00 5/1/2017 11:49 PM

Su Dio il discorso diventa lungo e complicato, mi soffermo solo sulle analisi delle foto, i modellini adattati per lo sviluppo delle quali, per inciso, furono trovati in casa di Meier. Le Analisi fotografiche: le campane di Maier vengono suonate benissimo sul libro edito da Rizzoli, 1990 "Contatti dalle Pleiadi", da pag 52 e seguenti, si parla di eccezionali analisi convalidanti le foto scattate da Meier. Se non che sul semestrale UFO a cura del Centro Italiano Studi Ufologici, sul n° 18 dalla pagina 21 fino alla 26 esima si legge: "In realtà come si è poi scoperto, solo in alcuni casi sono state effettuate delle analisi e, perdipiù, solo su pochissime foto, ma i risultati sono stati presentati in modo fuorviante ed interessato, se non, in taluni casi palesemente falso. Numerose sonominvece le analisi indipendenti, cioè non fatte eseguire dai promotori del caso Meier, e tutte hanno invariabilmente suggerito che le foto fossero contraffatte".

L'articolo prosegue: "Il gruppo ufologico americano Ground Saucer Watch, celebre per le pionieristiche analisi al computer di foto ufologiche fin dagli anni '70, ricevette 10 fotografie di Meier di seconda generazione da un ricercatore tedesco, nel 1976. Il verdetto fu inequivocabile: un falso realizzato per mezzo di diverse tecniche, come modelli sospesi, doppie esposizioni e fotomontaggi. Anche Kolman von Keviczky, un ex maggiore dell'esercito americano in pensione che ha lavorato come fotografo al dipartimento audio-visuale dell'ONU a New York ed è conosciuto come un acceso fautore dell'origine extraterrestre degli UFO, analizzò le foto di Meier dichiarando che si trattava di modelli di alberi, come confermato anche dai calcoli dell'ufologo Manuel Fernandez sulle misure dei rami degli alberi".

E ancora: "In effetti, dei modelli di dischi, praticamente identici ad alcuni fotografati da Meier, sono stati trovati nel suo GRANAIO e fotografati a loro volta. Nel libro di karl Korff, viene presentata una dettagliata serie di analisi fotografiche condotte su una certa quantità di foto di Meier. Le analisi sono state eseguite con diversi sistemi compiuterizzati e tutte le foto sono state smascherate come falsi prodotti con diverse tecniche. Quanto ai misteriosi reperti, il laboratorio federale di Zurigo che li analizzò nel marzo del '78 trovò che tutti i componenti risultavano del tutto normali. Il 12 maggio successivo un'altra analisi fu fu condotta dal dott. Walter Walker, ujn esperto di metallurgia all'università di Tucson, in Arizona, da anni consulente dell'Apro) : i campioni risultarono del tutto normali".

Che dire? Che tutti questi professionisti, così lontani fra loro si siano messi d'accordo per screditare Maier ? Personalmente ne dubito.