Luigi's Mansion 2 HD Vieni ad acchiappare i fantasmi con noi su Award & Oscar!

I Cavalier, l'Arme e l'Amore Gruppo di discussione improntato al rispetto reciproco, al piacere del dialogo, con libertà di spaziare dove ci porta il pensiero, in maniera leggera e in un'atmosfera gioviale

§ A * SCUOLA * DALLA * STREGA §

  • Posts
  • Hosmantus
    00 6/2/2006 3:48 PM
    §§


    AMULETI E TALISMANI



    §Tutti, benchè ci profesiamo scettici, ci circondiamo nella vita di tutti i giorni di strani amuleti e talismani che rimangono da secoli compagni insostituibili della nostra esistenza da millenni a questa parte.
    Stiamo parlando del ferro di cavallo, del trifoglio a 4 foglie, della medaglia di S.Cristoforo nascosta nel cruscotto della macchina, di un soldo bucato, della zampa di coniglio e, per i più istruiti sul tema, la mano di Fatima, la coda disseccata di una lucertola, della corda dell'impiccato (difficile da reperire di questi tempi...) e tanti altri.
    Ne abbiamo citati alcuni come esempio ma la gamma è così vasta che non ci basterebbe lo spazio a disposizione se potessimo andare avanti.
    Ma cos'e' veramente un talismano ? che differenze ci sono tra questo e gli amuleti?

    I talismani sono oggetti che possono essere di qualsiasi specie come per esempio un anello, una pietra o un pezzo di pergamena su cui sono tracciati simboli sacri ai quali da secoli vengono attribuite proprietà magiche, buone o cattive, a seconda dell'intenzione che ci spinge a tracciarlo. Più specificatamente l'etimologia della parola talismano deriva dal greco Telesma che significa rito religioso. E' infatti mediante un rituale ben preciso che viene costruito un talismano, tenendo conto (a seconda del lavoro che dovrà compiere) degli influssi dei pianeti, del giorno in cui vengono costruiti, scegliendo accuratamente i metalli e i segni cabalistici più adatti per creare quella personale raffigurazione simbolica che si vuol ricreare mentre, un amuleto, ha caratteristiche più semplici come la succitata zampa di coniglio, il soldo bucato, un chiodo arrugginito ecc... Sono praticamente oggetti di uso comune a cui vengono attribuite capacità protettive o cariche di fortuna.

    Breve postilla sui poteri della mente umana e del suo pensiero

    Il pensiero umano è paragonabile ad un onda elettromagnetica che ha forza e potenza propria capace di cose inimmaginabili e l'uomo non sa o non osa utilizzare totalmente le facoltà del suo cervello perchè condizionato dalla religione, dall'educazione ed inevitabilmente costruisce, attorno alle sui potenzialità, una barriera invalicabile.
    Eppure a quanti, trovandosi in situazioni particolari di particolare stress o emozione, non è capitato di compiere atti che mai si immaginava di compiere? Spaccare un oggetto massiccio dalla rabbia? sentire o vedere (sogni premonitori o telepatia) una persona cara in un reale momento di pericolo? L'uomo, se veramente lo vuole, può affinare le sue facoltà ed incanalare le onde elettromagnetiche emesse dal suo cervello per svariati scopi.
    Il pensiero umano produce energia, l'energia crea la forza e la forza crea l'azione. Concetti semplici che conducono ad una riflessione capace essa stessa a scalfire quella barriera che ognuno di noi innalza attorno alle proprie facoltà.
    Il dubbio e il pessimismo provocano onde negative che annullano le forze elettromagnetiche che possiamo emettere ed incanarle per raggiungere uno scopo.
    Si deve quindi essere fiduciosi e rilassati mentre il nostro pensiero è emesso con forza e fermezza. La meta da raggiungere deve essere formulata mentalmente, ad alta voce o scritta senza incertezze.
    Il pensiero del nostro desiderio formulato giornalmente almeno per 15, 20 minuti, visualizzandolo come se accadesse, come se lo potessimo toccare, sarà utile per far si che il nostro cervello si riabitui e si educhi a lanciare onde elettromagnetiche atte a far si che la cosa si realizzi, che gli altri, se il desiderio è subordinato alla decisione altrui, si decidano e si sentano spinti ad agire favorevolmente verso di noi.




    Le stesse onde elettromagnetiche, la stessa fermezza nel concretizzare un pensiero, devono essere impiegate, assieme agli altri ingredienti, per la costruzione di un talismano.




