Tutti i credenti in Cristo vanno in cielo?

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
Pages: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, [8], 9, 10, 11, 12
barnabino
00Friday, July 3, 2020 4:17 PM
Caro Aldo,


Certo, Sion è sempre stato il trono di Dio sulla terra dove sedevano i re di Israele



Anche Gerusalemme per quello è sempre stata la città sulla terra dove c'era il trono di Davide, in Apocalisse diventa una "città" celeste esattamente come il monte di Sion diventa simbolo di un "trono" celeste. Ma mi stai prendendo in giro o cosa? Ancora non rispondi dove in Apocalisse l'Agnello è visto sulla terra.


No caro, Giovanni dice che imparano il canto che proviene dal cielo. Dove averla imparata sicuramente la possono cantare, ma Giovanni parla della fase di comprensione di questo canto



Non direi visto che dice che apprendono e lo cantano davanti al trono sul monte Sion, dove loro si trovano.


Ma Ebrei 12:21 fa riferimento al monte Sinai e al patto che Dio fa con Mosè e il suo popolo



Appunto, per Paolo quel patto è sorpassato, i cristiani unti sono entrati in un nuovo patto (12,24) diventando l'Israele spirituale, appunto i 144.000 che simbolicamente sono le 12 tribù d'Israele. Questo nuovo patto riguarda il regno celeste, poiché questi regneranno in cielo secondo Paolo.


Riscatta tutta l'umanità che accoglie Cristo e per questo sono tutti figlio di Dio e primizie



Non direi che tutti quelli riscattati sono primizie o primogeniti, se ci sono dei figli ci sono anche dei primogeniti, non sono tutti primogeniti. Se c'è una primizie c'è anche una raccolto, non può essere tutto primizie. Gesù parla di "altre pecore", Giovanni parla di una "grande folla" che non regneranno con lui, ma se qualcuno regna e se qualcuno è sacerdote ci devono essere persone che beneficiano del loro governo e del loro sacerdozio, che altrimenti che senso avrebbe?

Shalom
barnabino
00Friday, July 3, 2020 4:22 PM
Caro Aldo,


Ovvio che è una realtà spirituale, che domande fai?
Il colle fisico dove sorge la città di Gerulemme non conta nulla. I 144000 seguono Cristo in senso spirituale sulla terra, dove il monte Sion rappresenta il nuovo patto per la salvezza dell'umanità



E allora cosa ci tiri fuori il colle di Gerusalemme, dato che sei tu che ne hai parlato.... i 144.000 seguono l'Agnello ma non ci hai detto dove in Apocalisse l'Agnello è visto sulla terra, che il "nuovo patto" riguardi il celeste regno di Dio che è lo strumento usato da Cristo per salvare l'umanità e trasformare la terra in un paradiso è quello che insegniamo noi, ma questo non toglie che l'Agnello in Apocalisse è in cielo e non sulla terra.

Oppure dicci un passo in qui l'Agnello è sulla terra... se i 144.000 seguono l'Agnello e l'Agnello è in cielo evidentemente sono con lui in cielo non sulla terra.

Shalom

I-gua
00Friday, July 3, 2020 4:43 PM
Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re:
VVRL, 03.07.2020 15:48:



Quindi Gesù si è sbagliato. Ha detto che chi crede in lui non muore mai, ma poi alla fine è falso perchè tutti sono morti, giusti e ingiusti.
E' così difficile capire che nella Bibbia per morte si intende quella dell'anima e non del corpo?




veramente Gesù non ha detto così.
Questo lo dice VVRLALDO, andanando contro La Parola di Dio.

il falso è VVRLALDO.


Gesù disse a Marta: “Chi esercita fede in me, benché muoia, tornerà in vita; e chiunque vive ed esercita fede in me non morirà mai” (Giovanni 11:25, 26)




benché muoia, tornerà in vita.

chiaramente qui, quando Gesù dice "benché muoia" non intende né morte spirituale, né "morte dell'anima" (che non esiste, siccome significa morte della persona)

se fosse morte spirituale, non c'è risurrezione.
se fosse morte spirituale, non si esercita fede in Gesù


insomma, è così logico e semplice...

ma così Dio ha voluto, le verità le ha rivelate ai bambini e nascoste agli stolti arroganti, agli intellettuali
I-gua
00Friday, July 3, 2020 5:03 PM
il cantor di cedre la vuole dare a bere
come i CANTORI DI CEDRE, così LA MORTE DELL'ANIMA

solo nella fantasia di VVRLALDO



morte dell'anima

Questa espressione non appare nella versione C.E.I..





morte dell'anima

Questa espressione non appare nella versione Nuova Diodati.





morte dell'anima

Questa espressione non appare nella versione Bibbia della Gioia.




morte dell'anima

Questa espressione non appare nella versione Riveduta.





morte dell'anima

Questa espressione non appare nella versione Diodati.



