Freeforumzone mobile

Sondaggio: Che ne pensate dell'Intesa con i Testimoni di Geova?

  • Poll
  • # 1  
    07%
    # 2  
    93%
    Your Rank
  • Poll Data
  • Total Votes: 159
    Total Votes by Registered Users: 159
    Total Votes by Anonymous Users: 0
  • Posts
  • OFFLINE
    Achille Lorenzi
    Post: 6,179
    Registered in: 7/17/2004
    Master User
    00 3/21/2007 6:14 AM
    Si discute in questi giorni della possibilità di stipulare un'Intesa fra lo Stato e la Congregazione dei Testimoni di Geova.
    Qual è la vostra opinione in merito?

    Il sondaggio vi permette di esprimere il vostro parere favorevole o contrario.
    Se volete potete inserire nella discusione anche le motivazioni per cui avete espresso tale opinione.

    Achille

    [Modificato da Achille Lorenzi 21/03/2007 6.20]

  • Francesca Galvani
    00 3/21/2007 7:42 AM
    Ho votato no, ma potrei cambiare idea se i tdG accettassero di lasciare vera liberta di coscienza a chi:

    decidesse di accettare una trasfusione di sangue

    decidesse di cambiare religione o di non sentirsi più tdG

    decidesse di andare a votare

    saluti
    F.


  • OFFLINE
    Trianello
    Post: 2,048
    Registered in: 1/23/2006
    Veteran User
    00 3/21/2007 7:54 AM
    Io ho votato no, ma potrei cambiare idea se la Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova si sciogliesse. [SM=g27828]

    PS

    Ovviamente la mia era una battuta. Mi spiego: io sarei favorevole al riconoscimento dei TdG da parte dello Stato, se questi fossero disposti a modificare alcune dottrine del loro Credo che sono contrarie ai principi della Costituzione Italiana. Ora, la modifica di tali dottrine, però trasformerebbe radicalmente la natura del movimento geovista, trasformandolo di fatto in qualcos’altro (da cui lo scioglimento, di fatto, della Congregazione).

    [Modificato da Trianello 22/03/2007 3.13]


    -------------------------------------------

    Deus non deserit si non deseratur
    Augustinus Hipponensis (De nat. et gr. 26, 29)

  • OFFLINE
    brunodb2
    Post: 1,402
    Registered in: 7/12/2004
    Veteran User
    00 3/21/2007 9:13 AM
    Nessuno ha mai negato ai tdG il diritto di esistere. La reazione di noi Cattolici e non solo di loro, deriva dal fatto che essi applicano ai cristiani non tdG un principio paradossale per i tempi che corrono: “non licet vos esse Christianos”. E non solo per i cristiani. Salvo poi, prendere le intese come altre confessioni in nome di un pluralismo confessionale che essi detestano.
    Che i tdG tentino con ogni mezzo di raggiungere la ratifica dell’intesa, questo è palese.
    Che abbiano trovato anche un buon collegio di difesa, è dimostrato.
    Che in questa faccenda mostrino due facciate e continuino ad avere il piede in due staffe, è cosa certa.
    Che lo statuto presentato a suo tempo non abbia nulla di contrario, è ovvio.

    Ma tutto questo è sufficiente per potersi incontrare ad occhi aperti.?

    Quindi il mio voto è: NO
    Ciao [SM=x570892]

    Bruno
    ______________________________


    ---Verba volant scripta manent---
    -----
    --- www.vasodipandora.org ---
  • Luteranamanier
    00 3/21/2007 10:15 AM
    Ho votato No ...
    ...,perchè l'ostracismo nei confronti dei Ex-Tdg, il condizionamento mentale e il ricatto affettivo classifica la congregazione dei tdg come una religione estrema che viola chiaramente i diritti umani tanto cari alla costituzione Italiana. Quindi come potrebbe lo Stato Italiano concedere loro dei vantaggi finanziari e metterli sullo stesso livello delle chiese tradizionali, quando questa congregazione mostra con i suoi regolamenti di non poggiare i suoi insegnamenti sempre su una solida base cristiana ma spesso e volentiero su una base disumana!
    Poi i tdg hanno sempre detto, pur sottomettendosi alle autorità, che i governi incluso quello Italiano fanno parte del mondo di satana (bestia scarlatta dell'apocalisse), quindi come possono ora volersi nutrire del cibo del grande demone che hanno sempre riggettato?
    E lo Stato Italiano è veramente al corrente della denominazione che i tdg gli hanno da sempre attribuito?
    Pur non essendo Italiana, spero vivamente, e prego Il Signore,che lo Stato Italiano possa prendere una saggia decisione riguarda questo accordo!


