la porta

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
santubaldara
00Wednesday, May 17, 2006 4:01 PM
Una cosa non capisco..e vorrei che qualche "capiscione" ceraiolo me la spiegasse. Va bene la chiusura della Porta (senza distruggere il santo di San Giorgio), ma perchè una volta chiuso e fatta una girata all'interno della Basilica, non si aspettano gli altri Ceri???
Non mi piace il fatto che sant'Ubaldo0 "scaviji"..che senso ha?Il 2000, anno del Cettone capodieci di Sant'Ubaldo, fu meraviglioso vederli girare insieme. E' un tributo al Patrono..alla concordia, alla riconciliazione e al fatto che la festa nasce per Lui (non per smoccolà e piasse a cazzotti.

Una santubaldara che ama Sant'Ubaldo e i Ceri
(osservatore)
00Wednesday, May 17, 2006 5:44 PM
Su questo penso che si possa discutere.

Ma la festa vive anche di momenti che sfuggono ad ogni considerazione.

Questa volta ho visto che hanno portato i ceri di San Giorgio e Sant'Antonio avanti l'urna del santo. Mai visto!!!

Il prossimo anno sarà già ... TRADIZIONE??? [SM=g27825]
basta co' 'sta porta
00Wednesday, May 17, 2006 5:44 PM
Re:

Scritto da: santubaldara 17/05/2006 16.01
Una cosa non capisco..e vorrei che qualche "capiscione" ceraiolo me la spiegasse. Va bene la chiusura della Porta (senza distruggere il santo di San Giorgio), ma perchè una volta chiuso e fatta una girata all'interno della Basilica, non si aspettano gli altri Ceri???



Basta co' 'sta porta!!!!!! Ma la concordia e la riconciliazione vengono con gli inchini dei ceri??? 'N me fa ride!!!
Da decine di anni si cerca di chiudere la porta e si scavia il cero... anche perchè una volta all'interno della Basilica il cero perde la sua funzione catartica di omaggio e offerta e ritorna ad essere poca cosa rispetto al Patrono che è presente in spirito e corpo incorrotto.

A S. Ubaldo vanno tutti gli omaggi... non ai ceri che sono un semplice mezzo per esprimere tale omaggio. Quindi niente inchini e balletti che servono solo alle coreografie televisive e fotografiche... 'mo che sembra che l'ha capito anche Boccucci... lasciamo gì!!

P.S. parecchi sangiorgiari erano intrattabili a fine corsa... n' credo che c'avessero voja de fa' j'inchini...
W S. Ubaldo [SM=g27811]
santubaldara
00Monday, May 22, 2006 4:58 PM
la concordia viene dal rispetto
Caro "basta co sta porta"...funzione catartica?? I ceri perdon o il loro significato quando entrano nella basilica??

ma non me fa ride te, vah!


Eugubino vero
00Tuesday, May 23, 2006 1:21 AM
Ecco la verità
Prima di tutto ci si deve chiedere cos'è la tradizione. In fondo tradizione significa ripetere, ripercorrere un qualcosa che è stato già fatto in precedenza.
Ora, la storia della porta come ci è stata tramandata è fasulla. perchè la porta fino a 60 anni fa veniva chiusa per un motivo banale e molto semplice: Sant'Ubaldo arrivava in Basilica con evidente vantaggio, data la mole di forze superiore rispetto agli altri due ceri, e prima che arrivasse San Giorgio passava molto tempo. Calava il buio e di conseguenza i frati chiudevano il portone. Addirittura, quando non vedevano spuntare il cero del santo guerriero, gli stessi frati (un pò riluttanti, per la verità) andavano incontro allo stesso e nel farlo, naturalmente, chiudevano il portone, in quanto lasciavano incostudito il convento. [SM=g27820]:
Col tempo le cose sono cambaite. Adesso San Giorgio arriva in cima assieme a Sant'Ubaldo e se arriva distaccato è solo perchè a volte (come in questi due ultimi anni) ha avuto un qualche inciampo di troppo lungo gli stradoni. [SM=g27816]
Da sangiorgiaro, ammetto che della porta non me ne importa niente. Per me la corsa finisce in fondo alla scalinata e il solo pensiero che per entrare si debba spaccare il santo e fare a cazzotti con i santubaldari mi dà il volta stomaco. Sarebbe quella la festa? Dove risiederebbo i valori tramabdati dal patrono? [SM=g27814]
Se facciamo diventare i ceri una gara, allora è inutile continuare a parlare di festa. Non credo che S.Ubaldo ci stia guardando compiaciuto da lassù. Se i santubaldari vogliono chiudere il portone, ovvero se la cosa li fa sentire vincitori (e cmq sono pochi quelli a cui ormai importa davvero, e dico per fortuna...), che lo chiudano 10, 100 o 1000 volte.
Per il resto, fare gli inchini assieme significherebbe riunire sotto un'unica entità spirituale e di concordia tutti i ceraioli dopo due ore nelle quali hanno dato il massimo non per se stessi, ma per S.Ubaldo sotto il rispettivo cero. [SM=g27811]