  • Hosmantus
    00 6/2/2006 4:04 PM
    § Il Potere delle Erbe §
    L'erbario magico




    Fin dai tempi più remoti la magia si serve delle piante che per essa sono uno strumento importante.
    Nelle piante è presente il tutto e nel tutto è presente il bene e il male, l'azione e la stasi.
    Sin dai primordi l'uomo si è rivolto alle piante, alla loro forma, colore e odore.
    Ha capito che in esse sono presenti delle energie che si possono opportunamente e sapientemente sfruttare.
    Queste energie possono essere riconosciute in quanto si esprimono creando nelle piante delle forme precise, che sono la loro stessa corrispondenza analogica.
    Per questo motivo la magia e l'antica fitoterapia si basavano sulla somiglianza delle piante con parti del corpo umano, con gli animali e con tutte le forme presenti in natura. La magia non si ferma però all'analisi delle forme esteriori, ma va oltre comprendendo che la materia è il risultato e il prodotto di forze più sottili e più potenti.
    Sin dal Medio evo gli studiosi di queste scienze occulte consideravano le piante riunite in agglomerazioni psichiche chiamate "menti di specie".
    Anche gli odori (nelle piante se ne trovano diversi passando da fetide esalazioni a inebrianti profumi) sono una vera e propria energia, da sempre sfruttata nelle Arti magiche; un esempio per tutti è l'incenso, usato in tutti i riti magici.
    L'odore dell'incenso, o meglio il suo fumo, allontana tutto cio che è negativo, difatti rappresenta la spiritualità, la strada verso la conoscenza, il mondo spirituale.





    La Magia delle piante detta anche Magia Verde, raggiunge il suo massimo valore in un giorno ben preciso dell'anno.

    E' la notte di S.Giovanni Battista, il 24 giugno, che si ricollega ai festeggiamenti del solstizio d'estate. Ogni anno in questo giorno il sole si trova nel punto più alto del cielo, entrando nella costellazione del cancro e le piante possiedono in quel giorno dei poteri particolari che non avranno più negli altri giorni dell'anno.
    Tra le 23 e la mezzanotte della vigilia si raccolgono le piante che verranno poi utilizzate nei rituali magici nel corso dell'anno.
    Spore di felci, verbena, iperico e altre...Quella del solstizio d'estate è la notte più magica dell'anno e si svolgono moltissimi rituali.

    L'utilizzo delle erbe magiche è vario. Se ne possono fare semplici decotti o infusi per la salute o per scopi magici. Si possono bruciare nei braceri, farne fumigazioni o bagni purificatori. Sono efficaci e si prestano a molteplici usi.
    E' opportuno notare che ingenerale le loro virtù sono benefiche e diventano malefiche soltanto quando l'uomo le manipola ed interviene con precisi intenti nocivi.


    La tradizione vuole che le erbe che si usano siano raccolte da noi stessi ma, dato che non tutte le erbe sono reperibili nelle nostre campagne e che non tutti hanno la conoscenza giusta per riconoscerle, è oggi buona regola rivolgersi ad un bravo erborista per acquistare le erbe che ci abbisognano per non incappare anche in spiacevoli rischi di ... intossicazione! Le erbe dell'erborista sono testate e sicure e quindi è comodissimo usarle.
    INFUSI:
    Per fare un infuso caldo dobbiamo far bollire l'acqua ed appena la superficie dell'acqua comincia ad incresparsi aggiungere le erbe anche qui nella quantità necessaria.Si copre il recipiente e si spegne il fuoco sotto il pentolino. Poi si filtra. E' anche possibile creare un infuso "freddo" lasciando a bagno le erbe per alcune ore.



    I DECOTTI:
    I decotti sono erbe fatte bollire lentamente in acqua fredda ed è un ottimo metodo per estrarre i principii attivi da cortecce, radici e tutte quelle foglie che sono per natura piu dure. Mettere 30 grammi di erbe in mezzo litro d'acqua, o la quantità di erbe necessaria, e portare ad ebollizione. A questo punto si fa bollire l'erba per i minuti necessari alla preparazione del decotto. I tempi variano a seconda delle erbe che vengono usate e una volta pronto il tutto lo si filtra ancora caldo e si conserva in recipienti di vetro.



    Gli OLII:
    Per preparare un olio si possono usare erbe fresche o secche, o fiori o foglie, a seconda del tipo di olio che andiamo a fare.Si procedere nel seguente modo: in un vasetto di vetro si mettono le erbe scelte, si versa l'olio a ricoprire il tutto ( olio rigorosamente puro di oliva ) e si sigilla il vasetto. Il vasetto va esposto alla luce della luna Facendo attenzione che il luogo di esposizione sia asciutto e quindi lontano da qualsiasi fonte di umidità. Allo stesso modo esporlo anche alla luce solare badando bene che essa non sia totalmente diretta. Trascorse due settimane di questo trattamento è possibile filtrare l'olio in un altro vasetto di vetro e riporlo in attesa di utilizzarlo .




  • Hosmantus
    00 6/2/2006 4:12 PM
    ANAGRAMMATOMANZIA


    ANAGRAMMATOMANZIA

    L'Anagrammatomanzia è un metodo divinatorio decisamente giovane e consiste nell'anagrammare assieme le lettere di una frase legata ad un evento, accaduto o prossimo, o le lettere del proprio nome sino a ricavarne una serie di parole che unite assieme generino una frase di senso compiuto che possa avere un valore di tipo oracolistico.
    Noi come al solito prenderemo ad esempio il nome di Mario Rossi gia' utilizzato nel capitolo sulla numerologia.
    Qui il compito si fa difficile perche' le lettere a disposizione non sono molte ma con un po di fantasia e con la conoscenza della tecnica dell'anagramma, è comunque possibile creare una frase.


