Stralci di interviste a LUCIO BATTISTI

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
Carlo Agunzo
00Saturday, January 4, 2003 2:12 PM
Un saluto a tutti coloro che frequentano il forum di Lucio.Vi faccio un augurio di buon anno a tutti.Ho alcune interviste che non sono presenti nell'ultimo libro di "Battisti Talk"II°edizione.Vi presento alcuni punti piu importanti:

I°Intervista - "UN INCONTRO IN ASCENSORE":Mi bastò una frazione di secondo per riconoscerlo:Era LUCIO BATTISTI.<>,gli chiesi io:non gli davo del tu perche era la prima volta che mi capitava di incontrarmi con lui.
L.B.<>,mi disse lui con un largo sorriso.
<>
L.B.<>
<>
L.B.<>
<>
L.B.<>
<evi dirmi tutto>>
L.B.<
Anno dell'intervista:1970

II°Intervista.Tratta dall'"Intrepido"

Che effetto ti fa essere Battisti,il grande Battisti?
L.B. Un bell'effetto,ma niente di trascendentale.
E vera la storia che tuo padre ti ruppe in testa la prima chitarra?
L.B. No,quela e stata una storia inventata da qualcuno di poc fantasia.In effetti mio padre la ruppe ma in tutto altro modo.Una sera non volendo,andò a finire con i piedi sulla mia chitarra;ma egli stesso se ne rammaricò.
Quando hai sentito l'esigenza di scrivere canzoni?
L.B. Non direi esigenza.Ho cominciato a scrivere canzoni perche suonare bene la chitarra non mi bastava piu.Si e trattato piuttosto del superamento di un obiettivo.Oltre che suonare,che potevo fare?Comporre canzoni e l'ho fatto.
Tu che sei il tipo che sta attento a tante cose,sai dirci i valori essenziali della tua vita?Il successo,l'amore,l'amicizia?
L.B.L'amore secondo me,e la cosa piu importante.Io rinuncerei al successo per amore,ma per adesso li ho tutti e due e quindi e meglio.
Secondo te cos'e più importante in una canzone:La musica o le parole?
L.B. La musica.In fondo la vera canzone e la musica.Le parole sono una volgarizzazione della musica,una spiegazione di cosa vuol dire il musicista.

III°Intervista Tratta da "Oggi" che viene riportata sul libro Battisti talk ma no in versione integrale.
La futura suocera di Battisti la mamma di Grazia Letizia Veronesi,è un altro personaggio molto vicino al cantautore,piùdi quanto non si pensi.Ed e proprio da lei che raccogliamo altre confidenze sul cantante e sulla sua fidanzata.
Le piace Lucio nella parte di genero?
-Non ho mai sindacato sulle scelte dei miei figli.
Come giudica Battisti?
-Mi piace il suo stile personale,la sua voce cosi caratteristica.Lo preferivo con i capelli lunghi.Ora che li ha accorciati,e diventato un ragazzo comune,come tanti altri.E appassionato del suo lavoro ma non e cattivo e villano.Ha la testa fra le nuvole.Butta li le parole all'improvviso senza pensarci non ama fare discorsi completi.A volte si parla,si discute.Lui sembri che ascolti,ma se lo costringiamo a parlare risponde a vanvera.Facendo chiaramente capire che la sua mente e altrove.
Data dell'intervista:3Maggio 1971
raffy44gatti
00Saturday, January 4, 2003 2:35 PM
Re: Molto interessante!

Scritto da: Carlo Agunzo 04/01/2003 14.12
Un saluto a tutti coloro che frequentano il forum di Lucio.Vi faccio un augurio di buon anno a tutti.Ho alcune interviste che non sono presenti nell'ultimo libro di "Battisti Talk"II°edizione.Vi presento alcuni punti piu importanti:




Grazie per queste chicche ma si può sapere dove le scovi?[SM=g27777]

Interessante quella in cui finalmente Lucio sfata la leggenda metropolitana della chitarra di papà Alfiero spaccata in testa.
Ecchecavolo diciamole giuste 'ste cose...se fossero stati i giorni nostri qualcuno averebbe chiamato il telefono azzurro!

Raffaella


Raimondo
00Sunday, January 5, 2003 12:07 AM
Molto interessante
~\\
00Monday, January 6, 2003 1:30 AM
Interviste
Sì, molto interessanti, ma confesso che della prima non ci ho capito un .. "<>" mentre trovo piuttosto inverosimile l'ultima parte della terza intervista ... destrezza giornalistica o pura invenzione .. giornalistica?

