Il Forum di CIMEETRINCEE.IT Tutto ciò che riguarda la Grande Guerra 1915-1918....per non dimenticare

Stuparich

  • Posts
  • OFFLINE
    nello69
    Post: 3,031
    Registered in: 8/4/2004
    00 5/27/2018 11:10 AM
    Stuparich
    Commemorazione morte del s. Ten Carlo stuparich.
    __________________________
    I morti è meglio che non vedano quello che son capace di fare i vivi...è meglio che rimangano nella neve e nel ghiaccio, altrimenti potrebbero pensare di essere morti invano ed allora si sentirebbero ancora più soli. (G.B. Bonaldi combattente Adamellino)
    Nello
  • OFFLINE
    Carcano91.47
    Post: 202
    Registered in: 10/26/2013
    00 5/27/2018 7:39 PM
    Giusta cerinonia, peccato che manchino, tra i partecipanti, i due cugini Luigini e Guido purtroppo, come diciamo noi alpini, andati a vanti.
  • OFFLINE
    Kranebet
    Post: 4,212
    Registered in: 2/4/2010
    00 5/28/2018 9:23 AM
    Carcano91.47, 27/05/2018 19.39:

    Giusta cerinonia, peccato che manchino, tra i partecipanti, i due cugini Luigini e Guido purtroppo, come diciamo noi alpini, andati a vanti.



    Concordo. Cerimonia doverosa.

    it.wikipedia.org/wiki/Carlo_Stuparich
  • OFFLINE
    44° sul Lemerle
    Post: 307
    Registered in: 4/27/2007
    00 5/31/2018 3:57 PM

    ..chiedo un chiarimento:
    la foto postata da Nello riguarda il luogo della sua prima inumazione o dove, circondato e senza possibilità di salvezza, si tolse la vita?


    grazie


    Carlo Alberto
  • OFFLINE
    Mauro A.
    Post: 2,889
    Registered in: 8/8/2004
    00 5/31/2018 6:44 PM
    Carlo Stuparich è sepolto nel cimitero civile di Trieste e nella au tomba c'e il masso originale dove stando le testimonianze dietro o vicino si suicidò.

    Mauro
    -*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*

    Scrivimi ...scrivimi lungamente e tanto .... scrivimi di te sempre ....solo le tue parole mi tengono in vita in questa vita d'inferno.

    -*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*


  • OFFLINE
    Kranebet
    Post: 4,213
    Registered in: 2/4/2010
    00 5/31/2018 7:35 PM
    Trieste: entro una struttura trilitica lapidea lavorata al grezzo è collocato il masso del monte Cengio che per tredici anni su quel monte aveva vegliato la sepoltura di Carlo Stuparich.
    La tomba è stata concessa il 24.11.1928 a Marco Stuparich e a Gisella Stuparich.
  • OFFLINE
    Carcano91.47
    Post: 203
    Registered in: 10/26/2013
    00 5/31/2018 9:12 PM
    Voglio aggiungere che i primi a ripulire il luogo della prima sepoltura (?), la pietra era gia stata prelevata, furono i cugini: Luigino Rizzi e Guido Mogemtale ed alcuni alpini di Cogollo del Cengio.
  • OFFLINE
    Giacinta77
    Post: 405
    Registered in: 4/15/2016
    00 5/31/2018 10:57 PM
    Non mi vergogno a dire che non ne conoscevo la storia. Ogni volta che faccio ingresso nel Forum mi arricchisco. Grazie!

    « Qui, faggi, carpini, noccioli e, sotto gli arbusti, fra il muschio, zone fragranti di mughetti. In questa conca silenziosa, alle pendici del Cengio, su cui passano le nuvole e, dopo uno scroscio di pioggia, appare per un momento il sole, ha vissuto le sue ultime ore mio fratello Carlo. Il pensiero che mi riconduce a quello che Carlo visse in quei momenti è intenso, ma non è cruccioso: cerco intorno e dentro a me stesso, mi raccolgo, rivivo. Tutte le volte sono sceso di lassù con l'animo fatto più semplice e chiaro. »

    (Giani Stuparich)
  • OFFLINE
    Nordavind1709
    Post: 65
    Registered in: 5/10/2011
    00 6/4/2018 12:53 AM
    Giacinta77, 31/05/2018 22.57:

    Non mi vergogno a dire che non ne conoscevo la storia. Ogni volta che faccio ingresso nel Forum mi arricchisco. Grazie!