Aquila-58
00Friday, July 3, 2020 5:33 PM
Re: Re: Re: Re:
VVRL, 03/07/2020 15:21:


Guarda che il monte Sion è il colle dove sorge attualmente la città di Gerusalemme sulla terra. Gesù prende il posto che era stato di tutti i re d'Israele. Il re Davide dove dimorava? In cielo su un trono o sulla terra, sul monte Sion? Mah





[SM=g7405]



Ma Gesù ha detto questo:

36 Gesù rispose: “Il mio Regno non fa parte di questo mondo. Se il mio Regno facesse parte di questo mondo, i miei servitori avrebbero combattuto perché non fossi consegnato ai giudei. Ma, di fatto, il mio Regno non è di qui”. (Giovanni 18:36).

Quindi il Regno messianico ha sede qui sulla terra?


[SM=g7405]
Aquila-58
00Friday, July 3, 2020 5:39 PM
Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re:
VVRL, 03/07/2020 15:48:



Quindi Gesù si è sbagliato. Ha detto che chi crede in lui non muore mai, ma poi alla fine è falso perchè tutti sono morti, giusti e ingiusti.
E' così difficile capire che nella Bibbia per morte si intende quella dell'anima e non del corpo?




ma è così difficile da capire che Gesù ha detto di essere la risurrezione e la vita e che se uno crede in lui, benchè muoia, tornerà in vita?
Questa parte del versetto non la consideri?
Ma è così difficile da capire che, come dice 1 Giovanni 3:15, il cristiano ha la vita eterna dimorante in se, ecco perchè Gesù dice quelle parole che tu distorci?
Se uno ha la vita eterna dimorante in se, tornerà a vivere con la risurrezione, perchè Gesù ha detto: "Io sono la risurrezione e la vita"

Mah

Aquila-58
00Friday, July 3, 2020 5:44 PM
Re: Re: Re: Re: Re: Re:
VVRL, 03/07/2020 15:46:


Ovvio che è una realtà spirituale, che domande fai?
Il colle fisico dove sorge la città di Gerulemme non conta nulla. I 144000 seguono Cristo in senso spirituale sulla terra, dove il monte Sion rappresenta il nuovo patto per la salvezza dell'umanità.





ti sbagli!
Il Monte Sion rappresenta la regalità divina, che prima era esercitata mediante il re davidico terreno e ora è esercitata mediante il re massianico celeste eterno, Gesù Cristo.

I 144.000 non lo seguono in senso spirituale, ma ovunque l' Agnello vada e dato che l' Agnello sta in cielo come Re, essi lo seguono in cielo sedendo sul suo trono (Apocalisse 3:21)


barnabino
00Friday, July 3, 2020 6:33 PM


Quindi Gesù si è sbagliato. Ha detto che chi crede in lui non muore mai, ma poi alla fine è falso perchè tutti sono morti, giusti e ingiusti. E' così difficile capire che nella Bibbia per morte si intende quella dell'anima e non del corpo?



Aldo, ancora con questo dualismo da strapazzo? E' tanto difficile da capire che per le Scritture muore la persona di cui anima e corpo non sono altro che aspetti differenti della di una stessa realtà, e dunque muore l'anima e il corpo perché sono aspetti inseparabili?

In quel passo Gesù non sta dicendo che alla morte dal corpo l'anima di un fedele si separa dal corpo e sopravvive disincarnata in qualche luogo in attesa della risurrezione, dice che già da oggi chi è ha fede in Dio non deve subire la seconda morte, la morte eterna, e dunque ha già come al presente la prospettiva della vita eterna.

Shalom
Angelo Serafino53
00Friday, July 3, 2020 6:36 PM
Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re:
VVRL, 03/07/2020 15:48:



Quindi Gesù si è sbagliato. Ha detto che chi crede in lui non muore mai, ma poi alla fine è falso perchè tutti sono morti, giusti e ingiusti.
E' così difficile capire che nella Bibbia per morte si intende quella dell'anima e non del corpo?




VVRL
devi leggere il contesto o perlomeno il versetto prima

tu prendi le parole con le pinzette dal testo

ma lo fai apposta, tu ti diverti, fai pure ,noi stiamo al gioco,

è chi ci legge capisce chi non sa rispondere, e gioca con le parole.



laila74
00Monday, July 6, 2020 12:59 AM
Re: Re: Re: Re: Re:
Aquila-58, 03/07/2020 17:33:




[SM=g7405]



Ma Gesù ha detto questo:

36 Gesù rispose: “Il mio Regno non fa parte di questo mondo. Se il mio Regno facesse parte di questo mondo, i miei servitori avrebbero combattuto perché non fossi consegnato ai giudei. Ma, di fatto, il mio Regno non è di qui”. (Giovanni 18:36).

Quindi il Regno messianico ha sede qui sulla terra?


[SM=g7405]



vedo che conosci anche i passi che avversi.