Vito
raffy44gatti
00Monday, January 6, 2003 11:15 AM
Re: Interviste

Scritto da: ~\\ 06/01/2003 1.30
Sì, molto interessanti, ma confesso che della prima non ci ho capito un .. "<>" mentre trovo piuttosto inverosimile l'ultima parte della terza intervista ... destrezza giornalistica o pura invenzione .. giornalistica?

Vito



Beh Vito
chi vivrà vedrà! magari leggendo un'altra edizione del Battisti talk le troveremo complete ed esaustive!
Sulla veridicità riguardo i commenti della suocera non mi esprimo, bello invece il distinguo fra musica e testo che fa Battisti e non poteva che esser così!
Il testo è il corollario, un complemento d'arredo..il capriccio della cornice!

Raffaella
Raimondo
00Monday, January 6, 2003 11:35 PM
Anche a me è piacciuta molto la spiegazione che fa della musica e dei testi nelle canzoni.E'una cosa che noi Battistiani avevamo già intuito.
~David
00Tuesday, January 7, 2003 10:19 AM
Musica & Testi

Scritto da: Raimondo 06/01/2003 23.35
Anche a me è piacciuta molto la spiegazione che fa della musica e dei testi nelle canzoni.E'una cosa che noi Battistiani avevamo già intuito.



Lucio era prima di tutto un (grande) musicista non poteva che affermare quello che ha affermato ... sarebbe interessante conoscere il pensiero di Mogol in proposito ... secondo me direbbe esattamente il contrario

Vito [SM=g27784]
raffy44gatti
00Tuesday, January 7, 2003 11:23 AM
Re: Musica & Testi

Scritto da: ~David 07/01/2003 10.19


Lucio era prima di tutto un (grande) musicista non poteva che affermare quello che ha affermato ... sarebbe interessante conoscere il pensiero di Mogol in proposito ... secondo me direbbe esattamente il contrario

Vito [SM=g27784]



Beh adesso non facciamo il processo alle intenzioni!!!
Mogol, almeno finchè il vento era in poppa e non si contrastavano amabilmente, ha sempre avuto una profonda ammirazione per Lucio (anche Lucio per il Poeta-come lo chiamava lui).Tant'è che testi spesso carichi di lirismo scaturivano dopo l'ascolto del canovaccio musicale composto da Battisti.
Come una causa effetto sfornava liriche struggenti o versi ironici e spiritosi (dove le metafore la fan da padrone)proprio grazie alla musica composta prima.
Certo che il Gran Mogol! aveva il suo orgoglio di autore al 50% (o meglio 33%)e scriveva sperando che i testi venissero poi imparati e canticchiati così da rimanere nell'immaginario collettivo per intere generazioni, ci teneva al punto che in un'intervista all'indomani di Anima Latina si rammaricò che la voce che veicolava le parole fosse così sommessa e celata, amalgamata nelle musiche così innovative dell'epoca, da non poter scorgere il significato se non dopo ripetuti ascolti, (escamotage fra l'altro creato da Battisti per stimolare il pubblico ad un'immersione totale nell'opera così poco commerciale).
concludendo:
la musica da una parte..i versi dall'altra..la Commedia dell'arte

Raffaella
Renatone
00Tuesday, January 7, 2003 1:01 PM
Anche Panella...
Anche Panella assai si lamentò delle traversie subite dai suoi testi divenuti canzoni.
Credo sia naturale. Il poeta concepisce un testo, con i suoi ritmi i suoi tempi le sue modulazioni, ed è assai raro, se non impossibile, che possa essere reso dalla musica così come chi lo ha scritto avrebbe voluto.

Credo sia nella natura delle cose.

Ciao!

Renato
~David
00Tuesday, January 7, 2003 3:07 PM
Musica & Mogol/Panella

Scritto da: raffy44gatti 07/01/2003 11.23


Beh adesso non facciamo il processo alle intenzioni!!!
...
Certo che il Gran Mogol! aveva il suo orgoglio di autore al 50% (o meglio 33%)e scriveva sperando che i testi venissero poi imparati e canticchiati così da rimanere nell'immaginario collettivo per intere generazioni, ci teneva al punto che in un'intervista all'indomani di Anima Latina si rammaricò che la voce che veicolava le parole fosse così sommessa e celata
...
concludendo:
la musica da una parte..i versi dall'altra..la Commedia dell'arte

Raffaella



credo che il mio punto di vista sia "logicamente" simile per non dire identico a quello che i rispettivi autori dovrebbero avere o che avrebbero potuto avere (uso il condizionale per un mero motivo di ... ininfallibilità [SM=g27777] )

leggendo però il tuo messaggio credo che sotto sotto anche tu cara Raffy la pensi esattamente come me [SM=g27776] , quindi evviva i processi alle intenzioni!!



