00 2/10/2017 1:22 PM
Il dottor Erol Faruk, afferma di avere le prove per dimostrare che gli alieni sono presenti sul nostro pianeta. Nel suo libro auto pubblicato, The Compelling scientific evidence for UFOs (a dire il vero é stato pubblicato nel 2014 ma i giornali ne parlano solo oggi) il ricercatore ha presentato le prove scientifiche di uno dei casi più eclatanti dell’ufologia: il caso ufo di Delphos in Kansas del 2 dicembre 1971.

Questo avvenimento ha sempre suscitato grande interesse. L’UFO lasciò sul terreno una sorta di anello bruciato e Ron Johnson, il testimone che all’epoca aveva 16 anni, fu il primo a notare lo strano oggetto nel cielo mentre era con il suo cane. Successivamente, il ragazzo e i suoi familiari trovarono uno strano materiale incandescente sul terreno e sugli alberi. Il signor Johnson raccontò più volte di come si fosse paralizzata la sua mano nel toccare quella strana sostanza cristallizzante. Si sono fatti avanti vari testimoni su questo caso e i campioni del terreno sono stati inviati a vari laboratori per essere analizzati. Faruk in particolare, riuscì ad avere qualche campione quando si trovava all’Università di Nottingham. Potrebbe trattarsi di una bufala o di un fungo del terreno che ha causato l’anello? Per il dottor Faruk la bufala è improbabile date le caratteristiche insolite del composto emerse dalle analisi e non poteva trattarsi di un fungo dato che nel terreno era presente “sale di metallo alcalino idrosolubile di un acido carbossilico organico”.



Per lo scienziato quindi, quello che è accaduto quella notte è reale, e l’oggetto in questione probabilmente aveva sotto la superficie un composto instabile il cui compito era quello di emettere luce. Tentò di far pubblicare la sua ricerca su varie riviste scientifiche, ma nessuno mai la accettò e probabilmente nessuno mai si prese la briga di leggerla. Questo dimostra come il “non credere a priori” esattamente come il “credere a priori”, siano un vero e proprio cancro per la ricerca

Sito in italiano

Fonte originale in inglese

Breve storia dell'Ufo di Delphos tratta dal sito ufocasebook