00 4/10/2005 6:27 PM
Nasco nel lontano 1966, un adolescenza a dir poco fantastica e mi sono sempre divertito...

Frequento le scuole elementari e medie, e faccio un solo anno di liceo artistico, poi decido di abbandonare (non perchè non ero bravo nel disegno ma perchè volevo fare come mi pare con dei soldi in tasta).

Mi metto per prima cosa a lavovare con mio padre nella sua tipografia come linotipista (era l'era del piombo per la stampa), continuo per un circa tre anni e poi mi metto a fare un esperienza come agente immobiliare per Casa Città di Roma, poi 7 mesi come Pony Exspress nel frattempo ho la passione sia per la musica che per lo sport l'hockey su pista.

Insieme a mio padre e con la sponsorizzazione della linea aerea privata la Mistral Air del famoso attore Bud Spencer, amico di un nostro giocatore, formo la prima squadra di Hockey su Pista che mi vedrà in giro per l'Italia per i tre anni successivi ottenendo sempre ottimi risultati nel campionato e nei tornei che giocammo... cosa che ci procurò ahimè lo scioglimento definitivo della società, in quanto il presidente della Roma calcio Viola di quei tempi, fece di tutto per amministrare la nostra piccola società ma volle mettere mano anche al tipo di gioco e alla rosa dei giocatori cambiando addirittura l'allenatore mettendoci quello della nazionale italiana di hockey su pista... be amici fu una autentica catastrofe... non vincemmo più nulla nemmeno le amichevoli, noi eravamo forti quando ci amministravamo da soli e usavamo i nostri metodi di allenamento, da non crederci, invece di andare meglio abbiamo chiuso la società!

Chiusa la parentesi agonistica con l'hockey mi misi a lavorare in un internet point vicino al Vaticano come riparatore di computer e assistente ai clienti del locale cominciando a lavorare anche come Web designer, mentre la notte avevo preso un accordo con un night club famosissimo allora a quei tempi a Roma il "Paradise" e mi assunsero come batterista... Iniziavo a suonare a mezzanotte e finivo alle 5 e mezza della mattina a volte qualche sabato sera anche alle 8!!! Ma era anche un night club di spogliarelliste internazionali e cabaret quindi la fatica non la sentivo minimamente... in più il divertiento era assicurato e soldi a volontà! ^_^

Vado avanti con questa vita per ben un anno e mezzo... ma è una vita che ti segna... quindi ad un certo punto dico basta e torno sui miei vecchi passi, torno da mio padre nella sua tipografia e faccio il fotocompositore (primi computer adibiti alla stampa) delle macchine enormi se comparate a quelle di oggi...

Resto chiuso in tipografia per altri due anni circa, ma la sera suono sempre con i miei gruppi in qualche localino di Roma...

In questo periodo di tempo mi stufo anche di suonare semplicemente come batterista e incomincio a strimpellare le tastiere, mi appassiono a tal punto che insieme ad un mio amico formo un duo di musica esclusivamente dance-elettronica i "Lips Desire". Con l'apporto delle nuove tecnologie a disposizione faccio dei passi da gigante come compositore, a tal punto da incominciare a spedire i nostri "pezzi" a tutte le major "etichette discografiche" che si occupano di musica elettronica e soprattutto di musica dance... la passione è così forte che quasi ci ammaliamo per non essere mai stati chiamati da nessuno di queste major per parecchio tempo.

Ma la speranza è sempre l'ultima a morire e infatti... un bel giorno squilla il famigerato telefono (la cosa strana e che tutti ci chiamano in quel momento...) non so cosa è successo ma alla fine avevamo tre proposte importanti in mano: una proposta per un disco dalla Sony, una dalla Bmg e una dalla Wea (warner bros).