Se il regno di Gesù non è di questo mondo come pensi di vivere in eterno e in carne e ossa con Gesù su queso mondo?

shalom


laila74
00Monday, July 6, 2020 1:04 AM
Re:
barnabino, 03/07/2020 18:33:



Quindi Gesù si è sbagliato. Ha detto che chi crede in lui non muore mai, ma poi alla fine è falso perchè tutti sono morti, giusti e ingiusti. E' così difficile capire che nella Bibbia per morte si intende quella dell'anima e non del corpo?



Aldo, ancora con questo dualismo da strapazzo? E' tanto difficile da capire che per le Scritture muore la persona di cui anima e corpo non sono altro che aspetti differenti della di una stessa realtà, e dunque muore l'anima e il corpo perché sono aspetti inseparabili?

In quel passo Gesù non sta dicendo che alla morte dal corpo l'anima di un fedele si separa dal corpo e sopravvive disincarnata in qualche luogo in attesa della risurrezione, dice che già da oggi chi è ha fede in Dio non deve subire la seconda morte, la morte eterna, e dunque ha già come al presente la prospettiva della vita eterna.

Shalom





2 CO 5:6 Siamo dunque sempre pieni di fiducia, e sappiamo che mentre abitiamo nel corpo siamo assenti dal Signore 7 (poiché camminiamo per fede e non per visione); 8 ma siamo pieni di fiducia e preferiamo partire dal corpo e abitare con il Signore.

per abitare con il Signore dobbiamo partire dal copro. Ma che significa partire dal corpo?



9 Per questo ci sforziamo di essergli graditi, sia che abitiamo nel corpo, sia che ne partiamo. 10 Noi tutti infatti dobbiamo comparire davanti al tribunale di Cristo, affinché ciascuno riceva la retribuzione di ciò che ha fatto quando era nel corpo, sia in bene sia in male.


quando compariremo davanti al Tribunale di Cristo salmo giudicati per quello che abbiamo fatto quando eravamo nel corpo, cioè vivi e non quando saremo risuscitati.
Oltretutto si ribadisce il concetto chiaro di partire dal corpo.

Ma se il corpo muore, chi è che parte e và ad abitare con il Signore?

shalom
I-gua
00Monday, July 6, 2020 7:18 AM
Re: Re:
laila74, 06.07.2020 01:04:





2 CO 5:6 Siamo dunque sempre pieni di fiducia, e sappiamo che mentre abitiamo nel corpo siamo assenti dal Signore 7 (poiché camminiamo per fede e non per visione); 8 ma siamo pieni di fiducia e preferiamo partire dal corpo e abitare con il Signore.

per abitare con il Signore dobbiamo partire dal copro. Ma che significa partire dal corpo?



9 Per questo ci sforziamo di essergli graditi, sia che abitiamo nel corpo, sia che ne partiamo. 10 Noi tutti infatti dobbiamo comparire davanti al tribunale di Cristo, affinché ciascuno riceva la retribuzione di ciò che ha fatto quando era nel corpo, sia in bene sia in male.


quando compariremo davanti al Tribunale di Cristo salmo giudicati per quello che abbiamo fatto quando eravamo nel corpo, cioè vivi e non quando saremo risuscitati.
Oltretutto si ribadisce il concetto chiaro di partire dal corpo.

Ma se il corpo muore, chi è che parte e và ad abitare con il Signore?

shalom




Caro Laila

La domanda è oziosa e fallace.

Chiediti piuttosto a chi si indirizza Paolo e per chi valgono le sue parole, è scritto:



1 Paolo, chiamato a essere apostolo+ di Cristo Gesù per volontà di Dio, e nostro fratello Sòstene 2 alla congregazione di Dio che è a Corinto,+ a voi che siete stati santificati come discepoli di Cristo Gesù,*+ chiamati a essere santi, insieme a tutti quelli che in ogni luogo invocano il nome del nostro Signore Gesù Cristo,+ Signore loro e nostro.
3 Possiate avere immeritata bontà* e pace da Dio nostro Padre e dal Signore Gesù Cristo.




Quindi paolo si indirizza ai santi, gli unti, i fratelli spirituali di Cristo:


La loro speranza. In una visione analoga Daniele vide una bestia selvaggia che faceva guerra ai santi di Dio; a ciò faceva seguito la scena di un tribunale in cui “l’Antico di Giorni” emette un giudizio a favore dei santi ed essi ricevono un Regno di durata indefinita, “il regno e il dominio e la grandezza dei regni sotto tutti i cieli”. — Da 7:21, 22, 27.Questi “santi” non esercitano la sovranità mentre sono sulla terra, ma devono attendere di essere uniti con Cristo nei cieli. (Ef 1:18-21) Devono prima essere ‘vincitori’. (Ri 3:21; cfr. Ri 2:26, 27; 3:5, 12). Devono essere sacerdoti e regnare con Cristo durante il suo Regno millenario. (Ri 20:4, 6) L’apostolo Paolo afferma che i santi giudicheranno il mondo, e persino gli angeli, evidentemente prendendo parte all’esecuzione del giudizio su quelli malvagi. — 1Co 6:2, 3; Ri 2:26, 27



Gli unti come Re e Sacerdoti con Cristo hanno la speranza celeste, tra questi quelli della congregazione di Corinto ai quali Paolo si indirizza nella lettera che citi.