    ESEMPIO: MARIO ROSSI

    Parole ricavate: massi, rossi, rimossi, mari, rimorsi, ossario, sosia, marosi, assiomi, risorsa, sorrisi, sirio, amori .... e così via.

    Adesso si dovrebbe legare le parole trovate e ricondurle ad un senso logico che magari MARIO ROSSI riesce a comprendere se legato a fatti relativi alla sua vita. Volendo si può aggiungere anche la data di nascita e quindi dei numeri, da anagrammare assieme alle lettere del nome per avere indicazioni su eventi futuri.

    Allo stesso modo si possono anagrammare delle frasi di avvenimenti prossimi per vedere se nascondono delle indicazioni su come potranno evolversi.


  • Hosmantus
    00 6/2/2006 10:54 PM


    L'INFLUENZA DELLA LUNA SULL'UOMO E SULLE ERBE


    Ogni segno zodiacale governa una o più parti del corpo e quando la Luna si ferma in ciascun segno, due giorni e mezzo circa, influenza l'organo e la parte del corpo ad esso associato.




    ARIETE Testa
    TORO Gola
    GEMELLI Spalle
    CANCRO Petto
    LEONE Cuore
    VERGINE Addome inferiore
    BILANCIA Lombari
    SCORPIONE Genitali
    SAGITTARIO Cosce
    CAPRICORNO Ginocchia
    ACQUARIO Polpacci e Caviglie
    PESCI Piedi


    Anche questa è una forza che la luna esercita sull'uomo, proprio come sulle maree, perchè anche noi siamo fatti principalmente di acqua e sottostiamo alla sua influenza



    ARIETE
    Governa la testa, il cervello, il cuoio capelluto, le orecchie, la mascella, il labbro superiore.
    Predisposizione del segno alle malattie ad essi collegate:
    il mal di testa, mal di denti, problemi oculari e auricolari, ipertensione, insonnia.

    TORO
    Governa il collo, la nuca, il cervelletto, la gola, la laringe, le tonsille, la mascella e il labbro inferiore, la lingua.
    Predisposizione del segno alle malattie ad essi collegate:
    tonsilliti, laringiti, adenopatie, cervicali e torcicollo.

    GEMELLI
    Governa l'apparato respiratorio, i bronchi e i polmoni, parte dei seni nasali, la trachea, la parte superiore del torace e dell'esofago, i capillari.
    Predisposizione del segno alle malattie ad essi collegate:
    patologia dell'apparato respiratorio, astenia psiconervosa.

    CANCRO
    Governa l'apparato digestivo con tutte le malattie correlate.

    LEONE
    Governa il cuore e la circolazione venosa, il dorso e il midollo spinale.
    Predisposizione del segno alle malattie ad essi collegate:
    problemi di ipertensione, malattie cardiache, infiammazioni alla schiena o al midollo spinale.

    VERGINE
    Governa l'intestino e la regione addominale, lo stomaco,
    la parte inferiore dei polmoni.
    Predisposizione del segno alle malattie ad essi collegate:
    patologia allo stomaco ed anche nevrosi e depressioni.

    BILANCIA
    Governa i reni e l'apparato urinario, gli organi genitali interni soprattutto femminili, la prostata, le ghiandole surrenali le vertebre lombari.
    Predisposizione del segno alle malattie ad essi collegate:
    calcoli renali, cistite, affezioni veneree, diabete e lombaggini.

    SCORPIONE
    Governa gli organi genitali, la parte bassa dell'apparato digestivo con predisposizione a tutte le patologie collegate.

    SAGITTARIO
    Governa le coscie, il fegato, il pancreas, i polmoni, la circolazione arteriosa, la colonna vertebrale, l'osso sacro.
    Predisposizione del segno alle malattie ad essi collegate:
    la sciatica, i disturbi epatici, ipertensione, artrosi e le affezioni ai polmoni.

    CAPRICORNO
    Governa le ginocchia, le ossa, i denti, i capelli, le unghie e la pelle.
    Predisposizione del segno alle malattie ad essi collegate: artrite,
    affezioni cutanee, tubercolosi, gotta e arteriosclerosi.

    ACQUARIO
    Governa le gambe e le caviglie, il sistema nervoso la circolazione del sangue.
    Predisposizione del segno alle malattie ad essi collegate:
    vene varicose, spasmofilia, disturbi midollari e affezione nervose.

    PESCI
    Governa i piedi. Prendere freddo ai piedi può causare anche problemi all'intestino e ai polmoni.


