00 7/2/2020 5:35 PM
Re:
blackjessamine, 7/2/2020 5:23 PM:

Valutare la qualità di una storia partendo dal numero di recensioni lo trovo francamente ridicolo.

Non ho detto che la qualità si trovi solo fra le storie scelte (che sì, forse è una sezione un po' abbandonata, ma se si vogliono delle letture "filtrate" da un giudizio qualitativo – e non esaustivo, ma questo è umano – può aiutare) né che si trovi solo in libreria (e nemmeno che tutto ciò che si trova in libreria è di qualità): semplicemente, e io voglio andare a scatola chiusa con una buona lettura, mi leggo il libro di un professionista che conosco e apprezzo. Su un sito amatoriale è sacrosanto che chiunque possa scrivere (sì, anche cani e porci). Poi è ovvio che credo chiunque preferirebbe trovare solo storie stupende (che ci sono e non ho mai detto il contrario), ma non vedo perché si dovrebbe impedire a una persona giovane e meno esperta di mettersi alla prova e sperimentare. È un sito amatoriale aperto a tutti: imporre questa "censura qualitativa" (ripeto, svolta da chi? In base a quali criteri?) snaturerebbe a mio parere il senso stesso del sito.

Se poi il problema è che un tizio fa di tutta l'erba un fascio e non vuole leggere nessuno qui, non vedo sinceramente il problema: sono affari suoi, è una posizione anche legittima (sebbene forse di vedute un po' ristrette).

Poi oh, è anche questa una proposta: io non sono d'accordo e non avrei interesse a continuare a frequentare un sito del genere, ma magari tutti gli altri sì, e pazienza, ognuno per la sua strada e la notte si dorme comunque 😅



Penso proprio che a non essere d'accordo siamo in molti, onestamente.
Una censura del genere non ha alcun senso.
EFP è un sito di scrittura amatoriale che attraverso il confronto offre un'ottima possibilità di crescere e migliorarsi: ho iniziato a scrivere e sì, a pubblicare senza farmi molti problemi, a 15 anni e la qualità di quelle storie rileggendole ora è sicuramente non molto alta (ho visto di peggio, ma comunque). Ho continuato a scrivere e sono soddisfatta di dove sono arrivata oggi, ma se allora in base a non si sa bene quale giudizio qualcuno avesse deciso che le mie storie fossero brutte e le avesse eliminate così, dal nulla, probabilmente mi sarei scoraggiata e avrei smesso di scrivere.

No, per quanto ci siano storie che davvero andrebbero rimosse (ma parlo di storie che violano il regolamento) trovo una censura simile semplicemente ridicola, oltre che del tutto irrealizzabile (ma non è questo il punto).

Tra parentesi, i concetti di bellezza e quindi bruttezza pertengono alla sfera della soggettività, quindi qualcosa di "oggettivamente brutto" non può esistere, è una contraddizione in termini. Può esistere qualcosa di oggettivamente sgrammaticato, al massimo.