    Veronika
  • OFFLINE
    flavio2157
    Post: 682
    Registered in: 11/24/2006
    Senior User
    00 3/21/2007 11:59 AM
    Personalmente ho votato si, non perche' approvo la setta dei TDG, ma per una questione di giustizia.
    Se anche altre religioni possono contare sull'intesa con lo stato, non vedo perche' ai TDG debba essere negata, essendo anche questa una religione!
    Ma, a chiunque mi sara' vicino, parlero' di come stanno veramente le cose all'interno di questa setta!
    Una buona giornata e un buon inizio primavera a tutti.
    Flavio [SM=x570912]
    [SM=x570864]
  • OFFLINE
    tartuca
    Post: 87
    Registered in: 12/21/2004
    Junior User
    00 3/21/2007 12:05 PM
    Ho votato no,per tutti i motivi che avete già citato;
    inoltre credo che :
    il chiedere di non fare trasfusioni
    il chiedere di non votare
    il considerare lo Stato come Babilonia
    siano già tre motivi sufficinti,senza considerare la loro apparteid
    Speriamo però che a livello di decisione non ci sia qualcuno che sia simpatizzante..... [SM=x570873]
  • OFFLINE
    Bicchiere mezzo pieno
    Post: 1,824
    Registered in: 8/25/2005
    Veteran User
    00 3/21/2007 12:33 PM
    Oh, avete visto? [SM=g27837]

    Ci sono due sì! [SM=g27837]

    Io ho votato 'no' per due motivi: 1) l'impossibilità di abbandonare i Testimoni senza pagare a vita e 2) la preclusione ai Tdg del diritto al voto, un rischio reale di totale anarchia.

    Anzi me ne viene in mente anche un terzo: incrementare le entrate della Bufalotta grazie al sostanzioso contributo dell'8 per mille porterà a un numero maggiore di costruzioni di sale del regno e di produzione letteratura. Niente di tutto il denaro percepito dallo Stato andrà a beneficio della società italiana ma tutto solo a beneficio della CCTG.
    Almeno la CC qualcosa per i poveri e i bisognosi fa. Di quante strutture vanta la WTS qui in Italia per l'aiuto agli ex-tossicodipendenti, ai malati di AIDS, e alla gente povera? Nemmeno una! E pensate che l'8 per mille invece la spronerà ad aprirne?

    Figuriamoci!

    [Modificato da Bicchiere mezzo pieno 21/03/2007 12.42]

    La verità non è qualcosa di statico ma è basata su una conoscenza progressiva, in grado di mettere in discussione anche i precedenti concetti raggiunti usando il modello del metodo scientifico
  • OFFLINE
    qumram
    Post: 269
    Registered in: 10/23/2004
    Junior User
    00 3/21/2007 12:34 PM
    Ero stato informato di questa intesa il mese di gennaio scorso dall'Aris Toscana e-mail aristoscana@virgilio.it dalla Signora Emanuela che è coordinatrice del gruppo e scrissi al riguardo una mia lettera a moltissimi onorevole
    vi incollo quanto da me scritto
    un saluto


    Gentile Onorevole

    Mi chiamo ...... e abito a .......
    Le scrivo in merito alla discussione parlamentare sulla libertà religiosa
    e in particolare riguardo alle religioni che sono in attesa della ratifica parlamentare

    Innanzi tutto sono felice di questa cosa perché lo stato italiano dimostra di aver a cuore il rispetto per la libertà religiosa di tutti,
    come sancisce la costituzione e pur consentendo a tutti di poter esercitare il culto,
    dimostra anche così di essere in grado di "imporre" il rispetto delle leggi che lo Stato stesso si è dato,
    permettendo liberamente esercitare la religione ,ma ricordando nello stesso tempo che le religioni hanno anche dei doveri da rispettare
    e che devono anche essere obbedienti alla legislazione la quale, è promulgata in nome di una collettività ed in vista del bene comune di "tutti i cittadini",

    mi auguro che le comunità religiose che reclamano questi diritti dovrebbero anche darsi da fare per rispettare i correlativi doveri.

