Lazio Few

Pagelle Lazio-Roma 3-0

  • Posts
  • OFFLINE
    ℬaruch
    Post: 2,814
    00 1/16/2021 1:51 PM
    Reina 7: Valore aggiunto decisivo. Para e rilancia innescando l'azione dell'1-0, gestisce alla perfezione ogni possesso, nega a Dzeko il gol del 3-1
    Luiz Felipe 7: Perfetto, da uno dei suoi anticipi nasce il raddoppio. Solo un'indecisione su Mkhitaryan nel primo tempo, ma l'armeno tira a lato
    Acerbi 6.5: Perde due volte Dzeko e una Pedro, ma nel complesso la prestazione è di quelle da ricordare
    Radu 6.5: Attacca e gestisce bene ogni pallone, nonostante un giallo che poteva condizionarlo
    Lazzari 8.5: Eroe del match, crea i primi due gol e avvia anche l'azione del terzo. Demolisce Ibanez, partita di intensità folle
    Milinkovic-Savic 7: Parte male, ma poi lancia Lazzari sul 2-0 e fa una ripresa magistrale, in cui sfiora anche il 3-0
    Leiva 6.5: Primo tempo ordinario, ripresa di grande spessore fino al cambio
    Luis Alberto 8: Entra nell'1-0 col lancio di Reina per lui, poi segna una storica doppietta e lancia più volte Immobile verso la porta giallorossa
    Marusic 7: Prestazione difensiva di una robustezza impressionante. Semplicemente perfetto
    Caicedo 6: Non entra mai davvero in partita ma contribuisce alla furiosa fase di pressing alto
    Immobile 7: Se ne mangia 4, forse 5, ma mette dentro quello che indirizza il match. Bene anche il movimento a portar via il difensore sul 3-0
    Escalante 6: Entra e la partita va sul 3-0 e si congela, gestisce bene
    Akpa-Akpro 7: Assist arretrato a Luis Alberto per il 3-0 e il dinamismo che serviva in mediana
    Patric 6: Sufficienza stiracchiata, Dzeko gli scappa e rischiamo il 3-1
    Hoedt sv
    Muriqi sv
    Inzaghi 8: Solo Lazzari meglio di lui, che ha studiato la Roma e parte asfissiandone ogni velleità, per mettere poi la partita sul piano giusto. Cambi pefetti. I suoi ragazzi sono arrivati primi su tutti i palloni, mai un dominio così netto della Lazio in un derby
  • OFFLINE
    cuchillo76
    Post: 1,641
    00 1/18/2021 1:20 PM
    Reina 7 – Partita quasi perfetta impreziosita dal rinvio che porta al vantaggio e all’uscita su Dzeko che evita il 3 a 1. Se la rischia un po’ con l’uscita su Mkitharyan. Non c’è chiaramente fallo ma va messo in conto un arbitro che può impazzire.

    Acerbi 6,5 – Forse il meno convincente del terzetto. La cosa migliore la fa contrastando efficacemente Dzeko nell’azione più pericolosa di tutta la partita della Roma. Probabilmente è proprio lui che tocca il pallone, con Dzeko che prende il suo piede in luogo della palla. È stata l’unica sliding door romanista. Per il resto, gioca una partita robusta ma con più di un'imperfezione.

    Luiz Felipe 7 – Quando ci sono i big match, su di lui ci puoi contare. Negli ultimi due anni, fatico a trovare una sua brutta prestazione in una gara di grande cartello: Finale Coppa Italia e Supercoppa, Juve campionato (dicembre ’19 e ottobre ’20), Inter (febbraio ’20), derby. Tutte giocate da 7/7,5. In questo derby, peraltro, neanche ricorre alle maniere forti, che sono, spesso, un suo preciso limite. Il giallo è stato un’invenzione di Orsato.

    Radu 7 – Splendida partita, non molla un centimetro fino alla fine. Anche lui si è leivizzato: una grande partita al mese, anche se a differenza del brasiliano, non sempre la sa scegliere. Stavolta ha scelto quella giusta.

    Marusic 7,5 – Partita sontuosa per applicazione, efficacia, vigoria. Davanti non combina granché ma non gli è stato manco richiesto. Dietro chiude tutto a doppia mandata, non consentendo a Karsdorp una-sola-giocata-una. Forse la miglior partita da quando è arrivato. Detto, peraltro, che ha un feeling particolare coi derby. È riuscito a non sfigurare manco in quelli persi contro Di Francesco.

    Lazzari 8,5 – Man of the match. Due assist e un third pass. Ma ciò che ha impressionato è stato il suo crescendo nel secondo tempo, in cui ha fornito anche giocate d’alta classe, non solo di corsa. Eccezionale. Chiaramente, non gli si chiedono 15 partite all’anno così, ma già se Lazzari fosse solo quello di Parma, avremmo una grande arma in più che, peraltro, c’è stata per larga parte dello scorso campionato e di cui si erano perse le tracce da Lazio-Atalanta a Genoa-Lazio.

