PAPA RATZINGER FORUM Forum, News, Immagini,Video e Curiosità sul nuovo Papa Benedetto XVI

Le GMG del Papa

  • Posts
  • OFFLINE
    LadyRatzinger
    Post: 2,276
    Registered in: 8/22/2006
    Veteran User
    00 7/5/2008 12:57 PM
    Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re:
    donnaprassede, 03/07/2008 21.52:




    Prega anche per me...

    ...io ti seguirò in tv...e poi aspetto tue notizie per sapere tutto nei dettagli!!!

    [SM=g27811]




    Ma certo!!!Pregherò per tutte voi!!!!Tranquille!! [SM=g27811] [SM=g27811] [SM=g27811] [SM=g27822] [SM=g27822] [SM=g27822] [SM=x40800]



    "Shemà Israel,Adonai elohenu,Adonai ehad"

  • OFFLINE
    Duck Slayer
    Post: 21
    Registered in: 10/17/2004
    Junior User
    00 7/6/2008 5:41 AM
    Sidney è un viaggio troppo lungo!

    Almeno, per me che già da isolano devo volare per andare nella penisola, è già traumatizzante prendere un volo in modalità iperspazio (Cagliari-Sidney).

    Comunque visto che il Santo Padre ha tempo per tutti e tanta pazienza, onorerà tutto il cagliaritano (e dintorni) della sua presenza e saggezza dal 7 Settembre in poi, in special modo il Santuario e la Basilica di Nostra Signora di Bonaria e tutto l'Ordine Mercedario che si occupa della cura del Santuario (e della Basilica).

    Io comunque partecipai al pellegrinaggio scorso per la Giornata Mondiale della Gioventù in Germania (Colonia). Probabilmente mi sono perso le cose migliori di quel pellegrinaggio, ma guardando indietro mi rimane comunque una bella immagine di tante persone, soprattutto ragazzi, con cui ho viaggiato. Di cose belle e cose brutte.

    E purtroppo, la malattia di cui sono affetto (disturbo bipolare) mi ha reso difficile la recezione del messaggio evangelico, sia delle catechesi dei vescovi italiani lì presenti assieme ai gruppi di giovani, sia del Santo Padre in persona.

    Attualmente la mia situazione di salute fisica (e quindi mentale) è migliorata. Devo ancora lavorare molto nel mio campo: ho perso totalmente il contatto con la preghiera...e mi dispiace dirlo, non prego più ormai da quasi due mesi. Ho smesso perfino di segnarmi la mattina e la sera prima di dormire; della confessione non ne parliamo.

    Il cervello e la ragione dicono che la via è sbagliata, ma l'anima difetta della volontà, e quando manca la volontà, manca tutto.

    Perdonate la digressione, e buon viaggio a chi parte.
    _______________________________
    "Deo Gratias" St.Cuthbert Mayne
    _______________________________
  • OFFLINE
    Paparatzifan
    Post: 9,252
    Registered in: 6/17/2005
    Master User
    00 7/6/2008 7:27 PM
    Re:
    Duck Slayer, 06/07/2008 5.41:

    Sidney è un viaggio troppo lungo!

    Almeno, per me che già da isolano devo volare per andare nella penisola, è già traumatizzante prendere un volo in modalità iperspazio (Cagliari-Sidney).

    Comunque visto che il Santo Padre ha tempo per tutti e tanta pazienza, onorerà tutto il cagliaritano (e dintorni) della sua presenza e saggezza dal 7 Settembre in poi, in special modo il Santuario e la Basilica di Nostra Signora di Bonaria e tutto l'Ordine Mercedario che si occupa della cura del Santuario (e della Basilica).

    Io comunque partecipai al pellegrinaggio scorso per la Giornata Mondiale della Gioventù in Germania (Colonia). Probabilmente mi sono perso le cose migliori di quel pellegrinaggio, ma guardando indietro mi rimane comunque una bella immagine di tante persone, soprattutto ragazzi, con cui ho viaggiato. Di cose belle e cose brutte.

    E purtroppo, la malattia di cui sono affetto (disturbo bipolare) mi ha reso difficile la recezione del messaggio evangelico, sia delle catechesi dei vescovi italiani lì presenti assieme ai gruppi di giovani, sia del Santo Padre in persona.

    Attualmente la mia situazione di salute fisica (e quindi mentale) è migliorata. Devo ancora lavorare molto nel mio campo: ho perso totalmente il contatto con la preghiera...e mi dispiace dirlo, non prego più ormai da quasi due mesi. Ho smesso perfino di segnarmi la mattina e la sera prima di dormire; della confessione non ne parliamo.