    LE ERBE e la Luna

    Il Plenilunio è il momento più propizio per la raccolta delle erbe.
    Le radici colte in Luna Piena o Calante hanno proprietà più spiccate.
    La stagione ideale per la raccolta è la Primavera o l'Estate.
    A fine stagione e con l'inizio dei climi freddi le erbe perdono gran parte delle loro potenzialità e della loro freschezza.
    Le RADICI - si raccolgono al mattino o alla sera con la Luna in TORO, VERGINE O CAPRICORNO.
    Le FOGLIE si raccolgono al mattino, quando la rugiada si è appena sciolta, con la Luna che si trova in CANCRO, SCORPIONE O PESCI.
    I FIORI si raccolgono quando splende il sole e sono ben aperti e mai quando iniziano a sfiorire o sono già passiti e con la Luna che si trova in GEMELLI, BILANCIA E ACQUARIO.
    I SEMI e i FRUTTI si raccolgono INDIFFERENTEMENTE nel corso di tutta la giornata ma non a mezzogiorno quando il sole è al culmine.
    La Luna si deve trovare in ARIETE, LEONE o SAGITTARIO.
    Al momento della raccolta deve esserci bel tempo,
    mai raccogliere con un tempo incerto o brutto.

    Quando parliamo della raccolta delle erbe ci rivolgiamo alle persone che sanno riconoscerle ed hanno una certa esperienza e dimestichezza in questo campo.
    Chi non è troppo esperto è sempre bene che si rivolga ad un erborista e, comunque sia, le regole qui descritte, sono valide anche per l'acquisto di un erba invece che per la sua raccolta.
    Chi non fosse esperto può comunque limitarsi alla raccolta di quelle erbe più facilmente riconoscibili che sono poi quelle entrate da secoli nelle nostre cucine e nei nostri orti casalinghi.
    Nei giorni in cui la Luna è in un dato segno si raccolgono le erbe specifiche per i disturbi fisici che cadono sotto il suo influsso e che è possibile lenire attraverso infusi, decotti o impacchi.


    Seguendo la tabella riassuntiva espressa qui sotto sappiamo che:
    QUANDO LA LUNA E'
    IN ARIETE
    Si raccolgono le erbe per :
    MAL DI TESTA - MALI AGLI OCCHI
    QUANDO LA LUNA E'
    IN TORO
    Si raccolgono le erbe per :
    MAL DI GOLA - MAL DI ORECCHI
    QUANDO LA LUNA E'
    IN GEMELLI
    Si raccolgono le erbe per:
    TENSIONI ALLE SCAPOLE -
    INALAZIONI PER DISTURBI POLMONARI
    QUANDO LA LUNA E'
    IN CANCRO
    Si raccolgono le erbe per :
    BRONCHITI - DISTURBI ALLO STOMACO -
    DISTURBI AL FEGATO -
    DISTURBI ALLA CISTIFELLEA
    QUANDO LA LUNA E'
    IN LEONE
    Si raccolgono le erbe per :
    DISTURBI AL CUORE -
    DISTURBI ALLA CIRCOLAZIONE
    QUANDO LA LUNA E'
    IN VERGINE
    Si raccolgono le erbe per :
    DISTURBI ALLA DIGESTIONE -
    DISTURBI AL PANCREAS - PER I NERVI
    QUANDO LA LUNA E'
    IN BILANCIA
    Si raccolgono le erbe per :
    DISTURBI ALL'ANCA - MALATTIE AI RENI -
    MALATTIE ALLA VESCICA
    QUANDO LA LUNA E'
    IN SCOPRIONE
    Si raccolgono le erbe per :
    MALATTIE DEGLI ORGANI GENITALI - VIE URINARIE -
    IN GENERALE SONO I GIORNI BUONI PER LA RACCOLTA DI QUALSIASI TIPO DI ERBA
    QUANDO LA LUNA E'
    IN SAGITTARIO
    Si raccolgono le erbe per :
    VENE
    QUANDO LA LUNA E'
    IN CAPRICORNO
    Si raccolgono le erbe per :
    OSSA - ARTICOLAZIONI - MALATTIE DELLA PELLE
    QUANDO LA LUNA E'
    IN ACQUARIO Si raccolgono le erbe per :
    VENE
    QUANDO LA LUNA E'
    IN PESCI
    Si raccolgono le erbe per :
    PIEDI



  • Hosmantus
    00 6/3/2006 12:17 AM
    § LA MAGIA DELLE CANDELE §
    Introduzione alla MAGIA delle CANDELE

    Le candele sono da sempre considerate uno strumento molto importante in Magia, esse rappresentano la "scala" attraverso cui il nostro desiderio sale sino ai piani superiori prima di concretizzarsi nella realtà.
    E' quindi utile conoscerle, sia sotto l'aspetto del significato che da secoli gli si attribuisce, ad ogni singolo colore, all'accostamento che se ne fa con i relativi pianeti e forze.
    Prima di utilizzarle molti usano ungono le candele con olii profumati o anche con del comune olio da cucina precedentemente consacrato.
    L'unzione delle candele deve essere fatta visualizzando il risultato da ottenere ma non è comunque necessaria. Il più delle volte, a seconda del rito che si deve svolgere, è sufficiente tracciare una croce alla base della candela con il pollice della mano destra intinto nell'olio o tracciare sulla candela stessa dei simboli o sigilli che richiamano l'attenzione della forza da cui vogliamo protezione per il nostro rituale.

