Stelle Cadenti Il forum dell'Associazione Stelle Cadenti

[W111] 1961 La coupè e la decappottabile

  • Posts
  • OFFLINE
    pierpi62
    Post: 1,144
    Registered in: 12/22/2009
    Veteran User
    00 4/27/2021 2:00 PM
    Quattro lussuose poltrone sotto l'ampio tettuccio

    • Anteprima della decappottabile Mercedes-Benz della serie W 111 nel settembre 1961
    • Dopo la berlina (settembre 1959) e la coupé (marzo 1961), la serie è completa
    • Con la loro eleganza calma e senza tempo, i modelli a due porte sono tra i classici più apprezzati

    Stoccarda. Nell'autunno del 1961, Mercedes-Benz era ancora una volta in anticipo sui tempi. Questa volta solo da pochi mesi, ma il segnale promettente è chiaro: la prossima primavera è decisamente alle porte. Il messaggero automobilistico del futuro per la primavera è la cabriolet della classe di lusso W 111, diretta predecessore della Classe S, presentata al Salone Internazionale dell'Automobile (IAA, 21 settembre - 1 ottobre 1961) di Francoforte sul Meno. Oltre al suo design, che è ancora impressionante oggi, e alla sua eleganza senza tempo, il veicolo aperto con i suoi quattro posti a sedere a tutti gli effetti fa scalpore per la sua generosa quantità di spazio.

    Il motivo dell'abbondanza di spazio: come la coupé presentata al Salone di Ginevra nel marzo 1961, la decappottabile si basa sul pianale integrale della berlina "tail fin". I due eleganti modelli a due porte assumono anche la scocca di sicurezza con zone di deformazione anteriore e posteriore e un abitacolo rigido. La coupé e la cabriolet furono incluse nella serie W 111 fin dall'inizio. L'obiettivo del capo ingegnere e direttore dello sviluppo Prof.Dr. H. c. Fritz Nallinger è la diversità dei prodotti per un periodo di tempo più lungo: oggi si parlerebbe di una strategia di piattaforma.

    I classici ambiti in tutto il mondo

    Con la calma eleganza del design della coupé e della cabriolet, il marchio ha ottenuto un grande successo. Ad oggi, entrambi sono tra i veicoli Mercedes-Benz più belli e sono tra i classici più ambiti al mondo. Il design si rivela così perfettamente senza tempo che la coupé e la cabriolet sono state costruite per undici anni. Inoltre, hanno un'influenza duratura sul design delle berline della classe di lusso della serie W 108 / W 109, che furono costruite dal 1965 in poi, e furono persino prodotte parallelamente a queste fino al 1971.

    Lo stile delle varianti a due porte è oggetto di molte discussioni nel consiglio di amministrazione e tra i progettisti. Ad esempio, viene presa in considerazione una faccia SL per enfatizzare la sportività, ma questa viene scartata a favore della versione classica con una stella Mercedes sulla griglia del radiatore. La griglia del radiatore e i gruppi ottici anteriori saranno le uniche parti che verranno trasferite dalla berlina.

    La parte posteriore è completamente nuova: le “Peilstege”, come vengono ufficialmente chiamate le discrete pinne della berlina, sono chiaramente arrotondate sulla coupé e sulla decappottabile e si vedono solo all'inizio. Paul Bracq è responsabile del design. Le varianti a due porte sono visibilmente più basse della berlina, nel caso della coupé di 65 millimetri e della cabriolet di 50 millimetri. Sono quasi identici in lunghezza e quindi il loro bagagliaio è grande quasi quanto la limousine, il che li rende anche veicoli da viaggio ideali.

    Per non ostacolare la produzione su larga scala, le coupé e le cabriolet vengono costruite a Sindelfingen al di fuori della normale produzione di serie nel reparto di costruzione di veicoli speciali nell'edificio 32. Molte delle fasi di lavoro sono eseguite a mano. Questo, il carattere esclusivo e l'elevato livello di equipaggiamento si riflettono nel prezzo: quando è stata presentata per la prima volta nel 1961, la 220 SE Coupé era a listino a 23.500 DM e la corrispondente decappottabile a 25.500 DM. Per confronto: la "Tailfin" la berlina 220 SE costa 14.950 DM.

    Eccezionale estetica dentro e fuori

    Per il prezzo interessante, tuttavia, il cliente ottiene anche un veicolo straordinario, sia come coupé che come cabriolet. L'estetica eccezionale dell'esterno è proseguita negli interni. Un punto culminante è l'alloggiamento del quadro strumenti: è costituito da un unico pezzo in legno di forma complicata e voluminosa, che è impiallacciato con legno pregiato sottovuoto in modo così netto che non si possono vedere giunture o bordi. I rivestimenti in pelle e il cambio sportivo centrale (la berlina ha un cambio al volante) sono di serie. Come opzione per il cambio manuale a quattro marce, dal 1963 era disponibile anche un cambio automatico con frizione idraulica e cambio epicicloidale a quattro velocità. Il motore M 127 a sei cilindri da 2,2 litri con 88 kW (120 CV), familiare dalla berlina, funziona sotto il cofano. I modelli a due porte sono i primi veicoli Mercedes-Benz ad avere i freni a disco anteriori di serie. La 220 SE Coupé e la Cabriolet furono prodotte fino all'ottobre 1965 e sostituite dalla 250 SE Coupé / Cabriolet (M 129, 110 kW / 150 CV).