Scritto da: Renatone 07/01/2003 13.01
Anche Panella assai si lamentò delle traversie subite dai suoi testi divenuti canzoni.
Credo sia naturale. Il poeta concepisce un testo, con i suoi ritmi i suoi tempi le sue modulazioni, ed è assai raro, se non impossibile, che possa essere reso dalla musica così come chi lo ha scritto avrebbe voluto.

Credo sia nella natura delle cose.

Ciao!

Renato



a mio avviso il discorso che fai su Panella è un tantino diverso, come sappiamo tutti, Mogol ha sempre scritto il testo sulla musica (meglio se già arrangiata) e probabilmente era lui stesso a scegliere i tempi e/o le modulazioni delle sue parole.
Per Panella il discorso è all'incontrario dato che prima scriveva le parole (se si eccettua "Don Giovanni), probabilmente in questo caso era Lucio che per adattarvici la musica, provvedeva a ridistribuirle ritmicamente al tempo dei 4/4 ... quando ascolto Lucio cantare Panella avverto qualche difficoltà (almeno questo capita a me) a distinguere la punteggiatura e spesso gli accenti delle parole sono un po' alterati.

Ciao, Vito [SM=g27768]
giorgio azz
00Wednesday, January 8, 2003 1:47 PM
Non per tornare...
...su una discussione ormai datata, ma, mi chiedo e mi richiedo: quanto di vero c'è in queste interviste (ma anche in altre, in tutte)?

come si diceva tempo fa, non è tanto l'utilizzo delle parole, il vocabolario o l'italiano; tutto, comunque e sempre, viene filtrato da chi raccoglie l'intervista (se lo fa veramente) e da come lo fa.
diverso è quando si registra su nastro e poi si sbobina (con alcune parole o frasi che non si capiscono più) rispetto al prendere appunti frettolosamente su un notes, magari perdendo il filo del discorso.
alcuni addirittura si fidano della propria memoria.
differenze anche nell'intervista fatta al telefono o di persona, e ci si può immaginare quali con un personaggio di grosso calibro quale LB.

e non finisce lì!

se il giornalista è un semplice redattore, il pezzo verrà passato dal caposervizio, riletto dal caporedattore.
e il direttore dove lo mettiamo? e i refusi (che non sono i savoia tornati in italia)?

e le interviste a persone che devono tornare indietro negli anni con la memoria?
come fidarsi?
quale la verità?

sarà la mia natura diffidente, sarà la nostalgia, sarà quel che sarà, ma io, personalmente, prendo tutto con le pinze, come quel gran genio del mio amico.

insomma, anche al panettiere che si ricorda dei krapfen (bomboloni) vuoti che LB coprava e prediligeva, non do molto credito. magari quello li ha comprati un paio di volte ed ecco che LB andava matto per quelle frittellone.

per non parlare degli "amici" che lo hanno frequentato assiduamente. la sua casa avrebbe dovuto essere come l'arengario in questi giorni di festa con la mostra dedicata agli squali.

ma andiamo...

e questo che lo incontra in ascensore (come la canzone di sorrenti) e lui sorridente e disponibile, gli accarezza pure i capelli...

tanto più che sta nevicando copiosamente.
grandi falde, grossi fiocchi leggeri.

tante le canzoni con la neve protagonista, che risuona, si scioglie...




raffy44gatti
00Wednesday, January 8, 2003 2:28 PM
Re: Non per tornare...

Scritto da: giorgio azz 08/01/2003 13.47
...su una discussione ormai datata, ma, mi chiedo e mi richiedo: quanto di vero c'è in queste interviste (ma anche in altre, in tutte)?

CUT



Scusami tanto caro Giorgio, ma
ti sei scaldato non poco quando ebbi da obiettare ampiamente un' intervsita postata da te tempo fa (Giovani Giganti)perchè scrissi che era inventata di sana pianta.

E ciò che scrivi non fa onore alla tua professione, dai per scontato (io sono la prima a sostenerlo)che la categoria dei giornalisti è formata da pressapochisti, millantatori, smemorati e ipocriti. Tutto a vantaggio delle vendite: basta escrivere 4 cazzate sul Grande di turno e tutti bevono tutto.

Pur conoscendo questi retroscena deplorevoli qualcosa di vero verrò riportato o no? e mi scoccia il fatto che tu contesti delle cose prese dal NG che ho postato e che erano in un altro contesto.

Hai fatto proprio come i giornalisti..copia e incolla..MALE..così si capisce tutto e il contrario di tutto.

Ritieni di essere solo tu a raccontare degli aneddoti che siano veramente credibili?

E poi tutto queste "bolle acustiche" le apprendiamo (almeno io)spesso dai libri che leggiamo, secondo ciò che scrivi è una cosa meramente inutile immergersi in certe letture perchè quello che vi è riportato è pura fantasia dell'autore..insomma inchiostro e soldi sprecati.



