Genitori di una stella un'associazione per chi come noi, deve affrontare la morte perinatale del proprio figlio

mi manchi piccolo mio...

  • Posts
  • mery
    00 7/20/2014 9:43 AM
    mi presento, sono Mery e da 11 giorni mamma del mio angioletto Enea di 33 settimane.
    gravidanza magnifica, pochissimi malesseri se non leggeri e passeggeri, lui cresceva bene, sano, per scelta ns abbiamo fatto anche esami extra routine e tutto andava bene, fino a quel maledetto 7 luglio che inizio a sentirlo muovere meno e in modo differente, cosi chiamo il gine e ci vediamo per un ecografia...TUTTO FINITO...
    confusione,angoscia, incredulità nascono in me, come è possibile che non sia riuscita a proteggere il mio piccolo, come è possibile che fino a qualche ora fa scalciava veramente tanto e adesso è tutto finito...seguono 42 interminabili ore, induzione con fettuccia, poi doppia dose di gel, poi ossitocina in vena, non mi dilatavo e io che chiedevo al gine di rifarmi l'eco per esser sicuri, non so quante me ne ha fatte per accontentarmi.
    all'ennesimo cambio turno trovo un ostetrica che visto l'esito delle induzioni decide di provare a rompermi il sacco,e li il mio Enea trova la via giusta per venire al mondo, mi dilato, seguono contrazioni fortissime, forse dovute anche alle varie induzioni, le contrazioni le ho avuto solo alla fine, esce la testolina, c'è silenzio, ma io spero ancora che nell'uscire anche il culetto magari per miracolo senta piangere, come è successo nelle varie mamme che hanno partorito in quelle interminabili ore passate in sala travaglio.
    niente segue il silenzio, Enea il 9-7-2014 alle 10,15 viene accolto tra le braccia dell'ostetrica e insieme a mio marito viene lavato e vestito con i vestitini scelti da noi.
    scegliamo di vederlo...amore a prima vista...so che tutti i bambini sono belli e perfetti agli occhi della mamma, ma lasciatemelo dire, anche il mio era perfetto, già tutto pieno di capelli scuri scuri, unghiette già formate, orecchiette spettacolari per non parlare di quelle manine e piedini da mordicchiare.
    i medici ce lo lasciano, ci troviamo abbracciati in tre, occhi negli occhi io e mio marito mentre ammiriamo il nostro gioiello, lo coccoliamo, lo baciamo, lo mordicchiamo, che tesoro
    poi segue tutto il brutto iter burocratico e amministrativo e dobbiamo staccarci, non lo rivedremo mai piu', xè segue autopsia e abbiamo scelto di non vedere il corpo post esame, non avremmo mai accettato di vedere anche solo un taglio sul corpo del nostro tesoro.
    mi dimettono e qualche giorno dopo ci lasciano tumulare Enea.
    Enea ora trova pace nel loculo con la nonna, mia mamma deceduta 19 anni fa quando io ne avevo 14, l'unica cosa che mi rassicura, sapere che sono li vicini, sono certa che mia mamma lo starà super coccolando.
    sono disperata care mamme, passo momenti in cui mi sento un ppiu' leggera, ma mi rendo conto che in quei momenti non sono lucida del tutto xè non mi rendo conto dell'accaduto; altri momenti li passo nella disperazione totale, mi manca da morire, sogno un futuro con un fratellino ma sono angosciata all'idea,non mi so dare speigazioni dell'accaduto, anche se l'ostetrica presumo quasi con certezza sia stato un problema di annodamento del cordone, ma non so dirmi perché a me, perché al mio Enea
    in questi stessi giorni una mia grandissima amica, quasi sorella, con cui abbiamo vissuto la gravidanza assieme, ha dato alla luce la sua piccola, sono molto felice per lei perché è una gioia immensa un figlio, ma dentro di me è un continuo...perché a me no, perché io non sono venuta a casa dall'ospedale col mio piccolo, perché ora non ho ancora la panciotta e lo sento scalciare dentro di me

    sono passati solo 11 giorni ma mi sembra una vita che non ti vedo cucciolo mio, MI MANCHI TANTO, TANTO QUANTO L'AMORE CHE HO PER TE

    spero solo che un giorno non troppo lontano arrivi il tempo della rassegnazione di questo immenso dolore, ma per ora non riesco a immaginare come possa vivere sapendo di non aver protetto il mio bambino

