Freeforumzone mobile

Info recenti sul Gavia

  • Posts
  • OFFLINE
    bradipodimontagna
    Post: 1
    Registered in: 8/9/2016
    Junior User
    00 8/9/2016 8:04 PM
    Ciao a tutti,vorrei qualche informazione recente sulle condizioni della strada del passo Gavia da Ponte di Legno.1)Ho letto che la galleria finale è stata illuminata,qualcuno che è salito recentemente può confermarlo?-2)Il passo è solitamente ventoso o no?(che faccia freddo è ovvio,danno per ven-sab-dom sui 10-12 gradi),mi consigliate abbigliamento primaverile-autunnale?Vorrei andare questo fine settimana.-3)Com'è l'ampiezza della strada e come sono le condizioni dell'asfalto?-4)è vero che il versante che voglio fare in salita,quello di Ponte di Legno,è sconsigliabile in discesa poichè pericoloso?-5)sapete se c'è qualche gara o altro che tra venerdi e domenica miimpedisca di salire?-Infine 6)Non ho mai superato quota 2000 mt,ci sono particolari scompensi(parlando in generale dato che ognuno ha il suo fisico)oltre alla rarefazione dell'aria?.Scusandomi per la quantità di domande ringrazio anticipatamente chiunque risponda.
  • OFFLINE
    MirkoBL
    Post: 3,813
    Registered in: 8/2/2007
    Master User
    00 8/10/2016 10:36 AM
    Ciao, io ci sono stato per la prima e, fino ad ora, unica volta lo scorso anno (5 agosto), quindi le mie informazioni sono molto limitate.
    1) Dovrebbero esserci delle piccole luci sul lato sinistro salendo e si dovrebbero accendere, da quanto ho letto, con un plsante o qualcosa del genere. Io il pulsante non l'ho trovato, le luci erano fioche e me la ricordo piuttosto scura e facevo fatica a seguire la linea retta.
    2) In cima c'erano circa 16°C, non si stava male. Non mi ricordo un vento particolarmente sostenuto, ma a quelle quote sui passi-forcelle è abbastanza normale che ce ne sia.
    3) Strada buona, con carreggiata normale nella prima parte fino a Santa Apollonia, poi si restringe un po' dal punto in cui fino agli anni '90 c'era ancora lo sterrato. La larghezza è tipica di una strada di montagna da alte quote. Per dire, ne ho percorse di molto più strette.
    4) Sono sceso verso Bormio, quindi non saprei dire. Da come me la ricordo in salita, non mi è sembrata particolarmente pericolosa. Comunque, visto che la percorrerai in salita, potrai farti un'idea. Poi, si sa che in montagna bisogna sempre fare attenzione, soprattutto in corrispondenza delle curve. Di discese più pericolose o tecnicamente più difficili me ne vengono in mente altre (Fauniera, Crostis...). L'asfalto è abbastanza buono e questo è già un punto a favore per la sicurezza.
    5) Non saprei, ti conviene cercare su internet o reperire informazioni dai locali.
    6) Qua dipende proprio dal fisico di ognuno. Di solito si fatica un po' di più a respirare, visto che si sale di molto oltre quota 2000. Ma dipende anche da come si è affrontata la salita e da com'è il recupero. Comunque, dato che si sale piano e regolarmente, il corpo riesce ad acclimatarsi abbastanza bene. Contando che sarà l'unica salita oltre quota 2000, visto che attorno non c'è molto altro, non penso che avrai particolari problemi (non conoscendoti).
    [Edited by MirkoBL 8/10/2016 10:38 AM]

    ******************************

    Ciao Moro...

    9/10/1963 - “Un sasso è caduto in un bicchiere colmo d’acqua e l’acqua è traboccata sulla tovaglia. Tutto qui. Solo che il bicchiere era alto centinaia di metri e il sasso grande come una montagna e di sotto, sulla tovaglia, stavano migliaia di creature umane che non potevano difendersi.” (D. Buzzati)
  • OFFLINE
    MirkoBL
    Post: 3,814
    Registered in: 8/2/2007
    Master User
    00 8/10/2016 10:39 AM
    La salita merita perché è proprio un bel posto.

    ******************************

    Ciao Moro...

