Regina ...della prateria.

Gianni Sperone
00Saturday, September 13, 2003 4:01 AM
Regina, SK, 12.09.03;

Cari amici del Poggio-sito, un saluto a tutti voi !

E' valsa senz'altro la pena il percorrere oggi il lungo e quasi ininterrotto rettifilo di 580 km da Winnipeg a Regina; di fatto abbiamo traversato il cuore della prateria canadese, quella piu' autentica dove, il silenzio di spazi sconfinati, ove l'orizzonte fondeva la terra con il cielo, era spezzato di quando in quando solo dal rombo afono di qualche Canadian Pacific sferragliante con i proprii 100 o piu' carri merci, oppure da qualche bisonte della strada che sfrecciava con il suo ignoto e pesante carico...

La giornata e' stata mutevole come condizioni meteo: schiarite si succedevano ad addensamenti di cumulo-nembi con brevi scrosci d'acqua, anche se essi parevano forieri di quegli spaventosi temporali che talora interessano la Regione delle grandi pianure statiunitensi e canadesi...

La temperatura ha oscillato fra i 12 ed i 16 gradi, mostrando una tendenza a diminuire procedendo verso W ove gia' era attiva una saccatura piu'fredda che dava accesso ad un corridoio da NNW
discendente dalle latitudini piu' settentrionali. L'Alta domina ancora su buona parte del Quebec e dell'Ontario con Tx sino a 27 gradi ma la' ...siamo a quasi 3000 km di distanza !

Regina e' citta' per lo piu' sconosciuta, popolazione 200.000, quota 575 mt, capitale del Saskatchewan (due Italie con 1 milione di abitanti, tale e quale il Manitoba di Winnipeg);

Una citta' giardino che pare sorgere dal nulla o da una steppa semi-desertica e tale impressione viene ben validata dal superbo panorama che offre la nostra camera posta al 25.mo ed ultimo piano del Delta Hotel di Regina: dall'alto la citta' appare di dimensioni assai piu' contenute rispetto a Winnipeg: una piccola selva di grattacieli, un grande parco con un lago urbano che gia' troverebbe posto su una carta geografica di media scala ed una teoria di casette affondate nel verde, disposte in cerchi concentrici...sino a che, improvvisamente, in lontanananza, un grande, infinito spazio giallognolo o grigiastro a seconda della luce del giorno, cinge il perimetro urbano in una sorta di immenso abbraccio: sono decine e centinaia di km di prateria punteggiata appena da radi silos, in ogni direzione...

Ora sono le h 20, le 4 di notte in Italia (un'altra ora indietro rispetto a Winnipeg e non si cambiera' piu' sino alle Montagne Rocciose, Montana e Wyoming...), il cielo e' appena chiaro, ingombro di cumulo-nembi minacciosi in rotta di collisione fra loro e velocissimi nel cielo cangiante: l'aeroporto comunica 14 gradi e vento da NNW a 48 km/h...per domattina si prevedono soli
6 gradi ed una massima di 12 con vento da WNW fra 30 e 40 km /h.

Un saluto dunque a tutti voi: Massimo, Vittorio, Fabio, Pasquale, Angelo e...tutti, insomma.

Gianni e Michela S.
gstaiano
00Saturday, September 13, 2003 9:37 AM
Quante volte ho già guardato la carta del Canada a studiare quale sia l'itinerario migliore per farsi, in un paio di settimane, la migliore idea possibile del paese.
E la trasversata W-E dai Grandi Laghi a Calgary per poi tuffarsi dentro le Montagne Rocciose sarà sicuramente l'asse portante anche del mio itinerario.
Sarà meglio che non legga più i tuoi posti altrimenti va a finire che mi metto in moto già per l'anno prossimo[SM=g27828]
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 6:30 AM.
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com