I Cavalier, l'Arme e l'Amore Gruppo di discussione improntato al rispetto reciproco, al piacere del dialogo, con libertà di spaziare dove ci porta il pensiero, in maniera leggera e in un'atmosfera gioviale

Silvestro Lega

  • Posts
  • OFFLINE
    Nina§
    Post: 5,056
    Post: 1,514
    Registered in: 3/12/2004
    Location: ROMA
    Age: 52
    Gender: Female
    Moderatore
    Condottiero/Dama
    00 1/31/2007 1:28 AM















    Fonte: http://www.lungomarecastiglioncello.it/MACCHIAIOLI/LEGA/


    Nato a Modigliana (FO) 1826
    Frequenta l'Accademia di Belle Arti di Firenze e dal 1854 inizia a frequentare il caffè Michelangelo; risalgono a questo periodo i suoi primi esperimenti di pittura all'aperto che proseguono nel decennio successivo. Nascono in quel clima alcuni suoi capolavori tra i quali "La visita" e "Il dopo pranzo", ma la sua affermazione avviene nel 1870 alla Mostra Nazionale di Parma quando vince la medaglia d'argento. Lega fu forse il più povero dei pur poveri macchiaioli e visse spesso ospite di famiglie amiche ed a lungo a Castiglioncello presso Diego Martelli. Al 1872 risale l'inizio di una malattia agli occhi che in futuro provocherà disturbi sempre maggiori alla sua attività di pittore. Agli inizi degli anni Ottanta, sulla scia delle proposte francesi, Lega abbandona la lucida oggettività degli anni precedenti, per una pittura più mossa e animata, dalle forme sfatte nel colore e nella luce. Appartengono a questo periodo i più intensi ritratti di Lega e alcuni dei suoi paesaggi tra i più cromaticamente accesi. Morì di cancro a Firenze in condizioni di indigenza il 21 settembre 1895.




    Il MIO PHOTOBLOG

    PAINTING LIFE

    CLICCA QUI' PER ENTRARE


    ">Fedele Dama de...





  • OFFLINE
    Nina§
    Post: 5,056
    Post: 1,514
    Registered in: 3/12/2004
    Location: ROMA
    Age: 52
    Gender: Female
    Moderatore
    Condottiero/Dama
    00 1/31/2007 1:29 AM
    I Macchiaioli.

    Uno dei Movimenti artistici più importanti dell'Ottocento italiano nasce a Firenze.
    Questo movimento è l'unico che nel panorama del secolo meriti veramente il nome di scuola sia per la comunità di intenti che legava i componenti del gruppo provenienti da diverse regioni e tradizioni artistiche,sia per l'alta qualità complessiva dei risultati pittorici raggiunti.

    Il termine macchiaioli venne usato per la prima volta sulla gazzetta del popolo nel 1862.
    In questi tempi la saletta del Caffè Michelangelo in Via Larga oggi Via Cavour era affollata di giovani talenti e qui gli artisti amavano scambiarsi le proprie idee al di fuori di ogni regola scolastica ed accademica, in un atmosfera forse confusionaria ed irrequieta ma densa di stimoli e fermenti creativi.

    L'arte di questi pittori come la definì Adriano Cecioni teorico e critico del movimento, consisteva: "nel rendere le impressioni che ricevevano dal vero col mezzo di macchie di colori di chiari e di scuri".

    Al suo ritorno da Parigi anche Il critico Diego Martelli nel corso di un importante conferenza sugli impressionisti fatta a Livorno nel 1879, parla del caffè Michelangelo ,descrivendolo come un luogo ricco di discussioni sui problemi dell'arte e di come la cultura figurativa locale si fosse diffusa, uscendo così dai limiti della provincia toscana internazionalizzandosi.

    Il movimento dei Macchiaioli nasce di fatto nel 1856; affermando che la forma non esiste ma è creata dalla luce e che l'individuo vede tutto il mondo circostante attraverso forme non isolate dal contesto della natura quindi come macchie di colore distinte o sovrammesse ad altre macchie di colore, perché la luce colpendo gli oggetti viene rinviata al nostro occhio come colore.
    Il colore, è per l'individuo l'unico modo di entrare a contatto con la realtà, che dovrà, per i macchiaioli essere restituita nel quadro come una composizione a macchie.

    Da questa teoria prende le mosse e viene influenzato il movimento degli impressionisti francesi nato ben più tardi ed informato delle nuove tendenze dalle frequenti visite a Parigi dei nostri artisti.

    I principali esponenti di questo movimento sono: Serafino De Tivoli, Vincenzo Cabianca, Cristiano Banti, Nino Costa, Vito d'Ancona, Odoardo Borrani, Giuseppe Abbati, Raffaello Sernesi, Giovanni Boldini, Giuseppe De Nittis, Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Telemaco Signorini, in campo pittorico.



    Fonte:http://www.artemotore.com/macchiaioli.html



    Il MIO PHOTOBLOG

    PAINTING LIFE

    CLICCA QUI' PER ENTRARE


    ">Fedele Dama de...