C’est simple.


Leggere tutto dall’inizio, ragionare e contestualizzare. Ma per avere intendimento , occorre pregare YHWH IAH GEOVA, il solo Dio.


[SM=g1871112]
(SimonLeBon)
00Monday, July 6, 2020 8:19 AM
Re: Re:
laila74, 7/6/2020 1:04 AM:

...

quando compariremo davanti al Tribunale di Cristo salmo giudicati per quello che abbiamo fatto quando eravamo nel corpo, cioè vivi e non quando saremo risuscitati.
Oltretutto si ribadisce il concetto chiaro di partire dal corpo.

Ma se il corpo muore, chi è che parte e và ad abitare con il Signore?

shalom



Caro Laila,

queste cose le hai già dette e ti abbiamo già risposto che tu ignori le promesse, scritte, di Dio.
Se tu scegli di ignorarle non possiamo farci nulla, è un tuo problema.

Simon
Aquila-58
00Monday, July 6, 2020 9:05 AM
Re: Re:
laila74, 06/07/2020 00:59:



vedo che conosci anche i passi che avversi.

Se il regno di Gesù non è di questo mondo come pensi di vivere in eterno e in carne e ossa con Gesù su queso mondo?

shalom





Laila, mettiti una manina sulla coscienza.
Quante volte te l' ho spiegato?
Un' infinità di volte, quindi non vado a ripetere: rileggi le mie risposte che ti ho dato ampiamente in passato....Paganini non ripete



e ora passiamo qui...


laila74, 06/07/2020 01:04:





2 CO 5:6 Siamo dunque sempre pieni di fiducia, e sappiamo che mentre abitiamo nel corpo siamo assenti dal Signore 7 (poiché camminiamo per fede e non per visione); 8 ma siamo pieni di fiducia e preferiamo partire dal corpo e abitare con il Signore.

per abitare con il Signore dobbiamo partire dal copro. Ma che significa partire dal corpo?



9 Per questo ci sforziamo di essergli graditi, sia che abitiamo nel corpo, sia che ne partiamo. 10 Noi tutti infatti dobbiamo comparire davanti al tribunale di Cristo, affinché ciascuno riceva la retribuzione di ciò che ha fatto quando era nel corpo, sia in bene sia in male.


quando compariremo davanti al Tribunale di Cristo salmo giudicati per quello che abbiamo fatto quando eravamo nel corpo, cioè vivi e non quando saremo risuscitati.
Oltretutto si ribadisce il concetto chiaro di partire dal corpo.

Ma se il corpo muore, chi è che parte e và ad abitare con il Signore?

shalom




2 Corinti 5:1 spiega benissimo il tutto.

Paolo contrappone la “casa terrena”, paragonata ad una tenda, cioè il corpo psichico, fisico ad una “casa eterna nei cieli”, il corpo pneumatico, spirituale.

Il testo greco, alla lettera, afferma:

Sappiamo infatti che qualora la terrestre di noi casa di tenda sia distrutta, un edificio da Dio abbiamo, una casa non fatta da mani d' uomo, eterna nei cieli"

Qui abbiamo il verbo greco katalyo che, secondo il Dizionario Esegetico del Nuovo Testamento, significa “disciogliere, disgregare, distruggere, abrogare, abolire”.

Lo stesso Dizionario Esegetico del Nuovo Testamento, a proposito del passo paolino, afferma che qui si ha il significato di “smontare, disfare, demolire la nostra abitazione terrena, il corpo”.

Pertanto, la casa terrena, che Paolo paragona ad una tenda (2 Corinti 5:4), viene disciolta (la particella lyo indica lo sciogliersi di qualcosa, in questo caso della tenda terrena, il corpo psichico, terreno, fisico, confronta 1 Cor. 15:44), demolita, distrutta, disfatta.

Questo ci consente di avere un quadro chiaro dei versetti 6-9.

Infatti, nel testo greco, in 2 Corinti 5:6-9, leggiamo, alla lettera:

Avendo dunque sempre coraggio e sapendo che dimorando nel corpo siamo lontani dal Signore, per fede infatti camminiamo, non per visione, abbiamo poi coraggio e ci compiaciamo di più di essere lontani dal corpo [la casa terrena, il corpo fisico, 2 Corinti 5:1] e di dimorare presso il Signore [nella casa non fatta con mani, il corpo pneumatico, spirituale, 2 Corinti 5:1]. Perciò anche ci sforziamo, sia dimorando che essendo lontani di essere graditi a lui “ .

Anche qui nessuna “anima spirituale” che si separa dal corpo, stando all’ intero contesto… facile no?

Saranno perciò ripagati in base a ciò che hanno fatto con il corpo, la tenda terrena, il corpo fisico..


Ciao



laila74
00Monday, July 6, 2020 10:53 PM
Re: Re: Re:
I-gua, 06/07/2020 07:18:




Caro Laila

La domanda è oziosa e fallace.