    Purtroppo mi risulta che alcune religioni che reclamano questi diritti e rispetto,
    di doveri non se ne parla proprio! Anzi al loro interno vigila degli insegnamenti e regolamenti contro la nostra costituzione
    e che lo Stato può far ben poco per un controllo adeguato su di loro

    Mi riferisco in particolare ai Testimoni di Geova essendo io stato io di loro per molti anni
    E ora siccome non mi sono trovato d’accordo su alcune cose ,sono stato espulso e isolato da tutti i parenti e amici
    e chi si permette di rivolgermi la parola a sua volta viene inquisito e punito

    Riguardo al loro credo non è permesso fare il militare come io e moltissimi altri tdg abbiamo fatto in quanto è insegnato così

    Non ci si può impegnare politicamente ,infatti non esiste nessun testimone di Geova in tutto il mondo che sia consigliere,sindaco o onorevole o sindacalista

    Riguardo a cure mediche non sono permesse le trasfusioni e sino a poco tempo fa anche i trapianti

    Inoltre all’interno vigila un loro corpo giudiziario che spesso si sostituisce a quello dello stato
    per esempio quanto citato da me riguardo alla politica,militare ,cure mediche e salutare i dissasociati
    è soggetto al tribunale interno con pena esclusione dalla religione
    Tutto quanto detto io ho sofferto in prima persona

    Mi auguro che Le intese non siano elargizioni,
    ma nascono da un reale bisogno di allargare gli stessi diritti a tutti i soggetti religiosi.,
    e che lo Stato non accetterà di stipulare intese unilaterali con culti e sette illegali che rasentano l'illegalità
    e che lo Stato perciò di ratifichi da una parte e dall'altra quali diritti e doveri debbano essere rispettati e che lo siano effettivamente
    Un cordiale saluto
    sig.......

  • OFFLINE
    monterosa
    Post: 273
    Registered in: 6/9/2006
    Junior User
    00 3/21/2007 12:38 PM
    Re:

    Ciao a tutti.

    Ho votato no, semplicemente perchè misembra una mega contradizione.

    Come potrei aver fiducia in uno Stato che fa patti con una società ( e non una religione ) che lo considera Diabolico, Satanico e che boicotta le sue leggi in mille modi;

    e d'altro canto, chi può avere ancora fiducia in una società che vuole fare patti con chi, lei stessa considera, un servo di Satana?

    E' tutto così assurdo!!!!

    Senza contare tutte le cose che sono già state dette dagli altri!

    Ciao
    Lorena
  • OFFLINE
    Bicchiere mezzo pieno
    Post: 1,825
    Registered in: 8/25/2005
    Veteran User
    00 3/21/2007 12:47 PM
    Scusa Flavio, non ti sei accorto che ti sei contraddetto nell'arco di quattro righe?


    Se anche altre religioni possono contare sull'intesa con lo stato, non vedo perche' ai TDG debba essere negata, essendo anche questa una religione! [SM=g27820]:
    Ma, a chiunque mi sara' vicino, parlero' di come stanno veramente le cose all'interno di questa setta! [SM=x570872]



    Insomma, è una religione o una setta?

    Se è una religione allora merita l'otto per mille se è una setta invece no! le religioni hanno un'ortodossia loro ben specifica ma sono di mente aperta; le sette invece hanno un culto chiuso, ecumenismo zero, e la mente decisamente chiusa.

    A mio avviso finchè i Tdg non smettono di essere una setta, non possono assolutamente godere dell'Intesa dello Stato.

    [Modificato da Bicchiere mezzo pieno 21/03/2007 12.47]

    La verità non è qualcosa di statico ma è basata su una conoscenza progressiva, in grado di mettere in discussione anche i precedenti concetti raggiunti usando il modello del metodo scientifico
  • OFFLINE
    Pino53
    Post: 101
    Registered in: 10/9/2004
    Junior User
    00 3/21/2007 1:19 PM
    INTESA CON I TDG
    I compromessi fatti con Satana e il suo "mondo" ormai i tdg ci hanno abituati.Però per coerenza alla loro predicazione (non far parte del mondo [SM=g27833] )ho votato no.