    Il cervello e la ragione dicono che la via è sbagliata, ma l'anima difetta della volontà, e quando manca la volontà, manca tutto.

    Perdonate la digressione, e buon viaggio a chi parte.



    Scusa se ti domando ma di cosa si tratta la tua malattia? [SM=g27833]

    Mi dispiace tanto che tu adesso stia attraversando un brutto momento nella tua vita! Ma non perdere la speranza!!!! So che il Signore ti aspetta... Non dimenticarlo!!!! [SM=g27823] Tu dici che non preghi più ma tu lo pensi il Signore? Se sì questo è già preghiera! Non importa se il tuo pensiero dura qualche secondo. Lui apprezza questo così come le lunghe preghiere sempre che si facciano con il cuore. Sono certa che Lui capisce la tua situazione di sofferenza e ti sta vicino più di quanto te l'immagini!!!!
    Coraggio!!!! Farò una preghiera per te!!!!
    [SM=g27821]

    Papa Ratzi Superstar









    "CON IL CUORE SPEZZATO... SEMPRE CON TE!"
  • OFFLINE
    Duck Slayer
    Post: 26
    Registered in: 10/17/2004
    Junior User
    00 7/10/2008 4:07 AM
    Re: Re:
    Paparatzifan, 06/07/2008 19.27:



    Scusa se ti domando ma di cosa si tratta la tua malattia? [SM=g27833]

    Mi dispiace tanto che tu adesso stia attraversando un brutto momento nella tua vita! Ma non perdere la speranza!!!! So che il Signore ti aspetta... Non dimenticarlo!!!! [SM=g27823] Tu dici che non preghi più ma tu lo pensi il Signore? Se sì questo è già preghiera! Non importa se il tuo pensiero dura qualche secondo. Lui apprezza questo così come le lunghe preghiere sempre che si facciano con il cuore. Sono certa che Lui capisce la tua situazione di sofferenza e ti sta vicino più di quanto te l'immagini!!!!
    Coraggio!!!! Farò una preghiera per te!!!!
    [SM=g27821]





    La mia malattia è un disturbo dell'umore che ne altera il normale corso e i cicli, per cui si raggiungono picchi di umore basso o alto con una certa rapidità e all'improvviso, senza alcuna causa logica.

    E' il tipico disturbo, come tutti quelli che hanno una base nel cervello umano, per cui non si conosce la cura definitiva, ma solo trattamenti che rendono possibile una vita dignitosa al malato.
    E tra l'altro la medicina in questo campo continua a fare scoperte, oppure si ricrede su funzionamenti che prima dava per scontati.

    In parole semplici, è un disturbo che mi ha reso la vita molto più difficile, così come una paralisi dalla vita in giù comprometterebbe totalmente la mobilità della persona che ne è affetta.

    Per questo disturbo infatti sto finendo di portare avanti richieste e pratiche (che stanno giungendo alla conclusione, spero, anche perché sentirsi esaminati come al banco dell'ortofrutta non è esattamente una bella sensazione) che alla fine, se non vado errato, mi riconosceranno una invalidità civile del 100%, con conseguente pensione d'invalidità.

    Questo non significa che io da me non possa fare nulla, ma che necessiterò, oltre che dell'aiuto economico, anche di una assistenza sanitaria (psichiatrica) pressoché a copertura totale, da quando mi alzerò la mattina, fino a quando mi coricherò l'ultima sera su questa terra.

    Riguardo alla mia vita di preghiera, di fede, in generale della mia vita che dovrei vivere come cristiano, è molto povera se non praticamente inesistente. Posso dire di "pensare" a Dio, ad una possibile vita beata, ma oltre al fatto che non faccio una vita beata, sono anche sfiduciato dei mezzi che ho paura di non possedere per condurla.
    Ogni volta che mi riavvicino alla Chiesa, tempo dopo è come se non avessi fatto nulla. Conosco la gravità della cosa, e non so cosa poter fare, perché pur abusando della misericordia di Dio, non so come riparare.

