Freeforumzone mobile

Sondaggio: Credete all'astrologia?

  • Poll
  • # 1  
    07%
    # 2  
    93%
    Poll Voting is ended
  • Poll Data
  • Total Votes: 276
    Total Votes by Registered Users: 124
    Total Votes by Anonymous Users: 152
  • Posts
  • OFFLINE
    Polymetis
    Post: 200
    Registered in: 7/8/2004
    Junior User
    00 10/30/2004 2:56 PM
    Astrologia e astronomia

    di Margherita Hack
    da "Sette variazioni sul cielo" Raffaello Cortina Editore




    Una prima, ovvia constatazione è che gli astrologi non sono d’accordo nemmeno sulla definizione d’astrologia, sebbene ci tengano a dichiararla scientifica. Non sanno se i loro oroscopi servano a fare previsioni, oppure abbiano un intento più psicologico che divinatorio (è chiaro che, nel secondo caso, l’astrologia ambirebbe a presentarsi non tanto come scienza qunato come una sorta di surrogato della psicoanalisi). Se guardiamo al metodo, vediamo che non ve ne è uno solo. Ma anche quando si tratta di scegliere fra i risultati, restano forti discordanze che gli addetti ai lavori considerano quasi inevitabili e attribuibili all’interpretazione. Tanto che, a questo punto, l’astrologia diventa non più “una scienza” ma “un’arte”; e la discordanza, una discordanza artistica, magari in omaggio all’universale armonia!



    Anche la resistenza che gli astrologi oppongono alla critica è sintomatica. Quando si discute dello statuto dell’astrologia, i suoi cultori ritengono che non può essere criticata da chi non la conosca. Se con questo vogliono dire che non può essere messa in discussione da chi non sia capace di fare un oroscopo, l’argomento è piuttosto debole, perché, come abbiamo visto, un oroscopo è in sé abbastanza neutro. Ma per criticare la pratica dell’interpretazione è sufficiente analizzarne il presupposto: in breve, l’idea che le costellazioni e i pianeti possano esercitare un’influenza significativa sulla vita degli uomini. L’aggettivo “significativa” è essenziale per non incorrere nello stesso incidente di una celebre dichiarazione contro l’astrologia (“Statement of 186 Leading Scientists”, The Humanist, settembre-ottobre 1975) e sottoscritta da autorevoli esponenti del mondo scientifico. Da questa prende spunto Paul Feyerabend per sviluppare una provocatoria difesa della dignità dell’astrologia. Egli ha buon gioco nel mostrare che numerose branche della scienza contemporanea concordano nel ritenere che i fenomeni celesti abbiano una qualche influenza su processi che avvengono nel nostro pianeta: meteorologia, maree, onde elettromagnetiche, ritmi vitali degli organismi, ecc. Tuttavia, non si tratta tanto di mettere in questione l’esistenza di tale influenza (che indubbiamente è reale), quanto di valutarne la grandezza in confronto con altre variabili, e accertare se gli astrologi esaminino (in coerenza con i propri assunti) tutti i fenomeni celesti.

    Così, dal punto di vista filosofico e metodologico non si confuta l’astrologia negando le influenze cosmiche, o meglio le interazioni di tutti i corpi dell’Universo. La gravitazione nonché le radiazioni crepuscolari ed elettromagnetiche provenienti dalle stelle sono un fatto, anche se non sono tutte e sempre rilevabili; tuttavia – esclusi Sole e Luna -, questi fenomeni sono caratterizzati da valori talmente piccoli che non possono avere alcuna influenza significativa sugli esseri umani. Per esempio, gli oggetti che lo circondano, un mobile, la casa e la stessa partoriente rispetto al neonato, esercitano su quest’ultimo influenze molto più importanti delle posizioni del Sole, della Luna e dei pianeti! Ed esistono altre cause, di importanza macroscopica, che condizionano il futuro di ogni essere umano: nascere belli o brutti, ricchi o poveri, in ambienti aperti od oppressivi, sotto un regime piuttosto che sotto un altro.

    D’altra parte, la discussione razionale con gli astrologi è difficile, forse impossibile. In genere, un astrologo pone una questione di sensibilità, se non di fede. Un caso personale: mi è capitato di avere una sorta di garbata polemica con un’esperta di astrologia. Si trattava di una laureata, di notevole cultura, che impiegava modelli matematici per le sue elucubrazioni e per realizzare, addirittura, oroscopi finanziari. Dopo aver letto alcuni suoi articoli, scrissi una lettera aperta a un quotidiano in cui definivo questa persona “la signora alta matematica”. Lei mi telefonò chiedendo un incontro, ma nonostante tutta la sua preparazione e i suoi modi affabili la discussione doveva rivelarsi sterile. Infatti, alla domanda “su cosa si basa l’attendibilità delle sue previsioni?”, mi rispondeva che lei “sentiva”. Che cosa mai si può obiettare a chi “sente”?