Chiediti piuttosto a chi si indirizza Paolo e per chi valgono le sue parole, è scritto:



1 Paolo, chiamato a essere apostolo+ di Cristo Gesù per volontà di Dio, e nostro fratello Sòstene 2 alla congregazione di Dio che è a Corinto,+ a voi che siete stati santificati come discepoli di Cristo Gesù,*+ chiamati a essere santi, insieme a tutti quelli che in ogni luogo invocano il nome del nostro Signore Gesù Cristo,+ Signore loro e nostro.
3 Possiate avere immeritata bontà* e pace da Dio nostro Padre e dal Signore Gesù Cristo.




Quindi paolo si indirizza ai santi, gli unti, i fratelli spirituali di Cristo:


La loro speranza. In una visione analoga Daniele vide una bestia selvaggia che faceva guerra ai santi di Dio; a ciò faceva seguito la scena di un tribunale in cui “l’Antico di Giorni” emette un giudizio a favore dei santi ed essi ricevono un Regno di durata indefinita, “il regno e il dominio e la grandezza dei regni sotto tutti i cieli”. — Da 7:21, 22, 27.Questi “santi” non esercitano la sovranità mentre sono sulla terra, ma devono attendere di essere uniti con Cristo nei cieli. (Ef 1:18-21) Devono prima essere ‘vincitori’. (Ri 3:21; cfr. Ri 2:26, 27; 3:5, 12). Devono essere sacerdoti e regnare con Cristo durante il suo Regno millenario. (Ri 20:4, 6) L’apostolo Paolo afferma che i santi giudicheranno il mondo, e persino gli angeli, evidentemente prendendo parte all’esecuzione del giudizio su quelli malvagi. — 1Co 6:2, 3; Ri 2:26, 27



Gli unti come Re e Sacerdoti con Cristo hanno la speranza celeste, tra questi quelli della congregazione di Corinto ai quali Paolo si indirizza nella lettera che citi.

C’est simple.


Leggere tutto dall’inizio, ragionare e contestualizzare. Ma per avere intendimento , occorre pregare YHWH IAH GEOVA, il solo Dio.


[SM=g1871112]




so benissimo che Paolo si rivolgeva ai correnti.
Ma cosa c'entra con la mia domanda.

La domanda è come si fà a partire dal corpo che muore e non chi parte.

shalom

P.S. leggi, comprendi e rispondi se hai la risposta biblica
laila74
00Monday, July 6, 2020 10:56 PM
Re: Re: Re:
(SimonLeBon), 06/07/2020 08:19:



Caro Laila,

queste cose le hai già dette e ti abbiamo già risposto che tu ignori le promesse, scritte, di Dio.
Se tu scegli di ignorarle non possiamo farci nulla, è un tuo problema.

Simon




questi passi ancora non ve li ho messi di fronte quindi non mi hai risposto.
Se vuoi vai a rileggere.

Ritengo che siete voi ad ignorarli anche se mi aspettavo la parolina magica come risposta "Platone" & C.

shalom
laila74
00Monday, July 6, 2020 10:58 PM
Re: Re: Re:
Aquila-58, 06/07/2020 09:05:



Laila, mettiti una manina sulla coscienza.
Quante volte te l' ho spiegato?





quando ho provato a dire che ho spiegato io dei passi sono stato accusato di arroganza.

Ma vedo che per te (voi) non lo è.

Dovremmo rimanere nel concetto che esprimiamo il nostro convincimento e non che spieghiamo le scritture.
Uno solo è il nostro Maestro, Gesù.

shalom
(SimonLeBon)
00Monday, July 6, 2020 11:06 PM
Re: Re: Re: Re:
laila74, 7/6/2020 10:56 PM:




questi passi ancora non ve li ho messi di fronte quindi non mi hai risposto.
Se vuoi vai a rileggere.

Ritengo che siete voi ad ignorarli anche se mi aspettavo la parolina magica come risposta "Platone" & C.

shalom



Caro Laila,

basta leggere le lettere ai corinti (come tutte le altre lettere) dal principio, cioè dove Paolo indica il destinatario della lettera e li saluta:

1 Co 1,1 Paolo, chiamato ad essere apostolo di Gesù Cristo per volontà di Dio, e il fratello Sòstene, 2 alla Chiesa di Dio che è in Corinto, a coloro che sono stati santificati in Cristo Gesù, chiamati ad essere santi insieme a tutti quelli che in ogni luogo invocano il nome del Signore nostro Gesù Cristo, Signore nostro e loro: 3 grazia a voi e pace da Dio Padre nostro e dal Signore Gesù Cristo.

e

2 Co 1,1 1 Paolo, apostolo di Gesù Cristo per volontà di Dio, e il fratello Timòteo, alla chiesa di Dio che è in Corinto e a tutti i santi dell'intera Acaia: 2 grazia a voi e pace da Dio Padre nostro e dal Signore Gesù Cristo.

