Vuelta espana 2013

bernacca1
00Monday, September 16, 2013 12:21 PM
Si è conclusa Domenica la Vuelta che ha visto vincere un corridore americano, ex gregario di Amstrong, di quasi 42 anni. Durante la gara ha fatto registrare dei valori di Velocità Ascensionale media (VAM), mai registrati nella storia del ciclismo. Ha praticamente staccato corridori di 10-15 anni più giovani, praticamente è riuscito a fornire prestazioni che in tutta la sua carriera non aveva mai fatto.
Ora viene fuori questa notizia:

Chris Horner non si trova. Potrebbe sembrare un banale scherzo, ma invece è la verità: il fresco vincitore della Vuelta a España 2013 questa mattina avrebbe dovuto subire un controllo antidoping nella sua camera d’albergo, ma, quando i commissari della AEA (Agencia Antidoping Spagnola) sono andati sul luogo non l'hanno trovato.
Il controllo antidoping della agenzia iberica era stato richiesto dalla USADA, l'agenzia statunitense, che da tempo sta seguendo il corridore in attesa che si concludesse la corsa spagnola, durante la quale i controlli sono invece esclusiva dell'UCI. Secondo quanto riportano le agenzie spagnole, il controllo sarebbe stato mirato sul suo livello di ematocrito, da paragonare con i dati presenti nel passaporto biologico.
Purtroppo il corridore della RadioShack - Leopard non si trovava né a casa, né nell'albergo assegnato alla sua squadra (né in un altro in cui sarebbe poi stato cercato), a Madrid. Primi ad essere sorpresi i suoi dirigenti, che spiegano di non sapere dove si trovi l'atleta.


Mi chiedo: ma perchè non l'hanno fermato prima?

P.S.: il secondo in classifica è Vincenzo Nibali al quale sarà assegnato, a posteriori la vittoria.
strega@rossa
00Tuesday, September 17, 2013 1:50 PM
mi sa che aveva la coscienza sporca..............
bernacca1
00Tuesday, September 17, 2013 2:16 PM
E' l'unica cosa che non può rupulirsi. Per il resto ormai si è già ripulito tutto il sangue e tutta l'urina, così, in caso di controllo, non troveranno niente.
strega@rossa
00Tuesday, September 17, 2013 2:19 PM
Re:
bernacca1, 17/09/2013 14:16:

E' l'unica cosa che non può rupulirsi. Per il resto ormai si è già ripulito tutto il sangue e tutta l'urina, così, in caso di controllo, non troveranno niente.




già.............
Il vecchio Gio
00Tuesday, September 17, 2013 3:01 PM
Dite che l'additivo della Shell B-Power si smaltisce così in fretta? [SM=g10337]
uepino
00Tuesday, September 17, 2013 4:05 PM
Re:
Il vecchio Gio, 17/09/2013 15:01:

Dite che l'additivo della Shell B-Power si smaltisce così in fretta? [SM=g10337]




Basta usarne uno supercancellante. [SM=g9664]


La cosa che fa più specie sono i titoli sensazionalistici del 42enne che vince contro dei "fanciulli".

Eppure dubbi sul ciclista erano anche giustificati.

Segnalo sul tema questo articolo di Eugenio Capodacqua su repubblica.it

Il giallo del vincitore della Vuelta che non viene trovato nell’albergo intriga, come la palpitante telenovela che lui avrebbe informato di tutto i controllori, i quali avrebbero secondo i dirigenti della squadra sbagliato albergo. Come la si rigiri, alla resa dei fatti resta che comunque Horner in qualche modo non è stato sottoposto a ”quel” controllo a sorpresa. Ed è solo la ciliegina sulla torta di una vicenda che non finisce di allungare ombre e sospetti. Non stupisce più di tanto chi conosce l’ambiente ciclistico di vertice che è ancora fortemente impregnato di quel “sistema-doping” in cui, come scrive nel suo libroTyler Hamilton (La corsa segreta, ed. Limina) tutti fanno tutto e tutti sanno tutto di tutti. Mogli comprese.
Stupisce (caso mai la parola abbia ancora un significato in questo ambiente dove la vera corsa è al prodotto più potente e meno individuabile ai controlli, come emerge da più testimonianze), invece, la generosità e l’atteggiamento comprensivo degli altri primattori dello scenario ciclistico mondiale. Stupisce, ad esempio che uno come Nibali che da sempre ha avuto posizioni (e affermazioni) chiarissime contro il doping accetti col sorriso sulle labbra che un quasi sconosciuto (alla vigilia) vinca la terza corsa a tappe più importante del mondo, non il circuito della pur bellissima Canicattì. Così, passivamente, senza neppure un dubbio. Nonostante certe evidenze, che non possono certo sfuggire agli addetti ai lavori.Il siciliano è certamente la più bella realtà del ciclismo nostrano e forse anche mondiale. Però tanta generosità lascia un po’ perplessi. Perché sembra inopportuna di questi tempi. Se non sono loro, i protagonisti, gli uomini di vertice che hanno addosso l’attenzione dei media a dare segnali precisi e inequivocabili di rottura con certe omertosità del passato per dare finalmente un briciolo di credibilità a tutto l’ambiente, chi mai lo deve fare? Va bene la cortesia, la prudenza, la comprensione – in fondo sono tutti accomunati dalla stessa sconciante fatica – ma come si può pensare che il ciclismo cambi se tutto passa con un sorriso e un semplice :”Cosa devo dire? Horner è andato fortissimo”? Nibali adesso è una stella del ciclismo mondiale ed avrebbe il dovere di difendere e sostenere il ciclismo che vuole cambiare. Soprattutto perché ha avuto sempre posizioni non equivoche in merito. No può dunque comportarsi come l’ultimo “quaquaraquà” del plotone che pensa solo alla fine del mese e al conto in banca. Un campione che si dica tale ha anche l’obbligo di dare l’esempio. E, se vogliamo andare a fondo, non è certo un buon esempio il fatto che quando ti fanno un bel contratto multimilionario prendi e te ne vai in Svizzera. Per carità, il Canton Ticino è bellissimo, confortevole e molto ben organizzato: scuole, asili nido, servizi e… – ciò che non guasta – anche meno tasse. Dice: la carriera di un atleta dura poco (affermazione poi non tanto reale se a 42 anni si può ancora vincere una Vuelta…) e bisogna monetizzare al massimo. Giusto. Ma quanto può cambiare la vita e il relativo tenore poter gestire – dico a caso – 1,5 milioni di euro l’anno invece di 2? Cifra che un lavoratore comune non riesce comunque a guadagnare in una vita. Che senso civico c’è in tutto questo? Che amore per il proprio paese? Che esempio si dà alle nuove generazioni? Che stimolo al cambiamento? Ah, quanto mi sarebbe piaciuto che Nibali avesse detto: “Bene, guadagno tanto e sto in Italia perché è il mio Paese e il mio Paese ha bisogno di me”.
Ecco, finchè qualcosa non cambierà anche a questi livelli sarà ben difficile che il ciclismo e lo sport in generale esca dalle secche dei sospetti e dello scetticismo. Se non si sente il dovere di fare qualcosa, ciascuno nel suo ambito, vuol dire che questo sport è già morto. Crisi o non crisi. Horner o non Horner.
uepino
00Tuesday, September 17, 2013 4:07 PM
Devo anche aggiungere che se non ci fosse stata la segnalazione di Bernacca non sarei proprio venuto a conoscenza di questi retroscena.
L'informazione italica [SM=g11116]
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 12:16 PM.
Copyright © 2000-2022 FFZ srl - www.freeforumzone.com