    Già nella primavera del 1962, Mercedes-Benz ha ampliato la gamma di modelli per includere la 300 SE Coupé / Cabriolet, che è stata assegnata alla serie W 112. Esternamente, queste tipologie si distinguono grazie alle strisce cromate nel tallone longitudinale sul lato della carrozzeria e sui fori delle ruote. Più significativo, invece, l'incremento dei “valori interni”: la dotazione di serie prevede un motore M 189 a sei cilindri da 3 litri da 118 kW (160 CV) e monoblocco in alluminio, cambio automatico a quattro rapporti, sospensioni pneumatiche, disco freni su tutte e quattro le ruote e servosterzo. Per questo, tuttavia, sono dovuti quasi 10.000 DM in più: la 300 SE Coupé costa 32.750 DM e la Cabriolet 34.750 DM, il che le rende le vetture più costose della gamma di modelli. Dal gennaio 1968 i modelli a due porte con motore M 130 a sei cilindri da 2,8 litri e 118 kW (160 CV) furono offerti come 280 SE Coupé / Cabriolet. Dal settembre 1969, la gamma di trasmissioni è stata ampliata per includere una trasmissione manuale a cinque velocità.

    Nel novembre 1969, la coupé e la decappottabile furono nuovamente migliorate verso la fine del loro mandato. Il motore di punta è il nuovo motore V8 da 3,5 litri M 116 con 162 kW (200 CV). Il power pack può essere riconosciuto da un cofano inferiore con una griglia del radiatore più ampia, che è stata progettata esclusivamente per questa versione di motore. La prestazione di guida ispira. Ad esempio, "auto motor und sport" scrive nel numero 5/1970: "La coupé civile e un po 'antiquata si è rivelata una vera bomba con questo motore: ha accelerato da 0 a 100 km / h in 8,9 secondi ed è arrivato con un massimo di 215 km / h. "

    La produzione delle coupé e delle cabriolet delle serie W 111 e W 112 termina nel luglio 1971. Vengono prodotti 28.918 veicoli della coupé. Ci sono anche 7.013 convertibili. Questi veicoli hanno mantenuto la loro nobiltà fino ad oggi: chiunque possieda uno di questi esclusivi modelli a due porte può considerarsi fortunato.

    Fonte Mercedes-Benz
    Traduzione automatica





    A124 E 200 '95
    R107 280 SL
    R170 SLK 320 '00
    Vespa 125 TS '77
  • OFFLINE
    shigeru320833
    Post: 264
    Registered in: 2/7/2011
    Location: MILANO
    Junior User
    00 4/29/2021 6:31 PM
    E' mio sogno, decapottabile, pagare + 100k prendere esemplare perfetta ma per goderla tranquillamente senza invidia forse ogni domenica devo andare a Svizzera😎

    ----------------
    Shigeru Hasegawa
    W126 300SE Mitusbishi Colt gpl e Mio Proto ROSSO Avatar
  • OFFLINE
    effeci9
    Post: 0
    Registered in: 6/18/2014
    Location: MILANO
    Junior User
    00 5/1/2021 7:52 AM
    Ecco la mia 280 SE Low Grill dalla quale non mi mai mai
  • OFFLINE
    effeci9
    Post: 1
    Registered in: 6/18/2014
    Location: MILANO
    Junior User
    00 5/1/2021 8:00 AM
    Scusate per le fotografie sbagliate. Non mi separerò’mai
  • OFFLINE
    shigeru320833
    Post: 265
    Registered in: 2/7/2011
    Location: MILANO
    Junior User
    00 5/1/2021 8:54 AM
    Bellissima!😀 Chi è che tiene la manutenzione?

    ----------------
    Shigeru Hasegawa
    W126 300SE Mitusbishi Colt gpl e Mio Proto ROSSO Avatar
  • OFFLINE
    effeci9
    Post: 2
    Registered in: 6/18/2014
    Location: MILANO
    Junior User
    00 5/1/2021 10:58 AM
    Manenti per la meccanica e un mio fidato per il resto
  • OFFLINE
    mattori
    Post: 8,363
    Registered in: 1/6/2009
    Location: MILANO
    Master User
    10 5/3/2021 9:39 AM
    Ma grazie professor Pierpi!


    ------------------
    Matteo Oriani
    W126 500 SEL blau schwarz del 1987
    Vespa 125 TS bianca del 1976 (a riposo)
    Colombo Super Indios 16 del 1967
  • OFFLINE
    Luigi.71
    Post: 101
    Registered in: 12/28/2008
    Location: OMEGNA
    Junior User
    00 6/9/2021 5:29 PM
    Condivido in tutto e x tutto il contenuto dello splendido articolo. Quando avevo 18 anni (32 e passa anni fa) ero alla ricerca di una w111, xché la ritenevo bellissima e la desideravo come mia prima auto. Purtroppo i tempi non erano maturi, non avevo un quattrino bucato, e il sogno é rimasto tale. Chissà che prima o poi...
  • OFFLINE
    Figeux
    Post: 2,489
    Registered in: 8/6/2007
    Location: GENOVA
    Veteran User
    00 6/21/2021 8:58 AM
    Re:
    effeci9, 5/1/2021 8:00 AM:

    Scusate per le fotografie sbagliate. Non mi separerò’mai




    che spettacolo
    quando importata dagil usa ?

    cia' matte

    If it's not SC, it's a compromise
  • OFFLINE
    effeci9
    Post: 3
    Registered in: 6/18/2014
    Location: MILANO
    Junior User
    00 7/1/2021 9:17 AM
    5 anni fa
  • OFFLINE
    Marco-1980
    Post: 9
    Registered in: 9/29/2015
    Location: VIADANICA
    Junior User
    00 7/19/2021 5:18 PM
    Complimenti avete gusto per le belle auto, ma questa è fuori concorso, questa è una fra le piu belle, ora ha preso quotazioni stellari, della serie per pochi e non per tutti…comunque preferisco nettamente la cabrio, è un paragone come fra oro e ferro che difficilmente non lascia dubbi!
    Bellissima anche bianca, splendido il cruscotto, e la selleria, un sogno!