00 11/9/2004 3:56 PM
L'IDEALE
Su la panchina verde de 'na villa
du vecchi tra li fiotti de l'affanni
discorrono ne l'aria ch'è tranquilla
le cose ch'hanno visto in tanti anni.
"Da giovani la vita era mijore,
la Spagna, er socialismo, l'ideale,
Marta, la fia de Rocco er minatore
eppoi la resistenza nazzionale.
Che delusione doppo tante sere
passate ar freddo cor fucile in mano
vedé mafia e cammorra pià 'r potere
e indifferenre er popolo itajano."
Disse Giovanni, vecchio partiggiano.
"Nun t'angustià Giovà, che nun è 'r caso,
si oggi le faccenne vanno male,
un giorno, e io ne sono persuaso,
verrà un rinnovamento generale.
Vedi quer regazzino cor pallone?
Pò esse proprio lui che in un futuro
guiderà l'antri a la rivoluzzione.
me pare de vedelli mano a mano
coinvorge tutti indefinitamente
omini e donne d'ogni continente,
ce stamo pure noi!" Disse Gaetano.
"Cantamo l'inno co' li pugni tesi
e ritrovamo li compagni uccisi,
forza, passione e pure li capelli
so' ritornati come ai tempi belli."
Concruse infine e salutò l'amico,
poi s'arizzò forzanno sur bastone,
ma quanno fu a du passi dar portone,
forze pensanno a l'ideale antico
fu còrto all'improvviso da un magone.
Er vecchio cadde e senza arcun dolore
je se fermò la varvola der core.

Scritta nel febbraio 1983 da Enrico Meloni (un grande)

ugolino della gherardesca