ETNA...FORUM Benvenuto nel forum di EtnaSci.it, EtnaSnow.it ed EtnaWeb.net

lettera aperta alla Regione Lombardia e al Collegio Maestri Sci Lombardia

  • Posts
  • OFFLINE
    candidato.lombardo
    Post: 2
    Registered in: 6/3/2007
    Location: MILANO
    Age: 35
    Gender: Male
    00 6/3/2007 9:59 PM
    Spett.le Sig. Massimo Zanini (Presidente Collegio Maestri Sci Lombardia)
    Spett.le Sig. Aldo Ghislandi (Vicepresidente Collegio Lombardia e D.T. disciplina alpina)
    Spett.le Dott.sa Ivana Borghini (Dirigente Regione Lombardia per professioni e pratica sportiva)
    Spett.le Dott. Pierluigi Maculotti (Dirigente CPF Ponte di Legno),


    come molti ragazzi candidati alle selezioni di Maestro di sci alpino qualche settimana fa ho chiamato in Regione per avere maggiori informazioni riguardo alle Selezioni (ricordo ai lettori che l'ultimo esame di selezione in Lombardia si è svolto nel 2005). Ho ricevuto risposte vage della serie: si forse, al momento non si fanno, se si fanno magari nel 2008 e di conseguenza in corso di formazione slitterebbe nel 2009 o giù di lì. Questo significa che per coloro che saranno ammessi al prossimo corso di formazione, se va bene, inizieranno a lavorare non prima del 2010. Ovviamente, se va bene, e fondi permettendo.

    Voci, sottolineo voci, dicono che l'organizzazione della formazione dei Maestri di Sci in Lombardia sia completamente allo sbando principalmente per motivi economici e per la non efficacissima gestione dei fondi regionali. Tutto questo, ovviamente, con conseguenze dirette sulla formzione dei candidati presenti e futuri.

    Il Collegio Maestri di Sci della Lombardia nel programma formativo 2006-2008 , qualche anno addiertro, dichiarava l'intenzione di far partire un corso maestri nel 2007 (quindi con conseguente prova di selezione), enel 2008 sia per l'alpino che lo snowboard. Faccio riferimento al numero 84 di "Professione Montangna" ( www.montagnaonline.com/ alla voce archivio) e al protocollo n°16/2006 inviato dal Collegio alla Regione Lombardia , si tratta dell'allegato A(http://www.regione.lombardia.it/wps/portal/_s.155/606?divcnt=pagename=PortaleLombardia%2FNews%2FPL_singola_news,c=News,cid=1149493956645,dir_gen=off,fronte=off,ottica=off&PRLso=off). Entrambi di documenti sono di pubblico dominio su internet.

    Da tale documento si evince che la quota di partecipazione richiesta ai candidati lombardi è di 1500€ e il resto dei costi organizzativi del Corso viene coperto dai fondi regionali (quando ci sono).

    Altre Regioni/Provincie chiedono ben altre cifre di partecipazione ai propri candidati, in modo da poter garantire lo svolgimento del Corso e la regolarità dello stesso. Per esempio:

    - Alto Adige: non residenti complessivamente pagano circa 3500€
    - Basilicata: 3500€
    - Liguria: residenti 3000€, non residenti 3800€
    - Piemonte: a fasce di reddito e si arriva a cifre superiori ai 4000€
    - Valle Aosta: 1700€ per i residenti e 3500€ per gli esterni.

    La lista potrebbe andare avanti, basta controllare i bandi di concorso e/o chiamare le Provincie/Regioni organizzatrici. Diciamo che mediamente una cifra di 3500€ non è "fuori mercato".

    Facendo riferimento al BURL n°18/serie ordinaria del 30/04/2007 mi permetto di fare quattro conti sul costo del corso Maestri di sci alpino per la Lombardia.
    Il corso che sta svolgendo al termine ha visto impegnati 44 candidati per i quali, per completare le 376 ore di corso sono stati stanziati € 91.981: arrotondiamo a 92.000€ per semplificare il calcolo.
    Questo vuol dire che le circa 630 ore di corso complessive per questi 44 candidati sono costate 155000€. La quota di 1500€ versata dai candidati ha coperto 66000€ del costo complessivo, lasciando alla Regione il finanziamento di 89000€ (approssimativamente).

    Facendo riferimento al prot.n°16/2006 del Collegio Maestri Sci Lombardia si evince che il corso maestri che avrebbe dovuto tenersi nel 2007 si prevedeva avrebbe coinvolto 60 candidatati.
    Rifacendo lo stesso calcolo fatto per i 44 candidati 2006/2007, si deduce che la quota di partecipazione di 1500€ copre 90000€ di spesa, mentre il corso complessivamente costerebbe 211400€. 121400€ dovrebbero essere coperti dalla Regione. Questo per i 60 candidati prospettati, vista la situazione attuale tale impegno economico sembrerebbe fantascienza.

    Se ai candidati venisse chiesta una quota di partecipazione più congrua ai "prezzi di mercato" la situazione sarebbe diversa.
    Per esempio una quota di 3500€ x 60 partecipanti copre 210000€ di spesa, praticamente il costo dell'intero corso (€211400).
    Una diversa quota di parecipazione, per esempio di 5000€, darebe un contributo complessivo dei candidati di 300000€. Non c'è bisogno di una Laurea in Economia e Commercio per capire che in quest'ultimo caso si prospetta un guadagno, sia per la Regione che per il Collegio organizzatore. Ovviamente quote diverse danno margini di guadagno diversi.