    I colori delle candele vengono associati alla nostra volontà e allo scopo del Rito che si sta per compiere. Si possono usare anche più candele contemporaneamente o una sola, o più comunemente due, la bianca e la nera, sempre a seconda di cio' che ci accingiamo a fare E SECONDO LE REGOLE, SECONDO I GIORNI LE ORE E I PIANETI CHE PRESIEDONO AI VARI SCOPI.

    QUI DI SEGUITO LA TABELLA DELLE CANDELE NEI COLORI PIU' USATI E LE CORRISPONDENZE

    COLORE DELLA CANDELA SCOPO GIORNO POTERE PIANETA E SPIRITO FUMIGAZIONI

    BIANCO PUREZZA, PROTEZIONE, ESORCISMO.
    E' L'ALTERNATIVA SE NON SI DISPONE
    DI CANDELE DI ALTRO COLORE LUNEDI'

    ARGENTO MAGNETISMO, MEDIANITA', PSICHE,
    QUESTIONI FEMMINILI LUNEDI'

    GRIGIO PER INIZIARE QUALSIASI COSA LUNEDI'

    BLU FORTUNA, BUONI AUSPICI,
    PROTEZIONI DA PERSONE POTENTI GIOVEDI'

    ROSSO POTENZA, LEGAMENTI SESSUALI, PASSIONE,
    CONTRO I NEMICI E LE NEGATIVITA' MARTEDI'

    ROSA SENTIMENTO, AMICIZIA, SERENITA' VENERDI'

    ORO O GIALLO DENARO, SUCCESSO, FASCINO, POTENZA,
    PER FAR RIFIORIRE ATTIVITA' FERME DOMENICA

    ARANCIO CONOSCENZA OCCULTA, QUESTIONI MATERIALI,
    FORTUNA, AFFARI, SUCCESSO. DOMENICA

    VERDE PER LEGAMENTI D'AMORE, VITTORIE
    ABBONDANZA, PER GLI ACCRESCIMENTI VENERDI'

    MARRONE MATERIALITA', STABILITA', LAVORO,
    STUDIO, IMMOBILI MERCOLEDI'


    Come si accendono le candele

    Mai utilizzare dei fiammiferi perche' la loro capocchia contiene zolfo. E' preferibile accenderle con un comunissimo accendino che compreremo ed useremo solo per questo scopo.

    Come si spengono

    Soffiare sulla fiamma è di cattivo auspicio. E' preferibile inumidirsi le dita e stringerle sullo stoppino o utilizzare gli appositi spengimoccolo.
    Solo in taluni rituali è richiesto lo spegnimento della candela con il soffio ma questi sono legati a tradizioni negative.



  • Hosmantus
    00 6/3/2006 1:37 PM
    § CHE ANELLO PORTI:§:
    Nella Bibbia e precisamente nel Libro di Giobbe (37:7) su legge: " EGLI IMPRIME IL SUO SIGILLO
    NELLA MANO D'OGNUNO, PERCHE' OGNI UOMO RICONOSCA LA SUA OPERA. " E ancora nei proverbi ( 3:16)
    "LUNGA VITA E' DATA ALLA SUA MANO DESTRA, E NELLA SINISTRA STANNO LE RICCHEZZE E GLI ONORI".

    Dimmi che anello porti, in che dito della mano e da quale metallo è composto e ti dirò chi sei!


    Inconsapevolmente, quando compriamo un anello per noi stessi o per recarlo in dono ad un amico, assieme all'anello noi lanciamo un messaggio che, chi ha un po di dimestichezza con la chiromanzia ( la manzia che si occupa di decifrare gli intrecci delle linee della mano, la conformazione della mano stessa e delle dita per ricavarne dati sul carattere e sul futuro di una persona ), riesce a captare.
    Il dito dove facciamo scivolare l'anello ha delle caratteristiche particolari perchè governato da un pianeta e quando cingiamo quel dito con un determinato anello ne mettiamo in risalto le caratteristiche. Anche il nostro gusto personale riguardo al tipo di metallo che scegliamo, della pietra del tipo e del colore che più ci attrae ci manda dei segnali sulla personalità.

    Osserviamo adesso le nostre mani. Abbiamo un anello o piu' anelli infilati nelle dita? e quali sono le dita che ospitano i nostri anelli? in quale mano? e che anelli sono? di che colore sono le pietre, se vi sono delle pietre incastonate?