    GIUSEPPE
  • OFFLINE
    Achille Lorenzi
    Post: 6,182
    Registered in: 7/17/2004
    Master User
    00 3/21/2007 1:37 PM
    Ho votato no perché con la ratifica dell’Intesa lo Stato finirà per sancire la piena legittimità di questo culto, delle sue pratiche e dei suoi insegnamenti. E io penso che uno Stato civile e democratico, che difende i diritti umani, tutela le famiglie e garantisce la libertà delle coscienze, non possa concedere tale riconoscimento ad un’organizzazione che mostra di non rispettare i diritti dei suoi cittadini. Infatti, anche se i Testimoni di Geova sono dei veri maestri nell’utilizzo di un linguaggio “depistante”, ricorrendo a quella che essi definiscono “menzogna teocratica” – insegnamento secondo cui non è sbagliato mentire ai “nemici dell’organizzazione” (cioè a tutti coloro che non sono Testimoni) – la realtà dei fatti, vissuta e sperimentata da tutti coloro che sono stati (e che sono ancora) TdG, dimostra, al di là di ogni dubbio, che questo culto non rispetta i fondamentali diritti dei singoli.
    Per fare un solo esempio, se un Testimone di Geova decidesse, dopo attenta analisi e dopo maturate riflessioni, di lasciare il gruppo perché si è reso conto dell’erroneità delle sue dottrine (che contrastano per altro con molti fatti storici e scientifici), questa sua scelta verrà sanzionata con l’espulsione: la Congregazione imporrà a tutti gli associati di non avere più alcun genere di rapporto con lui; e tale ostracismo verrà manifestato anche dai parenti e familiari di chi è rimasto nella “setta”.
    L’unico modo per ritornare ad avere una certa normalità nei rapporti con i parenti rimasti TdG consisterebbe nel farsi riammettere nel gruppo. Bisognerà cioè ritrattare le proprie convinzioni, le proprie scelte – pur ritenendole giuste, legittime e corrette - e cedere a tale ricatto, ritornando ad essere un testimone di Geova. Un ritorno fra l’altro per niente facile e molto umiliante: chi vuole essere riammesso, infatti, deve frequentare le riunioni per circa un anno, entrando quando la riunione è iniziata e uscendo prima che si concluda; dovrà sedersi in fondo, in un posto riservato ai “disassociati” e nessuno gli rivolgerà la parola, nemmeno per un semplice saluto.
    Dopo parecchi mesi di tale umiliazione, dovrà chiedere formalmente, tramite una lettera indirizzata agli "anziani" della congregazione, di essere riammesso. E sarà discrezione di tali "anziani" decidere se il “pentimento” è stato mostrato a sufficienza, sottoponendo a tale scopo l’ex membro ad un interrogatorio inquisitoriale per verificare se ha abbandonato del tutto le sue idee “eretiche”. Se gli “anziani” dovessero notare che vi sono ancora deboli tracce di dissenso, la riassociazione verrebbe rimandata a tempo indeterminato.

    La Costituzione italiana garantisce il diritto a professare liberamente la propria fede ed opinione; nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo si legge che «Ogni individuo ha il diritto alla libertà di pensiero, coscienza e di religione; tale diritto include la libertà di cambiare religione o credo» (Articolo 18) e che tale libertà include «il diritto di non essere molestato per la propria opinione» (Articolo 19).
    Come può quindi lo Stato garantire tale libertà riconoscendo tramite l’Intesa un’organizzazione che calpesta con le sue pratiche proprio questi sacrosanti diritti?

    Esistono migliaia e migliaia di persone che si trovano in una situazione di perenne emarginazione dai propri cari e parenti come conseguenza dell'essere stati espulsi dal gruppo.
    E si può essere espulsi dal gruppo per un’infinità di motivi, che vanno dall’aver acconsentito ad un’indispensabile trasfusione di sangue per se stessi o per un proprio caro (anche un figlio minorenne!), all’aver esercitato di diritto/dovere di votare, all’aver espresso il minimo dubbio sulla veracità storica e scientifica dei dogmi dell’organizzazione: tutto ciò – in assenza di “pentimento” (= abiura delle proprie scelte e convinzioni) - viene punito con la “disassociazione” e con il conseguente ostracismo.
    Vi sono moltissime persone che, pur non credendo più a questa religione, non la abbandonano ufficialmente per non subire queste conseguenze irreparabili nella loro vita sociale e familiare.
    I Testimoni di Geova sono una sorta di Talebani, che non utilizzano la lapidazione solo perché non è consentito loro dalle leggi dello Stato, ma che non avrebbero esitazioni ad uccidere i dissidenti se vivessero in un loro stato “teocratico”. Ecco cosa si legge, per esempio, in una loro pubblicazione:
    «Oggi non viviamo fra nazioni teocratiche in cui i membri della nostra famiglia carnale potrebbero essere sterminati da Dio e dalla sua organizzazione teocratica per apostasia come era possibile ed era ordinato di fare nella nazione d'Israele. Essendo circoscritti dalle leggi delle nazioni in cui viviamo ed anche dalle leggi di Dio mediante Gesù Cristo, possiamo agire contro gli apostati soltanto fino a un certo punto, vale a dire conformandoci alle due serie di leggi. La legge dello Stato e la legge di Dio mediante Cristo ci proibiscono di uccidere gli apostati, anche se sono membri della nostra famiglia carnale. Naturalmente, se i figli sono maggiorenni, vi può essere una separazione e una rottura vera e propria nei vincoli familiari, perché i vincoli spirituali sono già spezzati» (La Torre di Guardia del 15/1/1954, p. 62).

    Di fronte a simili allucinanti dichiarazioni e situazioni, non si può fare a meno di chiedersi come possa uno Stato civile e democratico stipulare un'Intesa con un’organizzazione che manifesta simili caratteristiche “settarie”.
    E’ vero che lo Stato deve tutelare e garantire la libertà di tutti i gruppi ed organizzazioni ma i gruppi sono composti da persone, e le persone sono più importanti e vengono prima di qualsiasi culto.