I santi, destinatari delle lettere, avevano quella speranza, la speranza celeste.

Simon
(SimonLeBon)
00Monday, July 6, 2020 11:07 PM
Re:
laila74, 7/6/2020 10:58 PM:




quando ho provato a dire che ho spiegato io dei passi sono stato accusato di arroganza.

Ma vedo che per te (voi) non lo è.

Dovremmo rimanere nel concetto che esprimiamo il nostro convincimento e non che spieghiamo le scritture.
Uno solo è il nostro Maestro, Gesù.

shalom



Piu' che altro sei un "disco rotto", soprattutto quando non vuoi accettare le scritture, altrettanto ispirate e valide, che parlano di cose a cui tu non credi.


Simon
laila74
00Monday, July 6, 2020 11:09 PM
Re: Re: Re:
Aquila-58, 06/07/2020 09:05:




2 Corinti 5:1 spiega benissimo il tutto.

Paolo contrappone la “casa terrena”, paragonata ad una tenda, cioè il corpo psichico, fisico ad una “casa eterna nei cieli”, il corpo pneumatico, spirituale.

Il testo greco, alla lettera, afferma:

Sappiamo infatti che qualora la terrestre di noi casa di tenda sia distrutta, un edificio da Dio abbiamo, una casa non fatta da mani d' uomo, eterna nei cieli"

Qui abbiamo il verbo greco katalyo che, secondo il Dizionario Esegetico del Nuovo Testamento, significa “disciogliere, disgregare, distruggere, abrogare, abolire”.

Lo stesso Dizionario Esegetico del Nuovo Testamento, a proposito del passo paolino, afferma che qui si ha il significato di “smontare, disfare, demolire la nostra abitazione terrena, il corpo”.

Pertanto, la casa terrena, che Paolo paragona ad una tenda (2 Corinti 5:4), viene disciolta (la particella lyo indica lo sciogliersi di qualcosa, in questo caso della tenda terrena, il corpo psichico, terreno, fisico, confronta 1 Cor. 15:44), demolita, distrutta, disfatta.



tutto giusto, la casa terrena, il nostro corpo viene disfatto distrutto.

Allora cosa è che parte e va ad abitare in una casa spirituale fatta da Dio?



Questo ci consente di avere un quadro chiaro dei versetti 6-9.

Infatti, nel testo greco, in 2 Corinti 5:6-9, leggiamo, alla lettera:

Avendo dunque sempre coraggio e sapendo che dimorando nel corpo siamo lontani dal Signore, per fede infatti camminiamo, non per visione, abbiamo poi coraggio e ci compiaciamo di più di essere lontani dal corpo [la casa terrena, il corpo fisico, 2 Corinti 5:1] e di dimorare presso il Signore [nella casa non fatta con mani, il corpo pneumatico, spirituale, 2 Corinti 5:1]. Perciò anche ci sforziamo, sia dimorando che essendo lontani di essere graditi a lui “ .

Anche qui nessuna “anima spirituale” che si separa dal corpo, stando all’ intero contesto… facile no?

Saranno perciò ripagati in base a ciò che hanno fatto con il corpo, la tenda terrena, il corpo fisico..
Ciao



Paolo continua dicendo che quando siamo nel corpo (in questo corpo fisico) siamo lontani dal Signore.
Se con il corpo fisico siamo lontani come potremmo vivere con il corpo fisico insieme al Signore?

Dici tu "nessuna anima spirituale che si separa dal corpo."

Ma Paolo dice esattamente l'opposto.
Parli di contesto, ed appunto il contesto da torto alla tua esegesi.

Con quale corpo abiteremo presso il Signore?



shalom
laila74
00Monday, July 6, 2020 11:12 PM
Re: Re: Re: Re: Re:
(SimonLeBon), 06/07/2020 23:06:



Caro Laila,

basta leggere le lettere ai corinti (come tutte le altre lettere) dal principio, cioè dove Paolo indica il destinatario della lettera e li saluta:

1 Co 1,1 Paolo, chiamato ad essere apostolo di Gesù Cristo per volontà di Dio, e il fratello Sòstene, 2 alla Chiesa di Dio che è in Corinto, a coloro che sono stati santificati in Cristo Gesù, chiamati ad essere santi insieme a tutti quelli che in ogni luogo invocano il nome del Signore nostro Gesù Cristo, Signore nostro e loro: 3 grazia a voi e pace da Dio Padre nostro e dal Signore Gesù Cristo.

e

2 Co 1,1 1 Paolo, apostolo di Gesù Cristo per volontà di Dio, e il fratello Timòteo, alla chiesa di Dio che è in Corinto e a tutti i santi dell'intera Acaia: 2 grazia a voi e pace da Dio Padre nostro e dal Signore Gesù Cristo.

I santi, destinatari delle lettere, avevano quella speranza, la speranza celeste.

Simon




sono d'accordo che è destinata ai corinti.
Il problema esegetico non è a chi è rivolta bensì come si materializza la separazione del corpo che viene disfatto il corpo che aspira alla vocazione celeste.

