Risoluzioni

Pages: [1], 2, 3
falcon2600
00Thursday, June 18, 2020 10:37 PM
Non è una polemica, ma è una domanda che mi è sorta e magari qualcuno conosce meglio di me i dettagli...

Quando si costruisce una Sala del Regno, ognuno può liberamente donare denaro e del proprio tempo in lavori fisici come donazioni volontarie.

Allo stesso modo, ognuno può liberamente donare denaro ai fini della gestione e manutenzione della stessa Sala del Regno, sempre come donazione volontaria.

Trattandosi, in entrambi casi, di contribuzioni/donazioni libere e volontarie (fornite spontaneamente e senza pretendere nulla in cambio), perché quando si deve stanziare una somma da queste contribuzioni per un particolare scopo (secondo caso) si chiede il consenso della maggioranza, mentre per la decisione di vendere la Sala del Regno costruita (primo caso) non viene richiesto il consenso della maggioranza?
barnabino
00Thursday, June 18, 2020 11:26 PM

perché quando si deve stanziare una somma da queste contribuzioni per un particolare scopo (secondo caso) si chiede il consenso della maggioranza, mentre per la decisione di vendere la Sala del Regno costruita (primo caso) non viene richiesto il consenso della maggioranza?



Perché la decisione di vendere una sala del Regno non richiede alcuna contribuzione supplementare che, ovviamente, si deve capire se verrà sostenuta o no.

Shalom
falcon2600
00Thursday, June 18, 2020 11:36 PM
Re:
barnabino, 18/06/2020 23:26:


perché quando si deve stanziare una somma da queste contribuzioni per un particolare scopo (secondo caso) si chiede il consenso della maggioranza, mentre per la decisione di vendere la Sala del Regno costruita (primo caso) non viene richiesto il consenso della maggioranza?



Perché la decisione di vendere una sala del Regno non richiede alcuna contribuzione supplementare che, ovviamente, si deve capire se verrà sostenuta o no.

Shalom



Non mi riferivo a richieste di cifre extra...

Mi riferivo al fatto che se devono essere usati 400 Euro dal conto intestato alla Sala del Regno (il cui 2% potrebbe essere costituito da mie contribuzioni volontarie) per una particolare spesa, mi viene chiesto il consenso (insieme a quello degli altri, a maggioranza)...

Se deve essere venduta la Sala del Regno (il cui 2% potrebbe essere costituito da mie contribuzioni volontarie) che non è una mia proprietà (come il conto bancario della sua gestione/manutenzione), non mi viene chiesto il consenso (insieme a quello degli altri, a maggioranza)...

Mi incuriosiva la differenza... In entrambi i casi, sono sempre contribuzioni volontarie donate liberamente e spontaneamente senza nessuna pretesa in cambio...

barnabino
00Thursday, June 18, 2020 11:44 PM

Mi incuriosiva la differenza... In entrambi i casi, sono sempre contribuzioni volontarie donate liberamente e spontaneamente senza nessuna pretesa in cambio...



Appunto, visto che erano libere e spontanee nel primo caso si chiede se i fratelli contribuiranno per un progetto per capire se affrontarlo nel secondo hanno già contribuito e dunque che senso avrebbe una risoluzione se è stato stabilito che è necessario vendere?


Se deve essere venduta la Sala del Regno (il cui 2% potrebbe essere costituito da mie contribuzioni volontarie) che non è una mia proprietà (come il conto bancario della sua gestione/manutenzione), non mi viene chiesto il consenso (insieme a quello degli altri, a maggioranza)



Contribuire al 0,2 o al 2% o al 20% o al 100% non richiede il tuo consenso, li hai regalati, sapevi che potevano venire usati in qualunque modo senza il tuo consenso. Nessuno viene a vedere se contribuisci d'altronde. Se la Sala è in via Pacini piuttosto che in via Aldovrandi non cambia nulla, a noi interessa avere un luogo dove riunirsi.

Shalom
EverLastingLife
00Friday, June 19, 2020 6:21 AM
Re: Re:
falcon2600, 18/06/2020 23:36:



Non mi riferivo a richieste di cifre extra...

Mi riferivo al fatto che se devono essere usati 400 Euro dal conto intestato alla Sala del Regno (il cui 2% potrebbe essere costituito da mie contribuzioni volontarie) per una particolare spesa, mi viene chiesto il consenso (insieme a quello degli altri, a maggioranza)...

