tibet, il vaticano se ne frega

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
purolator
00Monday, March 17, 2008 7:33 PM
Invito i lettori a collegarsi con il sito dell'Osservatore Romano (se non vogliono andare a comprare il numero di oggi) per notare come di tutto si parli nella prima pagina TRANNE che del Tibet, evidentemente per non urtare la Cina.
Io amo la Cina e amo il Tibet, trovo intollerabile la repressione della cultura e religione tibetane, trovo intollerabile il silenzio, dopo che il portavoce del Dalai Lama ha espressamente chiesto la solidarietà del Vaticano ( parlo espressamente di Vaticano, e NON di Chiesa o di cristianità): c'è un bell'articolone sulla cultura ellenistica, e benedetta sia, ma non hanno sentito l'urgenza assoluta di dare spazio allo stritolamento dei diritti umani in Tibet??? NON si può rimanare in silenzio.

Per i partiti politici: siamo al 60° anniversario della Costituzione Italiana e anche al 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo Dell'ONU; siamo alle soglie del 50° anniversario dell'esilio del Dalai Lama, o meglio dell'esilio dei tibetani dal loro rappresentante riconosciuto, dai loro diritti, dalla libertà di esprimersi.
Vorrei vedere una presa di posizione forte e chiara.

www.vatican.va/news_services/or/or_quo/065q01.pdf
predestinato74
00Monday, March 17, 2008 9:53 PM
Osservatore Romano
www.vatican.va/news_services/or/or_quo/text.html#12

Avvenire
edicola.avvenire.it/ee/avvenire/default.php?pSetup=avvenire&curDate=200803...

Ovvio comunque, che la santa sede debba usare la massima prudenza visti i delicatissimi rapporti con la Cina che non scherza certo neanche con i cattolici. una mossa falsa potrebbe avere ripercussioni sulla comunità cattolica.
benimussoo
00Tuesday, March 18, 2008 2:04 PM
Re:
purolator, 17/03/2008 19.33:

Invito i lettori a collegarsi con il sito dell'Osservatore Romano (se non vogliono andare a comprare il numero di oggi) per notare come di tutto si parli nella prima pagina TRANNE che del Tibet, evidentemente per non urtare la Cina.
Io amo la Cina e amo il Tibet, trovo intollerabile la repressione della cultura e religione tibetane, trovo intollerabile il silenzio, dopo che il portavoce del Dalai Lama ha espressamente chiesto la solidarietà del Vaticano ( parlo espressamente di Vaticano, e NON di Chiesa o di cristianità): c'è un bell'articolone sulla cultura ellenistica, e benedetta sia, ma non hanno sentito l'urgenza assoluta di dare spazio allo stritolamento dei diritti umani in Tibet??? NON si può rimanare in silenzio.

Per i partiti politici: siamo al 60° anniversario della Costituzione Italiana e anche al 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo Dell'ONU; siamo alle soglie del 50° anniversario dell'esilio del Dalai Lama, o meglio dell'esilio dei tibetani dal loro rappresentante riconosciuto, dai loro diritti, dalla libertà di esprimersi.
Vorrei vedere una presa di posizione forte e chiara.

www.vatican.va/news_services/or/or_quo/065q01.pdf



mi ha anticipato predestinato .. visti i rapporti con le autorità cinesi e l'uccisione anche di alcuni vescovi e fedeli conviene stare calmi e diplomazia , però vado oltre ti chiedo quando i cinesi mettono in galere i cattolici, i monaci buddisti dove sono .. quando ammazzano i Cristiani dove sono ?


purolator
00Tuesday, March 18, 2008 8:21 PM
il dalai lama ha parole di pace per tutti, cattolici compresi.

e cmq non possiamo paragonare la repressione del tibet con i 4 morti cattolici per mano cinese
Justeee
00Wednesday, March 19, 2008 7:36 PM
Re:
purolator, 18/03/2008 20.21:

il dalai lama ha parole di pace per tutti, cattolici compresi.

e cmq non possiamo paragonare la repressione del tibet con i 4 morti cattolici per mano cinese



Dopo le polemiche sul silenzio all'Angelus di domenica, Benedetto XVI interviene sulla repressione cinese in Tibet. Lo ha fatto durante l'udienza generale del mercoledì, invocando "dialogo e tolleranza".