Peccato che 4 deficienti non lo abbiano ancora capito. Vorrei però sapere da loro cosa intendono per festa dei ceri e con quale spirito la vivono. Se di spirito si può parlare... [SM=g27826]
jimmyghione
00Tuesday, May 23, 2006 10:37 AM
Sei davvero un eugubino vero!
Sono completamente d'accordo con te "Eugubino vero". Quest'anno nessuno ne ha parlato e forse le polemiche non ci sono state proprio per questo. Magari qualche bontempone santubaldaro sarà rimasto contento che della porta non se ne parla ma il problema rimane.
Il fatto è che è un problema soprattutto loro. Non dei santubaldari, ma di quei pochi santubaldari che credono davvero che la tradizione sia scaviare il cero prima degli altri. Me verrebbe da chiedeje: ma que avrete vinto? ve darà gusto andà da soli dentro la basilica?
Contenti loro. Io, da santantoniaro, so contento de avè onorato il Patrono nel migliore dei modi, con una corsa che si spera sempre migliore (anche se st'anno c'emo avuto l'inciampo de via XX Settembre, se no aveamo volato alla grande) e sapendo che alla fine, dentro il chiostro, la corsa è finita e rimane la Festa, quella in onore di S.Ubaldo (il Patrono, non il cero).

E poi - Eugubino vero - che me dici de quei fanatici santubaldari che se mettono in posa davanti all'urna del Patrono, quasi che fossero le guardie del corpo o i buttafori? Chi l'ha ingaggiati, il rettore de la Basilica? Se entro dentro la chiesa e fo 'l segno de la croce e me inginocchio, que penseranno che prego ta loro? E considera che enno gli stessi che te parlano de tradizione, de rispetto degli anziani, de valori.
Si, i valori del sangue (che s'hanno da fa controllà).

Si fosse per loro toccherebbe mette 'l podio su la Basilica e incoronà il vincitore: bravi, continuate così...

P.S. Una proposta: perché il prossimo anno quando scappa il cero de Sant'Ubaldo la prima domenica de maggio non lo famo girà da solo? In fondo dovrà scappà come è rientrato l'anno prima...

W S.Antonio
Roberto
00Tuesday, May 23, 2006 11:53 AM
Me sembra che ormai che sta porta ormai è diventata solo un pretesto per insulta'quelli che non la pensano come te. E preciso che intendo sia da una parte che dall'altra.

Da Ceraiolo prima ancora che Santubaldaro, ritengo che la porta sia una componente come le girate o 'l mercato de la corsa che a sua volta, ricordamoce tutti, è la parte che concentra la maggiore passione de la Festa. Quindi non chiudere da parte nostra, o ancora peggio non entrare da parte dei sangiorgiari, equivale a dire "famo il Corso a passo"!!! e tutti quelli che parlano de Cero senza ipocrisie sanno che è così...volenti o nolenti.

Vogliamo discutere se poi si aspetta senza scavja'? parlamone ma una volta deciso il da farsi evitiamo i vergognosi urli e fischi da stadio che anche coi mezzani s'enno visti 'n te'l Chiostro.
Sia che si decida di conservare lo stato attuale oppure tutto il suo contrario.

Per come m'hanno insegnato 'l Cero, x quanto me riguarda una volta finita la corsa io manco lo rialzerei per niente, visto che so arivato e l'omaggio se fa al Patrono DENTRO la Basilica e non ai "PEZZI DI LEGNO" fori 'n tel Chiostro. ricordamoce che il "LEGNO" serve come strumento nell'omaggio e non come edonismo fine a se stesso.

per rispondere a chi dice che c'enno le guardie del corpo su l'altare...ognuno può anche sbagliare qualche atteggiamento ma 'n se po'fa de 'n erba 'n fascio...alora se potrebbe di'che chi vole fa i balletti (vergognosi a mio parere, perchè il Cero corre e non balla)e inchini col Cero 'n tel Chiostro, poi magari manco se degna de entra'a fa'n saluto dentro la Basilica...e se ne vedono tanti credeteme.