    Ma entriamo nei dettagli: un primo punto riguarda la suddivisione del cielo che sarebbe alla base delle previsioni astrologiche. Lo Zodiaco è una porzione della volta celeste divisa simmetricamente dall’eclittica (il piano dell’orbita terrestre intorno al Sole) in cui sono contenuti i moti visibili del Sole, della Luna e dei pianeti noti dall’antichità. Tra i greci lo Zodiaco era diviso in dodici parti uguali, invidividuate ognuna dalla costellazione più evidente in questa partizione. Nel corso dell’anno, a causa del moto di rivoluzione della Terra, vediamo il Sole spostarsi lungo la fascia dello Zodiaco. Troppo tempo è trascorso da quando le dodici regioni del cielo sono state battezzate con i nomi che conosciamo e, a causa della precessione degli equinozi, la posizione del Sole nei mesi dell’anno non corrisponde più a quella osservata dagli antichi. Per esempio, l’equinozio di primavera, che è il punto della volta celeste in cui si vede proiettato il Sole il 21 marzo, e che corrisponde ad uno dei due punti in cui l’eclittica interseca l’equatore, al tempo dei greci si trovava nella costellazione dell’Ariete; oggi si trova in quella dei Pesci. Tale fenomeno non finisce di confondere gli astrologi, i quali parlano della famosa “Età dell’Acquario” senza sapere cosa sia, né quando cominci, né quando avrà termine… Essi non hanno minimamente tenuto conto di questo problema e i nostri pretesi oroscopi sono basati su costellazioni vecchie di secoli e sulla rappresentazione di un “cielo” che non esiste più.

    Se poi si esamina quante di queste configurazioni artificiose chiamate costellazioni cadano nella fascia dello Zodiaco, si trova che ce ne sono non dodici ma tredici o addirittura quattordici, considerando che vi rientrano parte dell’Ofiuco e una piccola porzione della Balena.



    Inoltre, le costellazioni dell’astrologia classicano rappresentano un numero esiguo di stelle rispetto a quelle che si sono scoperte negli ultimi cent’anni. Ritroviamo qui, rovesciato di segno, l’argomento degli astrologi contro le “novità” osservate nel cielo da Galileo. Se le “stelle” influenzano il destino umano, allora lo influenzano tutte quante. Perché privilegiarne alcune, a scapito di altre? Quale significato astrologico dobbiamo attribuire agli asteroidi o alla variabilità delle distanze planetarie? Il lunghissimo periodo di rivoluzione di pianeti quali Urano, Nettuno e Plutone (la cui durata è, come vedremo nel prossimo capitolo, rispettivamente di 84, 164 e 248 anni) ha più effetto sulle stirpi o sugli individui?

    E per quale ragione gli astrologi non hanno dedotto dagli oroscopi l’esistenza di tutti questi pianeti o almeno di Urano, che è quasi visibile a occhio nudo, invece che lasciare questo onore agli astronomi? Inoltre, sempre a proposito di Urano, che è stato trovato circondato da almeno 7 o 9 anelli, quali nuove influenze attribuirgli? Giove, pure lui anelluto, acquisterà forza e poteri benefici? E il cattivo Plutone diventerà birichino, ora che ci si è accorti che è molto più piccolo di quanto si credesse, e intorno gli orbita una piccola “luna”?