Poi entriamo in un altro tema, dove leggi che la speranza celeste è riservata a pochi e non a tutti i santi.

shalom
laila74
00Monday, July 6, 2020 11:13 PM
Re: Re:
(SimonLeBon), 06/07/2020 23:07:



Piu' che altro sei un "disco rotto", soprattutto quando non vuoi accettare le scritture, altrettanto ispirate e valide, che parlano di cose a cui tu non credi.


Simon



e quali sarebbero le scritture disattese da me visto che non ho dottrine da seguire?


citami qualche passo che secondo te non accetto.


shalom


P.S. ancora co sto disco rotto. Voglio ricordarti che i dischi non si usano più da parecchio, casomai un pennino rotto
Aquila-58
00Tuesday, July 7, 2020 8:16 AM
Re: Re: Re: Re:
laila74, 06/07/2020 23:09:



Paolo continua dicendo che quando siamo nel corpo (in questo corpo fisico) siamo lontani dal Signore.
Se con il corpo fisico siamo lontani come potremmo vivere con il corpo fisico insieme al Signore?

Dici tu "nessuna anima spirituale che si separa dal corpo."

Ma Paolo dice esattamente l'opposto.
Parli di contesto, ed appunto il contesto da torto alla tua esegesi.

Con quale corpo abiteremo presso il Signore?



shalom




Laila, è tutto molto semplice.
Ora ti faccio vedere che il testo greco da torto a te, non a me (ma non è una novità...)


Tu dici: "con quale corpo abiteremo presso il Signore"?

Ti rispondo con la Bibbia

2 Corinti 5:1-10, testo greco tradotto alla lettera (salto i versetti 5 e 7 che in questo contesto poco ci interessano)


1) Sappiamo infatti che qualora la terrestre di noi casa di tenda sia distrutta edificio da Dio abbiamo, (una) casa non fatta da mani d’ uomo eterna nei cieli

Fermiamoci qui: vedi che Paolo parla della nostra casa terrestre, la tenda. Che cos' è? E' il corpo fisico. Ma non dice che in cielo saranno con un' "anima spirituale" ma con un "edificio da Dio, una casa non fatta con mani d' uomo". Il corpo spirituale, quindi


Vedi che sia per il corpo fisico che per quello spirituale, celeste, viene usato lo stesso sostantivo, "oikos", "casa"

Ma andiamo avanti

2) e infatti in questa (tenda) sospiriamo l’ abitazione di noi quella dal cielo desideranti di rivestire

Paolo parla di rivestire l' abitazione celeste, non di partire con un' anima immortale e andarsene in cielo


3) se pur anche spogliati non nudi saremo trovati


Non saranno trovati nudi proprio perché avranno rivestito la casa celeste, l' edificio da Dio abbiamo, (una) casa non fatta da mani d’ uomo eterna nei cieli (2 Corinti 5:1), il corpo spirituale



4) e infatti gli essenti nella tenda sospiriamo essendo aggravati perciò non vogliamo essere spogliati ma sopravestiti affinchè il mortale sia inghiottito dalla vita………


Qui abbiamo il verbo katapinotracannare, ingoiare, inghiottire, divorare” DENT I , pagina 1955. La tenda terrena, cioè il corpo fisico, viene distrutto, non assorbito…
Infatti in 2 Corinti 5:1 troviamo il verbo katalyo, “distruggere, disgregare, discogliere, abolire, abrogare", DENT I, pagina 1948.

Andiamo avanti

6) Avendo sempre coraggio dunque e sapendo che dimorando nel corpo siamo lontani dal Signore…….8) abbiamo poi coraggio e ci compiaciamo di più di essere lontani dal corpo e di dimorare presso il Signore 9) perciò anche ci sforziamo sia dimorando che essendo lontani di essere a lui graditi 10) infatti tutti noi bisogna comparire davanti al Tribunale di Cristo affinchè riceva ciascuno le cose per mezzo del corpo per ciò che ha operato, sia in bene che in male


Qui per "essere lontani dal corpo" troviamo il verbo ekdemeoessere lontano, andare in esilio

da dove? Te lo ha spiegato Paolo, dalla casa terrestre, il corpo fisico, perché attende l' edificio da Dio, la casa non fatta con mani d' uomo, ergo il corpo spirituale.


Ripeto il testo greco tradotto alla lettera di 2 Corinti 5:1

1) Sappiamo infatti che qualora la terrestre di noi casa di tenda sia distrutta edificio da Dio abbiamo, (una) casa non fatta da mani d’ uomo eterna nei cieli

Quindi dov' è che il contesto mi darebbe torto, nei tuoi sogni?

Quindi, se ti interessa, la verità è questa. Se poi a te la verità non interessa, tieniti pure il tuo errore, che posso farci?




