Una vetusta sclerata (V.M. 18)

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
mikyy=))
00Sunday, May 20, 2007 2:48 AM
questo è il delirio che mi è stato passato su msn e chiesto di postare qui (dato ke il soggetto non è iscritto!) prendete i pop corn ma attenti ke vi vanno di traverso, che spettacolo di delirio [SM=x970024] [SM=x970024] [SM=x970024] [SM=x970024] [SM=x970024] [SM=x970024]



[dama] ahiii maledetto bastaaaa *lascia completamente la presa e posa la mano a terra vedendo se con le buone lascia la presa dal suo povero e sanguinante dito...altrimenti estrarebbe il suo bel pugnale dalla borsa...*

|Ratto| al gesto della dama, lascia la presa, riuscendo finalmente a raggiungere la meta tanto agognata... Si rannicchia tutto come per voler centrare con maggior precisione quella tana tra le due collinette... Mentre cade, lo sguardo innocente del topino si alza ad osservar il volto della dama, facendogli stranamente l'occhiolino...

[dama] fà un lungo sospiro di esasperazione...altro che XXXXXX, quel ratto è peggio...ridacchia piano della sua sventura mente con un dito accarezza la testolina di quello strano animale quindi dice ironizzando della sua sventura *cosa c'è ratto? tuo moglie ti ha cacciato dalla tana?* ridendo

|Ratto| par essersi incastrato in quei pezzi di formaggiom cerca di smuoversi, ma niente... Sembra che quelle soffici collinette l'abbiano rinchiuso in quella tana... Poi al gesto della donna, squittisce lieve in segno di ringraziamento, conscio che la donna non riuscirà a capirlo, vista la di Lui stupidità...

[dama] fà un'altro sospiro mentre continua ad accarezzare la testolina di quel ratto...quasi quasi ci si è affezzionata *ora te ne vuoi andare per piacere? dovrei andarmente* dice mentre afferra il tavolo per alzarsi...

|Ratto| riesce a capire il verbo dell'umana, anche se non lo parla, riesce ad interpretarlo nella lingua dei rattoidi... Indi vistosamente scuote il capo, cercando di smuoversi per far sì a entrar di più in quella specie di tana, come per dire che ivi è molto morbido e c'è anche molto calore per scaldarlo...

[ratto] oddea...*ridacchia piano sentendo che il topo tenta di entrar di più nella scollatura, con movenze furtive che le fanno il solletico* esci...*si guarda un istante attorno mente inizia a sciogliere un paio di bottoni sul davanti per farlo uscire con la forza [bhahahhahahahahha...]

|Ratto| capisce che in quell'accogliente tana Lui non è affatto desiderato, anche se non capisce il perchè... Indi osserva con occhi lucidi la donna, quasi a volergli dare pena... Le zampine artigliate, si fanno ad incrociare immedesimando un atto di pietà visto fare da altre persone che ha incontrato in diversi luoghi, capendo sempre più che gli umani sono una razza stupida e ignorante...

[dama] pffffffffff *porta una mano sulla bocca trattenendo a stento le risate nel vedere quel piccolo faccino implorante di quel piccolo e tenero topino...*

|Ratto| or sfrega il piccolo musino nel seno di Lei in gesto di tenera carezza, per poi fermarsi.. Gli occhi si socchiudono appena, come se quella parte di collinetta sia adatta per schicciare un sonnellino... Un materasso morbido et caldo un posto perfetto per un topino di dormire...

[dama] lo afferra rapida dietro il collo in modo tale che non possa morderle più fatto ciò si alzerebbe da terra e porrebbe il topino sul tavolo per poi allontanarsi veloce dalla bettola...

|Ratto| non si accorge di esser stato afferrato, ma non appena vien lasciato sul duro et ligneo tavolo, di colpo si sveglia... Vede la donna andarsene via, ma vuol a tutti i costi seguirla nella di Lei dimora, e poi, rimettersi nel comodo et caldo letto... Indi si mette in piedi ( si fà per dire.. ) e come una saetta corre per tutta la lunghezza del tavolo, e arrivato all'orlo, salterà sin a giungere nell'altro tavolo, poi in quello dopo, e in quello dopo ancora. fin quando non sarà appena dietro la dama, cercherà di compiere un salto in diagonale sì da raggiungere le vesti della donna, sperando che non se ne accorga...

[dama] il topolino riesce ad afferrarle la bianca gonna ma nn se ne accorge...con la mancina apre la porta del loco e avanzando di pochi passi verso l'esterno la richiude dietro di sè con un piccolo tonfo pensa fra sé… *stupidi ratti...nghgnhgh* per poi sparire fra i vivoli di Barrington...

|Ratto| nell'udir quel verbo, le iridi del topino vorrebbero divenir color del fuoco... Irato è or l'animale, gli han ferito l'orgoglio dei ratti, tra se e se impreca tutti gli Dei gattidi che gli passan per la testolina, giurando sulla tomba del suo caro et vecchio, oramai defunto bisnonno, grande et venerabile ratto, che tutti i ratto ammiravano come saggio, il capo della sua antica stirpe bla bla bla, VENDETTA!... Le unghie si stringono forti alla veste, proferendo -nella mente in linguaggio umanoide { Gli umani... Hanno il cervello pari alla loro pelliccia... Tutto l'inverso di Noi ratti... Più intelligenti e più riparati dal freddo.. 'txz... } indi, silente, aspetta che arrivino alla sua casa...



[SM=x970080] [SM=x970080] [SM=x970080] [SM=x970080] [SM=x970080] [SM=x970080] [SM=x970080] [SM=x970080] [SM=x970080]
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 5:20 AM.
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com