    Lucas Leiva 6,5 – Non una partita indimenticabile (come Lazio-Borussia Dortmund, per intenderci) ma di grande esperienza e sagacia tattica. Giusta l’uscita, una volta ammonito.

    Milinkovic-Savic 6,5 – Primo tempo con qualche ombra, a cominciare dall’errore che gli costa l’ammonizione. Nel secondo tempo cresce, gestendo bene diversi palloni e andando alla conclusione. Ma non è stato il Milinkovic di queste ultime settimane. Ma aveva anche tante, troppe partite sulle gambe.

    Luis Alberto 8 – Non solo per i due gol ma per tutto il lavoro fatto. Ha messo almeno 4 palle-gol sui piedi di Immobile e non ha sbagliato un solo pallone durante i fraseggi, a differenza di Parma e di quasi tutte le partite precedenti. Pur se con una dimensione tecnica decisamente diversa – e mi si perdoni, dunque, l’accostamento - vale un po’, anzi, a maggior ragione, il discorso fatto per Lazzari.

    Caicedo 6 – La sensazione è che sia stato preziosissimo per risucchiare difensori e disorientare il piano tattico romanista ma, al dunque, ha fatto poco di significativo. Ma ci mancherebbe che ciò fosse un problema, visto il risultato e visto il rendimento di Caicedo.

    Immobile 7 – Il gol che sblocca un derby – peraltro nell’azione stessa fa probabilmente la cosa più bella con una grande apertura da sinistra a destra - e lo indirizza in modo netto (anche se la Lazio stava facendo, comunque, meglio della Roma già nei primi 14 minuti) vale già da solo questo voto. Per il resto, corre e combatte, come sempre, ma sciupa un po’ troppo negli ultimi 16 metri.


    Akpa Akpro 6,5 – Assist per il 3 a 0 e altre cose buone disseminate qua e là. Giocatore perfetto per il ruolo che gli sta ritagliando Inzaghi. Deve diventare ancora di più uno specialista della mezzora finale. Mi sbilancio. Se continua così può diventare uno dei nostri migliori ricambi di sempre. Non per la qualità intrinseca ma proprio per l'utilità che offre.

    Escalante 6,5 – Spezzone convincente, anche se entra nelle condizioni migliori per uno delle sue caratteristiche.

    Patric 6 – Non si danno insufficienze a questa partita ma l’unica occasione che subiamo in tutto il secondo tempo (volendo chiamare occasioni quella di Dzeko al ’13 e il tiro 3 metri fuori di Mkitharyan sulla torre sempre di Dzeko) nasce da una sua mezza dormita. Ancora lontano dal Patric irreprensibile pre-lockdown.

    Muriqi e Hoedt n.g.