Ciao


I-gua
00Tuesday, July 7, 2020 8:24 AM
Re: Re: Re: Re: Re:
(SimonLeBon), 06.07.2020 23:06:



Caro Laila,

basta leggere le lettere ai corinti (come tutte le altre lettere) dal principio, cioè dove Paolo indica il destinatario della lettera e li saluta:

1 Co 1,1 Paolo, chiamato ad essere apostolo di Gesù Cristo per volontà di Dio, e il fratello Sòstene, 2 alla Chiesa di Dio che è in Corinto, a coloro che sono stati santificati in Cristo Gesù, chiamati ad essere santi insieme a tutti quelli che in ogni luogo invocano il nome del Signore nostro Gesù Cristo, Signore nostro e loro: 3 grazia a voi e pace da Dio Padre nostro e dal Signore Gesù Cristo.

e

2 Co 1,1 1 Paolo, apostolo di Gesù Cristo per volontà di Dio, e il fratello Timòteo, alla chiesa di Dio che è in Corinto e a tutti i santi dell'intera Acaia: 2 grazia a voi e pace da Dio Padre nostro e dal Signore Gesù Cristo.

I santi, destinatari delle lettere, avevano quella speranza, la speranza celeste.

Simon




non è che se ripeti tu, caro Simon, la speranza che Laila intenda aumenta...

però... provar non nuoce

Aquila-58
00Tuesday, July 7, 2020 8:27 AM
Re: Re: Re: Re: Re: Re:
I-gua, 07/07/2020 08:24:




non è che se ripeti tu, caro Simon, la speranza che Laila intenda aumenta...

però... provar non nuoce





Speriamo che Laila intenda, speriamo..


I-gua
00Tuesday, July 7, 2020 8:28 AM
Re: Re: Re:
laila74, 06.07.2020 23:13:



e quali sarebbero le scritture disattese da me visto che non ho dottrine da seguire?


citami qualche passo che secondo te non accetto.


shalom


P.S. ancora co sto disco rotto. Voglio ricordarti che i dischi non si usano più da parecchio, casomai un pennino rotto




se non quî, nell'altro 3D

tanto oramai sono tutti uguali

perché ritorni sui tuoi dogmi antiscritturali senza voler accettare le Scritture:


I-gua, 05.07.2020 14:04:

Proprio così Laila!

Occorre tenere conto del l’insieme dei versi biblici per comprendere il piano divino per l’umanità.


“I giusti erediteranno la terra e vi abiteranno per sempre” (Salmo 37:29).


“[Dio] stabilì la terra sulle sue fondamenta: mai e poi mai sarà smossa” (Salmo 104:5)

.
“La terra rimane per sempre” (Ecclesiaste 1:4).


“Colui che ha formato la terra, che l’ha fatta e l’ha stabilita solidamente, [...] non l’ha creata senza scopo, ma l’ha formata perché sia abitata” (Isaia 45:18).




Aquila-58
00Tuesday, July 7, 2020 8:34 AM


Igua, lasciamo che risponda al mio post n. 233 su 2 Corinti 5, non mettiamo troppa carne al fuoco e non torniamo per cortesia a cose di cui abbiamo già parlato e spiegato ampiamente.

Grazie Igua e scusa.





barnabino
00Tuesday, July 7, 2020 11:14 AM
2 Corinti 5 parla della risurrezione come 1 Corinti 15, non ci sono grandi novità, la speranza è la risurrezione. Per il resto ne abbiamo lungamente parlato e non vedo nuovi argomenti se non negare la speranza dei profeti.

Shalom
dom@
00Tuesday, July 7, 2020 12:41 PM
Re: Re: Re:
laila74, 7/6/2020 11:13 PM:



e quali sarebbero le scritture disattese da me visto che non ho dottrine da seguire?


citami qualche passo che secondo te non accetto.


shalom


P.S. ancora co sto disco rotto. Voglio ricordarti che i dischi non si usano più da parecchio, casomai un pennino rotto



Una persona Che vuole andare in Cielo . Deve sapere il motivo perche vuole andare in Cielo .
Io domando e Che vai affare in cielo ?
SE non sa la risposta.
""E' Un Sognatore Cristianuccio ""
:)
(SimonLeBon)
00Tuesday, July 7, 2020 1:10 PM
Re:
laila74, 7/6/2020 11:12 PM:




sono d'accordo che è destinata ai corinti.
Il problema esegetico non è a chi è rivolta bensì come si materializza la separazione del corpo che viene disfatto il corpo che aspira alla vocazione celeste.

Poi entriamo in un altro tema, dove leggi che la speranza celeste è riservata a pochi e non a tutti i santi.

shalom



Caro Laila,

il problema non è nostro, ma di Dio. Lui non parla di separazione, ma di mutazione: non si hanno un corpo carnale e uno spirituale contemporaneamente, ma solo l'uno o l'altro.

La speranza celeste è riservata a tutti i santi, ma non tutti sono santi, quindi non tutti vanno in cielo.
Moltissimi altri, che non sono "chiamati a essere santi", non andranno in cielo, proprio per quel motivo.

Simon
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 1:02 AM.
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com