    MI MANCHI CUCCIOLO [SM=g7430]
  • OFFLINE
    gio.to
    Post: 31
    Registered in: 8/9/2007
    Junior User
    00 7/20/2014 5:27 PM
    Carissima Mery, ti abbraccio forte forte dicendoti che sei già tanto brava:in pochi giorni ci hai cercate e, pur con la normale disperazione nel cuore, hai dei momenti in cui ti sembra di stare un po' meglio.Hai fatto bene a stare un po' con Enea, a vederlo, abbracciarlo e baciarlo...Anche noi ricordiamo con la stessa intensità di otto anni fa quei momenti a tre. Eravamo una famiglia come le altre e quel momento era così bello che neanche la morte poteva turbare quell'amore. Vi sarà prezioso l'averlo fatto, tutti gli psicologi che ho incontrato mi hanno detto che è un passo fondamentale per l'accettazione della realtà e per iniziare così ad elaborare il lutto. Fatti forza ora con l'amore di tuo marito, dei tuoi cari e accetta pure l'onda di dolore forte. Le lacrime aiutano tanto, non trattenerle, e confida con tenacia in quei momenti di serenità che col tempo diverranno sempre più lunghi. È un cammino difficile e lento, ma ce la farai come ce l'abbiamo fatta tutte noi. Enea si mostrerà presente in maniera diversa rispetto a quello che avevi pensato, ma ti farà sentire mamma in ogni istante di questo cammino. È un cammino in cui siamo accompagnate e guidate; come dico io è solo un rapporto a parti invertite, in cui sono loro a tenerci in braccio e ad insegnarci le cose importanti della vita. Unica cosa davvero importante è avere sempre accesa la Speranza, col viso rivolto in alto e pronto sempre ad abbozzare un sorriso alla nostra stella e alla vita. Lasciando la porta aperta, o anche solo accostata, alla voglia di vita e di riprendersela in mano, vinciamo noi e non la disperazione.
    Anche io ho pensato subito istintivamente ad avere un altro bimbo, per fortuna ci è però arrivata notizia del suo arrivo (il nostro Emanuele, sette anni ora!) sette mesi dopo. Dico per fortuna perché quei mesi, visti a posteriori, sono stati fondamentali per lasciar passare il dolore più forte e affrontare più serenamente la gravidanza. Sono qua per qualsiasi cosa e ti abbraccio ancora,con un sorriso
    [SM=g9433]
    Giovanna
  • mery
    00 7/21/2014 10:29 AM
    grazie Giovanna
    Ciao Giovanna, grazie della risposta, mamma mia che sbalzi d'umore, spero solo di capire presto questo rapporto "inverso" figlio-mamma, perché sono sicura il che il nostro Enea non ci ha lasciato soli, forse dobbiamo solo capire il modo in cui si manifesta e spero di capirlo presto.
    E' nata la bimba di una mia grandissima amica...che emozioni miste tra gioia per lei e dolore per me, quanti pianti fatti con mio marito a chiedermi perché io non posso averlo ancora in pancia,mancherebbe un mese e 6 giorni alla DPP, o perché non sono uscita dall'ospedale sapendo che il mio bimbo era con me...povero il mio Enea, i bimbi non dovrebbero subire queste ingiustizie.
    quanta rabbia sento dentro, rabbia per me e mio marito che siamo stati colpiti dalla sfortuna, ma ancora piu' rabbia per Enea...cosi dolce, fragile e puro...non si meritava cio', ma solo l'Amore di mamma e papà.

    bo speriamo il tempo sistemi le cose,anche se la tua testimonianza di otot anni fa, mi fa pensare che il tempo per sistemare le cose sia veramente lungo. Mrcoledì si inizia il percorso con la psico, che giornata pesante sarà mercoledì, spero' però di riuscire a intravedere pian piano un lumicino a cui aggrapparmi per ritornare a vivere, sapendo di avere il mio angioletto che mi protegge.