CITTA' DEL VATICANO - Un appello chiaro, senza riferimenti alle parti politiche coinvolte, con una condanna comunque ferma all'uso della violenza. Dopo le polemiche dei giorni scorsi sul silenzio all'Angelus domenicale, Benedetto XVI è intervenuto sulla repressione cinese in Tibet. Lo ha fatto stamani durante l'udienza generale del mercoledì, dedicata alla riflessione sul significato del triduo pasquale. “Seguo con grande trepidazione le notizie, che in questi giorni giungono dal Tibet; - ha detto il papa - il mio cuore di Padre sente tristezza e dolore di fronte alla sofferenza di tante persone. Il mistero della passione e morte di Gesù, che riviviamo in questa Settimana Santa, ci aiuta ad essere particolarmente sensibili alla loro situazione". E ancora: "Con la violenza non si risolvono i problemi, ma solo si aggravano. Vi invito ad unirvi a me nella preghiera. Chiediamo a Dio onnipotente, fonte di luce, che illumini le menti di tutti e dia a ciascuno il coraggio di scegliere la via del dialogo e della tolleranza".

Dal pontefice arriva così una presa di posizione attesa non solo dall'opinione pubblica, ma anche da diversi settori della Chiesa che non avevano compreso il "silenzio" dell'Angelus di domenica. "È ridicolo giustificare il mancato appello pubblico con l’assenza di un Nunzio Apostolico e di fonti ecclesiali - aveva detto il comboniano padre Venanzio Milani, presidente dell’agenzia missionaria Misna -. In Tibet è in atto una strage di persone inermi: Asianews, Misna e le altre agenzie di informazione missionarie lo stanno documentando da giorni. Cattolici o non cattolici, la repressione violenta richiede un intervento papale". In Vaticano avevano ribattuto che il papa ha la "responsabilità di partecipare ai dolori dell’umanità", però l’emergenza Tibet, "è diversa dal caso dell’Iraq". Da parte sua, il segretario generale della Conferenza episcopale italiana, mons. Giuseppe Betori, aveva fornito un’altra interpretazione: "Non possono essere i media a decidere quando il papa deve parlare". "Benedetto XVI - aveva assicurato Betori - troverà i modi e i tempi per intervenire. Non può essere la logica delle comunicazioni a dettarli".

Per il resto, l'udienza generale si è svolta come sempre, anche oggi divisa in due tempi. In un primo momento, nella basilica vaticana, il papa ha incontrato 3500 ragazzi, per la maggior parte dell’Univ, associazione universitaria espressione dell'Opus Dei, riuniti a Roma per il loro forum. Sono studenti universitari provenienti da 28 università italiane e da altre 180 di tutto il mondo, chiamati a riflettere sul tema "Essere, apparire, comunicare: intrattenimento e felicità nella società multimediale". L’obiettivo del Forum UNIV è quello di creare luoghi di studio e dialogo interdisciplinare, per giovani che pensano che gli anni dell’università siano fondamentali per imparare a essere utili agli altri, con spirito di servizio alla società. Una delle attività centrali del Convengo universitario è il Forum di Iniziative sociali, uno spazio dedicato alla presentazione di progetti di interesse sociale, volontariato e solidarietà, tra cui il Progetto Harambee in Africa, il Festival di Documentari sulla immigrazione e l’integrazione sociale, e numerose progetti di volontariato internazionale, realizzati da studenti universitari.