    9/10/1963 - “Un sasso è caduto in un bicchiere colmo d’acqua e l’acqua è traboccata sulla tovaglia. Tutto qui. Solo che il bicchiere era alto centinaia di metri e il sasso grande come una montagna e di sotto, sulla tovaglia, stavano migliaia di creature umane che non potevano difendersi.” (D. Buzzati)
  • OFFLINE
    bradipodimontagna
    Post: 1
    Registered in: 8/9/2016
    Junior User
    00 8/10/2016 5:35 PM
    Grazie Mirko per le informazioni.Ciao
  • OFFLINE
    bradipodimontagna
    Post: 2
    Registered in: 8/9/2016
    Junior User
    00 8/15/2016 12:33 PM
    Resoconto Salita Passo Gavia da Ponte di Legno 13-8-2016
    Scrivo questo breve resoconto per coloro che vorrebbero fare questa salita ma non l'hanno mai affrontata cosìpossono aver informazioni recenti(comunque prendetele con le molle,io sono un novizio della bici da corsa per le salite d'alta montagna quindi non sono attendibile come molti ciclisti di questo forum che da quanto ho letto sono anni che vanno a destra e a manca per l'italia).La galleria è illuminata da led posti sul lato sinistro ad altezza bici,l'illuminazione non è certo chissachè ma è più che sufficiente,io avevo montato 2 luci(davanti e dietro ma non servivano,anche se penso sia sempre meglio fare questa salita muniti di fonti di illuminazione propria),non ho visto pulsanti da premere nè altro,mi sembra un sistema in automatico e la luce è rimasta per tutto il tragitto(ho letto su altri forum di gente che si è trovata al buio a metà galleria).La nota dolente della salita sono sicuramente i primi km della carreggiata ristretta,ossia dalla fine di S.Apollonia fino all'uscita dal bosco:i cartelli danno larghezza strada da 2,50 metri a 3,50 ma in quel tratto sono sempre verso il limite minore,forse anche meno e non c'è assolutamente nessuna protezione sul ciglio stradale(spesso dato che la strada va su a tornanti ci si trova(se si incrociano moto va di lusso ma se ci sono auto o peggio jeep,suv,camper,furgoni,mancavano i bus poi facevo en plein [SM=g27993])non proprio in una posizione sicura(eufemismo).Dalla fine del bosco la strada tende ad esssere quasi sempre oltre i 3 metri di larghezza e quindi più sicura anche se persistono le curve a gomito.Probabilmente sono salito troppo tardi(10.30)per paura del freddo in cima(paura infondata,ci saranno stati tra i 15 e i 20 gradi) dato che l'amico che mi ha accompagnato e poi aspettato a S.Caterina con l'auto ha iniziato la salita un ora prima e ha trovato quasi solo ciclisti,se invece il traffico che ho trovato io è l'abitudine mi pare salita da farsi(per chi può)solo durante i giorni feriali in luglio.Il fondo stradale è ottimo,la discesa del versante valtellinese e bella larga e ben asfaltata.Per le pendenze non dico nulla poichè ci sono decine di altimetrie sul web(a cominciare da questo stesso sito).Insomma sarò fifone io ma fare il versante camuno non è il massimo della sicurezza,non parliamone in discesa(anche se ho visto molti ciclisti scendere,d'altronde io ho avuto la fortuna di poter usufruire di un passaggio ma se uno non può,farsi da Bormio ad Edolo è un bello sbattimento).Ciao
  • OFFLINE
    grigua
    Post: 2,869
    Registered in: 1/2/2008
    Veteran User
    00 8/25/2016 8:36 PM

    Ciao Bradipodimontagna (carino il nick [SM=g27987] ),
    benvenuto e complimenti per la conquista del Gavia, non male per essere il tuo primo 2000! [SM=g28002] [SM=g28002] [SM=g28002]
    Grazie per il resoconto, preciso per quanto riguarda le caratteristiche della strada, e l'aggiornamento sull'illuminazione della galleria (io ad esempio pensavo che fosse ancora tutta buia).
    Chissà se un giorno o l'altro riuscirò anch'io a scalare il Gavia dal mitico versante di Ponte di Legno, io conosco solo il versante "facile" di Bormio.
    Ciao, scrivi di nuovo quando puoi le tue avventure, piccole o grandi che siano. [SM=g28002]

    [SM=g27987]

    ====================================================

    Un'emozione in più è terra conquistata,
    non possiamo chiedere certezze a questa vita (R.Z.)

    E' il tempo, sai, che ci misura,
    che ci fa uomini o soltanto frenesia (R.Z.)
  • OFFLINE
    bradipodimontagna
    Post: 3
    Registered in: 8/9/2016
    Junior User
    00 8/27/2016 6:59 PM
    Ciao Grigua,felice di essere stato utile,quest'anno mi sono lanciato(si fa per dire ...)in Valtellina facendo dopo il Gavia lo Stelvio da Trafoi e il Mortirolo da Mazzo ma sono salite strarecensite,piuttosto scriverò qualcosa sulle salite imboscate o meno della provincia di Imperia(sono 10 anni che vado in vacanza in zona)notando una carenza nella documentazione della zona(se non sbaglio tu e qualche altro del forum siete del ponente ligure:lo so perchè vi leggo da circa 3 anni[SM=g27987])Ciao e buone pedalate