    La preghiera nel senso più tradizionale del termine dopo poco tempo "appassisce" di fronte agli interessi più banali e terreni. Quegli spassi, quelle amicizie, quei beni, quel modo di vivere attaccato alla terra e non con lo sguardo rivolto a Dio. E quando questi interessi ovviamente decadono di fronte alla realtà della vita, e cioè che si deve morire prima o poi, non mi resta nulla in mano.
    E' come se non avessi pregato mai, come se non mi fossi mai confessato: come se mai fossi stato cristiano no, perché vivendo nell'ignoranza avrei probabilmente vissuto meglio, forse.
    Dio ha deciso diversamente, ma io non so che fare. Se mi giro da una parte per la preghiera e la vita della Chiesa, tutto mi diventa noia, ripetitività, fatica, ansia e frustrazione. Se peccando mi giro dall'altra, presto ogni gioia vana scompare come un battito d'ali. E non mi resta mai nulla, se non compatire me stesso e la mia mancanza di volontà.
    Comincio molte cose e non ne finisco mai nessuna, che potrebbe anche essere uno degli effetti della malattia (che ripeto non è curabile nel senso di rimuovibile, allo stato attuale).

    O forse sono troppo occupato a lamentarmi e a compatirmi da non vedere il resto. Però la frustrazione è troppa, l'ansia di non riuscire anche. Mi è stato detto "ma Dio non è come un distributore automatico che si inserisce la moneta e si ottiene quello che vuole". E lo so, lo so perfettamente. Però io già sono scoraggiato nell'inserire la moneta. Neanche mi aspetto di ottenere qualcosa. Non mi aspetto nulla, e perciò tengo per me ciò che sarebbe dovuto a Dio.

    Pregare è più necessario del bere e del nutrirsi, il punto è che non è come il bere e il nutrirsi. Per me pregare è come fissare un'immagine sacra, il Crocefisso, la Madonna, pregare e sentire solo parole che escono di bocca. E mai altro. Se medito, alla fine perdo anche il filo dei pensieri. Se cerco di meditare su un testo, alla fine ho così tanto materiale in testa che non riesco a mettere ordine. Se il contenuto è chiaro, mi smarrisco di fronte a cose da nulla, e ritorno al punto di partenza.

    Trovo molto spesso meno noiose le vite degli altri, le omelie dei sacerdoti, che la mia vita e la vita di fede.

    E questo, oltre che sconcertarmi, altro non mi dice, se non che non vedo molto ottimismo per il futuro.
    _______________________________
    "Deo Gratias" St.Cuthbert Mayne
    _______________________________
  • OFFLINE
    Paparatzifan
    Post: 9,269
    Registered in: 6/17/2005
    Master User
    00 7/10/2008 6:24 PM
    Grazie...

    ... della spiegazione. Non pensavo fosse così invalidante! [SM=g27813]

    Beh, almeno mi auguro che ti possano dare la pensione e tutta l'assistenza di cui avrai bisogno senza dover aspettare molto!

    Ho letto attentamente i problemi che hai con la tua vita spirituale. Ti confesso che non sei l'unico che non riesce a fare bene una meditazione senza pensare ad altro! Anche a me, molte volte, succede. Proprio ieri, chiuso il libro, non riuscivo a rifflettere niente! Allora ho chiuso gli occhi e ho pensato a Gesù e mi sono riposata. Credo che a volte noi ci facciamo uno schema fisso di come dev'essere pregare, meditare, ecc. E sbagliamo! Sono certa che se non te la senti di andare avanti Lui capisce...
    A me sempre mi vengono i brividi quando penso alla vita spirituale di Madre Teresa. Lei ha vissuto 50 anni al buio, senza percepire Dio. Ma come si fa, mi chiedo! Come poteva lei andare avanti? E' un mistero! Solo una grazia un po' particolare ha fatto sì che lei si fidasse di Dio.
    Tu hai il desiderio di Dio. Lo stai cercando... L'importante è fidarsi di Lui anche in mezzo al buio perché Lui c'è!!!! Quissà che un giorno ti tocchi il cuore!
    Forse ti converrebbe parlare di queste cose con un sacerdote, con uno buono perché, purtroppo, non tutti hanno il carisma della parola. Io vado a confessarmi dai cappuccini. Ma non sempre mi tocca lo stesso prete. Però a volte mi tocca qualcuno che veramente ti invita (senza dirtelo ma tu ti rendi conto) ad aprire il cuore e ti assicuro che, in questi casi, è una vera liberazione!
    [SM=g27823] [SM=g27821] [SM=g27822]

    Papa Ratzi Superstar









    "CON IL CUORE SPEZZATO... SEMPRE CON TE!"
  • OFFLINE
    +PetaloNero+
    Post: 12,082
    Registered in: 8/22/2006
    Gold User
    00 7/22/2010 3:51 PM
    Sindaco di Madrid: “Sarà la migliore Giornata Mondiale della Gioventù”
    Firmato un accordo di collaborazione con l'Arcivescovado

    di Nieves San Martín



    MADRID, giovedì, 22 luglio 2010 (ZENIT.org).- Il Cardinale Arcivescovo di Madrid, Antonio María Rouco Varela, e il sindaco della capitale spagnola, Alberto Ruiz Gallardón, hanno firmato questo martedì un accordo di collaborazione tra il Comune e l'Arcivescovado per stabilire i canali di collaborazione in vista della celebrazione della Giornata Mondiale della Gioventù (GMG) 2011 a Madrid.