Rispondo "cojonando" (e si perchè purtroppo anche la cojonarella pare sta brutto a falla con tutti i discorsi buonisti di questi tempi)l'amico santantoniaro alla sua proposta: è chiaro che 'n idea del genere viene da voialtri, d'altro canto sete proprio quelli che la Festa la fate sempre come ve pare: giratelle da soli,pranzi da soli 'n te la taverna 'nvece che sotto j'arconi coi muratori, si uno 'n è del Cero vostro spesso 'n lo fate entra' su la taverna....

bada bene la mia è solo cojonarella 'n è polemica...ma voleo fa capi' che nessuno è in grado de giudica' quel'altri, ognuno c'ha le sue magagne...

Servirebbe solo ritorna'a fa semplicemente quello che c'è stato tramandato senza dove'pensa de dove'per forza cambia' qualcosa solo pel gusto del "è + bello".

L'ho fatta lunghetta scusate, ma erano semplicemente considerazioni che me sentivo de esprime.

jimmyghione
00Tuesday, May 23, 2006 5:15 PM
Per Roberto
Quando se parla de cero, se finisce per infervorasse un po' tutti. Neanch'io voglio fa polemiche.
Comincio dalla fine. La proposta che ho fatto per la prima domenica de maggio ovviamente è una provocazione. Non me sogno pe la testa de fa una cosa del genere, ma serve per far capire che la Festa - e non solo la corsa - se vive tutti insieme. Non c'enno ceri de serie A e de serie B.
Sul fatto che i Santantoniari ogni tanto se divertono a inventà qualcosa de novo, poi anche avè ragione. Può piacere o non piacere, ma non costringemo nessuno a venicce dietro.
So d'accordo con te che il cero è solo il "legno" cioè il mezzo per fare l'omaggio al Patrono. Ma proprio per questo non capisco perché un legno al momento culminante in cui tutti semo su la Basilica, ha da fa gli affari suoi, e quel'altri due hanno da restà fori da un discorso che non è più la corsa (parlo del chiostro e de lo scavja prima) ma è la parte iniziale dell'omaggio a S.Ubaldo. Il Patrono non è forse il Patrono de tutti quelli che portano il "legno", qualunque esso sia?
Sul fatto che se esagera qualche volta cogli inchini, so d'accordo anche su questo. Ma proprio per questo, se non ce volemo prende in giro: perché a la mostra se fanno (ogni volta che ce se incontra spontaneamente) e alla fine della corsa non andrebbero bene? Su tutto c'è una misura, ed è giusto. Troppi inchini so esagerati. Il buonismo non va confuso con la devozione al Patrono. Quando c'è la corsa è giusto non guardà in faccia a nessuno. Così come so esagerati i fischi o le cose da stadio, così anche il boato da stadio quando se chiude la porta, (che chi chiude il chiavistello pare che ha vinto la coppa dei campioni). Non so cose ceraiole.

Infine te dico la verità: io la cojonarella l'accetto tranquillamente. Forse proprio perché semo gli ultimi, semo quelli che forse l'accettano meglio (certo, qualche volta rode, ma ce sta).
E se devo esse sincero fino in fondo, so contento de come m'hai risposto e de come ce semo confrontati.

A presto
Roberto
00Wednesday, May 24, 2006 12:47 PM
Caro Jimmy...infervorasse sui Ceri è facile quando uno ce l'ha 'n te'l sangue...
da come parli deduco che le tue considerazioni sono tuoi ragionamenti e non parli "per sentito dire" cosa che di questi tempi la fa purtroppo da padrone: troppi ormai si arrogano il diritto di fare e disfare senza neanche averne le "competenze".

Penso che nessuno ritenga che esistano Ceri di serie A e B...semplicemente ognuno se limita a vole'fa quello che ha sempre fatto. Ribadisco che x me nel Chiostro l'omaggio collettivo rimane + per sè stessi che per il Nostro Vecchietto...

Non penso che chi chiude 'l chiavistello se senta campione d'Europa...penso solo che sia la reazione alla riuscita di qualcosa x cui te sei dannato: la potrei tranquillamente paragona'a quando scappi dal Cero e 6 ataccatto ta S.Giorgio...non credo che no zompi o urli. E' come ho detto sempre, parte de la goliardia ceraiola.

Infine te dico che so contento che qualcuno ancora accetta la cojonarella, anche se giustamente rode, perchè a l'interno de la Festa non bisogna mai dimentica de non prendese mai troppo sul serio: altrimenti se rischia che le cose + semplici non vengono + apprezzate. e comunque cojona' uno de 'n altro Cero è sempre e cmq tenello 'n grossa considerazione (sempre che ovviamente è fatta nel pieno rispetto)

basta co' sta porta!
00Wednesday, May 24, 2006 6:08 PM
Re: la concordia viene dal rispetto

Scritto da: santubaldara 22/05/2006 16.58
Caro "basta co sta porta"...funzione catartica?? I ceri perdon o il loro significato quando entrano nella basilica??

ma non me fa ride te, vah!