Se deve essere venduta la Sala del Regno (il cui 2% potrebbe essere costituito da mie contribuzioni volontarie) che non è una mia proprietà (come il conto bancario della sua gestione/manutenzione), non mi viene chiesto il consenso (insieme a quello degli altri, a maggioranza)...

Mi incuriosiva la differenza... In entrambi i casi, sono sempre contribuzioni volontarie donate liberamente e spontaneamente senza nessuna pretesa in cambio...




Il 2% non ce l'hai messo per costruire la 'tua' Sala. Non funziona così. Al massimo hai contribuito, genericamente, per il Fondo Costruzione e Acquisto Sale del Regno, ma è sempre l'Ufficio a decidere dove comprarla o costruirla, e, se necessario, di venderla.

Poi c'è il fondo contribuzioni per la congregazione locale, con cui vengono pagate le spese di mantenimento della Sala del Regno attuale. Questo è il principale utilizzo, ancorché non l'unico, di tale fondo.

Molti anni fa poteva effettivamente darsi che i proclamatori finanziassero la costruzione della propria sala, cioè offrendo denaro per comprare o costruire una Sala del Regno in particolare. Quell'epoca è finita da un pezzo. Ora tutti i progetti sono centralizzati.

In tutti i casi vale quanto detto da Barnabino: se metto dei soldi in cassetta, lascio a chi li gestisce la decisione su che uso farne.

falcon2600
00Friday, June 19, 2020 7:35 AM
Io sono d'accordo con voi...

Quando faccio una contribuzione volontaria, ovvero una libera donazione, lascio che il denaro venga gestito da chi lo riceve.

Se donassi 1.000 Euro al mio Comune o allo Stato, non mi verrebbe chiesta l'approvazione a maggioranza (di tutti i cittadini) per utilizzarli nel comprare un'ambulanza piuttosto che una nuova auto della polizia, così come non mi verrebbe chiesta l'approvazione per vendere i nuovi locali costruiti o ristrutturati anche grazie alle mie donazioni...

Però, in Congregazione, se deve essere acquistata una nuova macchina tosaerba con quei soldi donati liberamente su cui non si vantano più diritti, si chiede l'approvazione a maggioranza (risoluzione)...
Hal.9000
00Friday, June 19, 2020 7:49 AM
Il tosaerba rientra in una categoria di spese che superano un certo margine di spesa entro il quale non è necessario fare alcuna risoluzione, e contemporaneamente non ha nulla a che vedere col Fondo costruzione Sale del Regno che ti hanno già spiegato egregiamente sopra come funziona.
Pino2019
00Friday, June 19, 2020 9:40 AM
Re:

Però, in Congregazione, se deve essere acquistata una nuova macchina tosaerba con quei soldi donati liberamente su cui non si vantano più diritti, si chiede l'approvazione a maggioranza (risoluzione)...



Generalmente quando vengono usati i fondi appartenenti alla congregazione locale per spese che riguardano la congregazione locale si fa una risoluzione.

Il fondo sale del Regno Non appartiene alla congregazione locale e come detto viene gestito dalla filiale che ha il quadro generale dei bisogni dell' intera nazione in cui opera e non solo visto che diverse filiali gestiscono i bisogni di diverse nazioni e quindi sanno dove c'è un maggior bisogno di sale del regno.

Giandujotta.50
00Friday, June 19, 2020 9:51 AM
per quanto ne so - relativamente alla cassa spese congregazione locale - tutte le spese correnti, tipo bollette spese condominio materiale pulizia, lampadine da cambiare, duplicati di chiavi..ecc non hanno bisogno di una risoluzione..

a quel che ricordo perchè ne parlai con un anziano, si devono invece approvare le spese extra una tantum..che so, cambiare il sistema aria condizionata o qualche arredo, tinteggiatura generale o anche i fiori alla commemorazione (ricordo questa risoluzione)o donazioni alla filiale, eventuali spese per i sorvegliante...

laila74
00Thursday, June 25, 2020 11:41 PM
Re:
barnabino, 18/06/2020 23:44:



Contribuire al 0,2 o al 2% o al 20% o al 100% non richiede il tuo consenso, li hai regalati, sapevi che potevano venire usati in qualunque modo senza il tuo consenso. Nessuno viene a vedere se contribuisci d'altronde. Se la Sala è in via Pacini piuttosto che in via Aldovrandi non cambia nulla, a noi interessa avere un luogo dove riunirsi.


