Freeforumzone mobile

Auguri di Capodanno agli ebrei, i Paesi del Golfo abbattono un altro tabù

  • Posts
  • OFFLINE
    (SimonLeBon)
    Post: 39,184
    Location: PINEROLO
    Age: 50
    TdG
    00 10/5/2019 9:11 AM
    Per la prima volta l’ambasciata saudita a Washington invia biglietti celebrativi


    DALL’INVIATO A BEIRUT. I Paesi del Golfo abbattono un altro muro nei confronti degli ebrei, e di Israele. Per la prima volta esponenti del governo hanno inviato auguri agli ebrei in Israele in occasione delle celebrazioni del nuovo anno. A rompere il tabù è stata l’ambasciatrice saudita a Washington, Rima Bint Bandar. Prima donna a ricoprire questo incarico, Rima ha inviato un biglietto di auguri per lo Rosh Hashanah, la ricorrenza che apre il nuovo anno ebraico: «Un felice e dolce nuovo anno», recitava il biglietto.

    Il Rosh Hashanah è stato osservato quest’anno fra il 30 settembre e il primo ottobre. Negli stessi giorni il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti, Abdullah Bin Zayed ha augurato agli ebrei “Shana Tova”, cioè “Buon anno” in ebraico. Un gesto che è stato notato anche dai palestinesi a Gaza: “Quando qualcuno si congratula con il proprio cugino ebreo per il nuovo anno, il suo linguaggio di onore ha raggiunto un picco”. Una critica per le aperture dei Paesi del Golfo nei confronti di Israele.

    ...

    Fonte
  • OFFLINE
    (SimonLeBon)
    Post: 39,184
    Location: PINEROLO
    Age: 50
    TdG
    00 10/5/2019 9:11 AM
    Re: Per la prima volta l’ambasciata saudita a Washington invia biglietti celebrativi
    Prove di disgelo, almeno nei rapporti ufficiali?

    Simon
  • OFFLINE
    Giandujotta.50
    Post: 32,823
    Moderatore
    00 10/5/2019 9:37 AM
    non credo...
    difficile riparare all'errore che si fece nel 47 quando uno dei due contendenti il territorio della palestina non accettò la divisione...
    i passati 70 e piu anni a darsi battaglia hanno lasciato morti e odio...
    difficile che un semplice augurio di buon anno nuovo possa raggiungere qualche obiettivo se non quello di far parlare i giornali.

    Possibile che chi all'epoca non accettò avesse ragione ma c'è da domandarsi oggi se il costo di questa rivendicazione non sia esageratamente alto e ingiusto per la popolazione.

    a quest'ora, con le risorse che avrebbero potuto mettere in campo vivrebbero tutti molto molto meglio.

    "l'uomo non è in grado di dirigere i suoi passi" dice la S.S.