Cara santubaldara, se non hai capito che effettivamente i ceri perdono il loro significato arrivati a S. Ubaldo... allora non hai capito niente della festa. Eppure hai usato anche il termine "catartico" in maniera appropriata, quindi la cosa mi perplime.

Per rispondere agli altri che hanno seguito la discussione: concordo con quanto detto da Roberto, e in parte (piccola) con le considerazioni di Eugubino vero.

La porta è un falso problema, che ogni anno riemerge per il gusto della dialettica e della coreografia, dimenticando però che i Ceri non sono il Palio della Ranocchia, ma una Festa in onore di un Santo, a cui si rende omaggio in maniera "bizzarra" per chi non è di Gubbio, ma chiara e limpida per gli eugubini: portando il Cero e cercando di correre il più possibile, evitando le cadute (se possibile) e, alla fine, cercando di chiudere la porta (se possibile) per quanto riguarda S. Ubaldo, cercando di non farla chiudere per quanto riguarda S. Giorgio.

S. Antonio fa corsa a se'... e infatti i santantoniari (soprattutto senatori) sono i meno indicati a parlare di concordia con gli altri ceri visto che le iniziative già citate da Roberto non uniscono di certo, casomai "dividono". Vantarsi di avere la taverna "col biglietto" non è una gran cosa... magari se ne possono capire i motivi, ma fa riflettere sull'attuale condizione e ci dovrebbe far capire quanto è peggiorata la Festa in questi ultimi anni nei suoi aspetti collaterali.

Credo, comunque, che i ceraioli di tutti i tre ceri non siano così interessati dalla porta. Non ho mai sentito un sangiorgiaro lamentarsi del fatto che non ha trovato il cero di S. Ubaldo ad aspettarlo nel chiostro... invece se ne lamentano alcune ragazzine di tutti i ceri, alcuni giornalisti (uno, vero Boccucci?) e alcuni capellani dei ceri (uno, vero Don Giuliano?).

=Zela=
00Wednesday, May 24, 2006 7:43 PM
Ta me me vengono i brividi ta 'l sangue quando vedo que la porta che s'archiude e ce piango ogni volta che sbatte, tumultuosa e tremante come se fosse l'ultimo respiro prima de morì.
'N te que l'attimo 'l core me se strigne arvedo 'l nonno,mi nonno, ancora vivo, che va su que la porta proprio perchè tutto dovea funzionà bene,che se dovea chiude e doppo se potea fa festa 'ntorno al Cero e davanti 'l Patrono.
Arvedo que la santa tigna e allo stesso tempo que l'amore che c'avea pei Ceri e per Sant'Ubaldino suo.
Gìa su quando 'n c'avea più le forze per piallo,prima de morì,e 'n c'erano miserie:la porta se dovea chiude e basta, senza tante manfrine senza tante discussioni politicamente corrette.
Mò l'ho detto... ed ogni volta che sento st'ipocrisie de la porta che a d'armanè aperta "perchè sinno to qui...la pace...pe 'l Patrono..." me piano le **** e arpenso da chi adesso è giù 'l Cimitero e che non ce pole più risponde per mandacce affan [SM=g27816] (però la matina dei Ceri gimo tutti giù a onorarli stì nostri ceraioli morti) che tanto amore ha dato ta 'l Cero tai Ceri ta la Festa e ta Sant'Ubaldo che si potea artornà giù solo pe 'n minuto su sta terra,'l nonno,mi nonno, s'armettea to lì vicino ta que la porta per armorì 'n'altra volta vicino a Sant'Ubaldino suo.


Zela
(osservatore)
00Wednesday, May 24, 2006 8:54 PM
Mi sembra che non ci sia molto altro da aggiungere.

La porta va chiusa (San Giorgio permettendo!)
ilbe
00Saturday, May 17, 2008 8:16 PM
e chiudemo
la porta va chiusa. il cero si ricongiunge al Santo patrono nella sua casa.... le feste le famo li le taverne. [SM=g27826] è sempre stato così. la tradizione non si cambia. più che pensa allo scaviamento del cero pensate a quelli degli altri ceri che dicono (sentito con le mie orecchie) che corrono solo per il loro Santo..Ricordo: s.Ubaldo è il Nostrro Patrono e la corsa di tutti e tre i ceri è in suo onore. se nn ve sta bene andate a pesca il 15 maggio
ilbe
00Saturday, May 17, 2008 8:17 PM
...
aggiungo "vilani".
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 2:44 AM.
Copyright © 2000-2022 FFZ srl - www.freeforumzone.com