Shalom



anche quelli che stanno al fondo cassa sono stati regalati.
Allora perchè nell'usarli si chiede il consenso mentre per quelli regalati per il locale no.

questo è il senso della domanda.

Oltretutto quando si destinano a scopi particolari i soldoni vanno a soggetti terzi, quando si vende il locale vanno al cassettone della società.

Comunque non sono addentro ai vostri problemi ma vi posso garantire che nel mondo evangelico e cattolico funziona alla stessa maniera.

Il locale di culto si fà con i sacrifici dei fratelli e quando si vende incassa Roma.

Ogni mondo è paese e il dio denaro ancora la fà da padrone.

scusate l'intromissione.


shalom
barnabino
00Thursday, June 25, 2020 11:48 PM

anche quelli che stanno al fondo cassa sono stati regalati.
Allora perchè nell'usarli si chiede il consenso mentre per quelli regalati per il locale no.

questo è il senso della domanda



Perché quelle sono contribuzioni fatte in tempo recenti per le spese di gestione della congregazione locale e non per acquistare un locale, dunque giustamente si chiede un cambio di utilizzo in genere quando eccedono di molto quelle che sono le spese che la congregazione locale sostiene, si decide di destinarle ad altri fondi.

Shalom
walterbergamini
00Friday, June 26, 2020 12:05 AM
Re:

per quanto ne so - relativamente alla cassa spese congregazione locale - tutte le spese correnti, tipo bollette spese condominio materiale pulizia, lampadine da cambiare, duplicati di chiavi..ecc non hanno bisogno di una risoluzione..

a quel che ricordo perchè ne parlai con un anziano, si devono invece approvare le spese extra una tantum..che so, cambiare il sistema aria condizionata o qualche arredo, tinteggiatura generale o anche i fiori alla commemorazione (ricordo questa risoluzione)o donazioni alla filiale, eventuali spese per i sorvegliante...



Ciao Gianduyotta
Scelgo te per dire qualcosa perché parlare con uno e come parlare con tutti.

Modello 1° secolo:" (1 Corinto16;1,4,) Le collette si facevano solo per i bisogni strettissimi; allora per i poveri, oggi solo per le spese necessarie. Anzi, se si legge bene ,Paolo consiglia di mettere da parte... affinché ... e collette non si abbiano più a fare. La chiesa di Cristo non maneggia troppi soldi, per di più quando sono offerte dei fratelli. Ma se puo esserti di consolazione, tutte le denominazioni maneggiano troppi soldi. Almeno in questo non si imita il 1° secolo.
Un saluto
Walter


EverLastingLife
00Friday, June 26, 2020 12:10 AM
Re: Re:
walterbergamini, 26/06/2020 00:05:


per quanto ne so - relativamente alla cassa spese congregazione locale - tutte le spese correnti, tipo bollette spese condominio materiale pulizia, lampadine da cambiare, duplicati di chiavi..ecc non hanno bisogno di una risoluzione..

a quel che ricordo perchè ne parlai con un anziano, si devono invece approvare le spese extra una tantum..che so, cambiare il sistema aria condizionata o qualche arredo, tinteggiatura generale o anche i fiori alla commemorazione (ricordo questa risoluzione)o donazioni alla filiale, eventuali spese per i sorvegliante...



Ciao Gianduyotta
Scelgo te per dire qualcosa perché parlare con uno e come parlare con tutti.

Modello 1° secolo:" (1 Corinto16;1,4,) Le collette si facevano solo per i bisogni strettissimi; allora per i poveri, oggi solo per le spese necessarie. Anzi, se si legge bene ,Paolo consiglia di mettere da parte... affinché ... e collette non si abbiano più a fare. La chiesa di Cristo non maneggia troppi soldi, per di più quando sono offerte dei fratelli. Ma se puo esserti di consolazione, tutte le denominazioni maneggiano troppi soldi. Almeno in questo non si imita il 1° secolo.
Un saluto
Walter



Avere un locale per adorare Dio "è" un bisogno strettissimo.
Pino2019
00Friday, June 26, 2020 7:13 AM
Re: Re:

anche quelli che stanno al fondo cassa sono stati regalati.
Allora perchè nell'usarli si chiede il consenso mentre per quelli regalati per il locale no.