I salti di gioia sino in cielo, un traguardo inaspettato e fulmineo, ora bisognava scegliere fra le tre... andammo a Milano, Napoli, ma il direttore artistico della Wea (hem quello che ha scoperto i Pooh per intenderci) ci chiamò e venne direttamente lui da noi a Roma... La cosa ci spiazzò letteralmente e quindi alla fine prendemmo questa strada, l'unico problema e che questi della Wea all'epoca di musica elettronica-dance non ne sapevano assolutamente nulla, non erano attrezzati per questo tipo di produzione (vi parlo del 1993-6 ed era un periodo di mutamento per la musica dance) allorchè ci avventurammo lo stesso sperando in un cambiamento dei tempi a nostro favore... il problema venne più tardi dopo la stampa del disco in ottime sale di registrazioni, anche nel mentre stavamo registrando alcuni produttori discografici minori che passavano per quelle sale ci venivano a offrire soldi e assegni sull'istante, e credetemi la cosa aveva preso dell'irreale tanto che ogni sera io e il mio amico ci guardavamo e non potevamo non esplodere in una ricca risata di fronte a tutti quegli assegni... (che mondo gente...)...
Allora, se il mese prima durante la registrazione vedemmo milioni di soldi passarci di fronte, nei successivi vedemmo solo le briciole di tutto quel lavoro! Perchè? Perchè sta Wea all'epoca non aveva la distribuzione giusta nei negozi giusti di musica dance! E' come se tu vendi la benzina per le auto e la vendi dove ci passano solo macchine trainate da buoi... la stessa cosa fece la Wea... distribui il disco nei magazzini, centri commerciali, negozi di dischi anche grandi si, ma non nei negozi dove si rifornivano i Dj che poi le mettevano nelle discoteche ove doveva finire quel disco! In un primo momento c'era la gioia del mio pezzo nelle maggiori radio del momento in tutta Italia, alcune serate fatte in varie discoteche di Roma per promozione, ma alla fine fu solo quello il vero successo perchè il tutto finì in un clamoroso flop e non per colpa nostra, anzi la nostra unica colpa era stata quella di scegliere la Wea come etichetta d'uscita del disco. Sicuramente se all'epoca accettavamo un assegno di qualche produttore più piccolo che ci era capitato a quest'ora forse eravamo famosi...
Per la cronaca il pezzo si chiamava: I need Angel e l'artista da noi lanciata (in un fosso) era SHANETTE... il pezzo uscì in Italia - Germania - Francia - Spagna e Portogallo, ancor oggi prendo delle quote dalla SIAE per dei passaggi via radio ma sono bazzecole al confronto di quello che poteva divenire all'epoca.


Bè dopo di allora io non volli più mettere mano su una tastiera e ancor oggi seguo quella mia decisione, un mix di rabbia-depressione-sconforto mi colse per un bel pò, però ho continuato formando e sciogliendo vari gruppi musicali per suonare nei locali di Roma come batterista e il più longevo è stato quello dei S.U.A. Senso Unico Alternato ormai sciolto anche questo dopo ben 5 anni di attività per motivi oserei dire familiari dato che sia il bassista che il tastrierista si sono sposati e hanno sfornato figli, quindi per forze maggiori hanno preso altre strade... la stessa Shanette stava con i SUA per tutti questi anni e si esibiva dal vivo con noi, ora per sua fortuna è entrata a far parte del cast di Lucio Dalla ottenendo un grande successo a livello mondiale oserei dire... (almeno lei!)