    Achille
  • OFFLINE
    Vitale
    Post: 2,086
    Registered in: 7/11/2004
    Veteran User
    00 3/21/2007 1:43 PM
    Re:

    Il no, é indirizzato anche alle altre tipologie di movimenti dal dubbio profilo. Quanto ai tdG:

    - Il Corpo Direttivo non ha nessun credito per giustificare la morte di decine, migliaia di persone per mancanza di trasfusione di sangue. La legge data da Dio a Mosè, comanda a non rimanere indifferente davanti a tali delitti nel leggere queste notizie.
    È istigazione al suicidio ed omicidio premeditato.

    - In "Sicurezza" 1937, pag. 42, Rutherford ha risposto: "La religione della Torre di Guardia è puro e genuino DEMONISMO.

    - Vige la libertà di religione, ma questo non significa che qualsiasi affarista debba essere riconosciuto come religioso.

    - La WTS non riconosce mai sinceramente i suoi peccati.

    - La discriminazione verso le altre religioni, gli apostati, legami parentali affettivi...

    - Ecc...

    Vitale

    [Modificato da Vitale 21/03/2007 13.44]

    La giustizia di ogni luogo é l'ingiustizia di ogni luogo.
    Martin Luther King
  • OFFLINE
    moscarossa
    Post: 132
    Registered in: 8/7/2005
    Junior User
    00 3/21/2007 1:58 PM
    Bisogna votare per ottenere un governo
    Come potranno reclamare verso un governo che essi non vogliono??
    Nella nazione ove io vivo, il governo paga la pensione vecchiaia a tutti quelli che compiono i 65 anni, anche se non hanno mai lavorato. Solo si deve inoltrare la domanda in dimostrazione che ci sei.
    I tdg inoltrano la domanda e si pagano la pensione da un governo che non vogliono. Che ve ne pare?? E' giusto?
    Ecco perche' ho votato contrario.
    Mosca
  • OFFLINE
    studente.D
    Post: 55
    Registered in: 11/28/2006
    Junior User
    00 3/21/2007 2:22 PM
    A questo proposito vorrei solo evidenziare una citazione:

    *** w90 1/1 p. 12 parr. 8-10 ‘Non ci vergogniamo della buona notizia’ ***
    È vero che i testimoni di Geova sono odiati e incontrano opposizione in tutte le nazioni della terra, ma questo adempie ciò che è stato predetto come segno per identificare i veri adoratori del solo vivente e vero Dio. (Giovanni 15:20, 21; 2 Timoteo 3:12) Perciò queste cose, anziché scoraggiare e abbattere i proclamatori della buona notizia, confermano loro che hanno l’approvazione divina e che appartengono all’organizzazione approvata del Sovrano universale, Geova.

    9 Non dimenticatelo mai: Abbiamo il sostegno dell’Iddio Altissimo di tutto l’universo. Perciò, cosa importa se il mondo con tutte le sue sette religiose e i suoi partiti politici è contro di noi? L’unigenito Figlio di Dio ebbe tutto il mondo contro, e noi non ci vergogniamo di trovarci nella stessa situazione. Egli disse ai suoi apostoli: “Se il mondo vi odia, sapete che prima di odiare voi ha odiato me. Se faceste parte del mondo, il mondo avrebbe affetto per ciò che è suo. Ora poiché non fate parte del mondo, ma io vi ho scelti dal mondo, per questo motivo il mondo vi odia”. — Giovanni 15:18, 19.

    10 I testimoni di Geova hanno quindi subìto persecuzione in tutto il mondo, ma soprattutto nelle nazioni che compongono la cosiddetta cristianità. Il fatto che sono perseguitati dalla cristianità non dimostra che i Testimoni non siano cristiani. Anzi, avvalora la loro dichiarazione di essere veri cristiani, Testimoni dell’Iddio e Padre di Gesù Cristo, cioè di Geova. Essendo Testimoni di Dio, non si vergognano quando vengono perseguitati per la loro religione. Pertanto, l’esortazione a non vergognarsi che l’apostolo Paolo rivolse ai cristiani del I secolo si applica bene agli odierni testimoni di Geova. — Vedi Filippesi 1:27-29.


    Quindi... se i TdG otterranno l'Intesa con lo Stato sarà una prova della Benedizione di Dio... se non la otterranno... beh lo stralcio dell'articolo sopra citato è molto chiaro. In ogni caso "vinceranno" i TdG....

    Ridicolo? a voi l'ardua sentenza...

    Saluti


    P.S. Ho votato NO proprio per l'incongruenza nell'interpretazione di fatti e avvenimenti riguardanti i TdG e l'organizzazione.