Già detto: quelli del fondo cassa appartengono alla congregazione locale. I fondi destinati per la costruzione sale del regno NON appartengono alla congregazione locale ma sono gestiti dalla filiale che conosce i bisogni dell' intera nazione o nazioni dove opera.


Il locale di culto si fà con i sacrifici dei fratelli e quando si vende incassa Roma.



Sei in errore: Generalmente quando si vende se ne costruisce un altro da altra parte dove c'è maggior bisogno.

I fondi possono essere usati solo per lo scopo per il quale sono stati donati non per altro. Tra l' altro questo è anche ciò che prevede la legge per gli enti no-profit




Pino2019
00Friday, June 26, 2020 7:26 AM
Re: Re: Re: Re:

(1 Corinto16;1,4,) Le collette si facevano solo per i bisogni strettissimi; allora per i poveri, oggi solo per le spese necessarie.



Come detto avere un luogo dove praticare il proprio culto è un bisogno.



Anzi, se si legge bene ,Paolo consiglia di mettere da parte... affinché ... e collette non si abbiano più a fare.



Dove leggi questo scusa ? Paolo disse solo: affinché le collette non si facciano proprio quando io arrivo.

Infatti se fosse sorto un altro bisogno che facevano ?


La chiesa di Cristo non maneggia troppi soldi, per di più quando sono offerte dei fratelli.



Dove sta scritto questo scusa ? E quando i fratelli alla pentecoste vendettero le loro proprietà e donarono il denaro agli Apostoli per i bisogni di migliaia di fratelli erano quattro spicci?

Il problema NON è maneggiare troppi soldi il problema è l' uso che se ne fa. Hai notizia che tra i TDG se ne faccia un uso improprio diverso dallo scopo per il quale sono stati donati? A me non risulta








laila74
00Friday, June 26, 2020 10:43 AM
Re: Re: Re:
EverLastingLife, 26/06/2020 00:10:

Avere un locale per adorare Dio "è" un bisogno strettissimo.




si è un bisogno avere un locale PER ADORARE DIO.

Ma quando un locale va in vendita per cifre che superano i 10 milioni a chi và il ricavato? ai poveri della congregazione o ai ricchi che li investono in borsa.


shalom
Aquila-58
00Friday, June 26, 2020 11:03 AM
Re: Re: Re: Re:
laila74, 26/06/2020 10:43:




si è un bisogno avere un locale PER ADORARE DIO.

Ma quando un locale va in vendita per cifre che superano i 10 milioni a chi và il ricavato? ai poveri della congregazione o ai ricchi che li investono in borsa.


shalom




ELL, rispondi all' ennesima provocazione del contenditore evangelico


Io ora devo andare


Giandujotta.50
00Friday, June 26, 2020 11:37 AM
intanto rispondo io a Laila... 😊

quando si dismette un locale o un edificio, il ricavato va sempre nell'opera per cui è nata la congregazione dei tdG

facciamo un esempio...
si dismette la sede mondiale di NY dove ci sono uffici di traduzione stamperie e quant'altro..

non è che dismettendola, perchè magari non è piu funzionale e l'edificio invecchiando costa troppo mantenerlo, si smette di aver bisogno di una sede mondiale con uffici di traduzione stamperie e quant'altro..

con il ricavato si costruisce una nuova sede moderna piu funzionale alle esigenze di un'epoca diversa da quella in cui era nato l'edificio venduto..

idem vale per tutte le altre proprietà...
di edifici esistenti si ottimizza l'utilizzo e il ricavato va nella costruzione di sale del regno di paesi dove magari le sale sono sotto un tetto di lamiera e hanno pareti di paglia con sgabelli come sedute..
esistono, sai?
esistono davvero!! 😊
Pino2019
00Friday, June 26, 2020 11:38 AM
Re: Re: Re: Re:

si è un bisogno avere un locale PER ADORARE DIO



C' è bisogno di locali per assistere alle adunanze come dice Ebrei 10:24,25 sorattutto visto il numero dei presenti.

Inoltre l' esperienza insegna che dove c' è una sala del regno il numero di coloro che studiano la Bibbia aumenta.


Ma quando un locale va in vendita per cifre che superano i 10 milioni a chi và il ricavato?



