00 5/5/2006 2:00 PM
Dopo tre anni e mezzo trascorsi in freeforumzone, il forum della Compagnia del Giardinaggio cambia indirizzo e migra verso uno spazio autonomo. Questo trasferimento è motivato dal desiderio di salvare i messaggi all’interno di uno spazio tutto nostro. Con il passaggio al nuovo server e il contributo tecnico fondamentale di due persone (Massimo-gino il contadino e Tiziana-tazzina), ciò è stato reso tecnicamente possibile.

Nulla cambierà nello spirito generale che finora ha caratterizzato il forum, ovvero quello di diventare un luogo di incontro per appassionati di giardinaggio, con attenzione alla qualità dei contenuti e allo stile, ed anzi speriamo che questo cambiamento contribuisca a rafforzare questo spirito.
Abbiamo anche altri progetti, tra cui quello di ampliare il sito, aggiornandolo più frequentemente. Continueremo ad essere estranei a qualsiasi fine commerciale: non faremo, né accetteremo pubblicità, sperando che ciò possa costituire un elemento favorevole a mantenere un forum di qualità.

Ringraziamo freeforumzone per l’efficiente ospitalità di questi anni. Il vecchio forum su ffz continuerà ad essere attivo fino all'inizio di maggio, dopodichè non sarà più possibile scrivere nuovi messaggi, ma si potranno consultare liberamente i vecchi.

A breve Luca avvierà nel forum delle riflessioni una discussione di carattere tecnico, per spiegare alcuni aspetti pratici legati al trasferimento. Vi chiediamo di collaborare da subito, in modo che il passaggio possa essere rapido e ben organizzato.

Vogliamo approfittare di questo momento per ringraziare chi ha partecipato finora, e tutti voi, per il tempo che avete dedicato finora a questo forum. Desideriamo in particolare attestare il nostro affetto alle persone che ci hanno trasmesso calore ed amicizia, mettendosi spontaneamente sulla nostra stessa lunghezza d’onda.

Ed ora preparate un bel messaggio da donare al nuovo forum: una foto, un racconto, qualcosa di prezioso che riguarda le vostre piante...Sarà il modo migliore di cominciare!

Ci vediamo di là, allora (ecco l'indirizzo)