    [Modificato da studente.D 21/03/2007 14.29]

    [Modificato da studente.D 21/03/2007 14.32]

    --------------------------------------
    Dubitando enim ad inquisitionem venimus; inquirendo veritatem percipimus
  • animhatua
    00 3/21/2007 2:26 PM
    il mio voto è no sostanzialmente per due motivi:
    perchè non si puo pretendere un riconoscimento di questo tipo e poi rifiutarsi di andare a votare. Non si pretendere un riconoscimento di questo tipo e poi non avere nemmeno un associazione benefica di volontariato.
    ciao
    lucy
  • OFFLINE
    speranza!
    Post: 564
    Registered in: 3/6/2006
    Senior User
    00 3/21/2007 2:47 PM

    Ciao a tutti, [SM=x570892]

    ho votato NO,

    per i motivi già citati da voi
    e in particolare perchè
    i tdg pretendono per sè diritti che loro stessi negano ad altri,

    invocano la libertà religiosa solo per loro,
    ma dov'è la libertà di non essere più tdg,
    senza patire penose conseguenze?

    [SM=g27827]: Speranza [SM=g27827]:

    "Due cose riempiono l'animo di ammirazione e venerazione sempre nuova e crescente, quanto più spesso e più a lungo la riflessione si occupa di esse: il cielo stellato sopra di me, e la legge morale in me". (Kant)
  • OFFLINE
    majo.RAFFA
    Post: 81
    Registered in: 10/17/2006
    Junior User
    00 3/21/2007 2:50 PM
    Re:

    Scritto da: Achille Lorenzi 21/03/2007 13.37

    La Costituzione italiana garantisce il diritto a professare liberamente la propria fede ed opinione; nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo si legge che «Ogni individuo ha il diritto alla libertà di pensiero, coscienza e di religione; tale diritto include la libertà di cambiare religione o credo» (Articolo 18) e che tale libertà include «il diritto di non essere molestato per la propria opinione» (Articolo 19).
    Come può quindi lo Stato garantire tale libertà riconoscendo tramite l’Intesa un’organizzazione che calpesta con le sue pratiche proprio questi sacrosanti diritti?

    Achille



    Premetto che non ho ancora votato, e premetto che non l'ho fatto perchè vorrei sentirmi libera di dire si o no avendo colto il giusto concetto della questione. Achille qui riporta il fatto che stiamo parlando di scelta dello Stato, per il quale, come detto nel sopracitato articolo 18, ogni individuo è libero di scegliere in merito alle sue scelte religiose. Inoltre questo diritto non deve metterlo in condizione di essere molestato. Allora questa è la posizione dello stato che per assunto è LAICO! Quindi :

    Postulato : lo stato laico decide di dare la libertà religiosa
    teorema : se lo stato da libertà religiosa vuol dire che include in essa la possibilità poi di manifestare il proprio culto esattamente come quest'ultimo lo richiede
    Risultato: detto questo se lo stato non entra sindacando quanto il culto va professando ma solo deliberando la libertà religiosa, non possiamo rispondere no solo perchè il culto non si comporta correttamente rispetto all'individuo. Questo esula dal compito dello Stato LAICO!!
    A meno che (e questo non lo so) altri articoli all'interno della costituzione imbriglino in maniera più precisa che cosa deve fare e non deve fare un cittadino che si dica Italiano. Allora il confronto per correttezza andrebbe fatto tra i propri doveri di cittadino Italiano e il proprio modo di vivere come appartente al culto. Se collisione o conflitto di interessi c'è, allora lo Stato LAICO dovrebbe impedirne la diffusione. Ma a questo punto andrebbe contro l'articolo 18 della costituzione.
    E' un ginepraio io non me la sento di dare un parere esclusivo perchè c'è conflitto di interessi irrisolvibile allo stato di fatto.
    Scusatemi.

    Ciao a tutti e buona giornata.
    ELISA
    [SM=x570872] [SM=x570873]

    [Modificato da majo.RAFFA 21/03/2007 14.52]

    MAJO - "don't worry be happy"
  • OFFLINE
    (Mario70)
    Post: 648
    Registered in: 7/17/2005
    Senior User
    00 3/21/2007 3:50 PM
    Re:

    Scritto da: Francesca Galvani 21/03/2007 7.42
    Ho votato no, ma potrei cambiare idea se i tdG accettassero di lasciare vera liberta di coscienza a chi:

    decidesse di accettare una trasfusione di sangue

    decidesse di cambiare religione o di non sentirsi più tdG

    decidesse di andare a votare

    saluti
    F.