Senza rancore ma amareggiata come sempre..
parliamo di musica va che è meglio...[SM=g27777]


Raffaella


mamino
00Wednesday, January 8, 2003 3:58 PM
..E scusatemi se entro in questi discorsi....
E' da tanto che si parla di articoli su riviste e di innumerevoli duetti del Nostro con giornalisti.
Faccio un giro di 360° e dico ad alta voce"Sono tutte stronzate",è fin troppo comodo parlare adesso visto che Lui non è più con noi.
Io non ho mai dato peso agli articoli vecchiotti,figuriamoci se devo preoccuparmi di quelli "nuovi".
Poco ci manca che un domani verrà fuori un qualcuno che ci dirà che Battisti nel fare la pipì alzava la gambetta(a mo' di cane)..ma per favore..non scriviamo eresie!
giorgio azz
00Friday, January 10, 2003 5:54 PM
...
Volevo lasciar perdere.
Volevo far finta di nulla.
Volevo sorvolare.
Ma poi mi sono chiesto il perché.
E allora, anche se con ritardo, qualcosa scrivo pur'io.

Sono sopreso dall'acrimonia.
Dall'animosità con cui ti sei scagliata (e non è la prima volta) contro ciò che scrivo.
Mi sembra che anche Vito ponesse qualche dubbio ("destrezza giornalistica o pura invenzione?") e tu stessa avevi preferito non esprimerti (!), poi commento io e non va più bene.
E allora mi chiedo un po' di cose. Mi faccio delle domande.
Com'è che ti arroghi sempre, e lo sottolineo, il diritto (dovere?) di rispondere e replicare e avere l'ultima parola su tutto e con tutti?
Com'è che sputi sempre sentenze?
Certo, siamo fortunati perché a te dobbiamo la verità su molti argomenti così come su ciò che pensava LB (sarà una forma di pudore, di educazione o di rispetto, ma non sono mai riuscito a chiamarlo con il solo nome), Giulio Rapetti e quello che voleva e vuole dire Pasquale Panella.
Io non mi sono mai sognato di farlo.
Da solo o con l'aiuto di altri.
Perché rispetto le persone, anche e soprattutto in quanto tali.

Non voglio entrare nel merito della tua risposta e delle cattiverie che hai scritto.
Sei scesa troppo in basso e io lì non riesco proprio ad arrivarci ("nemmeno a volerlo", tanto per fare una citazione, a te tanto care).

Chiudi scrivendo "parliamo di musica che è meglio"? Va bene facciamolo!
Ci stiamo provando da tempo ma poi si casca sempre a disquisire del cibo e dei vestiti...
E non mi sembra di essere quello che si lancia in certe discussioni.
Soprattutto conscio della mia ignoranza.
Cerco di scrivere di ciò che so. In tutta sincerità.

gi

[SM=g27784]

p.s. Ah! Impara a leggere con attenzione e cerca di capire ciò che c'è scritto prima di battere sulla tua tastiera.

pp.ss. Dimenticavo.
Ho letto d'un fiato l'ultimo libro uscito (mi sembra "Lucio Battisti - Il mio canto libero", ma non ci giurerei, e non ricordo neppure l'autore. Mi sembra l'avesse segnalato Max).
Non ho notato alcun commento.
Forse perché l'autore non è del "nostro giro"?
Invece è un libro che merita attenzione.
Che scorre molto facilmente.
Un po' di imprecisioni, come spesso succede (ma qualcuno può scagliare la famosa pietra?).
Però l'ho trovato un ottimo compendio, un bel riassunto di quanto è uscito fino ad ora.
Fors'anche con qualche novità.
Se avete da spendere due euro, comprate pure.

pasfor
00Friday, January 10, 2003 8:06 PM
riguardo al PPSS:

pp.ss. Dimenticavo.
Ho letto d'un fiato l'ultimo libro uscito (mi sembra "Lucio Battisti - Il mio canto libero", ma non ci giurerei, e non ricordo neppure l'autore. Mi sembra l'avesse segnalato Max).
Non ho notato alcun commento.
Forse perché l'autore non è del "nostro giro"?
Invece è un libro che merita attenzione.
Che scorre molto facilmente.
Un po' di imprecisioni, come spesso succede (ma qualcuno può scagliare la famosa pietra?).
Però l'ho trovato un ottimo compendio, un bel riassunto di quanto è uscito fino ad ora.
Fors'anche con qualche novità.
Se avete da spendere due euro, comprate pure.



Puoi essere più preciso? Non ricordo la segnalazione di Max (sarà che l'ha fatta nel mio periodo lucano)
Grazie
PAsquale

Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 3:11 PM.
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com