    La mano sinistra è la mano del cuore e quindi è la mano dei sentimenti e anche dell'intuizione, dell'arte, di tutto ciò che è racchiuso nella sfera emozionale; la riflessione e l'intuizione. Governata dalla luna e dall'elemento argento ( la Papessa dei Tarocchi primo principio femmninile ), e' la mano dell'ignoto, dell'occulto, delle istintività.
    La mano destra invece è la mano dell'azione, della razionalità, della logica. Governata dall'elemento oro e dal sole ( il mago dei Tarocchi primo principio maschile ).
    Se portiamo un anello d'argento nella mano destra non causiamo uno squilibrio in noi stessi ma semplicemente questo ci avverte che siamo persone portate più all'istintualità che alla logica e che nelle nostre azioni e ragionamenti mettiamo più intuito che applicazione razionale.
    E viceversa se un anello d'oro si trova nella mano sinistra ci indica che la nostra forza logica è superiore a tutto ciò che è istinto e quindi caratterialmente siamo quello che si sul definire " tipi con i piedi per terra ".
    Ma l'analisi non finisce certamente qui.
    Chi porta più anelli nella mano sinistra è una persona sensibile, ricettiva, dotata di fantasia e dolcezza. A volte si lascia influenzare troppo dall'ambiente che lo circonda, è un diplomatico osservatore, portato per ciò che è misterioso e, anche se spesso non lo ammette neppure a se stesso per orgoglio, è alla ricerca di dolcezza e protezione.
    Chi invece ha più anelli nella mano destra ( o la preferisce quando porta un anello ) è una persona dal carattere dominante, attivo, che giunge sempre ai suoi scopi perchè dotato di logica costruttiva e di volontà.
    E' la mano destra quella che scrive, afferra, quella che gesticola. La sinistra è la sua compagna che la segue ma su cui abbiamo e facciamo meno forza. Per i mancini il discorso non si discosta poi molto dalle valutazioni appena fatte e che seguono. C'e' solo da dire che generalmente il mancino viene definito "istintuale" proprio perchè pregiudica alla sua mano sinistra tutte le attività riservate alla destra. Il mancino è l'alleato della fantasia, dell'intuito e di tutto ciò che è arte, si trovano in lui molto spiccate le caratteristiche designate alla mano sinistra ma possiede anche tutte le doti e le funzioni della destra anche se in misura minore. L'ambidestro invece si trova in uno stato di equilibrio veramente invidiabile.
    Anche portare un numero eguale di anelli su entrambe le mani indica che siamo di fronte ad un individuo che ha raggiunto il suo equilibrio interiore tra istinto e razionalità.

    Ora non ci resta che andare a vedere i diversi significati attribuiti alle dita aiutati dalla chiromanzia che ha loro attribuito delle chiare corrispondenze planetarie e influenze sulla nostra personalità e sul nostro futuro.



    Pollice - Corrispondente al pianeta Venere. Governa la volontà, la logica.
    Indice -Corrispondente al pianeta Giove. E' il dito della religione, del successo, della fortuna, delle persone ambiziose, della sensualità.
    Medio -Corrispondente al pianeta Saturno, pianeta oscuro e malinconico che infonde in modo incisivo le sue tristi caratteristiche. E' il dito dei prudenti, dell'intelligenza, delle persone pazienti.
    Anulare -Corrispondente al pianeta Sole e indica stabilità, idealismo, doni artististici, senso critico e successi.
    Mignolo -Corrispondente al pianeta Mercurio ed è legato alla medicina, agli affari, allo studio. Indica socievolezza, speculazioni, astuzia.
    Se porti più anelli a destra ed in particolare sul dito:

    POLLICE: sei pieno di volontà, sicurezza e logica anche nei rapporti con gli altri. forse troppo.
    INDICE: sei ambizioso , capace, fortunato, arrivi dove vuoi.
    MEDIO: sei serio, affidabile, forse eccessivamente meticoloso, ricercatore, spesso rigido e intollerante
    ANULARE: sei passionale ed orgoglioso, dotato di una vena artistica
    MIGNOLO: sei abile negli affari e nel girare le parole a tuo vantaggio; interessato all'esoterismo.

    Se porti più anelli a sinistra ed in particolare sul dito:

    POLLICE: difficoltà nei rapporti sentimentali. Per te la famiglia ha inciso molto. nel bene o nel male.
    INDICE: sei generoso, idealista, ingenuo, amante delle lodi.
    MEDIO: sei pessimista, coltivi pensieri tristi e sei insicuro delle tue capacità.
    ANULARE: sei una persona che dà molta importanza ai sentimenti e spesso rimani scottata. Solo se ti senti amato sai dare il meglio di te.
    MIGNOLO: sei un tipo dagli interessi molteplicie, ottime intenzioni ma spesso concludi poco. La famiglia condiziona le tue scelte anche nella vita adulta. Difficoltà di comunicazione.

    I METALLI

    ORO GIALLO - Lo porta chi ha un carattere aperto ed altruista, solare, generoso, esibizionista e autoritario.
    ORO BIANCO O IL PLATINO - Lo porta chi è ambizioso, forse un po freddo e chi spesso attribuisce molta più importanza all'esteriorità che alla sostanza. denota intelligenza e talento per gli studi e per gli affari.
    ORO ROSSO - Lo porta chi pone i sentimenti e la passionalità al primo posto . Senza l'anima gemella al suo fianco si sente sperduto e realizza poco nella sua vita. Ha talento artistico da coltivare. Aspetto negativo del suo carattere: l'edonismo.
    ORO VECCHIO - Lo porta il tipo tradizionale, rigoroso, severo e che si attiene con precisione alle regole. E' molto affidabile. Una volta decisi i propri obiettivi li realizza con costanza e metodo.
    ARGENTO - Lo porta chi è emotivo, ipersensibile, alla ricerca di protezione. Sempre con la testa tra le nuvole, raggiunge risultati eccellenti nel campo dell'arte e del mistero. Molto meno portato invece per le cose materiali e per il commercio.
    I COLORI DELLE PIETRE:

    Se preferisci le pietre bianche: carattere intuitivo, creativo ma troppo pigro e sognatore per arrivare diritto alla meta senza soste o ripensamenti.
    Se preferisci le pietre gialle: personalità attiva, dinamica, fortemente intellettuale. Ami il cinema, la lettura, hai bisogno di comunicare e spesso di imporre il tuo punto di vista agli altri.
    Se preferisci le pietre verdi: carattere romantico, ottimista, pacifico. Attribuisci la massima importanza ai sentimenti e all'armonia, giungi persino sino al punto di lasciarti dominare pur di non scatenare conflitti.
    Se preferisci le pietre rosse: temperamento forte, grintoso, volitivo. Combatti per il gusto della sfida, seduci per il piacere della conquista ma non sei mai sodisfatto di quello che hai al punto da cambiare di frequente casa, lavoro, obiettivi e amori.
    Se preferisci le pietre azzurre: personalità serena, disponibile, ottimista, forse un tantino ingenua. Non sopporti la routine, aspiri ai grandi spazi e agli ideali elevati. Insofferenza ai legami e agli impegni responsabilizzanti.
    Preferenza per pietre viola: carattere meditativo, tranquillo, portato per l'introspezione ma poco interattivo con l'ambiente. Obiettività, idealismo, capacità di comprendere e perdonare.
    Preferenza per pietre marroni: razionalità a discapito delle emozioni. Carattere ordinato, metodico, prudente, temi di lasciarti sopraffare dai sentimenti e di perdere il controllo. Il possesso ti infonde sicurezza.
    Se preferisci le pietre nere: magnetismo, seduzione, fascino. La pietra nera smaschera una personalità inquieta e misteriosa, attratta dall'occulto e dai meandri dell'inconscio. Passionalità e gelosia in amore.









    continua..
  • Hosmantus
    00 6/4/2006 11:24 AM
    ° Il Cerchio Magico °
    Per citare Paracelso "l’alchimista fa emergere ciò che è latente in natura" e Giambattista della Porta scriveva pochi anni dopo la morte di Paracelso: "Le opere di magia non sono altro che opere della natura, la cui rispettosa magia manuale è (…) quella dell’agricoltore; è infatti la natura che fa crescere il grano e l’erba, ma è l’arte che prepara il terreno".




    Il mago medievale e rinascimentale disegnava, metaforicamente e spesso letteralmente, un cerchio magico intorno a sé. Dall’interno di questo perimetro evocava, incanalava e controllava le forze celesti o infernali, considerate potenzialmente pericolose. Esistono moltissime leggende sui maghi troppo ambiziosi che evocano poteri che poi non sono in grado di controllare, poteri che, infranto il cerchio protettivo, li distruggono. Ma anche se il mago riesce a controllare le forze che ha evocato, il cerchio che lo protegge è comunque sempre anche quello che lo imprigiona. Egli non ne può uscire senza rischiare di essere colpito dalle energie che ha liberato; il cerchio magico diventa così una prigione che lo protegge, ma al contempo lo isola dalla realtà intorno a lui, una realtà in cui le energie scatenate ora si muovono liberamente.
    Non è forse questa una metafora della nostra civiltà? Per la nostra cultura, la tecnologia costituisce una sorta di cerchio magico che consideriamo protettivo, dall’interno del quale invochiamo forze potenzialmente distruttive. E così inquiniamo il mondo con la plastica, le radiazioni, i prodotti chimici tossici e gli scarichi industriali. Dall’interno del nostro cerchio "protettivo", ci arroghiamo il diritto e il potere di fare esperimenti contro natura, come quelli dell’ingegneria genetica, la fissione e la fusione nucleare, gli armamenti chimici e biologici. Come il dottor Frankenstein creiamo mostri, e come gli incauti maghi delle leggende troppo spesso perdiamo il controllo delle forze che abbiamo evocato. Cessiamo allora di essere maghi, sacri o profani, e diventiamo vittime.
    Ma anche quando riusciamo a mantenere il controllo, il cerchio magico della tecnologia, che noi supponiamo protettivo, ci imprigiona. La tecnologia è infatti come una protesi che migliora le funzioni del nostro braccio, ma non la saggezza necessaria ad esercitarle. Ci illudiamo di essere più liberi, quando invece ci sottomettiamo ad un giogo ancora più pesante. Stiamo insomma diventando sempre più vulnerabili e, nel contempo, disponibili ad essere manipolati.
    Siffatta manipolazione è certo un mezzo per "far accadere le cose" ed è quindi una forma di magia, ma una magia che implica qualcosa di molto diverso dalla magia sacra degli ermetici rinascimentali. Assomiglia piuttosto a quella che Agrippa condannava come piccola stregoneria, praticata da tanti piccoli Faust. Ma pur meschina e profana, questa magia non è meno pericolosa ed è certo molto diffusa. Noi ne siamo le potenziali, se non già reali, vittime.