Il ricavato viene utilizzato per costruire e fare manutenzione ad altri locali che hanno il medesimo scopo in luoghi dove vi è maggior bisogno come prevede tra l' altro lo statuto di un ente no profit.
.
EverLastingLife
00Friday, June 26, 2020 11:57 AM
Re: Re: Re: Re:
laila74, 26/06/2020 10:43:




si è un bisogno avere un locale PER ADORARE DIO.

Ma quando un locale va in vendita per cifre che superano i 10 milioni a chi và il ricavato? ai poveri della congregazione o ai ricchi che li investono in borsa.


shalom



A nessuna delle due categorie, vengono reinvestiti in nuovi progetti di costruzione, piuttosto che per qualsiasi altra attività gestita dai testimoni di Geova che richieda un esborso di denaro. I 'poveri della congregazione' comunque non hanno ragione, né intenzione, di rivendicarli, dato che una volta che li hanno messi nella cassetta delle contribuzioni non sono più di loro proprietà. Mettere del denaro nella cassetta vuol dire delegare a chi recepisce quel denaro ogni potere decisionale sul suo utilizzo. Quanto ai 'ricchi che li investono in borsa', esistono solo nella tua fantasia da asilo d'infanzia.


barnabino
00Friday, June 26, 2020 12:03 PM

Ma quando un locale va in vendita per cifre che superano i 10 milioni a chi và il ricavato? ai poveri della congregazione o ai ricchi che li investono in borsa



Ecco il risultato della mentalità complottista, si fanno affermazioni senza alcun fondamento e si costruisce una edificio che si basa sul pregiudizio. Se si parla di "ricchi" che "li investono in borsa" dovremmo essere in grado di identificare esattamente questi ricchi che si suppone godrebbero dei soldi delle contribuzioni...

Shalom
walterbergamini
00Friday, June 26, 2020 8:34 PM
Re:
barnabino, 26/06/2020 12:03:


Ma quando un locale va in vendita per cifre che superano i 10 milioni a chi và il ricavato? ai poveri della congregazione o ai ricchi che li investono in borsa



Ecco il risultato della mentalità complottista, si fanno affermazioni senza alcun fondamento e si costruisce una edificio che si basa sul pregiudizio. Se si parla di "ricchi" che "li investono in borsa" dovremmo essere in grado di identificare esattamente questi ricchi che si suppone godrebbero dei soldi delle contribuzioni...

Shalom




Ciao Bartnabino
Perché non ci si attiene alla parola di Dio anche in questa linea:" Collette per solo poveri come dice Paolo?" E , se proprio, rimane qualcosa non allargare ad altri poveri? Gesù mica ha comandato l'indispensabilità di raccogliere soldi per "palazzi". In questo tutte le organizzazione sono "figlie del SISTEMA ROMANO"Pietro " Non ho ne oro e ne argento ,ma quello che ho io te lo dono: Nel nome di Gesù...."
Anche questo è un modello del 1° secolo
Walter
barnabino
00Friday, June 26, 2020 8:45 PM
Re: Re:
walterbergamini, 26/06/2020 20:34:




Ciao Bartnabino
Perché non ci si attiene alla parola di Dio anche in questa linea:" Collette per solo poveri come dice Paolo?" E , se proprio, rimane qualcosa non allargare ad altri poveri? Gesù mica ha comandato l'indispensabilità di raccogliere soldi per "palazzi". In questo tutte le organizzazione sono "figlie del SISTEMA ROMANO"Pietro " Non ho ne oro e ne argento ,ma quello che ho io te lo dono: Nel nome di Gesù...."
Anche questo è un modello del 1° secolo
Walter



Le contribuzioni volontarie per pagare affitto o un locale non sono collette, un conto è parlare di collette e un altro di contribuire quando e come si vuole per pagare le spese comuni. Comunque secondo te i locali dove ci si riunisce sono gratis o magari qualcuno deve pagare l'acqua, il riscaldamento e l'energia elettrica? Ti pare il sistema romano pagare le spese contribuendo, dato che il locale lo usiamo tutti? Forse intendi pagare "alla romana". Non ricordo che nel I secolo pagasse tutto uno le spese di gestione e gli altri se ne fregassero...

Shalom
laila74
00Friday, June 26, 2020 11:26 PM
Re:
barnabino, 26/06/2020 12:03:


Ma quando un locale va in vendita per cifre che superano i 10 milioni a chi và il ricavato? ai poveri della congregazione o ai ricchi che li investono in borsa



Ecco il risultato della mentalità complottista, si fanno affermazioni senza alcun fondamento e si costruisce una edificio che si basa sul pregiudizio. Se si parla di "ricchi" che "li investono in borsa" dovremmo essere in grado di identificare esattamente questi ricchi che si suppone godrebbero dei soldi delle contribuzioni...