    un abbraccio di cuore a tutti gli angioletti
  • OFFLINE
    gio.to
    Post: 32
    Registered in: 8/9/2007
    Junior User
    00 7/21/2014 11:03 PM
    Cara Mery, non è stato poi tanto lungo il periodo per risollevarmi: otto anni sono quelli che avrebbe Emma, otto anni in cui sono grata al Signore per avermi dato luce nell'accettare questa maternità diversa, ma il dolore è sparito da un bel pezzo. Ogni tanto c'è qualcosa che mi commuove ricordandola, ma è tenerezza malinconica, il petto non mi pesa, non ho più male al cuore, mai....Ora è prestissimo per te, io non ragionavo neppure dopo due settimane. Abbi fiducia nel vostro amore, in quello di Enea, e il tempo ti sarà amico. Otto Sì sono gli anni passati per me, ma sono otto anni in cui non è passata (e non penso passerà) la voglia di testimoniare che l'amore è più forte della morte,che tornare a sorridere si può. L'ho scritto nella homepage del sito e lo riscriverei così ancora ora che son passati 7 anni dalla nascita del sito. È questo per te il periodo delle "montagne russe" emotive,accettale e falle passare una a una come le lacrime.Ce la farai, con l'amore che ti viene dal Cielo e dalla terra. Un abbraccio forte
    [SM=g9433]
    Giovanna
  • Ilaria
    00 7/22/2014 6:46 PM
    Carissima Mery, hai ancora addosso il suo profumo, la sensazione dei suoi calci, lo smarrimento, vivi ancora in una bolla e non riesci a capire cosa sia successo, i perchè e tutte le domande, ruotano intorno a te senza risposte, ma nonostante tutto hai alzato appena un po' la testa e nonostante sia passato davvero poco provi a cercare qualcosa o qualcuno che possa tenderti una mano in questo buio più totale. Ricordo benissimo le sensazioni di quei giorni, i pianti e quel cuore strinto in un pugno che sembrava spezzarsi, non c'è il numero esatto in cui si smette di soffrire è un cammino all'inizio un po' altalenante e poi sempre più consapevole dell'amore che ci hanno lasciato in eredità, piano piano iniziamo a sentire e capire che loro sono vicini a noi e anche se il senso di solitudine c'è inizia a riempirsi con il loro grande amore.
    Ora sarai un po' trasportata da tanti sentimenti, vivili senza timore, aggrappati a chi ami e cerca il tuo Enea chiedigli aiuto, saprà sicuramente guidarti.
    E poi ci siamo noi che ti abbracciamo con le nostre lunghe braccia.
    Cara Mery, dammi le prime due lettere del cognome, per mettere la sua stella a brillare nel nostro cielo speciale [SM=g7799] [SM=g7799] [SM=g7799]

    [SM=g9433]

    Ilaria

  • mery
    00 7/24/2014 9:23 AM
    grazie gio.to
    spero che questo periodo di montagne russe dell'umore si appiani pian piano, è che tutto parla di bimbi intorno a me,o forse ormai ero concentrata in questo fantastico per cui al posto di dar importanza ai vestiti per me, in automatico vai nelle corsi dei supermercati dove ci sono pannolini etc...quanto deve essere fantastico questo mondo, quanto avrei amato il mio Enea, tanto quanto adesso, ma in un modo diverso, spero mi stia vicino.
  • mery
    00 7/24/2014 9:30 AM
    hai detto bene Ilaria
    hai descritto esattamente le mie sensazioni di questo periodo, che senso di schiacciamento al cuore.
    Adesso spero che arrivino gli esami che han fatto a me quando ero in ospedale e l'amniocentesi, anche se ho ansia all'idea che arrivino, pero' almeno ho qualche info in piu' magari sulle cause, poi spero che anche l'esito dell'autopsia arrivi prima di 8-10 mesi come ci hanno prospettato.
    voi l'avete fatta? dopo quanto avete avuto l'esito?
    non è che cambi le cose avere l'esito di tutti gli esami, ma è come "chiudere" un altro pezzettino di cuore mio che ora è ferito.
    quanto mi manca il mio Enea, quante coccole vorrei fargli, quanti baciotti su quelle guanciotte morbide.

    Ti Amo piccolo mio
  • OFFLINE
    gio.to
    Post: 33
    Registered in: 8/9/2007
    Junior User
    00 7/24/2014 9:45 PM
    Cara Mery,io ho dovuto aspettare sei mesi per il referto autoptico, ma la risposta era un nulla di fatto. Ho poi ritirato i vetrini e li ho portati ad un anatomo patologo di Milano che è specializzato in caso di morti neonatali e ha trovato la causa, una rarissima malformazione diaframmatica. Il mio caso è un po' diverso dal tuo, Emma è nata a termine, viva,con apgar 10...C'era da capire che era successo e se c'erano responsabilità.
    Nella quasi totalità dei casi sono fatalità e non manifestazione di problemi ripetibili; fai bene ad andare a fondo ma non vederlo come giorno del riscatto o delle certezze quello del responso. Vedrai che andrà tutto bene, tu cammina per la tua strada e digerisci giorno dopo giorno un pezzettino di quella morsa che ti preme sul petto.Si allenta Von un po' di tempo, fidati. Verranno giorni più sereni, cercate di andare un po' in giro ora che è estate, concentratevi su voi due e su quel pizzico di serenità che saprete regalarvi l'un l'altro.
    Un abbraccio
    Giovanna
  • Ilaria
    00 7/25/2014 10:34 AM
    L'esito dell'autopsia a me arrivò dopo poco, Linda aveva un'atresia della trachea e una volta trovata la causa i medici non fecero altre indagini, sono convinta che era una bambina con altri problemi, oltre quello diagnosticato, perchè prima di partorire avevo fatto la flussimetria che era perfetta, invece quando nacque, a termine e viva, era appena 2.240 kg.
    Le indagini servono per la nostra tranquillità ed è giusto indagare, anche se poi quello che mi sentii dire fu "è stato un caso, rarissimo ma un caso" questo non è che mi aiutò un gran chè , mi sentivo un po' come colpita dalla sfortuna, ma al tempo stesso fortunata perchè non c'era nessun motivo per cui si ripetesse e io non mi sarei dovuta curare.
    Per essere tranquilli facemmo anche l'analisi genetica.
    Coraggio Mery, sono tutti step che devi fare, per te e per il tuo Enea e poi vedrai, asciugherai le lacrime e andrai avanti, perchè i nostri figli sono i primi fan e non vedo l'ora di farci ritrovare il sorriso e la felicità!
    [SM=g9433] [SM=g9433] [SM=g9433]

