00 3/12/2007 8:14 PM





Le acque minerali sono soluzioni saline particolari che hanno effetti biologici sulla salute provati

Bambini
Per il latte in polvere è condìsigliata un’acqua poco mineralizzata, con 150 mg/l di residuo fisso, che non ne modifica il sapore e la composizione, che altrimenti lo renderebbe poco digeribile.
Per i bambini vanno bene le oligominerali in generale (fino a 500 mg/l) e le calciche , che favoriscono la fase di crescita soprattutto ossea.
È meglio se la quantità di floruri è inferiore ai 1,5 mg/l poiché il fluoro è importante per i denti e per le ossa ma va somministrato in piccole dosi. Acque con livello di solfati inferiore ai 50 mg/l e meno di 10-15 mg di nitrati e inquinanti come i nitriti, anche se le minerali sono sicure fino a 45 mg/l di nitrati (per le acque potabili il limite di legge è 50 mg/l).

scegliere l'acqua migliore per noi
Donne
Nella gravidanza, menopausa e con l’osteoporosi sono più indicate le acque calciche. I valori di calcio sono solitamente tra i 50 e 150 mg, ma le effervescenti sono più ricche di calcio.

Anziani
Con l’aumentare dell’età si attenua lo stimolo della sete rischiando in questo modo la disidratazione: è consigliato bere molto, anche in assenza dello stimolo.

Sportivi
Subito dopo un grande sforzo bisogna assumere acque povere di sali per reidratarsi più velocemente possibile, poiché vengono assorbite più velocemente.
Solo in un secondo momento è possibile bere acque più ricche.

Diuresi e calcolosi renale
Le acque con poco residuo fisso sono più diuretiche perché vengono assorbite molto più velocemente a livello intestinale, determinando quindi un maggior carico idrico e di conseguenza maggior diuresi.
Queste acque sono consigliate anche per la prevenzione della calcolosi renale.

Ipertesi
Tutte le acque hanno pochissima quantità di sodio, ma sono meglio le acque poco mineralizzate e le oligominerali.
Le acque iposodiche per legge hanno meno di 20 mg/l di sodio e sono le più diuretiche.

Ipercolesteromia
Per ridurre il colesterolo del sangue sono consigliate acque salsosolfate (con cloruro di sodio e solfato).

Lassative/Antistipsi
In questi casi bisogna bere molto. Con maggiore proprietà lassative hanno le acque con valori di solfato superiori ai 200 mg/l, meglio se associate a magnesio e calcio.
Se il magnesio supera i 50 mg/l può diventare purgativa.

Digestive antiacidità
Le acque bicarbonato calciche hanno maggiore efficacia sui processi digestivi in quanto hanno un effetto tampone sullo stomaco, antiacido e stimolano la secrezione biliare.

Prevenzione carie
Acque fluoruriche con livelli tra lo 0,7 e 1 mg: oltre l’ 1,5 mg la legge esorta all’attenzione perché potrebbero causare fluorosi, segnalata da macchie giallognole sullo smalto dei denti.

Anemici
Sono consigliate acque ferruginose, anche se sono poco digeribili.

In estate
Con il caldo aumenta la sudorazione e di conseguenza anche la perdita di sodio, che può essere reintegrata con acque più mineralizzate del solito e più sodiche delle oligominerali e di quella del rubinetto.
Solitamente le più sodiche sono le effervescenti naturali (tra i 200 mg/l).
In generale va bene assumere 1 litro al giorno, perché diventano 2 con l’acqua che assorbiamo dagli alimenti, ma d’estate ne serve di più.

Dieta dimagrante
Durante una dieta dimagrante è consigliato bere molto perché per esempio una disidratazione del 2% del peso corporeo ci fa bruciare il 30% in meno, e più siamo idratati più il metabolismo funziona.



Fonte:http://www.ricettedintorni.net/



Il MIO PHOTOBLOG

PAINTING LIFE

CLICCA QUI' PER ENTRARE


">Fedele Dama de...