    Di primo acchito si potrebbe pensare: "Così è troppo caro!!!!!". Bah il costo che un candidato sostiene per prepararisi all'esame di selezione nel corso della stagione non è poi molto diverso (intendo attrezzatura, skipss, istruttore, viaggi, quota di partecipazione a varie selezioni, ecc.....). Quindi, alla fine, i candidati hanno la disponibilità economica per affrontare tale spesa. In ogni caso, nei confronti dei candidati più economicamente bisognosi, per esempio, la Regione potrebbe predisporre delle Borse di Studio/Formazione per parzialmente sostenere le spese del corso. Oppure la possibilità di accedere ad un piccolo finanziamento per sostenere i costi della propria formazione.


    Cosa resta di fare al Candidato Lombardo se la sua Regione "non si da una mossa" (permettetemi il termine gergale: ma ci sta!)per ottemperare al proprio ruolo formativo in materia di Maestri di Sci???

    a) pelegrinare nelle selezioni delle altre regioni con la speranza di riuscire ad infilarsi nel gruppo dei contribuenti della Regione organizzatrice del corso maestri

    b) andare all'estero (basta spulciare questo forum x sapere costi e indirizzi) dove pagarsi di tasca propria il corso e la licenza (mi pare che complessivamente Basi costi sui 6000€ e sia alla fine equivalente al titolo italiano, ormai tutti sappiamo l'inglese e i moduli sono organizzati costantemente e a rotazione......SAS ne chiede 5400€, che alla fine non è molto diverso se non per il fatto che non è riconosciuto) per poi a titolo professionale riconosciuto - ci sono precisi accordi internazionali per le licenze dei paesi dell' Eurogruppo - iscriversi all' Albo della Lombardia, trasferirsi a Livigno e insegnare quello che si è appreso dagli altri che ti hanno formato e che non è detto che sia conforme a "SCi Italiano 2004" o abbia la stessa qualità didattica. Ma intanto hai la tua brava licenza in tempi umani e lavori.

    Allo stato presente delle cose il Candidato Lombardo non ha molte altre possibilità.
    Considerando che la Lombardia ha il più alto numero di sciatori, da 40 a 50 Istruttori Nazionali, il più alto numero di alteti iscritti alle liste FISI, rimane semplicemente scandaloso che i candidati debbano affidarsi all'assistenzialismo populistico della Regione per il destino della loro formazione e carriera professionale. Soprattuto nella Regione che è il baluardo nazionale per l'imprenditoria e lo sviluppo economico.

    Ho scelto di postare questo thread perchè penso che il tema sia di comune interesse ai vari candidati. Ringrazio in primo luogo Entasci per la disponibilità data con il Forum, e le Dirigenze dello sci lombardo per l'attenzione data.

    Distinti Saluti

    Candidato Lombardo











    Modificato da candidato.lombardo 03/06/2007 22.45
  • OFFLINE
    etnasci
    Post: 533
    Registered in: 10/7/2004
    Gender: Male
    Amministratore sito
    00 6/4/2007 10:07 AM
    Grazie a te per aver scritto. Come sempre diamo spazio alla voce dei candidati maestri. Segnaliamo al collegio maestri della regione Lombardia la presenza del post sul forum per presa visione e nel caso volesse rispondere. Ciao e buona fortuna.

     

    Firma
    www.EtnaSci.it - La passione per lo sci, l'Etna e il mare
  • OFFLINE
    candidato.lombardo
    Post: 2
    Registered in: 6/3/2007
    Location: MILANO
    Age: 35
    Gender: Male
    00 6/5/2007 9:36 AM
    Ringrazio Etnasci per l'interessamento. Avevo già preventivamente avvisato- per ovvie ragioni di correttezza- tutti i destinatari via mail nelle loro rispettive sedi.

    Ah, dimenticavo, un'altra opzione che rimane ai Candidati Lombardi, in attesa del prossimo corso maestri (che a norma di Regolamento Regionale del 2004 potrebbe anche svolgersi nella stagione 2010-2011, ovvero 3 anni dopo la conclusione del presente), dicevo un ulteriore opzione sarebbe:

    c) sollecitare in massa la Provincia Autonoma di Trento (vanno bene anche la Sicila o la Sardengna o chi per esse) per indire una prova attitudinale straordinaria - e conseguente corso- riservata agli sciatori lombardi. Diciamo che 300 iscritti sono una cifra realistica x 250€ di quota partecipativa, ovvero € 75000 che , dedotti i costi organizzativi, rimpinguano le casse dell'organizzatore.
    Abbiamo già visto che i costi del corso cono coperti con 3500€ di quota, in questo caso ai 40/60 candidati idonei (cifra realistica visto l'alto livello tecnico degli sciatori lombardi) potrebbe essere chiesta una quota di corso di € 6000 (tanto quanto Basi, e visto il disturbo di organizzare un corso per loro). Un altro velocissimo conto, 50 partecipanti x € 6000 = 300000€ di introito, ovvereo 125000€ di guadagno. Altro che fondi regionali da stanziare, o corsi da bloccare perchè manca il "dindo"!!!! I nostri Istruttori Nazionali, rimasti disoccupati dalla Lombardia (corso, preparazone alla selezione eccc...), cambierebbero solo datore di lavoro e svolgerebbero lo stesso servizio.
    In questo caso l'organizzatore offre un servizio formativo e i candidati pagano per usufruire dello stesso.

    Una simile gestione delle cose risolverebbe, ampliamente, i problemi economici del corso maestri Lombardia; senza sobbarcare sulle esangui casse della Regione la responsabilità economica dello stesso.

    Riassumendo in ordine di realizzabilità immediata al Candidato Lombardo rimangono le opzioni: b), a), c). A meno che la propria Regione non decida di agire diversamente.

    Distinti Saluti,


    Candidato Lombardo



    Modificato da candidato.lombardo 05/06/2007 9.51