Shalom



barnabino caro,
se per te la realtà è complottismo, allora sei un credulone.

Se la chiesa di Roma (intendo la cattolica) vendo uno dei tantissimi immobili donati o costruiti con i soldi delle offerte chi incassa?

Serve essere complottisti per avere chiara la situazione.

Questo vale anche per gli evangelici. I locali di culto sono sempre intestati (quindi di proprietà) all'ente giuridico nazionale anche se sono stati tutti fatti o comprati con i soldi dei fedeli.
Ma quando vendono incassano loro, l'ente giuridico nella persona del legale rappresentante.
praticamente incassa un uomo e poi i soldi li dà in beneficenza?

Le chiese, ovvero l'ente giuridico a cui fà capo, per stato e per legge non svolge attività con scopo di lucro.

Non potendo quindi produrre utili che legittimamente in questo caso potrebbero gestire ed investire, mi spieghi dove prendono i soldi per accrescere l'immenso patrimonio immobiliare?

Questa è la realtà, ma se scomoda si fà finta di non vedere.

Comunque non sono contrario alle donazioni spontanee fatte alla chiesa che si frequenta, quello che vorrei è una maggiore trasparenza sulla gestione degli smobilizzi.

shalom
barnabino
00Friday, June 26, 2020 11:40 PM
Caro Laila,


Non potendo quindi produrre utili che legittimamente in questo caso potrebbero gestire ed investire, mi spieghi dove prendono i soldi per accrescere l'immenso patrimonio immobiliare?



I testimoni di Geova hanno edifici per il culto acquistati con il denaro delle contribuzioni... nessuno si arricchisce con quegli edifici.


quello che vorrei è una maggiore trasparenza sulla gestione degli smobilizzi



Quello che invece vorrei io è che non si facessero insinuazioni o accuse senza senso, quando proverai che qualche testimoni di Geova vive nel lusso o si arricchisce con il denaro delle offerte volontarie ne riparliamo altrimenti io le chiamo calunnie.

Shalom
walterbergamini
00Saturday, June 27, 2020 1:31 PM
Re: Re: Re:



Le contribuzioni volontarie per pagare affitto o un locale non sono collette, un conto è parlare di collette e un altro di contribuire quando e come si vuole per pagare le spese comuni. Comunque secondo te i locali dove ci si riunisce sono gratis o magari qualcuno deve pagare l'acqua, il riscaldamento e l'energia elettrica? Ti pare il sistema romano pagare le spese contribuendo, dato che il locale lo usiamo tutti? Forse intendi pagare "alla romana". Non ricordo che nel I secolo pagasse tutto uno le spese di gestione e gli altri se ne fregassero...

Shalom




Ciao Barnabino
Tu estremizzi i concetti per non riconoscere che ,per quanto voglia apparire, non sei nei limiti neanche della scrittura. Ma ti ripeto in questo non siete i soli ma questo "spirito" di comprare "fabbricati" accomuna tutte le denominazione.Si diceva una volta " davanti a l'interesse l'amore mi passa". Nessuno dice di non collaborare alle spese "indispensabile" di un locale di culto, ma ,il consiglio di Dio diverge a comprare locali. I soldi si raccolgono solo per i poveri. Le proprietà generano queste discussioni, e anche divisioni. Molte denominazione vengono portate davanti ai Giudici per questioni d'interesse pecuniaria. Non parliamo poi ,quando i soldi diventano "troppi" ( troppi perché nel mondo non ci sono poveri abbastanza!) le denominazione, purtroppo tutte, eleggano rappresentanti per rapporti con banche a fine di gestire le giacenza di soldi accumulati. Se questa era la chiesa del primo secolo ... allora non ho capito niente. Ma se la chiesa del 1° secolo "fuggiva" a queste ricchezze- tentazione a Gesù-allora ,probabilmente,seii tu che non ha capito niente. Se sei tu nel vero io sono nell'errore,oppure ,il contrario.
Uno dei due si deve convertire al Signore.
Un saluto
Walter
barnabino
00Saturday, June 27, 2020 2:28 PM
Caro Walter,


Tu estremizzi i concetti per non riconoscere che ,per quanto voglia apparire, non sei nei limiti neanche della scrittura



Io "estremizzo" i concetti? Forse che nelle Scritture si vieta di acquistare un locale dove riunirsi? Fammi capire, ci accusi di trasgredire alle Scritture dove non è detto nulla e sono io che estremizzo?