    « Qui, faggi, carpini, noccioli e, sotto gli arbusti, fra il muschio, zone fragranti di mughetti. In questa conca silenziosa, alle pendici del Cengio, su cui passano le nuvole e, dopo uno scroscio di pioggia, appare per un momento il sole, ha vissuto le sue ultime ore mio fratello Carlo. Il pensiero che mi riconduce a quello che Carlo visse in quei momenti è intenso, ma non è cruccioso: cerco intorno e dentro a me stesso, mi raccolgo, rivivo. Tutte le volte sono sceso di lassù con l'animo fatto più semplice e chiaro. »

    (Giani Stuparich)


    Ho scritto io la pagina su Wikipedia, quando mi capita di accompagnare scuole sul Cengio leggo sempre questo brano
  • OFFLINE
    Giacinta77
    Post: 408
    Registered in: 4/15/2016
    00 6/4/2018 6:38 AM
    [SM=g7372] [SM=g2467376]
  • OFFLINE
    Carcano91.47
    Post: 207
    Registered in: 10/26/2013
    00 6/29/2018 9:16 PM
    Vorrei aggiungere ancora qualche notizia sul Tenente Stuparich ed alcune foto.
    Nonostante la leggenda, molto lontana dalla verità, gli episodi di eroismo dei fratelli Stuparich fanno riflettere. Si racconta: Carlo Stuparich fu sepolto sul posto in quanto, suicida,, il cappellano militare non lo volle seppellire nel cimitero e li rimase fino alla traslazione nella tomba di famiglia a Trieste.
    Verità? Leggenda? Non lo so. So che l’idea di ripulire il luogo venne ai due inseparabili cugini, Luigino e Guido che interessarono l’allora capogruppo degli alpini Arturo Zorzi che proprio oggi pomeriggio ho incontrato e mi ha consegnato le foto che allego. Non sono foto eccezionali ma spero siano gradite a quanti frequentano questi luoghi.
    Foto 1 ) 10 luglio 1989 inizio lavori – 2) 30 luglio fine lavori – 3) la tomba ripulita – 4) i lavoratori : Zorzi Franco, Rizzi Luigino e Vaiente Guido (non Mogentale come avevo scritto precedentemente ) Costa Renè , i Proprietari del terreno - 5) la cerimonia del 30 luglio Rizzi Luigino, Panozzo Margherita proprietaria, Zucc ollo Pietro, con il labaro tre amici triestini, Caterina ed Arturo Zorzi, l’alfiere del Gruppo A.N.A di Cogolo del Cengio Zorzi Ffranco - 6 ) 4 giugno 2000 pronipote e nipote di Carlo Stuparich - peccato che nessuno ricordi i loro nomi.
  • OFFLINE
    nello69
    Post: 3,036
    Registered in: 8/4/2004
    00 7/2/2018 7:14 AM
    La traslazione avvenne dal cimitero di Tresche Conca dove ancora vi è la lapide e davo tutti gli anni parte la cerimonia di commemorazione.
    Ciao
    __________________________
    I morti è meglio che non vedano quello che son capace di fare i vivi...è meglio che rimangano nella neve e nel ghiaccio, altrimenti potrebbero pensare di essere morti invano ed allora si sentirebbero ancora più soli. (G.B. Bonaldi combattente Adamellino)
    Nello
  • OFFLINE
    Carcano91.47
    Post: 208
    Registered in: 10/26/2013
    00 7/2/2018 6:10 PM
    Grazie Nello della precisazione, ma della prima sepoltura è solo leggenda?