    Io l'intesa la faccio con te dal momento che mi hai tolto le parole di bocca...
    Un bacione a tutti e 5 Mario

    "Il messaggio è chiaro. Il nostro amore per Geova dev’essere più forte del nostro amore per i familiari che gli divengono sleali.
    Oggi Geova non mette immediatamente a morte quelli che violano le sue leggi.
    Amorevolmente dà loro l’opportunità di pentirsi delle loro opere ingiuste. Ma come si sentirebbe Geova se i genitori di un trasgressore impenitente continuassero a metterLo alla prova frequentando senza necessità il loro figlio disassociato?"(La torre di Guardia 15 luglio 2011 pagine 31)
  • OFFLINE
    Gocciazzurra
    Post: 861
    Registered in: 5/16/2005
    Senior User
    00 3/21/2007 3:58 PM
    Anche il mio voto è un NO x i motivi che sono già stati citati.
    Considerano il sistema politico (oltre a tutto il resto) satanico obbligando i loro adepti a non votare e predicano sino allo spasimo di rimanere separati dal mondo ed ora cadono nell'opportunismo?
    Inoltre 'sta SETTA rappresenta un grave pericolo sociale essendo dei manipolatori mentali.
    Fine della storia






    Il tempo è un grande maestro. Peccato che uccida tutti i suoi allievi. (H. Berlioz)
  • =omegabible=
    00 3/21/2007 4:21 PM
    re
    NO
  • OFFLINE
    speranza!
    Post: 565
    Registered in: 3/6/2006
    Senior User
    00 3/21/2007 4:36 PM

    nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo si legge che «Ogni individuo ha il diritto alla libertà di pensiero, coscienza e di religione; tale diritto include la libertà di cambiare religione o credo» (Articolo 18)


    Secondo me è evidente che i tdg violano i diritti dell'uomo!

    Perchè negano ai loro adepti la reale libertà di cambiare religione. [SM=g27812]


    Ciao [SM=x570892] [SM=x570892]

    [SM=g27827]: Speranza [SM=g27827]:
    "Due cose riempiono l'animo di ammirazione e venerazione sempre nuova e crescente, quanto più spesso e più a lungo la riflessione si occupa di esse: il cielo stellato sopra di me, e la legge morale in me". (Kant)
  • OFFLINE
    (milky way)
    Post: 532
    Registered in: 7/13/2005
    Senior User
    00 3/21/2007 6:07 PM
    anche io voto no.....ma volevo chiedere ci sono altri gruppi o sette che come i tg hanno chiesto l intesa??.... [SM=x570868]
  • OFFLINE
    =Marcuccio=
    Post: 220
    Registered in: 1/5/2007
    Junior User
    00 3/21/2007 6:13 PM
    Il mio voto è no
    E' "No" sostanzialmente perchè voglio aiutarli a raggiungere la verità iniziando a fare rispettare a loro stessi quello che hanno blaterato per anni. "No" perchè rispetto, senza per questo approvare, la loro opinione circa lo Stato come sistema malvagio di cose. Se io sapessi che il latte di una vacca è acido non lo prenderei per nutrirmi. Se sono TdG e so che lo Stato è... non prenderei i soldini per "nutrirmi"... questo è solo una piccola cosetta tra le tante... lo sappiamo bene, ma... Coerenza ci vuole

    Ogni bene
    Marcuccio
  • OFFLINE
    flavio2157
    Post: 687
    Registered in: 11/24/2006
    Senior User
    00 3/21/2007 6:57 PM
    Risposta per Bikki
    La differenza tra religione e setta in certi casi non è così definita.
    Un saluto a tutti
    Flavio
  • OFFLINE
    Agabo
    Post: 87
    Registered in: 7/11/2004
    Junior User
    00 3/21/2007 7:33 PM
    HO VOTATO "NO"
    Perché i tdG sono in contraddizione con tutto quello che affermano riguardo al ruolo dei governi nazionali e internazionali (per es. credono e insegnano che i governi sono al servizio del Diavolo).

    Ho anche molti dubbi sulla destinazione dei proventi dell'8 x 1000. Forse sono poco informato, ma non ho ancora letto niente circa l'uso che ne farebbero; seguirebbero l'esempio di altre Denominazioni che destinano tali proventi a delle opere di natura umanitaria, visto che anche su questo fronte non hanno mai fatto veramente nulla di concreto? Oppure quei soldi finirebbero nelle casse della WTS per essere usati nella propaganda contro le chiese (vedi l'ultimo volantino prodot


    to) e contro la politica (anche quella italiana!)?