Ma ti ripeto in questo non siete i soli ma questo "spirito" di comprare "fabbricati" accomuna tutte le denominazione.Si diceva una volta " davanti a l'interesse l'amore mi passa"



Perdonami, ma di quale interesse parli? Se invece di pagare costosi affitti a fondo perduto si acquista il locale dove ci si riunisce, chi ci guadagnerebbe se non i fratelli stessi? Guarda che i testimoni di Geova non locali per farne alberghi, per affittarli o per attività profane ma unicamente per riunirsi o servizi relativi al culto.


I soldi si raccolgono solo per i poveri. Le proprietà generano queste discussioni, e anche divisioni



E dove leggi che i soldi si raccolgono solo per i poveri? Nel I secolo secondo te non c'erano spese di gestione per il culto da coprire come oggi? La società era diversa ma anche nel I secolo c'erano esigenze economiche da coprire.


Se questa era la chiesa del primo secolo ... allora non ho capito niente



Infatti Walter, non hai capito niente se ci accusi perché abbiamo dei locali dove riunirci e ne copriamo le spese...


Ma se la chiesa del 1° secolo "fuggiva" a queste ricchezze- tentazione



Ti ripeto, come i testimoni di Geova coprendo le spese per il culto o acquistando edifici per il culto mostrerebbero uno spirito di "ricchezza-tentazione"? Perché il problema non è il denaro ma l'uso che ne facciamo. Gesù disse di farsi degli amici per mezzo delle ricchezze ingiuste... come dire che le ricchezze in questo mondo sono sempre ingiuste ma il cristiano può farne un uso saggio impiegandole per il regno.

Shalom
walterbergamini
00Saturday, June 27, 2020 11:13 PM
Re:



Tu estremizzi i concetti per non riconoscere che ,per quanto voglia apparire, non sei nei limiti neanche della scrittura



Io "estremizzo" i concetti? Forse che nelle Scritture si vieta di acquistare un locale dove riunirsi? Fammi capire, ci accusi di trasgredire alle Scritture dove non è detto nulla e sono io che estremizzo?



Ciao Barnabino
Strano modo di usare le scritture. Vuoi trovare nelle scritture il "limite di quando devi possedere" Di quanti mt devono essere le proprietà della chiesa?. La bibbia insegna che si raccoglievano soldi solo per i poveri. Quello che portavano ai piedi degli Apostoli veniva distribuito a tali. Non leggo mai che raccoglievano per altro. Questo dovrebbe bastare a fare lo stesso se prendo quel modo di fare a modello. Su questo si è "sordi" in molte linee.



Perdonami, ma di quale interesse parli? Se invece di pagare costosi affitti a fondo perduto si acquista il locale dove ci si riunisce, chi ci guadagnerebbe se non i fratelli stessi? Guarda che i testimoni di Geova non locali per farne alberghi, per affittarli o per attività profane ma unicamente per riunirsi o servizi relativi al culto.


Ripeto:" le proprietà ecclesiastiche generano queste discussioni e conflitti giuridici. Tutte le organizzazioni si sono arricchite con questo metodo. Ci sono quelle che ne fanno alberghi e quelle che giocano in borsa. Su, fratello mio, non fare l'ingenuo!Con i I soldi o si aiutano i poveri o si compra e vendono fabbricati, o altro ,che è peggio ancora: si gonfiano i depositi bancari e si investono in borsa con altri nomi. Il danaro, diceva un mio fratello in fede: Ricodati fratello che il denaro è lo sterco del Diavolo. Le denominazione non dovrebbero maneggiare troppo denaro. Lo facessero; non sarebbero più organizzazione umana.




E dove leggi che i soldi si raccolgono solo per i poveri?



1 Corinti cap16. Basta questo o ne devo citare altri?


Nel I secolo secondo te non c'erano spese di gestione per il culto da coprire come oggi?


NO! Perché non c'erano locali come ci sono oggi.


La società era diversa ma anche nel I secolo c'erano esigenze economiche da coprire.


