NON SOLO MODA forum di moda, cosmetici, make-up, capelli, recensione prodotti, campioncini, profumi, bellezza, benessere e altro

Bologna e i suoi simboli

  • Posts
  • OFFLINE
    dreamss
    Post: 4,409
    Post: 4,294
    Registered in: 5/19/2004
    Gender: Female
    Amministratrice
    Rubino
    00 1/22/2005 11:45 AM
    il santuario della beata vergine di san luca E' uno dei simboli per Eccellenza della capitale Felsinea,dopo le due torri,San petronio e le decine e decine di km di portici.
    Lo si raggiunge facendo una "passeggiata",fatta di soli gradini ,in salita ,di ben 3796 m..
    Per tradizione quando ad esempio uno studente passa un'esame,o si laurea,o qualcuno ha bisogno di una "grazia"..si dice"se succede la tal cosa vado a San luca a piedi"perchè vi assicuro che è mooolto faticoso raggiungere il santuario!!!!
    io l'ho fatta innumerevoli volte,e il panorama da su è veramente stupendo!
    qui potete vedere il santuaio in lonatanaza!

    panorama(webcam dell'arpa,in base all'orario cambierà l'immagine!al tramonte è il miglior momento!)

    Tra leggenda...
    Secondo la tradizione il pellegrino greco Teocle Kmnega ricevette, dai canonici della chiesa di Santa Sofia a Costantinopoli, una immagine della Vergine dipinta dall'evangelista Luca, impegnandosi a portarla sul Monte della Guardia. Quando egli giunse a Roma seppe che quel monte si trovava a Bologna e qui la tela vi giunse nell'anno 1160. In omaggio a quell'immagine fu poi costruita la chiesa

    Sopra: il santuario della Beata Vergine di San Luca in una incisione del Settecento.

    ...e Storia
    Le origini del santuario che sorge sul Monte della Guardia risalgono all'anno 1192 quando Angelica di Caicle, poi Beata, donò il terreno ai Canonici di S. Maria di Reno per la costruzione di un monastero. La costruzione iniziò con la posa della prima pietra il 24 agosto 1194. All'interno si collocò l'immagine della Madonna con Bambino. Nel 1433 il popolo portò la Madonna in processione per implorare la cessazione delle rovinose piogge e giunti a porta Saragozza la pioggia cessò; per ringraziamento gli Anziani decretarono che la processione si sarebbe dovuta ripetere ogni anno. La devozione aumentò ma la chiesa era in uno stato di degratdo tale che si decise di ristrutturarla ed ampliarla; la nuova chiesa fu consacrata il 1 luglio 1481 dal vescovo di Sarsina. Tra il 1674 e il 1732 si costruì il portico, progettato da Gian Giacomo Monti, che si estende dalla chiesa fino a porta Saragozza, lungo un tracciato di quasi 4 km coperto da 666 archi. Il 26 luglio 1723 su progetto dell'architetto Francesco Dotti iniziò la costruzione del nuovo santuario che fu poi consacrato il 25 marzo 1765.
    (da bolognaracconta.com)

    SANTUARIO DI SAN LUCA

    Tradizionale oggetto di culto religioso legato alla devozione dell'immagine della B. Vergine di S. Luca nonchè confortante approdo visivo per i bolognesi che rientrano in città, il santuario posto sul Colle della Guardia rappresenta uno dei simboli di Bologna. Le 666 arcate di un portico - unico al mondo per la sua lunghezza di quasi quattro chilometri (3.796 m) - collegano il santuario alla città e agevolano la processione che ogni anno dal 1433 conduce la bizantina Madonna con Bambino alla cattedrale durante la settimana dell'Ascensione. La sua realizzazione si avvia nel 1674 con la costruzione a Porta Saragozza dell'arco Bonaccorsi di G. G. Monti. Allo stesso architetto si attribuisce il progetto definitivo del tratto in pianura del portico ritmato da un modulo compositivo di estrema sobrietà e semplicità, ripreso dal suo successore C.F. Dotti a partire dal secondo decennio del '700. La parte terminale del percorso collinare, progettata da quest'ultimo, si caratterizza invece per la dinamica variazione di visuali e di punti di fuga fino alla visione finale del santuario. L'avvio del percorso in salita è enfatizzato lungo via Saragozza dall'Arco del Meloncello, progettato dal Dotti con probabile intervento dello scenografo Francesco Bibiena. Questa edicola dalla planimetria curvilinea che ricorre all'uso della colonna libera rappresenta, insieme allo spazio antistante alla basilica, l'unico spazio barocco esterno presente in città. La chiesa attuale viene realizzata dal Dotti tra 1723 e 1757 in sostituzione di una precedente chiesa quattrocentesca mentre le due tribune esterne sono concluse dal figlio Giovanni Giacomo nel 1774. In sintonia con la tradizione bolognese il volume esterno si presenta privo di decorazioni enfatiche e solenni e si caratterizza per la semplicità del profilo curvilineo su cui è impostata la cupola. Entro una planimetria ellittica gli spazi interni si dilatano a croce greca culminando nell'altare principale che precede la cappella della Vergine. Le decorazioni sono affidate a V. Bigari per gli affreschi, ad A. Borelli e G. Calegari per gli stucchi e ad A. Piò per le statue. Tra gli artisti che adornano la chiesa si segnalano inoltre G. Reni (terzo altare a destra), D. Creti (seconda cappella a destra), G. Mazza (cappella di S. Antonio da Padova), Guercino (sagrestia maggiore).
    Nel 1930 Ferruccio Gasparri realizza una funivia che con un solo pilone supera il dislivello di 220 metri tra via Saragozza e il santuario. Le polemiche che accompagnano il conseguente annullamento del percorso devozionale si concludono però con la sua definitiva sospensione.
    Santuario di San Luca
    Via di S. Luca, 36
    051 6142339
    ORARIO DI APERTURA:
    mattino 7.00 - 12.30;
    pomeriggio da novembre a febbraio 14.30 - 17.00;
    marzo e ottobre 14.30 -18.00;
    negli altri mesi 14.30 - 19.00;
    Nei giorni festivi la basilica rimane aperta anche dalle 12.30 alle 14.30;

