove essa non saprebbe essere e che esprime le sue leggi creatrici e conservatrici dell'universo,il movimento e la stabilità)[11]Il suo splendore è simile a quello di una gemma preziosissima, come pietra di diaspro cristallino.( Si vede bene che non si tratta di una città ma di un simbolo geroglifico; essa riunisce le qualità contrarie: la cupa e opaca lucentezza del diaspro e la trasparenza del cristallo) [12]La città è cinta da un grande e alto muro con dodici porte:( Non è dato a tutti penetrare al centro dei misteri,la città dell'iniziazione è fortificata ed il suo muro è grande e elevato. Noi capiremo in seguito che il pentacolo ha una figura di un cubo rinchiuso o che può essere rinchiuso in un globo). sopra queste porte stanno dodici angeli e nomi scritti, i nomi delle dodici tribù dei figli d'Israele. ( I dodici segni dello Zodiaco,le dodici virtù che si chiamano frutti dello Spirito Santo,le dodici stazioni del Sole,le dodici forme divine dell'Egitto e della (Grecia)[13]A oriente tre porte, a settentrione tre porte, a mezzogiorno tre porte e ad occidente tre porte. [14]Le mura della città poggiano su dodici basamenti, sopra i quali sono i dodici nomi dei dodici apostoli dell'Agnello.

    [15]Colui che mi parlava aveva come misura una canna d'oro, per misurare la città, le sue porte e le sue mura.( Dio ha tutto creato con il peso il numero e la misura, dice la Sacra Scrittura,tutto nel mondo è equilibrio e proporzione. La rivelazione perfetta si manifesta per mezzo delle leggi stesse della natura che si riposano nella matematiche eterne, gli effetti sono proporzionali alle cause,la parola è in ragione del pensiero). [16]La città è a forma di quadrato, la sua lunghezza è uguale alla larghezza. L'angelo misurò la città con la canna: misura dodici mila stadi; la lunghezza, la larghezza e l'altezza sono eguali. [17]Ne misurò anche le mura: sono alte centoquarantaquattro braccia, secondo la misura in uso tra gli uomini adoperata dall'angelo. ( Tutte le intelligenze sono rette gerarchicamente e proporzionalmente dalle medesime armonie che risultano dall'analogia delle misure e dei numeri. Cento è dieci volte il numero del regno,o di Malkuth o delle realizzazzione nelle forme create,moltiplicate per se stesse. E' dunque la creazione realizzata o resa conforme alla verità. Quaranta è il medesimo dinario o numero dieci retto da quello del tetragramma, Quattro è il Tetragramma stesso. Addizzionati i tre numeri(1+4+4) danno nove il gran numero divino)[18]Le mura sono costruite con diaspro e la città è di oro puro, simile a terso cristallo. ( Il muro è oscuro e sta a rappresentare il simbolismo; la città inveve è chiara e trasparente)[19]Le fondamenta delle mura della città sono adorne di ogni specie di pietre preziose. Il primo fondamento è di diaspro, ( Verde scuro)il secondo di zaffìro,( Blù,Issachar) il terzo di calcedònio, ( sostituisce il grisolito)il quarto di smeraldo, ( Verde ,Ruben)[20]il quinto di sardònice, ( sostituisce il berillo)il sesto di cornalina, (sostituisce l'onice)il settimo di crisòlito, (Blù,Neftali)l'ottavo di berillo, (Verde Blù,Manassé)il nono di topazio, (Giallo,Simeon)il decimo di crisopazio,(Blù,Zabulon) l'undecimo di giacinto, (Lillà)il dodicesimo di ametista. (violetto,Efraim) Queste pietre i cui colori sono assortiti per quattro volte tre rappresentano le principali sfumature della luce,simili ai pricipali accordi della musica e formano quattro calamite con un centro e due poli. Le pietre preziose hanno realmente delle virtù magnetiche che si rafforzano e che si dirogono raggruppandole secondo la scienza. Il modo di raggrupparle è spiegato dalla sapiente figura geometrica cinese che si chiama i trigrammi di Fo-hi. Infatti l'alta scienza è stata la stessa presso tutti i grandi popoli dell'antichità e i loro simboli,anche senza che essi siano compresi,si riportano gli uni agli altri[21]E le dodici porte sono dodici perle; ciascuna porta è formata da una sola perla. Oppure "E vi era una perla su ciascuna delle dodici porte e ciascuna delle porte era essa stessa una perla.( La porta della vera scienza è questa perla,di cui il Cristo ha detto che bisogna vendere tutto ciò che si possiede per farne l'aquisto) E la piazza della città è di oro puro, come cristallo trasparente.