Dato che fermo in un posto non ci riesco a stare, riesco dalla tipografia in cerca di altre avventure, acquisita un elevata esperienza con i mezzi di diffusione della musica (vedi mixer amplificatori campionatori ecc.) un mio amico mi spinge ad andare a chiedere negli studi televisivi se serviva qualche microfonista - fonico o anche addetto alle pulizie perchè quell'ambiente a me mi attirava come il miele...
Un giorno riesco ad intrufolarmi in una regia grazie all'aiuto di un guardiano degli studios della Titanus qui a Roma, faccio subito amicizia con dei tecnici audio e gli lascio il mio numero in caso di bisogno o di sostituzione, sparando vere e proprie cazzate dicendogli che avevo già lavorato in televisione come tecnico audio ecc.. in realtà anche con tutta la mia esperienza, di tutti gli apparecchi che c'erano in quella sala solo due o tre ne conoscevo, il resto era vero e proprio tabù! Mai visto un mixer da 128 canali motorizzato in movimento e tantomeno tutti quei duecento pulsanti che lo pilotavano, mai sentito parlare se non da lontano di radio frequenze per i microfoni e nè tanto meno avevo la capacità di intervento in caso di un guasto su quegli apparati... altro handicap non avevo un titolo di studio per essere assunto in quell'ambiente...
Allora decisi di puntare il tutto per tutto, mi iscrivei in una scuola serale per il diploma (ragioneria) ma non potevo perdere tempo quindi scelsi di sbrigarmi ad ottenerlo facendo 5 anni in uno!!! Un culo pauroso per me che per i libri non avevo alcuna affinità! Quindi il giorno lo passavo il più che potevo in quegli studi rubando con gli occhi i movimenti di quei ragazzi, e la sera studiavo come un forsennato... un anno durissimo per me vi assicuro... ma riuscii nell'intento e diventai ragioniere... bah non riesco a fare 2 + 2 non so proprio come cavolo feci... nello stesso momento comincia a conoscere i capi aziendali e uno di questi, vista la mia devozione a quel tipo di lavoro mi promise che se riuscivo nell'intento di diplomarmi in un anno qualcosa avrebbe fatto... non sapeva neanche lui cosa ma qualcosa fece...
Un giorno mi chiamò dicendomi che si era ammalato un microfonista un certo "Shultz" e che c'erano una decina di giorni da coprire... io ero terrorizzato perchè sapevo di non essere all'altezza e la gente nuova in quell'ambiente non è ben vista, peggio della naja...
Io accettai, la trasmissione era "Forum" diretta della mattina e il primo giorno io mi cagai letteralmente addosso perchè avevo la certezza che se commettevo un errore era la fine... non ci furono errori particolari apparte uno sgancio del microfono di Paola Perego nel lancio della pubblicità... non avendo esperienza sull'accaduto tutti si aspettavano un intervento risolutivo da me, io con freddezza, senza sapere nemmeno io cosa facevo e se lo facevo bene, staccai l'antenna del microfono di paola e la sostitui con un altra... il fonico era impallidito, per me era una cosa semplice e l'unica cosa da fare al momento, ma ignoravo all'eopoca, ch eogni microfono ha un'antenna di lunghezza diversa proprio per il discorso della frequenza... la cosa funzionò e alla grande, vuoi per culo o per qualsiasi altra cosa il microfono funzionava meglio di prima!
Finita qui speravo, invece... mi propose un ulteriore prova il bastardo, nel pomeriggio nell'altro studio giravano Sarabanda con Papi... (Figlio di buona madre) Esigente e disprezzante per la gente che sta facendo il suo lavoro, ci affrontammo subito insinuando che non voleva dilettanti nel suo studio... ingoiai il boccone e lo feci per diversi giorni a sopportare la sua arroganza... Vuoi per rabbia per le situazioni nuove che nascevano al momento, quelle incazzature mi fecero le ossa, tanto che il capo service che serviva quelle trasmissioni (che ora è il marito della Ferilli) Esosound mi assunse e incominciai la mia carriera televisiva.