    Ilaria
  • mery
    00 7/25/2014 12:41 PM
    grazie mamme speciali, grazie Enea
    grazie mamme speciali, in questi giorni piu' che mai fa piacere sentirsi un po' meno sola, c'è mio marito ovviamente che è veramente vicino, ma il sola che intendiamo noi è un'altra sensazione.

    spero nell'arrivo degli esami, proprio per avere un quadro generale e sperare che purtroppo si stata solo sfortuna, sapere che non c'era un problema trasmesso magari da me,da alcuni punti di vista mi risoleeva per il futuro.

    ma anche a voi è successo di sentire ancora scalciare?
    è stata una cosa stranissima, sia ieri che stamattina, in attimi di relax, ho sentito....un calcetto, proprio nel punto dove il mio Enea spesso si faceva sentire soprattutto la notte...era un giocherellone la notte si faceva un giretto nella pancia della mamma, puntualissimo come sempre alle 3.20!!

    chissà se era suggestione, chissà cos'era "questo calcio", non era una contrazione addominale ne qualcosa relativo alle ovaie, anche xè l'ho sentito vicino all'ombelico, d'istinto come succedeva fino a pochi giorni fa, ho messo la mano sulla pancia e ho iniziato a chiamarlo, poi..mi si è presentata davanti di nuovo la realtà.

    Chissà cos'era, ho provato un gran brivido pieno d'Amore!!

    chissà magari è normale che succeda o magari sei tu angioletto che vuoi ricordarmi che ci sei comunque....io voglio credere sia lui che mi è vicino

    GRAZIE!!!

    per Ilaria : Enea Sp.


  • Ilaria
    00 7/28/2014 9:53 AM
    Oggi pomeriggio metterò la stellina [SM=g7558] [SM=g6146] [SM=g7799]
    Anche a me successe, era una sensazione, una suggestione, non so, ma cercai di prenderlo come un segno positivo, come dici te, era come se lei mi dicesse che era vicina... ed era così!!!
    [SM=g8211]
    [SM=g9433] [SM=g9433] [SM=g9433]

    Ci aiutano ... oggi, domani e sempre, sono i custodi delle nostre vite [SM=g7799] [SM=g7799] [SM=g7799]

    Ilaria
  • mery
    00 8/3/2014 2:02 PM
    È tutto ingiusto
    Emporio quand'è pensi...che bello oggi non ho mai pimeryanto, ti arriva addosso il mondo, impossibile vivere , manca l'aria è il cuore scoppia, quanto vorrei stringerti cucciolo, quanto mi manchi, quanto avrei voluto accudirti e passare insonni guardando te.e' tutto così ingiusto.chissa se almeno un giorno saprò cosa ti è successo piccolo mio, spero solo tu non abbia sofferto Amore di mamme
  • OFFLINE
    ildiariodellalinda
    Post: 1,909
    Registered in: 1/8/2006
    Veteran User
    00 8/6/2014 4:02 PM
    Cara Mery, quando scrivi così è come capitava anche a me, guardavo il mare e vedevo che c'erano onde più piccole che poi a forza di tornare indietro era come si caricassero per formare un onda più grande e potente, guardavo questo moto e pensavo che era uguale al mio umore, qualche giorno sembrava un dolore più lieve per poi tornare potente e pieno di dolore. Purtroppo Mary passiamo anche da queste montagne russe, ma credimi, sono tutte fasi del dolore in cui passiamo, ma chiedendo aiuto ai nostri piccoli, vedrai che passerai anche questa per poi ritrovate il tuo arcobaleno [SM=g6245]
    [SM=g9433]

    Ilaria