    ACCESSIBILITA':
    in auto
    uscita tangenziale n. 1 e 2 - direzione centro
    in bus
    linea n. 20 - scendere alla fermata Villa Spada e prendere il minibus privato Cosepuri

    (da circuitocittadarte.it)


    [Modificato da dreamss 22/01/2005 11.47]

    [Modificato da dreamss 22/01/2005 14.36]


    dreamss




  • OFFLINE
    dreamss
    Post: 4,409
    Post: 4,294
    Registered in: 5/19/2004
    Gender: Female
    Amministratrice
    Rubino
    00 1/22/2005 11:53 AM
    Le due torri sono ovviamente il simbolo piu famoso di bologna,eccole qui in diretta webcam
    2 torri

    Dapprima città etrusca col nome di Felsina, divenne nel 189 colonia romana (Bononia), di primo piano specialmente dopo la costruzione della via Emilia. Dall'oscurità del periodo barbarico Bologna risorse nell'età comunale (XII-XV sec.), nel corso della quale conobbe l'epoca di maggior floridezza economica e demografica, seguita poi dalla lunga soggezione allo Stato della Chiesa (dal 1513). Delle numerosissime torri che vi sorgevano nel Medioevo rimangono quelle celebri degli Asinelli e della Garisenda, risalenti al XII sec.

    dreamss




  • OFFLINE
    Fujko
    Post: 2,734
    Post: 2,655
    Registered in: 5/17/2004
    Location: MILANO
    Gender: Female
    Moderatrice
    Topazio
    00 1/22/2005 7:51 PM
    A me di Bologna è rimasta molto impressa
    "la finestrella", guardandovi attraverso sembra di essere a Venezia! [SM=x438687]


    "SEI TU IL CAMBIAMENTO CHE VUOI VEDERE NEL MONDO"

    M. K. Gandhi

  • OFFLINE
    dreamss
    Post: 4,409
    Post: 4,294
    Registered in: 5/19/2004
    Gender: Female
    Amministratrice
    Rubino
    00 1/23/2005 12:04 PM
    ah!!!si ho presente !vicino a via righi!!pensa che una volta bologna era proprio attraversata dal fiume!poi hanno fatto le strade sopra...ma sotto e tutta un corso d'acqua!

    dreamss




  • OFFLINE
    Fujko
    Post: 2,734
    Post: 2,655
    Registered in: 5/17/2004
    Location: MILANO
    Gender: Female
    Moderatrice
    Topazio
    00 1/23/2005 1:06 PM
    A me Bologna piace tanto, la considero una bellissima cittadina.
    Chissà se, tornandoci, saprei ancora trovare "la finestrella"?


    "SEI TU IL CAMBIAMENTO CHE VUOI VEDERE NEL MONDO"

    M. K. Gandhi

  • OFFLINE
    dreamss
    Post: 4,409
    Post: 4,294
    Registered in: 5/19/2004
    Gender: Female
    Amministratrice
    Rubino
    00 1/23/2005 1:09 PM
    io non la amo particolarmente,ma devo ammettere che la trovo "calda",non so come dire..."accogliente"...

    dreamss




  • OFFLINE
    Fujko
    Post: 2,734
    Post: 2,655
    Registered in: 5/17/2004
    Location: MILANO
    Gender: Female
    Moderatrice
    Topazio
    00 1/23/2005 3:23 PM
    Secondo me è una città a dimensione d'uomo,
    in più il bolognese è uno dei miei accenti preferiti!


    "SEI TU IL CAMBIAMENTO CHE VUOI VEDERE NEL MONDO"

    M. K. Gandhi

  • OFFLINE
    icestar
    Post: 6,335
    Post: 5,821
    Registered in: 5/14/2004
    Gender: Female
    Amministratrice
    Diamante
    00 1/23/2005 3:47 PM

    Re: Secondo me è una città a dimensione d'uomo



    quoto! [SM=x438683]


  • OFFLINE
    angel86
    Post: 6,853
    Post: 3,797
    Registered in: 3/5/2001
    Location: PISA
    Gender: Female
    Moderatrice
    Smeraldo
    00 1/23/2005 4:38 PM
    Re: Secondo me è una città a dimensione d'uomo,

    Scritto da: Fujko 23/01/2005 15.23
    in più il bolognese è uno dei miei accenti preferiti!



    anche il mio!!! il romagnolo in generale mi attira troppo! quando sento stefano accorsi o ligabue salterei addosso alla tv!! [SM=x438778]
  • OFFLINE
    dreamss
    Post: 4,409
    Post: 4,294
    Registered in: 5/19/2004
    Gender: Female
    Amministratrice
    Rubino
    00 1/23/2005 5:30 PM
    [SM=x438716] [SM=x438716] [SM=x438716] il romagnolo è molto diverso dal bolognese,precisiamo!!!![SM=x438716] [SM=x438716] [SM=x438701]

    dreamss