I Cavalier, l'Arme e l'Amore Gruppo di discussione improntato al rispetto reciproco, al piacere del dialogo, con libertà di spaziare dove ci porta il pensiero, in maniera leggera e in un'atmosfera gioviale

AL CASTELLO SVEVO LA MOSTRA SU SAN NICOLA

  • Posts
  • OFFLINE
    Alimede
    Post: 2,562
    Post: 1,373
    Registered in: 3/20/2005
    Location: BARI
    Age: 48
    Gender: Female
    Abitante della Corte
    Condottiero/Dama
    00 12/8/2006 1:06 PM
    Mercoledì 6 dicembre, nella splendida cornice del Castello Svevo di Bari, alle 12.30, si è svolta la conferenza stampa di presentazione della mostra “San Nicola, Splendori d’arte d’Oriente e d’Occidente”, che sarà aperta al pubblico dal 7 dicembre 2006 al 6 maggio 2007.

    Un evento di respiro internazionale, per il quale sono attesi nel capoluogo decine di migliaia di turisti da ogni parte del mondo (in particolar modo dalla Russia e dai paesi dell’Est), una straordinaria occasione di marketing attrattivo per la città di Bari.

    La mostra gode dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, ed è promossa dall’Assessorato alle Culture del Comune di Bari, dall’Assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia, dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Puglia insieme a: Assessorato al Turismo della Regione Puglia, Assessorato alla Cultura e ai Beni Culturali della Provincia di Bari, Soprintendenza BAP e Soprintendenza PSAE di Bari e Foggia, Curia Arcivescovile di Bari, Basilica Pontificia San Nicola e Università degli Studi di Bari.

    “San Nicola, Splendori d’arte d’Oriente e d’Occidente”, è un grande viaggio: attraverso quindici secoli di storia, attraverso i continenti e le culture, dall’Asia Minore a Costantinopoli, dall’impero bizantino alla Russia ortodossa, dal Levante multireligioso all’Italia cattolica, dall’Albania e dalla Turchia musulmane all’Olanda protestante e da lì, per una singolare serie di eventi, fino all’isola di Manhattan.

    Un viaggio compiuto con la lente della storia dell’arte, grazie ai più grandi artisti che hanno rappresentato le storie e i miracoli del Santo taumaturgo, eternandone l’infinita universalità: tra gli altri Beato Angelico, Paolo Veneziano, Lorenzo Monaco, Andrea Orcagna, Lorenzo Lotto, Corrado Giaquinto, Alvise e Bartolomeo Vivarini, Jan Steen, fino ad Andy Warhol.

    San Nicola, che in Italia è noto soprattutto per il suo strettissimo legame con la città di Bari, è una figura di estrema importanza nella storia culturale e artistica del Mediterraneo e dell’Europa.

    Il suo fascino è in parte alimentato dalle origini, non supportate da un numero sufficiente di testimonianze storiche concrete. Per certo si sa che fu vescovo della città di Myra, in Asia Minore, tra il III e il IV secolo, all’epoca dell’imperatore Costantino; che si distinse per la sua generosità, giustizia e capacità di intervenire in modo deciso ed equo a favore del suo gregge; che un fortissimo culto, destinato ad espandersi velocemente nel bacino del Mediterraneo, si sviluppò intorno al suo sepolcro, da cui fuoriusciva un liquido portentoso noto ovunque come il santo myron.

    Una fisionomia storica ancora più complicata dal fatto che, nella letteratura agiografica, egli subì una contaminazione con un altro santo resosi illustre, nel VI secolo, nella stessa zona dell’Asia Minore, ovvero San Nicola, abate del monastero di Sion e vescovo di Pinara.

    L’intento della mostra è illustrare al grande pubblico le diverse fasi della lunga e affascinante vicenda che, nell’arco dei secoli, ha portato la figura di San Nicola, per molti versi enigmatica, ad assumere il ruolo di santo universale e transconfessionale, capace di suscitare la devozione di migliaia di fedeli e di adattarsi a tradizioni, contesti e funzioni anche molto diversi tra loro.

    Questa vicenda viene illustrata ponendo l’accento sulla diffusione a vasto raggio della sua immagine e delle sue differenti interpretazioni. Un percorso affascinante che, attraversando esperienze e momenti.
    La mostra “San Nicola. Splendori d’arte d’Oriente e d’Occidente” è realizzata con il contributo della Fondazione Antonveneta, organizzata e prodotta da Arthemisia. La mostra è a cura di Michele Bacci (Università di Siena), in collaborazione con Fabio Marcelli (Università di Perugia). Il catalogo (Skira) è a cura di Michele Bacci.



    Io mi cibo solo di ciò che mi brucia dentro e mi infiamma, poichè mi si confà il fatto di vivere di ciò di cui gli altri muoiono...
  • OFFLINE
    Alimede
    Post: 2,562
    Post: 1,373
    Registered in: 3/20/2005
    Location: BARI
    Age: 48
    Gender: Female
    Abitante della Corte
    Condottiero/Dama
    00 12/8/2006 1:15 PM
    Uno dei quadri in esposizione


    San Nicola salva una barca dal naufragio - Artista Tedesco - XV secolo, Tempera su tavola



    Io mi cibo solo di ciò che mi brucia dentro e mi infiamma, poichè mi si confà il fatto di vivere di ciò di cui gli altri muoiono...
  • (LadyHawke)
    00 12/14/2006 11:50 PM
    deve essre molto bella questa mostra, sia per il contenuto che per la location.
    Peccato che non mi è possibile arrivarci, però sino a maggio 2007 tante cose possono cambiare [SM=x131342]