    Di fronte a ciò un astrologo scrupoloso dovrebbe sentirsi girare la testa più turbinosamente di una stella di neutroni. La verità è che non se ne cura, dato che per lui la scienza è solo un’etichetta da conservare, appiccicata alla parola astrologia.
    […]
    ---------------------
    Ά όταν έκτιζαν τα τείχη πώς να μην προσέξω.
    Αλλά δεν άκουσα ποτέ κρότον κτιστών ή ήχον.
    Ανεπαισθήτως μ' έκλεισαν απο τον κόσμο έξω
    (Κ. Καβάφης)
  • =omegabible=
    00 9/28/2006 4:59 PM
    re
    Secondo me, 2 dei 5 voti espressi fino ad ora a favore della credenza, sono di Wanna Marchi e di sua figlia Stefania!! [SM=x570867] [SM=x570867] [SM=x570867] [SM=g27828] omega
  • OFFLINE
    moscarossa
    Post: 92
    Registered in: 8/7/2005
    Junior User
    00 9/30/2006 3:07 PM
    Astrologia? No!
    Anche se Dio qualche volta ha usato forze contrario alla sua volonta', per portare a termine le sue azioni fra gli uomini, come nel caso del re Saulle che Dio fece venir fuori Samuele dal seno di Abramo. Dio, fece cio' mediante una evocatrice di spiriti, per dare la risposta al re; non pero' un credente e seguace di Cristo deve utilizzare tali mezzi.
    Io mi appello a Dio in Cristo mio Signore.
    Mosca - evangelico a 33 anni [SM=g27836]
  • OFFLINE
    .@()lidia()@.
    Post: 69
    Registered in: 8/9/2006
    Junior User
    00 10/1/2006 9:18 AM
    [SM=x570867] [SM=x570867] Omega [SM=x570867] [SM=x570867]
    Cmq io leggo quotidianamente l'oroscopo e a volte ci becca benissimo con la mia giornata mentre a volte no .
    Ma si tanto per leggere [SM=x570889]

    Un saluto caro Lidia
    viva la liberta di parola
  • =omegabible=
    00 10/1/2006 9:26 AM
    x lidia
    Vai che sei forteeee!!! Buona domenica!!! omega [SM=g27828] [SM=g27836] [SM=g27811]
  • OFFLINE
    monterosa
    Post: 259
    Registered in: 6/9/2006
    Junior User
    00 3/4/2007 3:40 PM
    Re: x lidia
    Ciao ragazzi,
    io non credo all'astrologia,cioè non credo agli oroscopi, ma nella mia vita, ho avuto modo di notare, soprattutto fra le persone della mia famiglia e fra alcuni cari amici ( gente quindi che conosco da molto tempo ), che coloro che sono nati per esempio nel periodo tra il 21giugno ed il 21 luglio ,che per l'astrologia sarebbero del segno del cancro, hanno molti atteggiamenti simili, molti talenti simili, insomma un sacco di affinità, diverse dalle affinità di coloro che sono nati in un periodo diverso.

    Io arrivo fino a qui.

    Interessante poi l'astrologia cinese, che, in base all'anno in cui sei nato ti dice se sei sotto il segno della gallina, o del drago, del serpente, del cane, del maiale, ecc, ecc,.

    Ciao
    Lorena


  • =omegabible=
    00 3/4/2007 5:26 PM
    re x Lorena
    Dici bene!!! Quelli nati sotto il segno del maiale per esempio vanno tutti nella zona di Parma a fare i prosciutti!!!!omega [SM=x570867] [SM=x570867] [SM=x570867] [SM=x570867] [SM=x570867]
  • OFFLINE
    Vitale
    Post: 2,063
    Registered in: 7/11/2004
    Veteran User
    00 3/13/2007 1:42 PM
    Re:

    Già l'essere umano inconsciamente è peggio di un gatto nero che ti attraversa la strada. Che poi gli astri possano influire sulla nostra vita é fantascientifico. Il fato o casualità non deve dar alito a supporre che la giornata deve essere scandita, ... oggi (esempio) gli astri sono favorevoli [SM=g27811]. Guarda caso passando per quella strada (non ci passo mai) ho avuto un incidente.
    L'importante é avere fiducia in se stessi, non ai balzelli.

    Vitale

    La giustizia di ogni luogo é l'ingiustizia di ogni luogo.
    Martin Luther King
  • OFFLINE
    Sammy3
    Post: 129
    Registered in: 8/20/2007
    Junior User
    00 5/6/2008 12:02 AM
    Io ho votato no però mi sono sempre chiesta... se la luna influenza le maree.. perchè il movimento degli astri non potrebbe influenzare altre cose o persone? [SM=x570868] o anche la luna stessa.... [SM=x570868]
  • OFFLINE
    Mauro di Arcisate
    Post: 474
    Registered in: 10/8/2003
    Senior User
    00 5/6/2008 11:42 AM
    Re: Re:

    Che poi gli astri possano influire sulla nostra vita é fantascientifico.



    sole e luna lo fanno,
    con il giorno e la notte, con le maree ...
    E aldilà dei segni zodiacali non escludo che il nascere in estate o in inverno potrebbe fare qualche differenza.