    Avrei ancora molto da dire sull'argomento, ma credo che, piuttosto che scrivere qui, sarebbe molto più utile diffondere queste informazioni (tutte, non solo le mie) a vantaggio di coloro che non conoscono bene questa organizzazione religiosa.
    Saluti.
    Visita:

    "MA COME UN'AQUILA PUO' DIVENTARE AQUILONE? CHE SIA LEGATA OPPURE NO, NON SARA' MAI DI CARTONE " -Mogol
    "Non spetta alla chiesa decidere se la Scrittura sia veridica, ma spetta alla Scrittura di testimoniare se la chiesa è ancora cristiana" A.M. Bertrand
  • carlomagno1955
    00 3/21/2007 7:37 PM
    Mi dispiace di aver avuto parte molto attiva all'eventuale stipula.
    Ancora oggi ricevo inviti e comunicazioni dagli organi competenti, ignari della situazione cambiata.
    Potrei sfruttare questa situazione per parlare delle mie vicende ma, è contraria alla mia indole.
    E' comunque stata la mia vita e non mi và di cospargerla di .....

  • OFFLINE
    desertbreeze
    Post: 218
    Registered in: 12/12/2005
    Junior User
    00 3/21/2007 7:54 PM
    Anch'io ho votato NO
    NO [SM=g27812]


    Scritto da: Agabo 21/03/2007 19.33
    Perché i tdG sono in contraddizione con tutto quello che affermano riguardo al ruolo dei governi nazionali e internazionali (per es. credono e insegnano che i governi sono al servizio del Diavolo).



    Sottoscrivo le parole di Agabo, sarebbe un controsenso. [SM=x570873] [SM=x570873] [SM=x570873]

    Marco [SM=g27811]
    Sal 41 - "Come la cerva anela ai corsi d'acqua, così l'anima mia anela a te, o Dio."
  • OFFLINE
    )Raffa(
    Post: 18
    Registered in: 8/22/2006
    Junior User
    00 3/21/2007 10:20 PM
    Re:

    Scritto da: flavio2157 21/03/2007 11.59
    Personalmente ho votato si, non perche' approvo la setta dei TDG, ma per una questione di giustizia.
    Se anche altre religioni possono contare sull'intesa con lo stato, non vedo perche' ai TDG debba essere negata, essendo anche questa una religione!
    Ma, a chiunque mi sara' vicino, parlero' di come stanno veramente le cose all'interno di questa setta!
    Una buona giornata e un buon inizio primavera a tutti.
    Flavio [SM=x570912]
    [SM=x570864]


    Io ho votato NO perchè c'è un'infinità di motivi per i quali si deve votare NO. Ne elenco qualcuno:
    1) i tdg mettono in bocca a DIO, a Cristo e agli Apostoli parole che non hanno mai voluto pronunciare (almeno stando all'interlineare) e informazioni che non hanno mai voluto dare;
    2) i tdg per giustificare questa mostruosa operazione di mistificazione della Bibbia (chiamiamola col suo nome... bestemmia protratta e scientifica) non esitano a fare propaganda di se stessi e, non contenti, non esitano a far dire a perfetti sconosciuti spacciati per grandi esperti, delle assolute menzogne;
    3) i tdg mistificano la Bibbia con calcolo, con una malizia satanica che non può non renderli odiosi a chiunque abbia quel minimo di sensibilità per avvertirla;
    4) i tdg (la base) sono oggetto di un incredibile condizionamento psicologico che li porta a danneggiare se stessi e, quello che è peggio, gli altri, nel corpo (sangue) e nello spirito;
    5) i tdg applicano tecniche di psicologia nel relazionarsi con gli altri il che presuppone una preparazione specifica. Da esseri così subdoli può venire davvero qualcosa di buono ?
    6) i tdg hanno modificato la Bibbia nella quasi totalità dei casi in punti che hanno una valenza dottrinale... è un caso ?
    7) i tdg tentano di sostenere la loro dottrina con l'avallo, sia della Parola di Dio (da loro sapientemente condizionata) che della scienza.... ma non sapendone nulla. Bastino per tutte le parole di un esimio professore di chimica al quale viene fatto dire che: siccome l'acqua ha un potere disgregante (scioglie il sale e lo zucchero) non può, per questo motivo, aver permesso lo sviluppo della vita ! Oppure ci sono grandi fisici tdg i quali asseriscono che la gravità agisce solo su corpi massicci come stelle e galassie !
    8) i tdg hanno una visione della Bibbia assolutamente superficiale e tale superficialità è condizionata dalla necessità che si capisca della Bibbia solo ciò che a loro conviene.

    Ti contraddici drammaticamente quando parli dei tdg prima come come setta e poi come religione, termini assolutamente antitetici. Buona la prima; quella dei tdg è una settaccia maligna che andrebbe estirpata come un qualunque altro cancro sociale, ovvero con strumenti legislativi adeguati.
    Altro che trattare con lo Stato !!!!

    Raffa