    [22]Non vidi alcun tempio in essa perché il Signore Dio, l'Onnipotente, e l'Agnello sono il suo tempio. [23]La città non ha bisogno della luce del sole, né della luce della luna perché la gloria di Dio la illumina e la sua lampada è l'Agnello. ( L'oro è il simbolo della verità e della luce,l'agnello è il sole delle intelligenze,luminoso per il suo candore,ardente per il suo sacrificio.
    E' il montone della primavera,il montone dal vello d'oro di Phrixus e di Hellé. E' lo Shekinath della Cabala,che i Massoni moderni chiamano ancora Shekenna. Questo simbolo corrisponde a quello della colomba, emblema di luce e di dolcezza. La scienza è calma,essa è il sole degli spiriti e il calore delle anime,essa è il tempio del culto universale,poichè essa cambia il mondo intero in un tempio dove si adora l'inaccessibile ragione e la giustizia senza difetto e la giustizia senza difetto).

    [24]Le nazioni cammineranno alla sua luce
    e i re della terra a lei porteranno la loro magnificenza.
    [25]Le sue porte non si chiuderanno mai durante il giorno,
    poiché non vi sarà più notte.
    [26]E porteranno a lei la gloria e l'onore delle nazioni.
    [27]Non entrerà in essa nulla d'impuro,
    né chi commette abominio o falsità,
    ma solo quelli che sono scritti
    nel libro della vita dell'Agnello.

    Apocalisse - Capitolo 22


    [1]Mi mostrò poi un fiume d'acqua viva limpida come cristallo, che scaturiva dal trono di Dio e dell'Agnello. ( Il medesimo che usciva dall'Eden)[2]In mezzo alla piazza della città e da una parte e dall'altra del fiume si trova un albero di vita che dà dodici raccolti e produce frutti ogni mese; ( L'albero mortale della scienza è cambiato in albero di vita)http://www.prosveta.ch/sephir_i.html le foglie dell'albero servono a guarire le nazioni. ( Le foglie di quest' albero servono alla guarigione delle genti. Le foglie sono gli scritti destinate ad illuminare il mondo e che la stampa moltiplica come fa la primavera per le foglie degli alberi e per gli steli dei prati erbosi.
    L'albero della scienza che era anche quello dell'amore,era divenuto,a causa del peccato originale di Eva,l'albero della morte;ma l'amore è rigenerato e la generazione non è più maledetta. L'albero che fruttifica tutti i mesi è la donna il cui sangue d'ore innanzi non sarà più impuro e non si perderà più come l'acqua di una sorgente maledetta. Il peccato priginale viene a sostituirsi alla santità originale. Onore e gloria d'ora innanzi ai frutti dell'amore,poichè l'amore è santificato dalla giustizia.)