    Mauro che non ha risposto al sondaggio visto che c'è solamente un SI o un NO.


    [Edited by Mauro di Arcisate 5/6/2008 11:43 AM]
  • OFFLINE
    Alex69rm
    Post: 278
    Registered in: 9/27/2007
    Junior User
    00 5/6/2008 7:22 PM
    come tutte le cose non c'è da crederci o non crederci.. c'è da sperimentare... certo, si parla di astrologia quella seria.. non quella dei quotidiani o della tv che divide 52 milioni di italiani per 12 segni creando gruppi da 8 milioni ciascuno ai quali capiteranno le stesse cose..
    .. se è fatta bene, io ci credo..
  • OFFLINE
    Polymetis
    Post: 6,346
    Registered in: 7/8/2004
    Master User
    00 5/6/2008 11:14 PM
    "come tutte le cose non c'è da crederci o non crederci.. c'è da sperimentare."

    E come si fa a sperimentare? La fortuna puoi misurarla?

    Ad maiora

    ---------------------
    Ά όταν έκτιζαν τα τείχη πώς να μην προσέξω.
    Αλλά δεν άκουσα ποτέ κρότον κτιστών ή ήχον.
    Ανεπαισθήτως μ' έκλεισαν απο τον κόσμο έξω
    (Κ. Καβάφης)
  • OFFLINE
    otello44
    Post: 9
    Registered in: 5/3/2008
    Junior User
    00 5/10/2008 11:32 PM
    ho votato no
    ho votato no perche non credo assolutamente all'astrologia
  • francocoladarci
    00 5/11/2008 9:43 PM
    Oroscopo
    Ecco come fare un “oroscopo”.

    Le stelle ti consigliano molta prudenza, la congiunzione di Giove con Marte, sarà per te molto favorevole, non ti preoccupare del tuo problema esso si risolverà in breve tempo, solo stai attento con chi ti confidi, non tutti ti sono amici, comunque avrai una svolta nel tuo lavoro.

    Come si può vedere, chi legge questo oroscopo lo fa proprio, ma in effetti cosa dice? Assolutamente niente, a volte sono come certe previsioni del tempo che recita pressappoco cosi:” Cielo sereno, leggermente nuvoloso con qualche precipitazione locale”, di certo una dichiarazione dovrà pur avverarsi". Mah. [SM=g1543794]

    Franco
  • OFFLINE
    Max Cava
    Post: 606
    Registered in: 4/16/2007
    Senior User
    00 5/11/2008 10:34 PM
    Re: Re: Re:
    Mauro di Arcisate, 06.05.2008 11:42:



    E aldilà dei segni zodiacali non escludo che il nascere in estate o in inverno potrebbe fare qualche differenza.





    Sono d'accordo:

    se nasci in una situazione di povertà, durante un inverno rigido e con, chiaramente, risorse alimentari ancora più scarse che in estate.... hai voglia se fa differenza!!

    Quanto all'astrologia... [SM=g27816].... [SM=g27829] .... [SM=g27827]

    Massimo
    Le religioni? Un'abbagliante strada a senso unico. (Max Cava)

    " Permettetemi di emettere e gestire la moneta di una nazione,
    e non mi importerà di chi ne fa le leggi" (Mayer Anselm Rothschild)


  • Paxuxu
    00 7/21/2008 3:35 PM
    L'astrologia è quella scienza che fa parte della Parapsicologia, pertanto non credendo nelle mitologie cristiane, preferisco credere nell'astrologia.


    Paxuxu



  • metalsan
    00 7/26/2008 4:39 PM
    c'avesse beccato almeno una volta...ma sono costretto adire proprio no no! [SM=x570867]
  • OFFLINE
    ..Anna..
    Post: 176
    Registered in: 6/9/2006
    Junior User
    00 8/3/2008 10:35 PM
    Re: Re: Re:
    Mauro di Arcisate, 06/05/2008 11.42:



    sole e luna lo fanno,
    con il giorno e la notte, con le maree ...
    E aldilà dei segni zodiacali non escludo che il nascere in estate o in inverno potrebbe fare qualche differenza.

    Mauro che non ha risposto al sondaggio visto che c'è solamente un SI o un NO.






    Ti quoto. Stesso mio pensiero.





  • OFFLINE
    misterx78
    Post: 1,369
    Registered in: 3/22/2008
    Veteran User
    00 8/4/2008 1:53 AM
    Se credo all'astrolobotomia?

    Mmh, fatemici pensare...


    [SM=x570868]