Lascio gli studi per seguire il progetto di Tele+ quindi entro a far parte di una squadra che gira tutti gli stadi per fornire le dirette televisive del campionato di calcio, (ironia della sorte, dato che a me sinceramente non dava più di tanto emozione perchè non lo seguivo molto come sport, a me piaceva e piace l'hockey su ghiaccio e pista) e mi metto a cablare metri, ma che dico metri, kilometri di cavo audio e video tutti i santi sabati e domeniche, nelle tribune, spalti, spogliatoi e in mezzo al campo di giuoco, io ho avuto la possibilità di calpestare tutti i maggiori campi degli stadi d'Italia con questa scusa, ho conosciuto la maggior parte dei giocatori, anch edentro gli spogliatoi, nelle interviste, nelle riunioni ect. insomma ho vissuto molto da vicino lo spettacolo del calcio per ben 2 anni in diretta televisiva e non è male come esperienza...
Stufo di girare per l'Italia faccio domanda per tornare agli studi televisivi a Roma, subito accettata dopo questi 2 anni di lavoro fuori, ricomincio con le dirette della mattina di Forum e il pomeriggio di Sarabanda, in questo frangente si crea una squadra di tecnici veramente affiatata e invidiata da molti studi... eravamo diventati veramente fratelli e ognugno parava il culo agli altri, se qualco sa andava storto, riuscivamo sempre a cavarcela e proprio grazie a questa stretta collaborazione fra di noi, eravamo inseparabili e lo siamo stati per 5 anni di fila. Oltre a Forum e sarabanda ci diedero anche la diretta del Golden Circus e fu un altra meravigliosa esperienza per me, perchè, ragazzi microfonare una tigre non è roba da tutti i giorni... così come pagliacci e acrobati, che vita che fanno quelli del circo ragazzi...
Poi venne la volta di Stranamore poi la Corrida con Scotti, Italiani con Bonolis, insomma un susseguirsi di successi e di esperienze uniche viste dal canto mio che posso solo augurare a tutti di poterle fare un giorno...
Nel corso di questi anni, riesco a passare come aiuto fonico e incomincio a mettere le mani sul mixer, l'odio che c'era fra me e il Papi sfocia in una amicizia vera, divento il suo zimbello e svariate volte mi fa riprendere durante le dirette e nelle registrazioni, ho delle cassette che io entro al suo posto sopra al pianoforte e un altre centinaia di interventi dove ci prendiamo per il culo davanti a centinaia di spettatori televisivi, robe da matti... E lì venni soprannominato da lui come "SPartacus" dato che ero il suo schiavo... Sono degli anni dove torno a casa sempre con il sorriso stampato nel volto e ogni notte al mio ritorno mi soffermo a raccontare quegli eventi a mia madre che per lei significavano tanto.
Ma come tutte le cose belle, arriva la decadenza, Sarabanda non ha più gli ascolti di prima, il nostro service non rispetta i contratti e le forniture con l'azienda televisiva, insomma tutto sfocia in un immenso casino, e mi ritrovo di nuovo al punto di prima, il service esce di scena e io con loro senza possibilità alcuna di entrare con quello che sussegue, l'unico modo che ho per rimanere nell'ambiente è quello di farmi assumere dal servizio di sorveglianza del pubblico e delle strutture della Titanus, e dato che da più piccolo per volere di mio padre avevo fatto anche arti marziali come Judo e Kung-fu non ultimo l'hockey che di mazzate ce ne siamo date a dismisura, insomma mi presero in servizio con loro, che a confronto ero normale, questi tutti armadi 2 metri x 2... Svolgo il servizio di controllo sempre per la mattinata di Forum, pomeriggio di Sarabanda e le serate di Stranamore e la Corrida.
In questo periodo, un pomeriggio, mentre scortavo i concorrenti di Sarabanda conosco la mia attuale ragazza, un fulmine a ciel sereno proprio nel momento che io avevo deciso di rimanere solo per un bel po di tempo... dopo 2 mesi decidiamo di convivere e lo stiamo facendo tutt'ora molto felicemente anche se con meno risorse finanziarie di cui potevo disponere prima...

L'amore per questa ragazza è così grande che per suo rispetto e per stargli vicino lascio definitivamente la vita negli studi televisivi, il perchè è semplicissimo, quello è un porto di mare e un ambiente non del tutto tranquillo per chi vuole portare avanti un discorso d'amore serio e duraturo...

Decido di lavorare con lei e ci inventiamo una piccola società di siti web e in più continuo a dare una mano a mio padre a comporre i libri che stampa nella sua tipografia da casa...