    Inzaghi 8 – La partita la prepara in modo perfetto, un po’ come i derby del 16/17. A differenza del 3 a 0 del ’19, in cui avemmo ragione di una Roma ai minimi termini, stavolta c’era di fronte un’avversaria di tutto rispetto, presentatasi alla sfida con una media punti di 2,1. Poi, nel calcio, ci vuole anche l’episodio che fa girare una gara ma bisogna essere bravi a costruirselo e il primo gol tutto sembra meno che fortunoso (anche se la componente fortuna, c’è, se un difensore perde la testa e fa quello che ha fatto Ibanez). Mi è piaciuta molto anche la gestione dei cambi. Stavolta, capisce che non deve togliere gli ammoniti a fine primo tempo e, sornione, aspetta il giallo per Leiva per toglierlo e lo stesso fa con uno stremato e mezzo infortunato Luiz Felipe. Bene, psicologicamente, anche i minuti che regala a Muriqi. Insomma, nessun appunto da muovere, solo congratulazioni (e ringraziamenti) per una partita dominata sotto ogni punto di vista.
  • OFFLINE
    Mark Lenders (ML)
    Post: 2,720
    00 1/18/2021 3:46 PM
    REINA 7 - Quasi se la butta in porta da solo all'inizio, poi non deve fare parate. Incide però innescando bene la squadra coi lanci di piede e (mezzo voto in più) e festeggia sbeffeggiando Rizzitelli (altro mezzo voto in più).
    LUIZ FELIPE 7 - Su Teleradiostero l'hanno molto citato ("ma che è di Ponte Milvio?") prendendolo come esempio di giocatore non romano che ha affontato il derby con vero approccio da derby. Non ha sbagliato niente, è stato perfetto.
    ACERBI 7,5 - Lui qualcosa l'avrà pure sbagliata ma è stato una roccia, vero leader della difesa come quest'anno non sempre gli riesce. Ha ridicolizzato Dzeko, è stato una delle colonne come nei giorni migliori.
    RADU 6,5 - Concentrato, essenziale, e soprattutto in controllo dei nervi come spesso non gli accade contro la Roma.
    LAZZARI 8 - Faccio queste pagelle con 3 giorni di ritardo solo per sdebitarmi con lui, che ho meritatamente massacrato fino a un paio di settimane fa. Chi è sulla chat sa anche del mio messaggio Instagram (dopo il quale Manuel mi ha bloccato) in cui gli ho presentato civilmente alcune rimostranze. Dopo di allora, migliore in campo a Parma e un derby da man of the match. Aveva bisogno di una svegliata. Detto questo, non è che abbia imparato a giocare a calcio. Alcune cose, come l'autolancio nell'azione del 3-0, gli sono venute un po' per caso, nella foga, ma non si può non apprezzare il fatto che, se di solito ci mette il 100%, nelle ultime due partite ci ha messo il 150. Ha anche trovato uno Spinazzola in disarmo, ma si stramerita il voto più alto e in particolare se lo stramerita da me.
    MILINKOVIC 6,5 - Non scintillante, soprattutto nel primo tempo. Cresce alla distanza ma è più attento agli equilibri che alla gloria personale.
    LEIVA 6,5 - Non il Leiva migliore, ma considerando la sua annata queste prestazioni sono comunque mezzi miracoli. E dimostrano quanto all'intera Lazio serva un Leiva all'altezza per vincere le partite che contano.
    LUIS ALBERTO 7,5 - Chirurgico nelle finalizzazioni e molto determinato anche nelle rincorse, scatti su scatti che se hai veramente la pubalgia non dovresti riuscire a fare. Speriamo che il peggio sia alle spalle, e speriamo di rivederlo a referto anche come assist-man.
    MARUSIC 6 - Fa match pari (0-0) con Karsdorp, annullandolo. Da parte sua è perfetto difensivamente quanto irrilevante in fase offensiva.
    CAICEDO 5,5 - Non graffia mai, però corre. Finché ne ha contribuisce a far essere corta la squadra.
    IMMOBILE 7 - Si vede che non sta benissimo, però oltre a imbustare l'immancabile gol è straordinario come centrocampista aggiunto, sempre pronto a ripiegare su tutti. Col miglior Ciro nel secondo tempo saremmo arrivati a 4 o 5 gol.

    ESCALANTE 6 - Ordinato ma ordinario. Non va oltre il compitino neanche nella serata in cui tutto fila liscio come l'olio.
    AKPA AKPRO 6,5 - Corre sempre come un matto e stavolta palleggia anche bene. Ti fa sempre venire voglia di vedere che potrebbe succedere con lui titolare in un 3-5-1-1 con Alberto a ridosso di Immobile.
    PATRIC, HOEDT, MURIQI SV

    INZAGHI 7,5 - Alla vigilia invocavo Caicedo in panchina per partire con Parolo o Akpa. Il ragionamento, che comunque non rinnego, è il, seguente: la Lazio ha fatto uno step da quando Simone è riuscito a far convivere Milinkovic, Alberto, Ciro e una seconda punta. Questo è possibile finché tutti si sacrificano e quando Leiva tappa tutti i buchi. Quest'anno è successo raramente, servono motivazioni altissime e spesso non le hanno avute, quindi ripropongo l'idea per partite da gestire quando saremo in riserva con le energie. Il suggerimento includeva anche una certa idea di partita, in cui immaginavo vincente un atteggiamento deliorossiano, intenso ma prudente. E devo dire che avendola vista con calma (in replica, perché in diretta ormai soffro troppo) nonostante la conferma del modulo più offensivo è quello che abbiamo fatto. Nel primo tempo non ho visto una Lazio che ha fatto la partita, ma una Lazio compatta e pronta a ripartire. L'avrei fatto senza Caicedo ma è venuto bene anche con Caicedo. Avevo detto "spero che se vinciamo loro dicano Inzaghi gliel'ha incartata", e puntualmente il giorno dopo ho sentito "Inzaghi gliel'ha incartata". Ci hanno aiutato gli episodi, ma non ho visto la Lazio inutilmente propositiva che macina calcio senza pungere per un tempo facendosi poi raccogliere col cucchiaino alla distanza dopo i primi cambi. Ne abbiamo persi di derby così, anche con Inzaghi, ma non sarebbe stato questo il caso. Infatti alla fine la cosa migliore della partita non è stata avergli fatto tre pere, ma non avergli concesso praticamente nulla.
    [Edited by Mark Lenders (ML) 1/18/2021 3:51 PM]