    La città accoglierà i due milioni di giovani che si prevede parteciperanno alla XXVI edizione dell'evento, che si celebrerà nella terza settimana di agosto alla presenza di Papa Benedetto XVI.

    L'accordo vuole “stabilire i modi in cui Madrid potrà ospitare i due milioni di visitatori previsti durante la Giornata”, ha detto il sindaco.

    Nel suo intervento, in occasione della firma, il Cardinale Rouco Varela ha affermato che Madrid si riconoscerà “per la qualità umana dei giovani che arriveranno, che conquisteranno il cuore dei madrileni”. Allo stesso modo, ha sottolineato che la GMG “è un avvenimento che esprime la vita della gioventù della Chiesa nei suoi atti liturgici e intorno alla Parola di Dio”, assicurando che l'evento “porterà alla città pace e bene, oltre a risposte che soddisfino il cuore dei giovani”.

    Il Cardinale Rouco ha annunciato che arriverà a Madrid circa un migliaio di Cardinali e Vescovi di tutto il mondo per partecipare alla festa di una gioventù “allegra, bella, gioiosa e festosa”. Si prevede una presenza, ha aggiunto, “di dimensioni notevolissime”, che trasformerà Madrid “non solo nella capitale della Spagna, ma nella capitale della gioventù del mondo”.

    Dal canto suo, il sindaco Ruiz Gallardón ha sottolineato che la celebrazione della GMG rappresenterà “un avvenimento di trascendenza eccezionale per la città, il cui successo richiede uno sforzo ugualmente straordinario da parte di tutti”.

    Ha anche espresso la propria gioia per il fatto che Madrid sia stata eletta sede della prossima Giornata: “Ogni volta che siamo scelti per ospitare un incontro internazionale dobbiamo sentirci soddisfatti”.

    L'accordo affronta vari aspetti per il coordinamento tra l'amministrazione locale e gli organizzatori della GMG. Il Comune cederà spazi di titolarità municipale, come scuole pubbliche e impianti polisportivi, per l'alloggio dei giovani che assisteranno alla Giornata. Si predisporranno anche spazi per gli incontri dei giovani e si cederanno strutture per la celebrazione di eventi culturali.

    Il Comune garantisce inoltre il sostegno della Polizia Municipale, in coordinamento con i servizi di Protezione Civile e di Sicurezza della Comunità di Madrid e la Delegazione del Governo, perché negli spostamenti e negli incontri sia assicurata la protezione dei partecipanti alle celebrazioni.

    L'amministrazione locale si è anche impegnata a installare un orologio per il conto alla rovescia “in un luogo emblematico della città” e a mettere a disposizione grandi strutture come la Caja Mágica, il Palazzo Municipale dei Congressi e l'Auditorium del Parco Juan Carlos I.

    Ruiz Gallardón ha inoltre segnalato che “Madrid non solo sarà all'altezza, ma supererà tutte le aspettative per fare di questa la migliore Giornata Mondiale della Gioventù tra quelle celebrate finora”.

    Il Comune di Madrid fa parte della Commissione Mista per la GMG, in cui figurano anche la Presidenza del Governo e la Comunità di Madrid. Le amministrazioni pubbliche collaborano all'organizzazione dell'evento favorendo l'uso di strutture e servizi pubblici, ma non contribuiscono economicamente. Il finanziamento della GMG proviene dagli apporti dei giovani che partecipano e delle imprese sponsor.

    Le iscrizioni alla Giornata sono state aperte all'inizio di luglio e, secondo il Cardinale Rouco Varela, “si sono già iscritte decine di migliaia di giovani di un centinaio di Paesi e circa 400 gruppi”.

    “100.000 volontari già si preparano per collaborare allo sviluppo della Giornata”, ha osservato il sindaco madrileno.

    [Traduzione dallo spagnolo di Roberta Sciamplicotti]

3