Subito dopo, Benedetto XVI ha pronunciato la sua catechesi centrata sui riti della settimana santa: la messa crismale, la messa in Coena Domini, la liturgia del Venerdì fino alla Veglia del Sabato e alla messa della Domenica. In particolare, il papa ha ricordato le diverse tradizioni di pietà popolare per l’adorazione del giovedì sera, o la via crucis del venerdì. Poi il silenzio del sabato che quanto mai necessario per combattere il male. “Abbiamo così bisogno di un giorno di silenzio nel quale possiamo meditare la realtà della vita umana e della storia umana con tutti i dolori, con tutte le forze del male, la grande forza del bene che è la passione e la resurrezione del Signore”, ha detto il papa. Poi la gioia della Resurrezione e il grande annuncio: la luce e la pace di Cristo raggiungono ogni punto dello spazio e del tempo. Una opportunità per approfondire il senso della nostra vocazione cristiana.

Spiega il papa: “Far memoria del mistero di Cristo significa vivere in profonda adesione all’ oggi della storia. Portiamo dunque nella nostra preghiera la drammaticità di fatti e situazioni che in questi giorni affliggono tanti nostri fratelli in tante parti del mondo. Sappiamo che l’odio, le divisioni e le violenze non hanno mai l’ ultima parola negli eventi della storia . Questi giorni rianimano in noi la grande speranza: Cristo crocefisso è risorto e ha vinto il mondo. L’Amore è più forte dell’odio ha vinto, e dobbiamo associarci a questa vittoria dell’ Amore. Dobbiamo ripartire da Lui e lavorare con Cristo per un mondo fondato sulla pace, sulla giustizia, sull’amore”. Il testo integrale della catechesi

Ultima nota di colore: oggi, si ricorda San Giuseppe, e anche se la festa liturgica è stata celebrata sabato scorso per la coincidenza con la settimana santa, tutti i gruppi linguistici hanno rivolto gli auguri di un buon onomastico al papa.

e va be' soliti discorsi...




benimussoo
00Wednesday, April 9, 2008 10:24 PM
Re:
purolator, 18/03/2008 20.21:

il dalai lama ha parole di pace per tutti, cattolici compresi.

e cmq non possiamo paragonare la repressione del tibet con i 4 morti cattolici per mano cinese




Nove Premi Nobel per la pace guidati dall’arcivescovo Desmond Tutu e dal Dalai Lama hanno chiesto con urgenza al Consiglio di Sicurezza ONU l'embargo delle armi verso la Birmania
Nove Premi Nobel per la pace guidati dall’arcivescovo Desmond Tutu e dal Dalai Lama hanno chiesto con urgenza al Consiglio di Sicurezza ONU e ai governi lunedì di imporre l’embargo delle armi alla giunta militare birmana. In un comunicato congiunto hanno dichiarato:” facciamo appello ai membri del Consiglio di Sicurezza e alla comunità internazionale perché prenda subito l’iniziativa su misure che prevengano la vendita di armi ai militari birmani compreso la proibizione di transazioni finanziarie che riguardano i top leaders birmani, come pure le entità private che sostengono il commercio di armi del governo”.

Oltre all’arcivescovo Desmond Tutu e al Dalai Lama, altri Premi Nobel che hanno firmato sono Shirin Ebadi, Adolfo Perez Esquivel, Mairead Corrigan Maguire, Rigoberta Menchu Tum, Elie Wiesel. BettW e Jody William. Altri premi Nobel firmeranno probabilmente in futuro.

“molte delle armi usate dal regime militare mer mantenere il potere sono state vendute da governi stranieri e questo non + accettabile. Nessuna nazione dovrebbe vendere armi ad un regime che usa le armi contro il proprio popolo.” Afferma il comunicato.
La dichiarazione descrive l’annunciato referendum sulla bozza di costituzione e le elezioni generali come scorretto. E come detto da Tutu, una vergogna.

“l’NLD e le nazionalità etniche birmane devono poter giocare un ruolo inclusivo nella definizione di un accordo negoziato e nella transizione verso la democrazia, “ hanno dichiarato i Premi Nobel.



Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 11:58 AM.
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com