L'indispensabile! I discepoli avevano la "borsa per i poveri" Giuda, che non si curava dei poveri, rimproverò per l'incomprensibile "sprego".


Infatti Walter, non hai capito niente se ci accusi perché abbiamo dei locali dove riunirci e ne copriamo le spese...


Io non "accuso". Ma se ti vanti che il tuo modello è la chiesa del 1° secolo ti contesto.
Se poi farai lo slittamento di riferimento alla chiesa del 3°oppure 4° secolo da me non riceverai messa protesta perché la tua organizzazione assomiglia , in questa linea, a quel periodo storico.




Ti ripeto, come i testimoni di Geova coprendo le spese per il culto o acquistando edifici per il culto mostrerebbero uno spirito di "ricchezza-tentazione"? Perché il problema non è il denaro ma l'uso che ne facciamo. Gesù disse di farsi degli amici per mezzo delle ricchezze ingiuste... come dire che le ricchezze in questo mondo sono sempre ingiuste ma il cristiano può farne un uso saggio impiegandole per il regno.

Shalom


Estrapolare queste parole dalla parabola dell'Economo infedele Luca 16 per giustificare il comprare di locale BHE!!! Chi sarebbero i " fatevi amici con le ricchezze ingiuste" se non i poveri che non possono contraccambiare ? Ma leggi la bibbia o soli commentari?
Scusami ,quanto ci vuole ci vuole!
Walter


barnabino
00Saturday, June 27, 2020 11:37 PM
Caro Walter,


La bibbia insegna che si raccoglievano soldi solo per i poveri. Quello che portavano ai piedi degli Apostoli veniva distribuito a tali



Non si capisce dove lo deduci che il denaro era usato "solo per i poveri" francamente... secondo te tutte le spese di gestione come erano pagate? I soldi cadevano dal cielo?


Su, fratello mio, non fare l'ingenuo! Con i I soldi o si aiutano i poveri o si compra e vendono fabbricati, o altro ,che è peggio ancora: si gonfiano i depositi bancari e si investono in borsa con altri nomi



E dove i testimoni di Geova "investirebbero in borsa" per arricchirsi? Io non faccio l'ingenuo ma se fai delle affermazioni devi provarle non parlare a vanvera.


Ricodati fratello che il denaro è lo sterco del Diavolo



Il denaro di per sé non è sterco, semmai è l'uso che si fa del denaro ad essere importante. Ti risulta che i testimoni di Geova ne fanno un uso improprio? Se è così dicci come e dove.


1 Corinti cap16. Basta questo o ne devo citare altri?



Non leggo sia vietato contribuire per pagare le spesi di gestione della congregazione, in quel caso c'è una situazione di emergenza a Gerusalemme... non ti risulta che i testimoni di Geova usino denaro per aiutare i fratelli nelle situazioni di emergenza che si verificano nel mondo? Informati.


NO! Perché non c'erano locali come ci sono oggi



E non c'erano eppure affitti da pagare come oggi... ma dove ci si riuniva qualcuno pagava le luci, il fuoco acceso per riscaldarsi, i rotoli copiati. Sai che un rotolo della Legge poteva costare come una Ferrari del giorno d'oggi, secondo te chi pagava le spese?


Io non "accuso". Ma se ti vanti che il tuo modello è la chiesa del 1° secolo ti contesto



Perché? Nel I secolo secondo te tutto era gratuito e non c'era nessuna spesa da sostenere? Che ingenuità, e comunque oggi siamo nel XXI secolo e pochi sono i ricchi che hanno domus da donare e cosi i normali mortali devono pagare un affitto o un mutuo.


Estrapolare queste parole dalla parabola dell'Economo infedele Luca 16 per giustificare il comprare di locale BHE!



Perché? Secondo te cosa ci sarebbe di male a non sperperare soldi in affitto usando oculatamente il denaro? Secondo te il modello del I secolo è buttare via i soldi in affitti costosi per decenni? Ma pensi di essere furbo?

Shalom [SM=g1871112]
Aquila-58
00Sunday, June 28, 2020 12:14 PM
Re: Re:
walterbergamini, 27/06/2020 23:13:





E dove leggi che i soldi si raccolgono solo per i poveri?



1 Corinti cap16. Basta questo o ne devo citare altri?







In 1 Corinti 16:1 si parla di "poveri"?

Non lo leggo



Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 7:07 PM.
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com