Freeforumzone mobile

Qual'è la città più autarchica in patrician III tra quelle presenti all'inizio del gioco?

  • Posts
  • OFFLINE
    SteAlde
    Registered in: 3/30/2020

    Apprendista Mercante
    00 5/1/2020 6:32 PM
    Buonasera a tutti. In questo periodo sto valutando quale città permetta al datore di lavoro di bastare a se stesso producendo prodotti elaborati e semi-elaborati che si possano rivendere mantenendo il margine del 40%.
    Un esempio pratico è Stoccolma, in cui si può produrre ferro e legno, infine si potranno produrre utensili, il tutto all'interno della stessa città.
    Per le carni e per il cuoio ad esempio sono richiesti sale e legno ma in quale città ci son queste produzioni?
    Un altro problema è che per aumentare la produttività e ridurre il costo i produzione della singola unità sono costretto ad aprire almeno 5 fabbriche per la materia prima, per cui spesso e volentieri, se produco del legno, con le rotte automatiche importo a casa del legno, da dove costa meno, per alzare il margine sul prodotto finito.
  • OFFLINE
    Vanderdeeken87
    Registered in: 9/29/2018

    Apprendista Mercante
    00 5/5/2020 1:52 PM
    A mio parere in patrician non esiste una città autarchica e autosufficiente in tutto, sempre a parer mio la pianificazione avviene a gruppi di 3 città che si sostengono vicendevolmente.. Esempio di Stoccolma-tallin-visby che riescono a essere autosufficiente quasi su tutto tranne che per cereali e birra (quindi danzik diventa il quarto anello della catena), un'altro esempio ovviamente è lubeck con i suoi due triangoli commerciali, uno con rostok stettin e Malmo l'altro, il più riuscito del gioco con lubeck alborg Oslo e ritorno, poi c'è Amburgo, e l'Inghilterra che è abbastanza facile da gestire, sempre ragionando sull uso di Hub per la logistica sostenuta dalle città produttive limitrofe 😉
  • OFFLINE
    Vanderdeeken87
    Registered in: 9/29/2018

    Apprendista Mercante
    00 5/5/2020 8:32 PM
    Una cosa da non sottovalutare è la possibile produzione di mattoni a livello alto nelle vicinanze, perché ti assicuro che è una cosa in grado di castrare lo sviluppo della città in questione o viceversa di lanciarla, ti faccio il solito esempio su Stoccolma, ad esempio, partendo di lì, se non ricordo male l'unico posto dove inizialmente un minimo ha senso produrli è visby a prezzo elevato e produzione mediocre, essendo però visby un HUB fondamentale nella rotta e visto che un ufficio commerciale sarebbe d'obbligo, il gioco vale la candela e ci si campa a inizio partita.. Dopo si renderà necessaria una produzione in grado di sostenere lo sviluppo repentino che una città come Stoccolma può dare, io personalmente usavo novgorod come riserva, dato che il porto si ghiaccia e lubeck come fonte principale, visto che in ogni caso gli affari dell'hansa in un modo o nell'altro mi avrebbero portato lì, per arrivare sul completamento del gioco con città specializzate nel produrre solo materia prima e altre che fungono da centri di smistamento hub