    [SM=x131293]

    Hosmantus
  • Hosmantus
    00 6/4/2006 2:52 PM
    § PORTAFORTUNA §
    Amuleti e TalismaniAmuleto: etimologia incerta; forse deriva dal latino amulìtu(m), derivante a sua volta dal termine "amoliri", allontanare.

    Talismano: Dal persiano "tilisma¯n" (pl. di tilism), e questo dal greco "télesma" 'rito (religioso)'


    Capita sovente che amuleti e talismani siano "scambiati" tra di loro. Ma non sono uguali.

    L'amuleto e' considerato "protettivo/passivo", mentre il talismano viene considerato "proiettivo/attivo";
    l'amuleto protegge e "porta fortuna" in generale;
    il talismano propizia e attira particolari benefici, arrivando anche a donare delle potenzialità al suo possessore.

    L'amuleto e' solitamente o un oggetto semplice, naturale (es. una pietra) o un manufatto "artificiale" (es. un ciondolo a forma di quadrifoglio);
    il talismano e' invece un manufatto o un oggetto naturale lavorato appositamente per uno scopo, secondo le corrispondenze, in particolare quelle astrologiche.

    Ecco alcuni esempi di oggetti considerati dei classici amuleti:

    Coccinella (vera o sotto forma di monile)

    Una coccinella, se vola vicino o si posa addosso, porta fortuna e denaro (se non viene scacciata o infastidita). Per lo stesso motivo si indossano monili con la sua forma.


    Corno e/o cornetto

    Portafortuna d'eccellenza, molto diffuso nell'Italia meridionale. Protegge dal malocchio, dalle invidie e dai tiri mancini. Quello classico e' rosso e dovrebbe essere fatto a mano.


    Ferro di cavallo

    Se appeso alla parete, o da qualche altra parte, deve avere le estremità rivolte verso l'alto. Toccarlo porta fortuna e soldi. Non deve essere nuovo, ma perso dal quadrupede. Si dice che se proviene dagli zoccoli posteriori, porti sfortuna: "Ferru davanti a casa va avanti, ferru d'arréri a casa va d'arréri" (Pitrè)


    Lucchetto

    Per la longevità, la salute e la fertilità.


    Mano (monile)

    Ce ne sono con diverse posizioni delle dita:
    a pugno con indice e mignolo sollevato (le classiche corna) contro la malasorte e il malocchio /indice e mignolo puntano agli occhi dello jettatore);
    la manufica, con pugno chiuso e pollice che spunta tra indice e medio contro il malocchio; tipico dell'area mediterranea, in particolare la sardegna.
    la mano di Fatma (o Fatima), aperta con da tre a sei dita distese e unite, e una pietra, un disegno o un occhio al centro del palmo, contro la negatività in generale e contro le malattie (in particolare se presente l'occhio).Frequente nei paesi arabi.


    Occhio (monile)

    Contro il malocchio. Viene anche considerato efficace nel prevenire in particolare gli incidenti.


    Pelle di serpente

    sotto forma di braccialetto, con chiusura d'oro, tiene lontane le malattie.


    Pesce (monile)

    Aiuta a trasformare i sogni in realtà.


    Quadrifoglio

    E' il portafortuna per eccellenza. Trovarne uno indica che la buona sorte e' dalla propria parte.


    Ruota

    una ruota di carretto come "ornamento" casalingo aiuta a far girare la sorte all'occorrenza. Se tutto va bene, non si deve toccarla: se le cose vanno male, farla girare aiuta il cambiamento.


    Zampa di coniglio (o di lepre)

    Altro "oggetto" considerato un grande portafortuna.



    [SM=x131218]
  • Hosmantus
    00 7/28/2006 1:53 PM
    A SCUOLA DALLA STREGA VI RIMANDA A SETTEMBRE CON NUOVE LEZIONI MOLTO INTERESSANTI..
    TRATTERO' L'ARGOMENTO SUI CHAKRA I PUNTI SIMBOLICI DEL NOSTRO CORPO..
    LA RELAZIONE CHE ESSI HANNO CON LE PIETRE, I MINERALI E TUTTE LE VIBRAZIONI DELL'UNIVERSO..
    CERCHERO' DI FARLO IN MODO COMPRENSIBILE E SEMPLICE, AFFINCHE' LA LETTURA NON DIVENTI PESANTE E NOIOSA.
    ANCHE QUESTO GRUPPO SARA' RACCHIUSO IN UN UNICO POST COME UNA PICCOLA LEZIONE A PARTE..

    ALL'AUTUNNO ESOTERICO DEL FORUM..I CAVALIER L'ARME L'AMORE..
    HOSMANTUS

    [SM=x131293]
    buone vibrazioni a tutti

    [SM=x131221]
  • (LadyHawke)
    00 12/15/2006 3:09 PM
    una strepitosa documentazione questa!
    LadyHawke [SM=x131218]