Nel contempo mi risale la voglia di lavorare con i microfoni... e faccio il salto più lungo della gamba... Dico: "Voglio provare a fare il cinema" incomincio a spedire curriculim a destra e a manca e dopo un po mi risponde una società di pubblicità televisiva.... Televisiva dico io? Ignoravo che le pubblicità vengono girate in pellicola cinematografica...
Mi imbarco con questa gente in queste avventure... di nuovo entro in un ambiente totalmente diverso da quello a cui ero abituato, cioè gli studi televisivi, qui il lavoro è totalmente diverso, non ho subalterni, aiutanti, 200 microfoni da gestire... ma sono solo! Sono solo davvero! Devo gestire un piccolo mixer digitale capmpionatore, un microfono ad altissima frequenza ma con un piccolissimo raggio e/o fuoco d'azione quindi la difficoltà sta proprio nel mettere a fuoco la voce degli attori o della fonte sonora in quel raggio... all'inizio abituato a quel casino di cavi e di microfoni mi dico: "semplice, un gioco da ragazzi" solo ora capisco perchè mi pagavano talmente alto che in tre giorni di registrazione equivalevano a tre mesi di lavoro in uno studio...
La mia fortuna/sfortuna perchè io mi sono sempre detto che se facevo e sapevo fare solo il pecoraro era meglio... così ero ignorante e non capivo un cazzo e non mi creavo tutti sti problemi... insomma tempo 2 giorni di full immersion in questa dimensione che riuscii a prenderci subito la mano, la mia prima esperienza fu in uno studio di cinecittà e dovevamo girare uno spot per la findus "quattro salti in padella" l'ambiente di lavoro era d'elite... avevamo a disposizione per ogni giorno di "girata" un vero e proprio ristorante, la mattina avevamo un buffet a disposizione con ogni ben di dio, il pomeriggio ci passavano i camerieri con vini panini dolcetti, cioè mi chiedevo: ma è possibile??? E' tutto vero amici, un mondo fantastico il cinema... io non dovevo far altro che, quando il tutto era pronto, di aspettare il via del regista, un certo "Muccino" (si quello dei film) e dire "motore" cioè attivavo il tasto play del registratore dat e via si riprendeva la scena... la difficoltà di questi spot dei sofficini era il pupazzo robotizzato, che emetteva dei rumori meccanici e a volte mi coprivano la voce dell'autore dei testi... quindi tutti gli spot che avete visto, quello della nonnina con il nipote con michelangelo, con dante e via discorrendo, anche quello con nerone che neanche a farlo apposta c'erano dei fiaccoloni giganti con del fuoco vero che richiamavano l'arredamento dell'antica Roma, dopo un pò s'incendiarono insieme a tutta la scenografia!!! bah! era proprio Nerone quello hihi... cmq una bella serie di spot di quella seri me la feci io, poi mi commissionarono lo spot di una macchina la nuova Honda civic e qui saliamo di livello...
La scena sicuramente ve la ricordate è quella con Valentino Rossi che ad ogni semaforo poggia il piede per terra dalla macchina come se fosse una moto... io avevo il compito, oltre al parlato di Valentino, di riprendere i suoni d'ambiente, e qui viene il vero divertimento per un fonico di cinema... serviva un rumore di biciclette, quindi giravi a cercare le bicilette, serviva un passaggio a livello del treno e andavo a cercarlo, ma sempre nella zona dove andava girata la scena finale, per creare proprio quell'atmosfera che sembra stupido ma alla fine serve veramente... poi in finale mi facevo il rumore del motore e delle frenate della macchina dello spot... (valentino Rossi è simpaticissimo per la cronaca).
Ultimo lavoro, per il momento, che ho portato a termine in ambito del cinema era per l'ultimo film girato dalla Marini.
Dovete sapere che per fare un film, prima si gira un film di prova diciamo, poi si rifanno le scene importanti seriamente...
io mi son fatto tutto il filmino di prova... e per ora è il massimo traguardo che ho raggiunto in questo ambito...

La mia storia arriva ai giorni odierni e circa un anno fa, essendo anche un grande appassionato di videogiochi, formai un clan, i Pretoriani, e mi ritengo fortunato ad averlo fatto perchè ho trovato in loro un'amicizia oserei dire virtuale che non è meno di una amicizia veritiera e palpabile con mano, siete dei veri amici ed è così che io vi ritengo... Vi ringrazio anticipatamente per tutte le ore che ho passato con voi e le ore che passeremo insieme in futuro, regalandomi dei veri momenti di gioia... (e anche qualche incazzatura) ma si sa l'amore non è bello se non è stuzzicarello!

Ora son passati tre anni di convivenza e di lavorare in questo modo non ci basta più, e io poi come sapete fermo non ci riesco a stare, quindi, ho un progetto molto ambizioso in mente, e sto cercando finalmente di metterlo in atto... Se il buon Dio mi assisterà ancora come ha fatto in passato mi sistemerò una volta per tutte definitivamente in questa nuova dimensione, altrimenti... non so, le pagine della vita non possono essere sfogliate avanti e indietro a piacimento quindi... chi vivrà vedrà!

P.S.: ho omesso per il momento di includere sia immagini che nomi di tutto quello che ho scritto sinora volutamente... arricchirò questo post nel tempo...

CIAUZ![SM=x448641] [SM=x448641]

[Modificato da Mercenario 10/04/2005 18.30]


Io sono colui che cercavi, altrove... sono quello a cui volevi parlare, ma non lo facevi... sono l'uomo che invidiavi, ma non lo dicevi... son quella persona che ti appariva nel sogno, ma tu non dormivi... sono l'unico che ti può dare una mano... a pagamento... sono un Mercenario!!!





[]xxx(:|;;Merce;;>