    [3]E non vi sarà più maledizione.
    Il trono di Dio e dell'Agnello
    sarà in mezzo a lei e i suoi servi lo adoreranno;
    [4]vedranno la sua faccia
    e porteranno il suo nome sulla fronte.
    [5]Non vi sarà più notte
    e non avranno più bisogno di luce di lampada,
    né di luce di sole,
    perché il Signore Dio li illuminerà
    e regneranno nei secoli dei secoli. (ecco dice il profeta,che Dio sta per far cessare tutti i dolori e asciugare tutte le lacrime, a cominciare da quelle del giovane fanciullo che piange entrando nella vita perchè la vita è maledetta . Gli uomini non sono più schiavi di un dio sconosciuto e terribile,essi lo vedono o piuttosto essi leggono il suo nome sulla fronte gli uni degli altri. Nessuno ha mai visto Dio,dice l'apostolo,ma colui che non ama suo padre che egli vede e che si vanta di amare Dio che non vede,colui è un mentitore)

    [6]Poi mi disse: «Queste parole sono certe e veraci. Il Signore, il Dio che ispira i profeti, ha mandato il suo angelo per mostrare ai suoi servi ciò che deve accadere tra breve. [7]Ecco, io verrò presto. Beato chi custodisce le parole profetiche di questo libro».

    [8]Sono io, Giovanni, che ho visto e udito queste cose. Udite e vedute che le ebbi, mi prostrai in adorazione ai piedi dell'angelo che me le aveva mostrate. [9]Ma egli mi disse: «Guardati dal farlo! Io sono un servo di Dio come te e i tuoi fratelli, i profeti, e come coloro che custodiscono le parole di questo libro. E' Dio che devi adorare». (Qui si ripete uno dei passaggi più importanti del libro, San Giovanni vuole adorare il rivelatore che alui parla sotto le sembianze umane,ma il verbo incarnato o l'angelo del Signore glielo impedisce e gli dice di adorare solamente Dio,suo padre.
    Altrove nella scrittura è detto che alla fine dei tempi Il Cristo come un vicerè fedele rimetterà il regno nelle mani di Dio,suo padre. Io vado verso mio padre,poichè mio padre è più grande di me, è detto nel discorso dopo la Cena nel Vangelo di San Giovanni)
    [10]Poi aggiunse: «Non mettere sotto sigillo le parole profetiche di questo libro, perché il tempo è vicino.(Questo libro aveva dunque una chiave che possedevano gli iniziati del tempo di San Giovanni) [11]Il perverso continui pure a essere perverso, l'impuro continui ad essere impuro e il giusto continui a praticare la giustizia e il santo si santifichi ancora.

    [12]Ecco, io verrò presto e porterò con me il mio salario, per rendere a ciascuno secondo le sue opere. [13]Io sono l'Alfa e l'Omega, il Primo e l'Ultimo, il principio e la fine. [14]Beati coloro che lavano le loro vesti: avranno parte all'albero della vita e potranno entrare per le porte nella città. (Per avere potenza sull'albero della vita bisogna aver purificato il proprio corpo partecipando al sacrificio volontario dell'Agnello,vale a dire dei primi iniziatori[15]Fuori i cani, i fattucchieri, gli immorali, gli omicidi, gli idolàtri e chiunque ama e pratica la menzogna! ( I cani sono le anime servili e striscianti,i fattucchieri sono i falsari della dottrina,gli immorali sono coloro che oltraggiano l'Amore)

    EPILOGO
    [16]Io, Gesù, ho mandato il mio angelo, per testimoniare a voi queste cose riguardo alle Chiese. Io sono la radice della stirpe di Davide, la stella radiosa del mattino».

    [17]Lo Spirito e la sposa dicono: «Vieni!». E chi ascolta ripeta: «Vieni!». Chi ha sete venga; chi vuole attinga gratuitamente l'acqua della vita.

    [18]Dichiaro a chiunque ascolta le parole profetiche di questo libro: a chi vi aggiungerà qualche cosa, Dio gli farà cadere addosso i flagelli descritti in questo libro; [19]e chi toglierà qualche parola di questo libro profetico, Dio lo priverà dell'albero della vita e della città santa, descritti in questo libro.

    [20]Colui che attesta queste cose dice: «Sì, verrò presto!». Amen. Vieni, Signore Gesù. [21]La grazia del Signore Gesù sia con tutti voi. Amen!